Nella versione in fase di sviluppo di Ubuntu Touch è arrivato il nuovo gestore degli aggiornamenti del sistema Over-The-Air che ci consentirà di aggiornare il sistema operativo mobile  di Canonical molto più velocemente.

Ubuntu Touch
Ubuntu Touch è un sistema operativo mobile il cui sviluppo sta portando pian piano sia stabilità che soprattutto funzionalità grazie sia alle applicazioni di default che alle tante nuove app di terze parte sviluppate all’interno del contest Ubuntu App Showdown. Tra le novità approdate negli ultimi giorni sulla versione in fase di sviluppo di Ubuntu Touch troviamo il nuovo Click il gestore dei pacchetti che ci consentirà di installare, rimuovere o gestire le applicazioni attraverso il nuovo Software Center oppure da terminale. Gli sviluppatori stanno lavorando inoltre sul nuovo gestore degli aggiornamenti che ci consentirà di effettuare aggiornamenti sia del sistema operativo che delle applicazioni o giochi installati.

Nella versione in fase di sviluppo di Ubuntu Touch è da poco disponibile il nuovo gestore degli aggiornamenti Over-The-Air che consentirà agli utenti e sviluppatori di poter aggiornare il sistema operativo mobile molto velocemente tramite un semplice click. Questa funzionalità è una manna dal cielo soprattutto per gli sviluppatori che potranno aggiornare Ubuntu Touch senza dover collegare il device ad Ubuntu oppure accedere da terminale con il comando phablet-flash.

gestione degli aggiornamenti Over-The-Air di Ubuntu Touch

Il nuovo gestore degli aggiornamenti del sistema è ancora in fase di sviluppo e incompleto, il principale sviluppatore Stéphane Graber ha spiegato come nella nuova app manchi ancora la barra d’avanzamento per seguire in tempo reale il download e upgrade oltre alla notifica della presenza di nuovi aggiornamenti disponibili.

Per ottobre dovremo comunque già vedere un Ubuntu Touch abbastanza completo con un’ottimo supporto per gli smartphone e tablet di Google, un gestore degli aggiornamenti e (in teoria) un Software Center già dià diverse app disponibili.

via – omgubuntu
No more articles