Addio a Winamp, per Linux rimangono comunque le valide alternative open source

Winamp chiude, AOL Music ha annunciato che il portale ufficiale sarà offline dal 21 dicembre, per Linux rimangono comunque valide alternative …

Winamp
Winamp è sicuramente uno dei player audio più famosi al mondo, nato dagli sviluppatori di Gnutella, nel 2005 vantava oltre 57 milioni di utenti. AOL ha recentemente annunciato la chiusura del famoso player audio proprietario, sarà possibile scaricare l’ultima versione stabile 5.66 fino al 20 dicembre 2013 dato che nei giorni successivi il portale ufficiale sarà offline. Anche se Nullsoft non ha rilasciato le cause della chiusura del progetto, è molto probabile che i motivi arrivino dai scarsi download visto ormai che il player è stato sostituito da molti servizi web dedicati alla musica in streaming come ad esempio Spotify, Rdio ecc.
Disponibile solo per  Windows e Mac, in Linux troviamo valide alternative “libere” a Winamp  disponibili anche per come per il sistema operativo proprietario di Microsoft ad esempio il player Audacious e Qmmp.

Audacious è uno dei player audio tra i più apprezzati dagli utenti Linux, nato come fork di XMMS include svariate funzionalità che possiamo aggiungere tramite plugin dedicati. Tra le tante caratteristiche incluse troviamo il supporto per le skin di Winamp 2, oltre a disporre di tool per la creazione personalizzata della propria skin. Supporta i più diffusi formati di file audio ed è in grado di processare il suono dello stream decodificato, è possibile inoltre aggiungere molte funzionalità grazie ai plugin dedicati.

Audacious è disponibile nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux, per Windows possiamo scaricare l’installer dal sito ufficiale del progetto.

Audacious

Qmmp è un player open source nato come alternativa libera a Winamp. Il player include un’interfaccia grafica QT molto simile a Winamp oltre a disporre di svariate funzionalità presenti anche nel player proprietario.
Supporta le skin di winamp e xmms ed include moltissimi plugin dedicati, tra le principali funzionalità troviamo la gestione delle scalette multiple e cover, trasmissione dal vivo di Ogg Vorbis o MP3 via IceCast/ShoutCast, supporto per la riproduzione di video (attraverso mplayer), scrobbler di last.fm, analizzatore di spettro e molto altro ancora.

Qmmp

Qmmp è disponibile nei repository ufficiali delle principali distribuzioni Linux, per Windows possiamo scaricare l’installer dal sito ufficiale del progetto.

Home Winamp

41 Commenti

  1. Sottolineo il commento di Roberto (PuRtroppo, non PuLtroppo!).
    Poi…Tablet Mediacom 852i Android 4.0: la modalità provvisoria non c’è (o non la trovo io… se potete correggermi ben venga!)

    Ciao

  2. su windows uso Musicbee, che è secondo me il miglior music manager/player audio attualmente disponibile, ed è l’unico programma di cui sento veramente la mancanza su Linux, dove come alternativa uso guayadeque, il più simile per funzioni a musicbee

      • intendi quello di Manjaro?

        Sono felice che tu abbia risolto!

        per aggiungere un repo personalizzato prova questo post sul forum di arch:

        “https://bbs.archlinux.org/viewtopic.php?id=17386

        io non ho mai aggiunto un repo personalizzato, quindi non posso dare dritte sulla procedura, magari qualche arciere più esperto di me sa dirti meglio!

          • si funziona su tutti i DE: l’ambiente desktop è “solo un vestito” , quel che conta è l’architettura e Manjaro è pienamente compatibile con Arch linux, essendo una sua derivata

    • proprio vero, sono ancora in tempo però.
      A meno che non avessero qualcosa da nascondere, o semplicemente l’open non rientri ai concetti comprensibili ad una corporate come AOL.

    • Bei ricordi sì, iniziai ad usarlo nel “lontano” ’98 e per anni (fino al 2006) è stato il mio compagno su Windows. Non c’era giorno senza Winamp aperto.

  3. Bello winamp ai tempi dei primi streaming shoutcast! Lo usavo anche su LG per ascoltare le radio, fluidissimo! Mai provato su linux uso Audacious (molto simile)

  4. Per linux non sapevo neanche che esistesse XD, su linux ho sempre usato audacious per i DE gtk+ e amarok per KDE e non vedo il motivo per installare un software proprietario su un sistema libero.

  5. Quello con cui mi trovo meglio è Banshee. Equalizzatore, gestione perfetta delle cartelle e dei file, sincronizzazione tra libreria e cartelle.. E organizza anche video.

  6. Per Windows la mia scelta personale è XMPlay che in meno di 300 Kb riesce a riprodurre mp3, wav, ogg e tutte le varianti di file mod e xm.
    Con gli opportuni plugin riesce a leggere “tutti” e dico “tutti” i formati audio esistenti, ha il supporto ai driver ASIO che gli altri player non hanno ed è perfettamente avviabile su Linux tramite Wine.
    http://support.xmplay.com
    In alternativa su Linux mi sono sempre trovato bene con Audacious e DeadBeef.

  7. ho usato per parecchio tempo winamp (la versione vecchia) su xp perchè aveva un avvio quasi istantaneo e occupava poca memoria, con le nuove versioni era diventato un macigno e sono passato alla foobar.

    su linux uso deadbeef (che è il clone della foobar)

    • sai dirmi se Deadbeef è in grado di leggere i file mp3 che si trovano dentro i .rar o .zip come fa foobar ?? sarebbe una funzione per me utilissima ma che sul pinguino chissà perchè non viene implementata 🙁 … grazie ^^

  8. Non c’è una petizione per rendere libero il sorgente? Tanto ormai non ci perdono niente, anzi, potrebbero guadagnarci in “fama”… Se qualcuno trova link di petizioni et similia m lo dica!

  9. L’ho usato per parecchio tempo … poi col passaggio al pinguino e su consiglio, ho usato e uso ancora Clementine con cui mi trovo benissimo !!!!

    • winamp è un player storico e che ha ottenuto un larghissimo consenso di utenza. E’ una notizia di rilievo in generale, che personalmente non mi aspettavo

    • Ho firmato e fanno bene a fare la petizione. Per Windows ci sono alternative (vlc) ma se un software viene abbandonato dovrebbe essere donato alla comunità open-source.

  10. Lasciamo il vecchiume della grafica Raster (imitazione della realtà) a Enlightment e a OS X per cortesia. In ogni caso l’autore del Winamp originale lavora da almeno 10 anni attivamente su foobar2000 , un signor player audio (dato che non uso Windows su i miei PC, su Linux uso Deadbeef)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here