In questa guida vedremo come effettuare il root in diversi device Samsung, Asus e Google LG Nexus 4 e 5 con Linux, Windows e Mac grazie al tool CF-Auto-Root.

Nexus 5
Google Nexus è una linea di smartphone e tablet basati su Android realizzati in collaborazione con alcuni produttori come Samsung, LG e Asus. Tra la principali caratteristiche dei device Google Nexus troviamo nessuna personalizzazione da parte sia del produttore che del gestore telefonico inoltre dispongono il supporto per gli aggiornamenti OTA (over the air) oltre a disporre di moltissimi progetti di terze parti compreso anche Ubuntu Touch,
Per motivi di sicurezza Google rilascia i dispositivi Nexus senza i permessi di root i quali ci consentono di poter installare ad esempio ROM di terze parti come Cyanogedmod, Ubuntu Touch ecc.
E’ possibile ottenere i permessi di Root negli smartphone e tablet Nexus di Samsung, Asus e LG grazie al tool CF-Auto-Root disponibile sia per Linux che Microsoft Windows e Mac OS X.

Sviluppato da alcuni sviluppatori XDA, il tool CF-Root ci consente di ottenere i permessi di Root nei device Nexus compreso anche il nuovo Nexus 5 che in molti altri smartphone e tablet Samsung con estrema facilita sia con Linux che Microsoft Windows e Mac OS X.
Utilizzare CF-Root è molto semplice basta collegare il device via usb al nostro personal computer e avviare il tool il quale utilizza ADB per poter interfacciarsi con il dispositivo Android, attivando quindi i permessi di root che possiamo gestire dall’applicazione SuperSU che verrà automaticamente installata nel dispositivo.

Per installare o avviare CF-Root in Ubuntu Linux o derivate la prima cosa da fare è installare android-tools-adb digitando da terminale:

sudo apt-get install android-tools-adb

Per Ubuntu 12.04 e versioni precedenti basta consultare questa guida.

A questo punto colleghiamo il device via USB al nostro pc e scarichiamo CF-Root collegandoci in questa pagina e cliccando sul link correlato con il nostro device, ad esempio per Nexus 4 dovremo collegarci in questa pagina, per Nexus 5 in questa ecc.
Una volta scaricato ed estratto il file zip di CF-Root rinominiamo la cartella in cfroot e spostiamola nella home e avviamo il terminale e digitiamo:

cd cfroot 
chmod +x root-linux.sh
sudo sh root-linux.sh

e confermiamo l’installazione CF-Root al termine avremo i permessi di Root attivi sul nostro Nexus.

Per utilizzare CF-Root in Windows basta avviare root-windows.bat per Mac invece dovremo avviare il file root-mac.sh.

Home CF-Auto-Root 

  • Arch (con kde) anch’io ma nessun tipo di problema riscontrato 🙂

  • Provati su Ubuntu 12.04 x64 con kernel ottimizzato per i7 ed nvidia GT555M collegata in HDMI ad un monitor esterno: l’immagine vibra in maniera imbarazzante 🙂
    Sono tornato ai vecchi 295.59

  • beppe

    non sò se è capitato a qualcun altro…scheda video nvidia geforce 9500GT kubuntu, il driver è attivo gli effetti pure, finestre tremolanti plana ecc. però il pannello non è trasparente, rimane grigio.. nella versione 11.10 ce l’avevo trasparente..mistero di kde

  • questi driver supportano la tecnologia optimus senza dover utilizzare altri software?

  • gnumark

    Mi è arrivato il pc nuovo oggi con nvidia GeForce GT 525M e ho provato e riprovato ad installare i driver ma non riesco a venirne fuori. Uso Ubuntu Gnome Shell remix. In teoria i driver si installano ma non sono attivi e nel gestore dei driver proprietari non ci sono.

  • ale

    Meglio il metodo manuale,tanto alla fine sono 2 comandi,fastboot oem unlook e fastboot flash recovery,in più così installi anche una recovery che è fondamentale per fare backup e ripristinarli,oltre che per installare le varie rom,il root da solo non serve a nulla,serve se si installa una rom se no a cosa serve avere solo il root

    • Davide Monge

      Serve ad avere la stock ROM “rooted”. E dato che di KitKat si parla è interessante tenerla per un po in modo da analizzare le differenze con JB con i permessi di root.

      • ale

        Be perchè installando super su da recovery non tieni la rom stock ?

        • Davide Monge

          è esattamente quello che ho detto e fatto: ho eseguito lo script; ho poi installato la recovery TWRP 2.6.3.1. Lo script recensito in realtà fa esattamente quello che faresti manualmente. quindi non vedo differenze. Ora ho KK stock rootato e recovery TWRP.

No more articles