Gnome Flashback ci consente di riportare l’esperienza utente di Gnome 2 in Ubuntu 13.10 Saucy senza dover installare Mate DE, ecco come fare…

Gnome Flashback in Ubuntu 13.10 Saucy
L’arrivo di GNOME 3 ha portato un cambio radicale nel famoso desktop environment open source per Linux. Rimossi i menu a tendina e pannelli personalizzabili, Gnome Shell è un’ambiente desktop minimale con la nuova panoramica delle attività sezione che ci consente di effettuare ricerche mirate di file e applicazioni, gestire le finestre attive e spazi di lavoro il tutto da un’unica schermata. Per gli utenti che non amano Gnome Shell, i developer Gnome hanno sviluppato la nuova sessione Gnome Classico integrando nuove estensioni per Gnome Shell, inoltre è disponibile anche la sessione Flashback una shell per GNOME 3(inizialmente si chiamava modalità fallback) dal layout e la tecnologia sottostante molto simile a GNOME 2. Gnome Flashback è una sessione in grado di riportare l’esperienza utente di Gnome 2 con tanto di pannelli personalizzabili, applet dedicati ecc, non utilizzando l’accelerazione grafica il nuovo ambiente destkop è molto più veloce e reattivo di Gnome Shell oltre a richiede meno risorse del sistema.

Presente nei repository ufficiali di Ubuntu 13.10 Saucy e Debian 8.0 Jessie e SID, la nuova sessione Gnome Flashback riporta quindi il buon vecchio gnome-panel con pannelli personalizzabili, menu a tendina ecc manca però il tool di configurazione degli sfondi, temi, ecc del buon vecchio Gnome 2 (sostituito dall’attuale Gnome Control Center).
Per poter accedere alle preferenze del pannello dovremo cliccare su ALT+tasto destro del mouse, a questo punto potremo modificare le dimensioni e aspetto del pannello oppure aggiungere nuovi applet con estrema facilità come possiamo notare dall’immagine in basso.

Gnome Flashback - applet pannello

Gnome Flashback può supportare anche window manager alternativi come ad esempio Compiz (in questo caso dovremo operare però sulla configurazioni dell’ambiente desktop), è possibile accedere anche alla sessione senza effetti molto veloce e reattiva adatta per sistemi datati con schede grafiche che non supportano l’accelerazione grafica.

Gnome Flashback - sessione

Installare Gnome Flashback in Ubuntu 13.10 / 14.04, Debian 8.0 Jessie / SID è molto semplice basta digitare da terminale:

sudo apt-get install gnome-session-flashback

al termine dell’installazione basta terminare la sessione e accedere alla sessione Gnome Flashback con o senza effetti.
Gnome Flashback è disponibile anche per Arch Linux attraverso AUR per maggiori informazioni consiglio di consultare la pagina dedicata dal wiki di Arch Linux, per Fedora invece basta installare il pacchetto gnome-classic (grazie a Caterpillar per la segnalazione).

Home Gnome Flashback

  • Caterpillar

    su Fedora il pacchetto si chiama gnome-classic

  • robytrevi

    Cosa cambia tra gnome-session-fallback e gnome-session-flashback? Non mi è chiaro.

    • attualmente la fallback è solo estensioni per gnome shell mentre
      la flashback è il buon vecchio gnome-panel con pannelli personalizzabili ecc

      • muchoman

        Thanks per il chiarimento… E la modalità gnome classico

      • robytrevi

        Sono ancora alla 12.04 e lì non è così. In pratica la flashback ha sostituito la vecchia fallback.

    • muchoman

      Infatti le differenze tra queste versioni ed anche rispetto a gnome classico… 3 modalità che non si capisce in cosa si differenziano

  • ge+

    attualmente MATE doverbbe avere più funzioni e soprattutto applicazioni più complete di gnome flashback, non basta il vecchio gnome panel a mio avviso.
    Direi che a chi rivuole gnome2 conviene installare MATE, anche perchè via via diverrà un de completamente indipendente da gnome

    • Vit

      sono d’accordo. sono passato da ubuntu a mint anche per la presenza di mate integrato nella distribuzione.

  • XfceEvangelist

    Troppo tardi, sono in ritardo di qualche anno e nel frattempo sono già passato a XFCE dal quale non mi schiodo.
    Chissà se il team di Gnome Shell ha finalmente capito che inutile desktop environment ha sviluppato…

  • angelo

    Uso ormai xfce ed è fantastico!…ma gnome 2 mi manca da morire!…hanno rovinato tutto…per un periodo usai gnome 3 e lo usavo a fatica..

    • XfceEvangelist

      Hanno rovinato e continuano a rovinare, prima con il DE, ora con le Gnome applications ridotte all’osso, quasi per esseri deficienti e vedrai che andranno avanti.

  • Danielsan

    Sul Wiki viene esplicitamente invitato il team Mate a partecipare allo sviluppo di Flashback. Curioso.

  • Jacopo

    ma come consumo di risorse (ram, cpu) com’è messa Gnome Flashback rispetto a MATE???

  • shady

    Io su debian ho il DE di default, ma siccome ho disabilitato l’accelerazione grafica, si avvia gnome-classic che però, con rammarico, non supporta aero-snap, mentre gnome-session-fallback lo supporta.
    MateDE 1.6 non lo supporta ancora (si aspetta 1.8), a questo punto mi viene da chiedere… gnome-flashback? Supporta AeroSnap?

  • elgandoz

    I pannelli sono modificabili solo se si usa la sessione “No effects”. Non penso sia voluto, quanto piuttosto un bug di Compiz. In ogni caso ho trovato il vecchio gnome-panel pieno di bug, ve ne accorgete appena provate ad inserirci delle applet (ho provato anche ad inserire global-menu, dai repo ufficiali, ed incasina tutto e non funziona). Meglio XFCE.

    • ange98

      super+alt+dasto destro se si usa Compiz 😉

  • Cristian

    Che senso ha installare Gnome Flashback ? Sinceramente l’ho provato e del vecchio Gnome non ha proprio nulla. L’unico DE che da l’ impressione di lavorare sul vecchio Gnome è Mate.Il pannello ha le stesse funzioni,si puo’ cambiare lo sfondo del file manager,si ha la possibilita’ di installare il mint menu per renderlo più moderno,gli script di Nautilus possono essere integrati facilmente in Caja ecc ecc. Continuare a sviluppare o migliorare Gnome Flashback è solo una perdita di tempo e di risorse importanti.

No more articles