E’ iniziata l’integrazione dei pacchetti di Mate nei repository ufficiali di Debain, presto l’ambiente desktop sviluppato da Linux Mint arriverà anche nei repo di Ubuntu.

Mate Desktop Environment
Con un recente annuncio sul sito ufficiale, è ufficialmente iniziata l’integrazione di Mate nei repository ufficiali di Debian 8.0 Jessie (testing) e SID.
MATE in Debian vuol dire riportare il buon vecchio Gnome 2 nel sistema operativo universale, ambiente destktop ancora molto amato da molti utenti. L’arrivo di Mate di Debian porterà l’ambiente desktop sviluppato da Linux Mint anche nei repository ufficiali di Ubuntu preparandolo quindi per Ubuntu MATE Remix  nuova derivata che potrebbe ben presto diventare anche ufficiale, con tanto di community dedicata e un team di sviluppatori pronti a lavorare nello sviluppo e mantenimento del nuovo progetto.

I primi pacchetti di Mate nei repository ufficiali Debian (mate-common, mate-doc-utils, mate-doc-utils-gnome ecc) riguardano l’attuale versione in fase di sviluppo 1.7.1, tra alcuni mesi potrebbe arrivare al nuova versione stabile 1.8 importante aggiornamento che renderà il desktop environment ancora più stabile e reattivo con un maggior supporto soprattutto per le nuove applicazioni GTK.
A beneficiare di Mate saranno anche i progetti ARM, molte distribuzioni potranno utilizzare il nuovo ambiente desktop leggero e personalizzabile, offrendo cosi agli utenti una valida alternativa a LXDE o XFCE.

Home MATE 

  • Luca

    Ma MATE non arriva da Arch Linux?

    • si aspettavo che arrivasse nei repo prima di fare l’articolo 😀

      • Nel senso che l’han sviluppato un gruppo di sviluppatori ArchLinux, Mint fa solo Cinnamon

      • UnderTheGun

        Mate è stato sviluppato da alcuni membri della comunità di ArchLinux!

        Correggi il sotto-titolo del post perchè Linux Mint non c’entra nulla!…o meglio mi pare contribuisca in qualche modo ma non ne è certo il creatore! 😉

  • EnricoD

    non ho mai provato Mate, mi hai fatto venire voglia di farlo

    • Massimiliano Milanesi

      Sostanzialmente è Gnome 2, con qualche features in più. Io ormai l’ho adottato come mio ambiente desktop predefinito.

    • ge+

      se ti piaceva gnome 2.x e ti piace XFCE, MATE ti piacerà sicuramente. E’ inoltre più leggero di XFCE, mi pare (non ho ancra confrontato personalmente)

      • dongongo

        Contrariamente a quanto dicono i più, anche dalle mie prove Mate è più leggero di XFCE. Ed anche più completo.

      • Falegnamino

        Da quel che ricordo Gnome2.x è leggermente più pesante di XFCE.

    • Dario · 753 a.C. .

      a me è piaciuto! 😉

  • Federico

    Il vecchio buon gnome 2 ha ancora na lunga vita d’ avanti

    • ACon

      d’avanti?
      please…

  • superlex

    Ehm.. sapete se il porting alle GTK3 è terminato o è ancora in atto?

    • ge+

      sono ancora in alto mare: ancora niennte port alle gtk3 e niente wayland.

      Sono ancora fermi alla fase di testing ( ramo 1.7).

      puoi seguire lo sviluppo qui:

      http ://wiki.mate-desktop.org/status:1.8#mate_18_status

      http ://wiki.mate-desktop.org/roadmap

      • superlex

        Bene bene, l’importante è che stiano andando avanti 😉

  • DottorGab

    Solita mentalità fallimentare e individualista da Linux users, invece di fare del progresso si rimane ancorati al passato. Non sto dicendo che gnome 2 fosse pessimo e che il 3 non abbia tradito molti utenti, ma invece che spendere tempo e risorse per riportare progetti abbandonati, solo per la smania egoista di dire “non mi piaceva la strada che hanno tracciato così mi sono creato il mio DE” perché non spendere le proprie capacità per progetti più diffusi così da trarre i benefici di molti e non dei pochi? Sì, mi direte “ma Linux è libero e ognuno fa quello che vuole”, ma se di questa filosofia ne fai un uso solo per i pochi allora è solo per un tornaconto, smania personale

    • Questo è il ragionamento che vedo valido per i vari solus os (col suo de che non ricordo), eos e cinnamon

      • theShort

        Mi pare che Cinnamon abbia riscosso davvero un gran bel successo, quindi…

        • e non lo metto in dubbio ma i risultati di cinnamon si potevano ottenere con delle estensioni in gnome-shell quindi potevano fare un’estensione o una serie di estensioni… ciò nonostante la mia non era una critica facevo solo notare che i 3 progetti altro non sono che gnome-shell forkato e aggiustato, mentre per mate si tratta di gnome2 non più supportato era per render evidente che il ragionamento fatto si addiceva ai fork e non a mate…

          • theShort

            Scusami se ho frainteso. Però ci terrei a fare notare che non è corretto dover fare affidamento solo alle estensioni per avere un esperienza utente acettabile in ambiente desktop. Non è giusto che debbano essere sviluppatori esterni al progetto, a volte occasionali, a dover mettere le pezze a gnome-shell e cercare di soddisfare quanto chiede l’utente medio.
            Io uso Debian testing e lunedì scorso c’è stato l’aggiornamento a Gnome 3.8. Bene, in un solo colpo mi sono bruciato metà delle estensioni che utilizzavo per il semplice motivo che non sono più state aggiornate per la versione 3.8. Alcune mi erano indispensabili e considerando che oramai si è giunti a Gnome 3.10, mi chiedo se mai riuscirò a vederle aggiornate. E se le aggiorneranno, quanto tempo dovrò aspettare?
            No, non si può fare così tanto affidamento alle estensioni…

    • theShort

      Non credo proprio sia una “smania personale” visto che molti utenti vi sono migrati e vedo che altrettanti ambiscono a farlo. Certo, Mate nasce dalle ceneri di Gnome 2, ma non è detto che debba rimanere un DE vetusto. Strada facendo si creerà la sua identità e offrirà un esperienza utente alternativa a quelle attuali. E’ ovvio che non si può pretendere tutto subito…

    • ge+

      allora, MATE è nato come fork di Gnome 2.x, perchè il nuovo Gnome Shell era diventato molto avido di risorse e povero di funzioni rispetto al ramo 2.x.
      Gli utenti che avevano un hardware datato per aggiornare a Gnome shell e che rimpiangevano Gnome 2 in pratica l’avevano preso in quel posto.

      Gli sviluppatori hanno utilizzato la popolarità del nome Gnome per creare un DE totalmente diverso per funzioni, il che è stato piuttosto disonesto: avrebbero dovuto dare un nome diverso a questa nuova incarnazione di Gnome, e lasciare il continuo di gnome 2.x alla comunity.

      Fatat questa premessa, “l’innovazione” di un fork inizia lentamente: ancora Mate non è completamente indipendente dalle librerie gnome (cinnamon lo è diventato dalla versione 2), e molte idee devono ancora essere portate a termine (gTK3 , wayland).
      E’ positivo che l’utente possa comunque scegliere cosa preferisce in linux

    • domenico

      gnome 2 è stato sviluppato per molto tempo ed è stabilissimo, completo e vuole poche risorse (meno di xfce, tanto per capirci, pur essendo più completo)

      è un DE ancora attuale e sarebbe stato un peccato buttare tutto il lavoro fatto. non si tratta di smania insomma, piuttosto, di buon senso

    • ange98

      si è sempre detto: “Se non vi piace cambiate DE o se non vi piace nessuno di questi avete 3 strade: tornare a Windows, passare ad un WM o costruirne uno.”
      è stata scelta una variante della terza strada: forkare un lavoro pre-esistente e migliorarlo integrando tools per la gestione del SO

    • pi3tr0

      ne ho piene le pa**e di gente che sa cosa è giusto per il prossimo

      da qualche parte esisterà nazilinux o simile, vai a usare quella, è una
      distro che se osi criticarla vengono a casa e ti purgano, nessuno la
      nomina perchè fa cag*re ssendo nata dalle menti creative dei fascisti dell’illinois

      quelli come te usano linux per darsi delle arie e non perchè hanno veramente capito cosa voglia dire open source, sei probabilmente come i piddini di casa nostra, dicono di essere di sinistra e fanno leggi a favore dei banchieri

      spero per te che un domani tu abbia abbastanza soldi per poterti permettere un mac perchè, notizia che ti sconvolgerà, linux non sarà mai un s.o. per fighetti

      e ccà ti lassu

  • CF

    ottimo, l’ho messo sul mio portatilino con SU4100 e devo dire che è un piacere, sia ritrovare il vecchio e caro stile 2, sia per la velocità complessiva. Ovviamente abbinato a Docky.
    Sul fisso potente, Unity a scomparsa e Cairo sono un’accoppiata che non si batte. Gusti personali, ovvio!

  • Ermy_sti

    li ho provati tutti in questi anni e secondo me è il migliore nella combinazione stabilità/leggerezza/completezza/semplicità; inoltre anche se è personale anche visivamente non è male: pulita ed elegante

  • Danielsan

    Io non ho mai provato Mate ma di una cosa sono certo Gnome 2.6 non è mai stato e penso mai sarà più leggero di Xfce4.

    Tra l’altro sono piuttosto scettico su questo fork, mi sembra un progetto senza un’idea chiara di sviluppo.

    Per quanto adoravo Gnome 2.6 ora preferisco dare spazio a Xfce4.

    • pi3tr0

      dovrebbe essere il fork di gnome 2.32

    • m47730

      XFCE è un ibrido un po’ strano, perchè è un DE abbastanza evoluto, ma senza grossi consumi, prima di conoscere MATE e saggiato l’enorme disastro di GNOME3 mi ci sono affezionato anche io.

      Quando si parla di produttività, tuttavia, GNOME2 non ha rivali, intuitivo, semplice e fa tutto quello che serve.

      Sull’idea di sviluppo ti sbagli, è ben chiara: mantenere in vita GNOME2, aggiornare i pacchetti che servono, evitare il fork dei pacchetti che non sono stati modificati, aggiornare MATE per supportare GTK3 e Wayland.

      http://youtu.be/H-2WSt5cbR4?t=13m19s

      • Danielsan

        @ Pi3tr0 mi sono confuso con Gimp… 😀

        Mentre a me questo progetto continua a sembrarmi senza futuro. In primo luogo perché la gestione di un DE necessita di un’organizzazione alle spalle data la mole di lavoro, il caso di XFCE è un discorso a parte perché si muove per piccoli passi, e Mate è un gruppo di sviluppatori più o meno abili, non posso saperlo. In secondo luogo perché Gnome stesso sta portando avanti la sessione classica (https://wiki.gnome.org/GnomeFlashback) tanto da invitare il team Mate ad unirsi al progetto, alla fine si scontreranno inutilmente e vincerà il peggiore… 😀

  • fanfar

    eccellente! L’unico DE valido attualmente in circolazione. Fa ciò che deve fare in modo trasparente ed efficiente, senza troppe menate

  • MATE è veramente molto bello.
    MATE non è stato creato dagli sviluppatori mint (Che schifo mint!) ma da uno sviluppatore Arch Linux!!! E poi xubuntu lubuntu kubuntu e quella mate remix

    non sono derivate sono Ubuntu, l’interfaccia grafica non conta niente, Unity non è parte del sistema!
    Ciao! 🙂

No more articles