Nuovo ed importante aggiornamento per Calendar Indicator software che ci consente di visualizzare e gestire gli appuntamenti di Google Calendar nel pannello di Ubuntu Linux.

Calendar Indicator 0.2.0 in Ubuntu Linux
Per chi non lo sapesse Google Calendar è un servizio web grazie al quale è possibile creare e gestire calendari che possiamo essere condivisi pubblicamente oppure con amici colleghi ecc. Google Calendar include svariate funzionalità come l’importazione da altri servizi on-line (come ad esempio Yahoo! Calendar, MSN Calendar, ecc.) o sul computer (esempio da software come iCal, Outlook, ecc.). E’ possibile consultare e accedere ai nostri appuntamenti ed eventi di Google Calendar direttamente dal pannello di Ubuntu Linux grazie all’applicazione Calendar Indicator.
Calendar Indicator è un’utile applicazione open source, scritta in Python e sviluppata dal team atareao famoso per lo sviluppo di molte applicazioni come My Weather, Calendar Indicator, Nautilus-Pdftools ecc, che ci visualizzare e gestire eventi, appuntamenti ecc direttamente da un’applet nel pannello di Unity oltre ad includere svariate funzionalità ed opzioni varie.

Attraverso Calendar Indicator potremo gestire i nostri calendari direttamente dal desktop senza quindi utilizzare il nostro browser, potremo inoltre decidere quali calendari visualizzare, avviare automaticamente l’applet all’avvio del sistema e molto altro ancora.
Da pochi giorni è disponibile la nuova versione 0.2.0 di Calendar Indicator, aggiornamento che va a migliorare l’integrazione con Ubuntu 13.10 Saucy correggendone alcuni bug.

Calendar Indicator 0.2.0 - Preferenze

Per installare Calendar Indicator in Ubuntu basta digitare:

sudo add-apt-repository ppa:atareao/atareao
sudo apt-get update
sudo apt-get install calendar-indicator

una volta installato basta avviare Calendar Indicator dal Dash, al primo avvio dovremo accedere al nostro account Google e confermare la sincronizzazione e gestione dei nostri calendari con l’applicazione.

Home Calendar Indicator

  • andreazube

    Più che estetica io guardo alla comodità,in questo senso è molto comodo aver un terminale semi-trasparente,in modo da poter leggere i comandi da una pagina web posta sotto il terminale
    Per quanto riguarda l’estetica pura,si possono modificare i font o il colore dei font,ma lo sfondo trasparente rimane sempre tale nei “miei” terminali,vista la sua utilità

  • RobertoCalabrese

    All’inizio anche io cambiavo sfondi e colori alla finestra del terminale, poi per comodità anche io sono passato alla versione trasparente… molto piu’ efficiente

  • terminale va già bene come è trasparente è già tanto, lo si usa anche in modo classico nero su bianco l’ importate averlo sempre sotto mano

  • Leej

    Non l’ho ancora provata ma, a parole, sembra utile. Speriamo anche che funzioni a dovere.

  • prodromo

    Finalmente! Crecavo un calendario integrato con quello di Google che uso sullo smartphone

No more articles