Abbiamo testato il nuovo Gnome Sound Recorder nuova applicazione sviluppata dal team GNOME che troveremo di default nel prossimo Gnome 3.12.

Gnome Sound Recorder
A più di un mese dal rilascio di Gnome 3.10, i developer del desktop environment del “piedone” sono già al lavoro nello sviluppo della prossima versione 3.12 che sarà disponibile dal 26 marzo 2014.
Tra le novità che troveremo nel nuovo Gnome 3.12 troviamo moltissime migliorie riguardanti il nuovo server grafico Wayland e alcune importanti novità riguardanti Gnome Shell e le applicazioni dedicate. Gli sviluppatori inoltre sono al lavoro nello sviluppo della nuova applicazione Gnome Sound Recorder che troveremo di default in Gnome 3.12.
Gnome Sound Recorder è un’utile applicazione con la quale potremo registrare l’audio del nostro sistema operativo nei formati più diffusi come Ogg Vorbis, Opus, Flasc, Mp3 e Wov il tutto con estrema facilità.

Il nuovo Gnome Sound Recorder dispone di un’interfaccia grafica semplice e minimale dalla quale troviamo in alto il pulsante rosso con il quale avviare o terminare la registrazione audio, in futuro sarà possibile avviare, mettere in pausa o terminare la registrazione anche attraverso una combinazione di tasti. Dalle preferenze di Gnome Sound Recorder è possibile scegliere il formato con il quale salvare le registrazione e regolare il volume sia generale che del microfono.

Gnome Sound Recorder - Info

Gnome Sound Recorder è ancora un progetto in fase di sviluppo la versione 3.11.1 da noi testata su Arch Linux Gnome via AUR risulta già abbastanza stabile e funzionale. Abbiamo effettuato alcune registrazione da varie fonti e in diversi formati con risultati davvero ottimali senza alcun bug o altro problema.
Per maggiori informazioni su Gnome Sound Recorder consiglio di consultare la pagina dedicata dal portale Gnome.
  • ange98

    In pratica non ci facciamo un … Faccio prima ad usare Audacity che almeno ha più funzioni (almeno modifica i files oltre a registrare)

    • TopoRuggente

      Se devi prendere un “appunto vocale” Audacity è una esagerazione.

      L’obiettivo è sempre lo stesso una applicazione basica di default e una più ricca di funzionalità opzionale
      Photo -> Gimp
      Music -> Rhythmbox
      SoundRec -> Audacity

      • ange98

        Eppure a me questa strategia non mi convince per niente. Chissà magari con una futura release mi ricrederò e tornerò ad usare Shell (che ho usato stabilmente fino a 3.2 poi con 3.4 la ho usata sporadicamente)

        • TopoRuggente

          Io invece la trovo geniale.
          Dover caricare un db per ascoltare l’unico mp3 che ho sull HD mi pare un po’ esagerato.
          Come usare Gimp come visualizzatore di immagini, Calibre come pdf viewer !!!

          Ad esempio tu usi sicuramente Libreoffice Writer (o similari), anche se le funzionalità di impaginazione di Latex sono estremamente più avanzate, ma per te sicuramente inutili.

          Ora ad esempio immagina di voler aggiungere la funzionalità note audio a Bijiben
          Potresti riscrivere parte del codice
          O potresti interfacciare un programma esterno.

          Immagina vedersi aprire Audacity solo per aggiungere una nota audio !!! La maggior parte degli utenti nemmeno ci tenterebbe.

          • ange98

            “Immagina vedersi aprire Audacity solo per aggiungere una nota audio !!! La maggior parte degli utenti nemmeno ci tenterebbe.”
            😐 Eppure io l’ho fatto perchè su Arch non trovavo nemmeno il pacchetto (usavo ancora GNOME)
            PS: Mi toglieresti un dubbio? So che anche tu usi Arch, perciò immagino che usi la 3.10. Mi sai dire se è stabile?

          • TopoRuggente

            Onestamente io ho Gnome-Shell installata su 3 macchine
            3.10 sul notebook Samsung con I5 e Optimus
            3.10 su fisso AMD X3 con Nvidia
            3.8 su fisso con AMD X2 con Nvidia.

            Dalla 3.2 in poi non ho mai avuto il minimo problema di stabilita (0 crash) e tieni conto che l’X2 è usato da una bambina di 5 anni (ottimo beta tester).

            Devo ammettere che lo uso quasi “vanilla” con pochissime estensioni (solo user themes, places e removable drive), col tempo mi sono abituato e specie sul notebook devo ammettere che l’utilizzo del trackpad/mouse `veramente ridotto al minimo.

            Se sei un utente Arch, già non sei un utente “normale”, sei uno che cerca delle sfide, cerca conoscenza, magari fossero più numerosi !!!
            L’applicativo semplice si chiama audio-recorder è in Aur.

          • ange98

            ok, grazie di tutto 😉 Allora ritestiamo GNOME sperando che stavolta non mi lasci con l’amaro in bocca

  • errore

    flasc e wov…

No more articles