SquashFS: arrivano nuove patch che ne aumentano notevolmente le performance

10
21
I developer del progetto SquashFS hanno rilasciato alcune nuove patch che vanno a velocizzare notevolmente il famoso file system.

SquashFS
Squashfs è un file system compresso di sola lettura utilizzato da molte distribuzioni Linux come Ubuntu, Debian, Fedora, Arch Linux ecc. per caricare velocemente il sistema operativo da live cd / dvd, installer ecc. Implementato come un modulo del kernel attraverso il VFS, Squashfs viene molto utilizzato non solo nelle varie distribuzioni ma anche all’interno di router e molti altri sistemi basati su Kernel Linux. Alcuni sviluppatori stanno lavorando in alcune patch da integrare nei prossimi aggiornamenti del Kernel Linux (molto probabilmente arriveranno nella versione 3.13) che andranno a velocizzare notevolmente la lettura del file system SquashFS e quindi l’avvio di sistemi operativi da live cd / dvd, installer ecc.

A quanto pare le patch in fase di sviluppo includeranno il supporto per multi-threaded per la decompressione, l’introduzione dei processi in parallelo e molto altro ancora.
I primi test stanno fornendo risultati davvero incredibili soprattutto in sistemi con processore multi core, attualmente per decomprimere 4 file .sfs (presenti ad esempio in una live cd / dvd)  un normale pc dual core con 4 GB di RAM impiega circa 99/100 secondi, con le nuove patch basteranno solo 9 secondi. Grazie a queste nuove patch avviare un sistema operativo da live sarà molto più veloce e stabile, gli sviluppatori stanno lavorando anche in una patch per una migliore gestione della cache che passando da 13 MB/s a 67 MB/s.
Da notare che queste migliorie sono una manna dal cielo anche per distro “portable” come ad esempio Puppy Linux e Slax, distribuzioni il cui avvio sarà molto più veloce 😀