Nuovo aggiornamento per gWakeOnLAN famosa applicazione made in italy che con la nuova versione 0.6 troviamo completamente riscritta in GTK+3.

gWakeOnLAN 0.6
Per chi non lo sapesse Wake on LAN (WOL) è uno standard Ethernet attraverso il quale possiamo avviare un personal computer da remoto a patto di conoscerne l’indirizzo MAC e che la scheda madre del pc in questione supporto  questa funzionalità. A dare il consenso per avviare il personal computer da remoto sono dei Magic Packet (“pacchetti magici”) ossia un frame multicast, composto da sei bytes di valore FF esadecimale e dall’Indirizzo MAC del nodo bersaglio ripetuto 16 volte, per un totale di 96 bytes, e da un campo password opzionale che può essere assente, lungo 4 bytes o 6 bytes [via]. Per poter utilizzare al meglio WOL in Linux possiamo utilizzare gWakeOnLAN utilissima applicazione che, grazie ad una semplice interfaccia grafica, ci consente di accendere in rete ai computer spenti con un semplice click.

Sviluppata dal nostro amico Fabio Castelli (Muflone), gWakeOnLAN è da pochi giorni disponibile nella nuova versione 0.6 completamente riscritta in GTK+3 che oltre a migliorare l’integrazione in nuovi ambienti desktop come Gnome Shell, Unity e Cinnamon include anche importanti novità.
gWakeOnLAN 0.6 aggiunge una nuova finestra per la ricerca degli host mediante analisi della cache ARP, aggiunto anche GMenu all’applicazione ed introdotte nuove traduzioni e nuovi linguaggi. Novità anche per lo sviluppo di gWakeOnLAN che passa da Google Code a GitHub, in questa pagina troverete il changelog completo della nuova versione 0.6.

gWakeOnLAN 0.6 - Dettagli

Per gli utenti Arch Linux è già disponibile il nuovo gWakeOnLAN 0.6 attraverso AUR (troverete sia la versione stabile che in fase di sviluppo git).
Per Ubuntu , Debian e derivate basta scaricare il pacchetto (in data odierna non ancora aggiornato) disponibile in questa pagina assieme ai sorgenti dell’applicazione).

Colgo l’occasione per ringraziare l’amico  Fabio Castelli (Muflone) per lo sviluppo di questa ed altre importanti applicazioni Linux.

Home gWakeOnLAN 

  • Pensa al kernel che fa sempre più schifo

    • Gabriele Castagneti

      Perché?

      • Marco Gurrieri

        Secondo me  gnome 3 ha fatto solo confusione bastava rendere più moderno gnome 2 che era quasi perfetto, veloce e leggero no questi ambienti grafici che sembrano un macigno…. linus ha ragione putroppo…

        • burnosauri

           io sono stato, e lo sono tutt’ora, un appassionato di Kde.Però ultimamente utilizzo Gnome 3 e debbo dire che nel momento in cui mi ci sono abituato,è cominciato a piacermi.la tastiera non la uso mai, né saprei come fare, e il fatto che ci sia poco da modificare, forse è positivo per ci cerca qualcosa di “subito” pronto.Magari devo dire che, a seconda della distro che si vuole usare, i problemi per la configurazione, possono variare da pochissimi a tantissimi: ma non voglio far nomi…

          • Danvpower

            Non riesco a capire perchè così tanta gente ce l’abbia con gnome shell, io ho provato unity su ubuntu 11.10 12.04 e in entrambi i casi sono passato a gnome shell nel giro di una settimana!
            Comunque semmai unity è poco configurabile (anche se la situazione in ubuntu 12.04 è sensibilmente migliorata) gnome shell con le extension può essere configurata a piacimento e in maniera molto semplice, inoltre è veloce e stabile.
            Certo lavoro da fare ce n’è ancora ma ogni release porta miglioramenti concreti e questo è molto importante.

          • Unity non me lo nominare proprio..non lo posso guardare

        • Ma neanche a me piace Gnome, Infatti uso Kde

        • Gabriele Castagneti

          Viva XFCE!

    • roberto mangherini

      flame/rosik/troll

  • Gabriele Castagneti

    Stavo per scrivere qualcosa del tipo: “Invece che criticare, Linus dovrebbe occuparsi di ciò che sa fare meglio.”. Ma poi mi sono accorto che ha ragione: la mancanza di personalizzazione è un problema fondamentale in Gnome 3 come in Unity. Sono abbastanza indignato.

    • Agno

       Quoto. Entrambi lasciano ancora poca scelta.

  • Pasquale Pompeo

    Pienamente d’accordo con Linus

  • AlessandroMauri

    Concordo pienamente con Linus. Non è possibile che per fare delle semplici operazioni bisogna installare delle estensioni. Queste sono fatte per aggiungere funzionalità, non per aggiungere quello che c’era già in Gnome 2 e che poi hanno tolto!

    • risolvere il problema è semplicissimo basta rimettere quello tolto in gnome 2
      come ha fatto Clement Lefebvre con cinnamon

      • steveacab

         quello che “sta tentando di rimettere” 😀
        e comunque anche cinnamon è una boiata, in fondo è sempre una GS rivisitata.

        • non capisco, cinnamon è appunto gnome2 con la tecnologia di gnome3, quindi perchè non ti piace nemmeno lui? O___o

          • steveacab

            no, cinnamon è gnome-shell (+ gnome3) che cerca di somigliare (male) a gnome2.
            quindi alla fine è sempre la stessa porcata, anzi anche peggio visto che poi c’è da mettere in causa i bug di cinnamon stessi e di tutte le cose aggiunte per cinnamon.
            è unity che riprende gnome2, calcolando una customizzazione con dock a sinistra e gnobal-menu (menu unity a parte). è questo il motivo per il quale uso unity.

      • millalino

        Ho provato Cinnamon per qualche giorno e devo dire che come alternativa non è male ma, non si avvicina come usabilità e regolazioni  possibili a gnome2.
        Ovviamente Cinnamon  è nuovo e di sicuro verrà migliorato perchè sono sulla buona strada.
        Io intanto ho rimesso mint 13 con Mate e devo dire cmq, che non arriva alla completezza che aveva Gnome2 su mint 10 (tutta la distro intendo).
        Ho provato su Cinnamon qualche applet e cosi un po la situazione migliora ma, nonostante abbia dei bei temi il fatto di non poter gestire al 100% la modifica dei temi delle finestre mi ha spento l’entusiasmo. L’impressione generale che ho è che si sta tentando di rimpiazzare a “spizzichi e bocconi” con applets e modifiche all’ultimo momento per cercare di fornire qualcosa di funzionale ( dovrebbe esserloin maniera semplice però) e che tutti questi nuovi DE (o WM che siano) devono ancora farne di strada per arrivare a non far rimpiangere del tutto Gnome2 o KDE (che poi con quest’ultimo, il paragone è addirittura improponibile).
        Cmq lode in ogni caso alle nuove idee e vedremo con i nuovi sviluppi come andrà a finire.

      • AlessandroMauri

         Infatti, io utilizzo Cinnamon =D

  • Non sono d’accordo col patron del kernel, perché, sebbene ha ragione nel fato della mancanza (sottolineo) iniziale di personalizzazione, l’esperienza utente –una volta superato l’apprendimento del modo diverso di procedere– è abbastanza megliore.

  • Giulio Tortasso

    Potrà anche avere ragione (a me Gnome 3 piace ma ci sono delle evidenti lacune), però Linus è veramente un tipaccio, tutte le volte che critica qualcosa versa fiumi di bile su tutto e tutti. Non mi sembra esattamente un atteggiamento nello spirito open source, ma forse lui si può permettere queste uscite.

    • dice il suo parere come dal resto possiamo fare sia io che te
      penso che proprio linux sia la dimostrazione che chiunque possa esprimere il suo parere
      in alcune distribuzioni i pareri degli utenti sono fondamentali
      si discute del problema o novità e si pensa come risolverlo o se inserire o meno la novità molto spesso con votazione di tutti i partecipante
      questo accade ad esempio in debian

      • Giulio Tortasso

        Certo, non gli contesto di sicuro di esprimere la sua opinione, è il come che non mi sembra adeguato. Credo sia la discussione civile che porta dei benefici, non gli sfoghi con tanto di parolacce e insulti come quelli di Linus. Queste cose capitano abbastanza spesso, il mese scorso si è accanito con il team di OpenSuse perché la figlia aveva bisogno della password di root del suo laptop per cambiare l’ ora (cagata anche secondo me peraltro), sembrava che gli avessero fatto chissà che torto personale. La comunità open source ha già Stallman che pensa alle uscite da mentecatto; Linus potrebbe essere un po’ più diplomatico quando scrive su G+, magari si farebbe ascoltare meglio da sviluppatori e utenti anzichè passare per un sociopatico.

  • io non mi trovo con gnome 3  prefisco unity    quindi dò ragione a linus

  • Salvatore Colombo

    mi permetto di sottolineare un punto: accentuare l’uso della tastiera potrà essere anche una perdita di tempo per Linus Torvald o altri ma per moltissime persone che usano il computer per lavorare è esattamente l’opposto: quando si usa il computer per scrivere, oppure per programmi che richiedono lunghi input di dati è una seccatura mollare la tastiera per ogni stupidaggine. A riprova di ciò qualsiasi corso di ECDL, per esempio, pone moltissima enfasi sulle combinazioni di tasti per velocizzare il lavoro. E sto parlando di applicativi, roba che alle corte serve per lavorare. 

    • vero ma a questo punto c’è da chiedersi usano dipiù gnome / unity i professionisti o gli utenti “normali”?

      • Salvatore Colombo

        beh non saprei. Io sono un informatico e mi ci trovo bene. Mi piace l’idea dei workspace. Mi piace l’uso della tastiera. La personalizzazione è la vera lacuna ma non si può negare che stia migliorando!

  • Striplexterzo

    D’accordissimo al 100% , inoltre io ci terrei a sottolineare che rispetto a gnome 2 o a gnome 3 senza effetti questi nuovi ambienti desktop peccano di poca fluidità e risultano  pesanti in macchine non molto performanti come i netbook. Ce ho comprato un netbook a inizio anno e ne con gnome shell ne con unity gira egregiamente, ho installato xfce che è una scheggia. Con ubuntu 10.10 gnome 2 era una meraviglia. Sto osservando e aspettando con anzia  elementary os luna  che riporta un esperienza utente più simile a gnome 2 con un ottima filosofia…..mettere nella propria distro solo programmi testati e conformi alle loro linee di pensiero …..semplicità ,stabilità e leggerezza.  Speriamo bene perchè mentre le nostre amate distro stanno vivendo momenti di crisi la concorrenza nn sta a guardare e potremmo perdere il terreno faticosamente conquistato  in questi anni. 

  • Gnome 3, nonostante l’iniziale spaesamente, è un’ottimo DE. Ad esempio l’Hot Corner è rivoluzionario e funziona alla perfezione, rendendo lo spazio disponibile illimitato e facilmente consultabile… Inoltre, Gnome 3 per i netbook o i notebook permette di velocizzare molte operazioni. Di contro ha è sicuramente più pesante rispetto a Gnome 2 o a XFCE (che ritengo essere l’unica alternativa a Gnome 3, a cui si può aggiungere Cinnamon, che però è una fork), ma meno pesante di KDE e di Unity!

    • anche su gnome 2 lo spazio disponibile era illimitato anzi di default potevi mettere l’autohide dei pannelli e aveti tutta la scrivania a tua disposizione mentre con unity / gnome shell il pannello rimane sempre

  • Procton771

    Linus ha ragione, gnome-scell è un disastro, un desktop che necessita di estensioni per fare le operazioni più semplici sa tanto di regresso, innovazione non significa offrire come desktop una lastra di marmo dove è impossibile interagire, quando si crea qualcosa di innovativo si parte da buone basi per favorire nel tempo il processo di ottimizzazione, mentre gnome-scell è nato monco dalla nascita e per quanto si impegnano a mantenerlo in vita rimarrà un desktop rattoppato da mille estensioni  per cercare di eguagliare gnome 2 (alla faccia dell’innovazione)

  • Coonkies

    KDE KDE KDE !

  • Mons1990

    Gnome 3 è il miglior DE mai prodotto. È abbastanza veloce, stabile e non mi ha mai dato grossi problemi (a parte uno ma imputabile ad Arch e non a lui). Solo – come ho già detto tante volte – gli sviluppatori stanno mettendo troppa carne al fuoco fornendo ad ogni versione nuove funzionalità rivoluzionarie ma incomplete come gnome-documents (fa pietà!). Inoltre è ancora troppo vincolato ad Evolution, che in pochi sembrano davvero intenzionati a utilizzare, questo programma è forse l’unico vero fallimento del progetto.

    • a mio parere potrebbero fermarsi e cominciare a inserire le funzionalità richieste dagli utenti
      non ci vuol molto a capire cosa serva o in alternativa inserisci gnome tweak tool di default
      altrimenti un nuovo utente che si avvicina a gnome 3 alle prime difficoltà (per esempio come spegnerlo dato che è visibile solo premendo alt) o cambia ambiente desktop o peggio ancora torna a windows

    • andrea

       ne sei davvero sicuro? hai mai provato kde?

      • Mons1990

        Si. Bello ma un mattone della madonna. Poi io sono abbastanza minimalista e non l’ho mai apprezzato più di tanto. Prima di Gnome3 ero tentato di passare da Gnome 2 a Xfce, poi me ne sono innamorato.

    • gnumark

      Sono d’accordissimo.. Non capisco sta storia della tastiera.. Io non la uso praticamente mai se non per scrivere… Con Gnome Shell ho trovato la perfezione.. KDE mi fa schifo.. Inutilizzabile..

  • Gianluca

    Linus ha ragione. Gnome shell è ridicolo.

  • mapkino

    Penso che Torvalds abbia ragione.
    Gnome 3 é una involuzione per i desktop, forse ha senso solo sui netbook.
    Personalmente reputo Xfce il piú efficiente nel rapporto peso/prestazioni.
    Logico che KDE resta il migliore in senso assoluto ma é pesantuccio.

  • Lightfenix

    Gnome 3 non vedo perchè usarlo
    Se hai un pc potente,usa KDE che è perfetto
    se hai un pc medio-potente ma vuoi prestazioni al top usa xfce,altrimenti se ti va bene perdere qualche secondo al boot KDE va benissimo
    Se hai un computer vecchio,o xfce o lxde dioende da quanto è vecchio,comunque molto meglio xfce come grafica
    Se hai un pc del 1990…o lo butti o ci metti su puppy&co.
    Gnome 3 non lo calcolo neanche,non c’è una solo cosa che sia migliore rispetto a KDE,ed è troppo pesante per macchine vecchiotte,dove il buon Xfce regna,fornendo un ottimo rapporto tra “Bellezza” e leggerezza 

  • nowardev

    gnome2mate ha un senso semplice , stabile perché vecchio.

    unity ha alcune idee buone a parer mio , per i neofiti per esempio cercare all interno dei menu è una cosa buona
    e anche il lanciatore opportunamente settato batte tutti gli altri lanciatori compresi quelli windows.

    gnome shell a parer mio ha preso idee di kde e ha fatto un desktop che non ha un preciso indirizzo perché è giovane e gli sviluppatori sono quelli di gnome2  notoriamente lenti poco ma buono era il loro motto. e quindi gnome shell evolvera’ lentamente … peccato che gli altri saranno gia passati a tablet o xfce

    kde rimane quello più camaleontico. si adatta a tutto e in fondo è sempre rimasto uguale (plasma-desktop) ma si è anche ampliato con plasma-mobile plasma-netbook

    in sostanza
    a parer mio il migliore è kde anche perché completo  comparabile con windows
    unity ha delle buone cose che dovrebbero essere portate su kde

    lxde è ottimo e leggero
    razor-qt leggero ottimo per recupero sistema
    xfce buono e stabile abbastanza leggero ma sempre inferiore a kde e mate unity  ma non a gnome sheel

    e poi gli altir vabbe non li considero ambienti decenti.

    • Striplexterzo

      Si ma a questo punto  ti chiedo….perchè allora nn hanno pensato di mantenere gnome 2 fino che gnome 3 nn fosse un de realmente pronto e completo  ? Non mi sembra una buona idea fare un work in progress di un ambiente grafico…. perchè…. nn nascondiamoci è proprio quello che stanno facendo !!!! 

      • Striplexterzo

        ce dal tuo discorso emerge il fatto che gnome 3 allo stato attuale non sia un ambiente competitivo ,rispetto a xfce e kde . Io la penso alla stessa maniera.

      • nowardev

         eh un po come hanno fatto i dev di kde messo li kde 4.0 per i tifosi … utilizzato anche dagli utenti che poi sono rimasti delusi fino alla 4.2.2 che è stata una vera release

        è stata una cazzata ….  ma kde seppur riscritto era sempre lo stesso poi hanno aggiunto roba

        con gnome invece hanno riscritto tutto e in piu l’hanno stravolto ovvio che adesso faccia un po schifetto vuoi perche è giovane vuoi perche ci sono feature nuove, vuoi perche i vecchi developer sono sempre quelli ,vuoi perche gli utenti devono abituarsi alle nuove cose e si lamentano

        io ho preferito kde perche puo essere quello che vuoi che esso sia  ho fatto diversi pannelli per kde4 plasma panels collection ci sono devi video in giro …

    • Attix

       Se per lanciatore di Windows intendi la superbar di Windows7,penso che unity debba ancora farne di strada,ma non solo nei confronti di W7,ma anche delle varie dock disponibili x linux (docky,cairo ecc ecc).

      • nowardev

        il bottone start di windows il menu classico di win7 …

        per me l’ideale sarebbe kde menu + qualche caratteristica di unity launcher

        • Attix

           Avevo capito male!!;)
          Per quanto riguarda la dock di unity,penso sia ancora moolto indietro rispetto alle dock piu’ comuni ed alla superbar di Windows7

  • nowardev

    puoi allegerirlo non è difficile c’è una guida con delle gif animate che ho fatto ma mi pare che anche su quest sito ci sia una cosa simile

  • andrea

    sono d’accordissimo al 100% con linus, gnome fà ca****!

  • Neal Caffrey

    D’accordo al 100%. Non esiste che per cambiare un set di icone si debba integrare applicativi di terze parti. 

  • Jacopo

    Sinceramente non trovo giusto che avere un DE aggiornato comporti avere un PC aggiornato.
    Io ho usato Gnome 3 per un paio di mesi e ci stavo quasi facendo l’abitudine…ma in effetti quando a volte caricavo MATE mi sentvo riavere…adesso uso Openbox (su Crunchbang) e devo dire che per il momento di meglio non trovo (non mi interessano grafiche ed effetti particolari)…la quasi immediatezza con cui il DE risponde ai comandi mi evita tanta frustrazione che con Shell avrei (lavoro su un P4 3GHz, 1GB RAM).Jacopo.

  • Peppino

    le chiacchiere stanno a zero ..KDE oppure XFCE…non vedo altra roba decente..unity e gnome 3 indecenti proprio..però mi piacerebbe sapere da Mr. torvalds cosa ne pensa di unity, visto che, secondo me, non è tanto migliore di gnome

  • Attix

    Discorso ormai trito e ritrito.Purtroppo le “evoluzioni” di gnome e ubuntu sono autentici flop.Poi altro discorso e se ci si vuole adattare.A mio parere ci si adatta a tutto,ma una cosa e’ la struttura e l’ergonomicita di una interfaccia,altra e’ quella di avere un qualcosa di figo ma che non ti permette di fare il proprio lavoro in fluidita’.
    Detto questo Gnome 3 ed Unity sono progetti adatti al piu’ per dispositivi mobili touch.Stiamo,state,facendo da beta-tester di DE ampiamente incompleti e buggati.
    Per quanto mi riguarda uso Xfce.
    Kde e DE apprezzabile ed evoluto,ma necessita di macchine aggiornate.
    In alternativa c’e’ Linuxmint cinammon o mate (a seconda dell’hardware).
    Tutto il resto e’ perdita di tempo e fatica inutile,secondo me.

    • garuax

       gnome3 per i dispositivi mobili? mmmm…
      ce ne hai uno da 13 pollici almeno?
      figo dove l’hai comprato?

      • Attix

        Unity e Gnome3,da come la vedo io,sono un ibrido mal riuscito fra desktop classico e touch.Non mi vorrai dire che icone abnormi siano utili in un pc desktop o in un notebook???Sono un obbrobrio x la vista e sprecano inutilmente spazio,proprio quello spazio che con unity si vorrebbe guadagnare,per poi farne cosa:utilizzandolo con il finestrone unity o con la sua dock fissa sulla sx dello schermo ed icone gigantesche.Guarda caso su gnome 2 si otteneva anche piu’ spazio mettendo l’autohide sei 2 pannelli..si aveva tutto lo schermo a disposizione,si trovavano i programmi in un velocissimo e comodo menu a tendina suddiviso x categorie.Se guardo gnome 2 e poi le sue (in)evoluzioni unity e gnome 3,mi pare che l0innovazione sia quella di gnome 2.

    • Peppino Caciotta

      Bella Attix,
      completamente d’accordo con te, per quanto mi riguarda Unity  e Gnome Shell sembrano fatti per l’utilizzo mono applicativo, una sola finestra e basta, proprio esclusivamente per utonti, peccato che in tantissimi il DE lo usano per sviluppare con decine di attività e finestre aperte.

      Unity non lo ha adottato nessun’altra distribuzione, mi sembra una chiara dimostrazione di fallimento.

      Anch’io uso XFCE mentre per i miei genitori che hanno 60 anni gli ho messo Mint 13 Mate.
      Forza Clem con Cinnamon e Mate!!!

  • roberto mangherini

    un conto è criticare la versione 3.0 o 3.2 che sono versioni in via di sviluppo, ok ci sta che hanno lacune, ma oramai siamo alla 3.4! possibile che non ci sia nessun tool di default per personalizzare gnome? possibile che le estensioni non si installano ne con firefox ne con chrome?

  • Mauro Simoni

    Buongiorno a tutti, ho letto con molto interesse l’articolo e i vostri commenti. Ogniuno ha le proprie opinioni e su questo non si discute, ma a volte proprio non riesco a capire da quali esperienze queste vengano. Personalmente ho fatto alcune prove e i risultati sono molto interessanti, vi propongo i miei risultati e le mie personali considerazioni. Ho testato Gnome 3 in salsa debian e in salsa Ubuntu 12.04, parlando di debian faccio riferimento a debian SID e installando Gnome 3  mi son ritrovato per le mani un sistema che arriva a consumare la bellezza di 180 Mb di ram. Con ubuntu, partendo da un cd minimal, ho installato il sistema base e successivamente l’ambiente gnome 3 e in questo caso il  sistema va ad occupare ben 400 Mb di ram. Non sono sceso troppo nei dettagli ma mi sembra evidente che la pesantezza o meno derivi anche da come viene gestita la distribuzione a livello di pacchetti installati e servizi avviati. Comunque con 180 Mb di ram occupati non si può certo dire di avere difronte un pachiderma, anche se in ubuntu la questione cambia radicalmente. 
    Andando a memoria direi che gnome 3 in quanto a pesantezza/leggerezza non ha nulla da invidiare agli altri ( compresi xfce e lxde), ovviamente sto parlando di gnome shell e non della fallback.
    Per quanto riguarda l’ usabilità è vero che l’ambiente che viene installato di defult pecca in completezza ma è altrettanto vero che non ho memoria che ci si siano mai posti troppi problemi ad installare tool di terze parti per risolvere/colmare di verse mancanze e questo accadeva anche con gnome 2, kde 3 ecc… ecc… 
    Ho iniziato ad utilizzare GNu/linux da quando si installava ancora dai floppy e l’arte dello sfruttare tutto quello che la comunità ci mette a disposizione è stata una delle prime cose che ho imparato.
    Purtroppo è sempre facile criticare il lavoro e le opinioni altrui, è se certe cose che noi diamo per scontate non ci sono, penso che gli sviluppatori abbiano dei buoni motivi per averle omesse o magari hanno avuto semplicemente la pessima idea di crederle superflue. Quindi credo che chi è veramente interessato capisca la necessità di far notare a chi di dovere determinate mancanze e perchè no di inserire anche nuove funzionalità, ma questo senza alzare un polverone di critiche e confronti con altri DE.
    Un saluto a tutti

    • Striplexterzo

      la ram nn è tutto . Netbook asus eeepc 1215p atom n570 2gb di ram , gnome shell e unity sono utilizzabili ma ripsetto ad un pc fisso sono più lenti e buggosi ….provato per esperienza.Semplicemente non vanno come dovrebbero andare. 
      Ripeto i consumi di ram sulla mia macchina sono gli stessi che hai detto tu , ma l ambiente desktop è soggetto rallentamento nella comparsa della dash , poca fluidità. Certamente il computer è utilizzabile, ma perchè devo usare una cosa che va quasi bene quando ci sono ambienti desktop che vanno più che bene come kde, xfce. 
      Su un macchina potente queste piccolezze nn si notano ma su un pc come il mio si. Sul netbook uso xfce , sul fisso unity con cui mi trovo molto bene e avrei voluto usarlo anche su netbook ma proprio non riesco ad usare una cosa che nn va come dovrebbe , la stessa cosa per gnome-shell.

      • Mauro Simoni

        Certamente la ram non è tutto, e credo che l’esperienza che descrivi sia quasi certamente legata alla scheda video che montano i netbook. Personalmente ho installato ubuntu 12.04 su di un netbook con processore atom n450 e scheda video nvidia ION. Certamente si nota qualche rallentamento talvolta anche fastidioso, con gnome 3 la situazione migliora o almeno credo si percepisca che l’assenza di compiz si fa sentire 🙂 in ogni caso la miglior esperienza l’ho avuta con unity 2d e con gnome 3 fallback. Poi come dici tu xfce è a portata di mano e non è per nulla un DE incompleto. Certo è che a volte noi utenti linux abbiamo la tendenza ad essere un pò impazienti e pretenziosi, nel senso che pretendere una gnome3 (ma lo stesso vale pure per altri DE) che giri liscia su HW poco performante o datato lo vedo come pretendere che la fidanzata rimanga ventenne in eterno 🙂 … non so se mi spiego :). Cmq per il momento utilizzando HW anche di 5/6 anni fa ( core due duo e schede grafiche nvidia serie 7/8/9000 non riscontro alcun problema di fluidità, almeno per il momento e con un installazione ottimizzata almeno un pò.

        • Scusate ma secondo me state andando tutti fuori strada per un semplice motivo: la datazione dell’hardware.
          Allora non è sempre vero che hardware più recente = migliori prestazioni, o meglio è vero se paragonato allo stesso hardware e stessa fascia soprattutto, cioè il core due duo di 5/6 anni fa sarebbe l’equivalente di un i3/i5/i7 l’nvidia con 256 mb di ram di 5/6 anni fa sarebbe l’equivalente di quella con 1/2 GB di ram attuali.
          Allora tralasciando il discorso di età quello che risulta evidente è che su pc votati alla leggerezza e alla riduzione dei consumi windows 7 ha la meglio per 2 motivi fondamentali:
          – nel caso di schede video nvidia su linux non c’è possibilità di utilizzare il risparmio energetico come si deve (o almeno come su windows) il che significa che a lavoro dove solitamente non perdo tempo in momenti ludici con windows 7 la batteria mi dura 5/6 ore con linux siamo a 4/4:30… differenze abissali, risultati che ottengo con windows quando mi metto a videogiocare con nvidia on.
          – nel caso dei netbook dove il problema non è proprio la ram perché con 2 GB qualsiasi sistema operativo (eccezione per XP nudo e crudo che va lavorato per usarlo veramente bene) dovrebbe girar bene, ed è ancora il caso di windows 7, per quanto riguarda linux sia con kde4 che con gnome3/cinnamon i risultati sono per lo meno inquietanti.
          Da questo cosa se ne trae? Semplice che:
          – sui netbook e in generale su pc con scarse risorse hardware bisogna utilizzare de leggeri (xfce, lxde, openbox + tool) quindi smettiamola di sparare cazzate del tipo è fatto per i touch etc etc perché se ho un touch con 8 giga di ram se permettere gnome shell ve lo potete ficcare dove volete ma ci faccio girare qualsiasi altra cosa non mi occorre un’interfaccia idonea. Sui pc quell’interfaccia è inutilizzabile oltre che totalmente inutile, che me ne faccio di icone giganti barre laterali su un pc con 20″ di monitor? Se voglio quelle cose me le aggiungo io non voi di default! Sui monitor piccoli (10/11″) sono non inutili ma veramente tragiche visto che occupano solo le barre più di mezzo monitor… e questa la chiamano esperienza utente? Ma dai che cazzata!
          – dovrebbero seriamente incominciare a preoccuparsi dei problemi che danno i driver proprietari o delle mancanze che hanno e non mi venite a dire che con i noveau si va meglio… non voglio neanche entrare nel merito di cosa accade al mio notebook quando metto i noveau…

          • quoto
            odio windows ma devo dire che con windows 7 e sopratutto con windows 8 hanno fatto un’ottimo lavoro
            tutt’oggi la maggior parte degli utenti approdano a linux perché hanno o un pc datato con 1 gb o meno di ram e windows xp ormai è vecchio e windows 7 è un mattone con un giga o meno di ram ed ecco che si avvicinano a linux il quale grazie ad ambienti desktop come lxde / openbox / xfce permette di avere un pc performante anche se questo ha diversi anni e poca ram

            un nuovo utente con un pc nuovo di nuova generazione con 4 gb di ram la vedo dura che si avvicini a linux
            windows offre un supporto completo, le stesse applicazioni open le trovi anche su windows se non dipiù
            la batteria del portatile dura in alcuni casi anche il doppio confronto a linux
            inoltre il nuovo win 7 non ha più ne schermate blu ne cali dopo mesi d’utilizzo
            antivirus metti quello free di microsoft e sei apposto
            andare a linux per avere le stesse applicazioni
            la stabilità a rischio a meno che non installi debian stabile o distro simili e
            hai in alcuni casi problemi di hardware consumo di batteria superiore

            linux è e rimarrà un sistema operativo per pochi

      • Sabino Capogreco

        Gnome Shell è più lento per il semplice fatto che una parte del codice è scritto in javascript, essendo un linguaggio interpretato è normale che la cpu impieghi di più ad eseguire una certa funzione. Ho anche io un netbook con Atom del 2008 e Gnome Shell è troppo pesante, sembra di utilizzare un Nokia con il Symbian che ad ogni azione passano almeno 1 secondo.

  • Già detto in codesto spazio che per sistema quotidiano preferivo Gnome a KDE, quindi non sono di parte, Linus ha ragione, ubuntu con unity e Gnome con la shell stanno buttando a mare ciò che di buono c’era nell’ormai consolidato Gnome 2, per fortuna che c’è la scelta, anche se mi rode un pochino dover buttarmi dietro DE che per ora non mi convincono al 100% come ha fatto Gnome 2 per anni…poi un po’ di sano flame trolling, se proprio si voleva l’uso della tastiera si faceva come Windows 7: tasto super e cerchi l’applicazione

  • Boss

    Da quando ho scaricato mageja 2 ho incominciato ad apprezzare kde 4 grazie anche alle  personalizzazioni della distro.

  • Dadapum

    Beh, ha ragione. Io passerò a Cinnamon.

  • steveacab

    E mi ritrovo anche questa volta daccordo con Linus.
    Ho sempre detto dall’inizio che gnome-shell è una porcata e che gnome3 in generale ha fatto molti passi indietro, e il team gnome che fa orecchie da mercante e continua a fare danni.
    Per il momento mi trovo ancora bene con Unity, anche per via dei recenti miglioramenti che fanno pensare bene anche nel futuro, ma appena arrivo alla rottura di scatole passo a kde, anche se sono sempre stato uno gnomista convinto.

  • Benzo

    Lo gnome è morto, il drago vive!

  • garuax

    Guarda caso, quando qualcuno afferma che Gnome3 sia una porcata, non ne tira mai fuori le motivazioni. Gnome3 è un bel progetto che propone qualcosa di nuovo.
    Tuttavia sono d’accordo con Linus rispetto alle crtiche da lui mosse e che poco hanno a vedere direttamente con gnome3 o unity o altro, ma molto con l’esperienza utente che puo’ essere migliorata a prescindere.
    Basterebbe aspettare un pochino prima di tirare fuori le distro. La sensazione è che nel mondo linux in generale la coperta sia corta…

  • garuax

    E cmq… ma sti ca..i di esperienza utente, font, caratteri, espansioni esterne, ecc…
    ma possibile che sto pseudogenio non parli mai del fatto che i progetti fichi e produttivi ad alto livello sono altri? (tipo ardour, tipo kdenlive e simili…).
    Tutto serve a sviare l’attenzione dal fatto che non esiste ancora hardware professionale per linux, non esistono driver professionali per linux e la gente ancora parla di questioni davvero inutili: tanto il computer con quella esperienza utente o un’altra, va uguale.
    Il problema è produrre!
    La produzione.
    A parte open(libre)office, matlab, che non hanno bisogno di niente di particolare, non esiste nient’altro.

    Io trovo che ancora una volta Torwalds abbia indirettamente poso l’accento sulla pochezza dei progressi fatti in questi ultimi anni.

    • che programmi ha bisogno linux secondo te?
      photoshop?

      Il giorno 06 giugno 2012 18:25, Disqus ha scritto:

      • nowardev

         programmi per commercialisti
        programmi per professionisti 
        programmi per categorie specifiche per esempio…
        ad hoc

        un video editor completo di effetti tipo quelli a pagamento ? kdenlive è bello va bene e tutto ma non ha proprio tutto.

    • Armando Sodano

      Effettivamente. Manca il 90% dei software professionali (io mi occupo di contabilità e a parte qualche gestionale c’è molto poco, per gli studi commerciali). Linux è ancora troppo “per informatici” e ciò lo rende poco accessibile a chi non lo è. Detto questo Linus ha ragione, il bello di linux è la sua configurabilità. Il poter personificare il proprio desktop ecc… unity e gnome shell, a mio giudizio, dovrebbero prendere spunto da KDE

    • yQy

      e ti pare poco?

  • Jay Baren (AB)

     Ultimamente Linus mi dà l’impressione di essere un tantino ansioso. Mha!

    • millalino

       sarà preoccupato di …. dover imparare un nuovo DE … 🙂

  • Marco Pagliaro

    Secondo me la maggior parte delle persone non hanno capito una cippa, sia di Gnome Shell, she di Unity, compreso Torvalds, il più delle volte mi trovo d’accordo con lui: Gnome Shell e Unity sono concepite APPOSTA per essere semplici, poco personalizzabili e “immediate”. L’intenzione è stata quella di eliminare un sacco di impostazioni che “possono” disorientare e creare delle interfacce semplici, che si capiscono subito e si USANO subito. Le priorità di un Desktop Environment non sono le icone, i temi, gli applets, i conky ecc, queste sono a gutso dei singoli, che successivamente si mettono a fare SUL PROPRIO Desktop. E’ una vita che molte persone installano tools di terze parti come Ubuntu Tweak, (da ppa esterno e non ufficiale per giunta) ma si lamentano che devono installare Gnome Tweak Tool, ufficiale di Gnome e di pochissimi Kb, che anche con una 65k ci si mette un attimo… Poi, per quelli che dicono che Gnome-Shel/Unity sono dei “mattoni”, dico: imparate a ottimizzare e a “ravanare” il vostro sistema eliminando cose che non vi servono, perchè sono concepite (le distro, come Ubuntu) per essere complte. Il mio netbook di 1gb di ram, processore 1.66gz ecc., con Ubuntu 12.04 (ottimizzato) e Unity è una scheggia, con Gnome Shell poi vola, quindi la “pesantezza” delle interfaccie è dovuta anche a quanto si sa mettere le mani sul proprio sistema… Sono l’unico che, nonostante amavo lo Gnome2 riesco a utilizzare tranquillamente sia Gnome3 che Unity, con un po di soddisfazione?

    • nowardev

       gnome shel  è facile ? ma se mi sono subito incazzato che non sapevo come fare 1000 cose

      mah…

    • Io divento nervoso ogni volta che devo cambiare finestra

    • Mardurhack

      È per questo che sono passato a Ubuntu, per continuare a “ravanare” e “ottimizzare” come facevo su Windows XP! 

      Ma per favore…

      • Marco Pagliaro

        Che centra? Ogni sistema operativo va ottimizzato secondo le proprie esigenze, soprattutto Ubuntu o Mint che sono distro complete, piene di un sacco di cose, servizi, demoni, applicazioni d’avvio ecc. che dovrebbero soddisfare le svariate esigenze di tutti. Se di default sono “pesanti” è proprio perchè devono avere un parco software e di servizi di default che copra una vasta tipologia di utenti/esigenze. Anche su Debian Stable, se selezioni “Ambiente grafico” durante l’installazione testuale ti installa tutto Gnome con una miriade di applicazioni, OpenOffice ecc. che ti riempie il pc di tutto…”Ottimizzare” e “ravanare” vuol dire secondo me capire come funziona il sistema e cambiare/eliminare/modificare servizi e/o applicazioni per meglio adattare il SO al proprio Hardware e alle proprie esigenze.

        • Attix

           IN parte hai ragione,in parte no.Molto spesso la farraginosita’ delle nuove interfacce e’ data anche dal fatto che richiedono requisiti hardware maggiori.Non parlo solo della ram,ma anche e soprattutto della scheda video.Prova unity e poi prova xfce,la fluidita’ del secondo e’ mostruosa rispetto al primo.Certo poi se si usano pc con hardware potente,magari si nota meno,ma con pc di 2/3 anni fa le differenze si scorgono eccome.Puoi togliere anche il 40%-5o% delle applicazioni d’avvio,ma il sistema da la sensazione di poca reattivita’.

    • Jerry Calà

      Uso Linux da quando c’era Mandriva nel 1997, ma figurati se devo perdere tempo ad ottimizzare, ravanare, configurare per far girare decentemente un DE. Con Gnome 2 o Xfce sono stati sempre veloci e reattivi, perchè Unity e Gnome Shell invece di migliorare hanno peggiorato tutto? Ho provato più volte Gnome Shell sul mio netbook con Atom del 2008, è ai limiti dell’usabilità, è veramente lento a parte la poca configurabilità.
      Perchè non viene detto che Gnome 3 è in parte sviluppato in Javascript e pertanto essendo interpretato è normale che la cpu impieghi di piu’?
      I temi, le applets, fonts, icone, conky e co. invece sono le cose che invece apprezzo di piu’, sia a casa che al lavoro ho monitor da 24” e anche un 19” in dual e sui pannelli ho tutta la situazione di cosa sta accadendo alla mia macchina, sul netbook invece con Mate ho abilitato l’autohide dei pannelli e senza tutte le menate di Unity e Gnome Shell ho già un DE ottimizzato anche per display più piccoli, altro che scrollbar overlay, global menù e perditempo vari.
      Gnome Shell quando era in sviluppo dicevano che sarebbe stato il DE “zero distraction”, ma chi sono gli sviluppatori che mi devono dire come devo gestire il mio desktop se non io che sono l’ utilizzatore? Certo “zero distraction” perchè ci mette il doppio se non il triplo a lanciare le applicazioni.
      Riguardo Unity, da quanto ne so non cè nessuna distribuzione che lo abbia adottato… ma che strano… e personalmente non mi sembra quindi un grande successo.

      Largo vita a XFCE, Mate, Cinnamon ed onore a Clem che dà ascolto alla comunità anzichè sfornare idee di cambiamento ridicole.

      Tanti auguri a ravanare, ottimizzare ed a capire come funziona un OS amico….

  • Ilgard

    Sia Gnome 3 che Unity hanno i loro difetti (soprattutto quando si lavora con più istanze dello stesso programma), ma sono ancora progetti abbastanza giovani in quanto stanno cercando di rimuovere non solo la barra con le applicazioni aperte per far posto ad una visualizzazione globale, ma anche i menù a tendina che sono davvero pessimi. In particolare, la rimozione dei menù a tendina per le applicazioni in favore di una visualizzazione globale delle icone o di una ricerca è stata una scelta eccellente.

  • Antux91

    Concordo per questo resto fedele a Gnome 2 , anche se provando Mate ho trovato già il prossimo sostituto 😉

    • Con quale distro usi Gnome 2? Ubuntu 10.04?

      • Antux91

        SolusOS  😉 qualche post indietro la trovi 😉 è davvero ottima 😉

  • Antonio G. Perrotti

    a me gnome 3 non dispiace, ma (su ubuntu) nautilus è molto lento, rotellina che gira per diversi secondi ogni volta che apro una cartella. e l’ho installato da mini.iso, quindi tutto ridotto al minimo. dipenderà dalla solita scheda grafica ati? niente driver proprietari, non ne ha bisogno. anzi, va decisamente meglio con gli open. però è un problema fastidioso.

    • Marco Pagliaro

      Il fatto che il cursore del mouse continui a caricare (rotellina), dopo aver aperto nautilus, non succede se si usa Lightdm al posto di Gdm, su Ubuntu 12.04… in realtà non carica niente; sarà strano, ma su Precise con Gnome Shell e Gdm, (come anche con Debian Sid) fa così, con LightDm come login manager nautilus si apre normalmente senza dover vedere la rotellina…

      • Antonio G. Perrotti

        sto provando live snowlinux, che ha lightdm. e la “rotellina” gira lo stesso. dipenderà da qualche bug del sistema? quindi mi consiglieresti di ripetere l’installazione netinstall con lightdm al posto di gdm? proverò, grazie.

        • Marco Pagliaro

          Non saprei, io ho fatto un’installazione “normale” di Ubuntu. Ho semplicemente notato che installando Gnome Shell  e Gdm, quando apro nautilus sembra che il cursore continui a caricare, poi quando ho voluto provare lightdm con Gnome Shell ho visto che questo non succede. Ad esempio in Unity è tutto normale, con entrambi i  Login Manager… Boh…

  • Txeyo

    A me Gnome Shell è servita solo un giorno per cambiare un po aria, insieme agli altri vari DE come kde, mate e cinnamon, cosi da poterli valutare e confontare: per kde e mate, il primo belli grafica ed effetti, ma nn lo ho trovato mucho funzionale, il secondo è in pratica gnome 2 che non mi piace proprio; per cinnamon, carino, ma non mi convince. Per Gnome 3 infine, per renderlo usabile ho dovuto scaricare parecchie estensioni e sprecare 3 ore per capire che per spegnerlo dovevi schiacciare ALT 🙂
    Dopo tutti sti esperimenti, ho infine stabilito che l’unico DE che mi sembra funzionale e che mi convince è Unity: di personalizzazioni non ne ha alla fine bisogno, per il tema hanno messo il camaleontismo della shell, che mi sembra estremamente fico ;D , e di conseguenza, per me non ci sono neccessità di installarci temi.. E devo far notare che per Gnome ho dovuto scaricare estensioni, mentre Unity era gia completa di suo, mi sono solo aggiunto Lens come quella delle News, Grafics, Wikipedia e DuckDuckGo
    Io spero di Unity (mi piace tantissimo gia adesso, vorrei solo fosse implementato l’intellihide e basta)

  • Ferik

    sono chiarissimi segni di invecchiamento, non escludo venga assunto da microsoft senza che lui se ne accorga….uhmm mah

  • Riccardo Gagliarducci

    Io mi trovo benissimo con Gnome 3.
    Il paradigma è, evidentemente non solo nel mondo Linux, cambiato: aspettiamo Metro e vediamo cosa ci propone…
    Quindi W gnome 3.

    Sarà che non penso sia la cosa principale il poter cambiare le icone del desktop.

  •  Il nuovo Gnome 3.4 è senza alcun ombra di dubbio un ottimo ambiente grafico, tuttavia sono propenso a dare ragione a Linus Torvalds.
    Il motivo è che ha ragione sulla personalizzazione dell’ambiente perchè ai tempi di Gnome 2 bastava poco per fare tutto quello che ci serviva per personalizzare il tutto e senza tanti casini.
    E’ vero che con Gnome Tweak Tool, ecc. si possono fare determinate cose ma non con la stessa facilità e i nuovi utenti troverebbero poco intuitivo e abbastanza problematico.
    C’è da dire che Linus non ragiona solo in termini d’interfaccia come la maggioranza fa, ma lui sicuramente avrà visionato anche il codice sorgente di Gnome 3 ed evidentemente avrà visto che ancora qualcosa non va.
    Linus Torvalds non è masi stato il tipo che parla a vanvera, quindi sono propenso a pensarla come lui.
    Certo, se non piace Gnome meglio puntare ad usare KDE che quest’ultimo è sempre più maturo e solido, oltre che personalizzabile al massimo.

  • Toz

    Mi sembra che non si sia compreso completamente che usare GNOME Classic e’ ancora possibile (sia sotto Fedora che Ubuntu) e a parte alcune cose minori (comunque un lieve peggioramento), non ci sono grandi cambiamenti. Il vero problema e’ quando si deve offrire supporto a degli utenti e li si vuole costringere a cambiare COMPLETAMENTE interfaccia utente magari dopo 5 anni che usavano felicemente Gnome2. Questo e’ l’anticamera dell’incubo per chiunque e gia’ da solo basterebbe a far licenziare i volponi che hanno fatto queste scelte. Come si fa a pensare di entrare nel mondo dei Desktop e poi prendere a mazzate tutti gli utenti esistenti? Le performance invece non mi sembrano un problema visto che ormai qualunque laptop da un tanto al chilo ha 4 G di ram, scheda video dedicata e processori dual core magari con 4 thread.

  • ale

    D’accordo al 100%. gnome 3 è scomodo, usare più desktop è scomodissimo,avere le applicazioni minimizzate in attività poi e inusabile. e poi un ambiente che vuole essere minimale lo deve essere anche nel consumo di risorse,100Mb di ram solo per gnome shell( solo la shell, non altre applicazioni, in tutto poi sono 300 appena avviato) quando con debian 6 e gnome 2 avevo 90 Mb appena avviato. Avevo messo gnome 3 su arch ma sono passato a xfce ed è leggero e veloce e molto usabile

  • cristianpozzessere

    Ragazzi mi sembra di risentire le stessissime cose che si sentivano con l-avvento di kde 4 ,,,bisogna aver pazienza.
    se volete potete sempre utilizzare un de diverso,oppure non utilizzare propio il desktop manager e se ve la sentite usare un pc a riga di comando!!!!
    a meno che c-[ sempre windows 95/98 heheheh

  • io ancora lo devo trovare un utente medio che sia entusiasta di gnome-shell…. forse lo e’ i primi 15 minuti di utilizzo abbagliato dal suo aspetto e velocita…. ma poi lavorarci tutti i giorni direi che e’ un altro discorso! non mi parte sia per nulla facile pratico o comodo! e vorrei sapere a chi cazzo e’ venuto in mente di forzare questa transizione nei repository di wheezy(per esempio)!!!

    • ormai che si voglia o meno gnome 3 è il presente
      e debian di sicuro non vuol rimanere indietro
      possiamo comunque utilizzare mate oppure accontentarsi di gnome 3 / Shell
      oppure passare ad altri ambienti desktop

  • Concordo con Linus. Ho voluto provare Gnome Shell e dopo 5 giorni mi ero proprio stufato. Non si può chiedere a un utente che vuole spostare della musica nel proprio terminale Android una simile procedura:
    1 aprire terminale
    2 scrivere gksudo nautilus
    3 password
    4 eliminare file .Trash1000
    5 Andare su file system
    6 Copiare la musica che interessa
    7 Incollarla nella cartella del telefono.

    Non ho parole. Gnome shell fa veramente schifo.

  • Simone

    non serve essere genii per rendersi conto che Gnome l’ha fatta fuori dal vaso, prima mi lamentavo di Unity, come moltissimi, ma devo dire che è uno step sopra…se non avessi già trovato il nirvana con Mate+dock sarebbe la mia scelta, Gnome credo sia condannato ad estinguersi se fa ancora un errore…

  • mascettii

    Tanto di capello a fabio,aka Muflone.

  • paciugOne

    Colgo l’occasione per ringraziare il Muflone.
    Quando passai a Linux (erano i tempi di Karmik Koala) mi aiutò davvero tanto; sempre disponibile, preciso, sintetico e chiaro.

  • Ringrazio tutti quanti e in particolare Roberto per la simpatica recensione di gWakeOnLAN.

No more articles