In questa semplice guida vedremo come installare e utilizzare le applicazione di Linux Deepin 2013 in Ubuntu 13.04 Raring e derivate.

applicazioni di Linux Deepin 2013 in Ubuntu
I developer cinesi del progetto Deepin Linux hanno di recente rilasciato la versione 2013, release basata su Ubuntu 13.04 Raring che include nuove applicazioni dedicate e migliorie varie.
Tra le principali novità approdate in Linux Deepin 2013 troviamo alcune migliorie riguardanti Deepin Desktop Environment che include il supporto di effettuare il login semplicemente con il riconoscimento del volto, presenti inoltre due nuove applicazioni Deepin Terminal e Deepin Game Center.
Essendo basata su Ubuntu 13.04 Raring è possibile integrare i repository di Linux Deepin 2013 in modo tale da poter installale le applicazioni dedicate come Deepin Software Center, Deepin Terminal, Deepin Music, Deepin Video, Deepin Game Center ecc mentre per l’ambiente desktop Deepin Desktop Environment troviamo alcuni bug che ci impediscono il corretto funzionamento.

Tengo a precisare che la guida funziona solo con Ubuntu 13.04 Raring, a causa di problemi con alcune dipendenze non potremo utilizzare la stragrande maggioranza delle applicazioni in Ubuntu 13.10 Saucy.

Per installare le applicazioni della nuova Linux Deepin 2013 in Ubuntu 13.04 la prima cosa da fare è aggiungere i repository per farlo digitiamo da terminale

sudo gedit /etc/apt/sources.list

e aggiungiamo in fondo:

## Linux Deepin Repository
deb http://packages.linuxdeepin.com/deepin raring main non-free universe
deb-src http://packages.linuxdeepin.com/deepin raring main non-free universe

il risultato dovrebbe essere cosi:

Deepin Desktop Environment  - repository

salviamo il tutto e chiudiamo la finestra.
Se notiamo che l’installazione dei pacchetti deepin è molto lenta potremo sostituire i repository con questi (in data odierna sembrano molto più veloci):

deb http://mirror.bjtu.edu.cn/deepin/ raring main non-free universe
deb-src http://mirror.bjtu.edu.cn/deepin/ raring main non-free universe

Sempre da terminale inseriamo la chiave d’autentificazione digitando:

wget http://packages.linuxdeepin.com/deepin/project/deepin-keyring.gpg
gpg --import deepin-keyring.gpg
sudo gpg --export --armor 209088E7 | sudo apt-key add -

se notiamo un’errore avviamo il gestore degli aggiornamenti / repository e nella sezione key clicchiamo su importa e selezioniamo il file deepin-keyring.gpg

a questo punto aggiorniamo i repository digitando:

sudo apt-get update
ora potremo installare le applicazioni di default in Linux Deepin 2013, per una migliore ricerca ed installazione delle applicazioni consiglio di utilizzare Synaptic (immagine in alto) per installarlo basta digitare:
sudo apt-get install synaptic
non ci resta che avviare Synaptic e cercare le applicazioni Deepin.
  • Jackladen

    rileggi bene e correggi i molti errori di battitura……

    “trascinando ornai da anni,””oltre i vari aggiornamento anche nuove feautures”
    ecc……
    non te la  prendere…..ciao!!!

  • jk

    e la grammatica, please..

     “Oltre alla sicurezza il team Mageia molto probabilmente rimarrà a KDE
    come ambiente desktop di default prossimo al rilascio della nuova
    versione 4.9 che molto probabilmente troveremo in Mageia 3.”

  • Max Franco

    io installando i pacchetti singoli, senza repository, sono riuscito ad installare deepin-screenshot e deepin-music-player su saucy, o meglio su mint petra, che è basata su saucy. lunedì proverò ad installare il video player.
    basta risalire a ritroso, usando gdebi che avvisa di quale pacchetto manchi, per ricostruire la lista delle dipendenze mancanti.

  • Alecs

    Si potrebbe fare una guida del genere ache per utilizzare la shell di pear os e il suo launcher su ubuntu?

    • Max Franco

      dal poco che so la shell di pear os è una personalizzazione di gnome.
      essendo una derivata, perchè non installare direttamente pear os… un conto sono un paio di applicazioni, come deepin player e screesnshot… ma se parliamo di un intero DE forse è più semplice installare direttamente da iso…
      in ogni caso, per sapere quali repo installare, basta aprire una iso di installazione di pear os e andare a vedere gli indirizzi dei repository…. 🙂

      edit: io in rete ho trovato solo i repository, ma non l’indice per il keyring….

      il repo è:

      http://pearlinux-repo.fr/ Rocha main

      per os 8 è basato su raring quindi quei repository funzionano solo con raring….

    • Max Franco

      allora, a parte quanto ho scritto nel commento di commento ieri…

      la dock si pear os si chiama plank. si può installare mediante ppa, trovi una guida qui su lffl, basta che cerchi la parola plank.

      per quel che riguarda il global menu (così si chiama l’integrazione dei menu nel pannello di gnome, ci sono due strade:

      1) usare una sessione di gnome classico, in questo caso cerca qui su lffl l’articolo: “Indicator Applet su GNOME Classico, ecco come…” Questa è la strada che segue la sessione live di default di pear os. Su raring comunque credo che le indicator applet siano già nei repository ufficiali, quindi penso basti installare i pacchetti senza aggiungere ppa o repository esterni…

      2) installare una extension della shell di gnome 3, in questo caso cerca sempre qui su lffl l’articolo “GNOME Shell Global Menu su Ubuntu da PPA”

      per launcher spero intendessi la dock.. il launcher di pear os fa veramente schifo 🙂

No more articles