In questa guida vedremo come rendere visibili gli asterischi quando si digita una password all’interno del terminale Linux.

Terminale Ubuntu e le password con asterischi
Per rendere più sicuro il sistema operativo Linux, tutte le operazioni che riguardano il sistema come ad esempio installazione / rimozione di applicazione, aggiornamenti ecc richiedono l’accesso come amministratore / root.
In Ubuntu e in molte altre distribuzioni Linux è possibile avere i privilegi come amministratore del sistema temporaneamente tramite sudo. Un problema riscontrato da tutti i nuovi utenti riguarda l’inserimento della password da terminale la quale (per motivi di sicurezza) non viene correttamente indicata con i “classici” asterischi facendo cosi molta confusione. In questa guida vedremo come far visualizzare correttamente gli asterischi all’interno del terminale quando digitiamo una password operando dalle configurazioni di Sudo.

Come abbiamo visto in questa recente guida, operando sulle configurazioni di Sudo è possibile aggiungere nuove funzionalità compresa la gestione del timeout della password.
Sempre dalle impostazioni di Sudo possiamo anche far visualizzare gli asterischi  aggiungendo l’opzione pwfeedback per farlo basta digitare da terminale:
sudo visudo

si aprirà nano con avviato il file di configurazione di sudo nel quale dovremo aggiungere in Defaults env_reset la virgola e poi pwfeedback come da immagine sotto.

configurazione sudo

una volta inserita la stringa basta salvare con Ctrl+x e poi s.
Da questo momento ad ogni inserimento della password appariranno gli asterischi per ogni carattere digitato. Se installate distribuzioni a nuovi utenti Linux è possibile già attivare gli asterischi in modo tale da dare meno problemi in caso di utilizzo del terminale per aggiungere repository, aggiornare distribuzione ecc.
Ricordo inoltre che questa guida è valida non solo per Ubuntu ma anche per tutte le altre distribuzioni con installato Sudo.

Ringrazio il nostro lettore Roberto D. per la segnalazione.

  • Cristian Martina

    Bene bene. Non hanno incluso i driver?

  • Cioma3

    Bridge = il miglior modo per avvicinarsi ad Arch

  • Sortospino

    ma nell’attesa di Ubuntu 12.04 quasi quasi una passata a Bridge la faccio

    • Cioma3

       Bravo, stessa cosa che ho fatto io formattando la xubuntu 11.10…..e dopo pochi giorni della ubuntu non mi è interessa più nulla (salvo leggere distrattamente gli articoli di lffl…)

      • cambieresti 2 Ubuntu per Arch Linux??? (facciamo come il dash)

        2012/4/5 Disqus

        • Cioma3

           ahahahah Assolutamente no. (mica sono Pozzetto ne “Il ragazzo di campagna”)

          • Sortospino

            Ho messo chackra ..togliendomi ubuntu 10.04.3 (che per me rimane ancora il miglior linux mai usato..grafica a parte..) per passare alle delizie di KDE..

            volevo provare Gnome 3 e cinnaemon 😛 prima di impazzire su Ubuntu =P

          • Cioma3

             Chackra l’avevo provata, ma troppo lenta per i miei gusti (magari era solo un problema del mio pc…)
            se vuoi cimentarti con un installazione pulita di Arch usa questa guida (e sottoguide, 3 in tutto, 6/7 pag da stampare al massimo)
            http://www.archlinuxitalia.com/2011/12/15/nstallare-archlinux-core/

            io che sono una fava di linux non ho fatto altro che copiare i comandi nel terminale e tutto è andato liscio come l’olio……

          • Sortospino

            ma invece posso mettere la versione leggera in un pc con 192 MB di RAM? gli serve a mia zia solo per leggere le tesi ..è un pc che ha ancora winzoz 2000 ._.

          • si puoi installarla e gira senza problemi dato che richiede circa 70mb di ram

  • AdduserXBU

    Sino ad ora la distro che ha dato le migliori soddisfazioni con un ottimo compromesso tra impiego di risorse e funzionalità è Xubuntu 11.10. Se con la versione 12.04 e il nuovo kernel  accelererà l’avvio e la perfomance, Arch e derivate possono essere relegate a distro puramente amatoriali.
    La dice lunga l’ installazione a dir poco problematica delle stampanti.  Per non parlare della sua “stabilità”  piuttosto traballante poco adatta agli usi produttivi.

    • probabilmente non hai mai installato arch ( o non ci sei riuscito)
      problematiche con stampanti non ne ho mai avute ne io ne tutti quelli che conosco e utilizzano arch
      non parliamo di stabilità sicuramente superiore con non fa le distro targate canonical
      grazie anche ai kernel lts stanno cominciando molti ad utilizzare arch anche su server

      • AdduserXBU

         sia ubuntu o xubuntu le stampanti me li riconosce in 10 secondi e in automatico. dai uno sguardo al sito di arch e vedi cosa ci vuole per installare una stampante.. vai ad installare arch nelle aziende e poi mi dirai.. Arch è solo e soltanto una bella distro amatoriale per chi vuole perdere tempo.

        • se vuoi guardiamo i forum ubuntu anche li ci sono problemi di stampa cups è lo stesso o no?
          ubuntu ti ricordo che è basata su debian sid con pacchetti ancora in fase di sviluppo proporlo ad un’azienda è un suicidio (parlo di aziende da 30 terminale in su non un’azienda agricola).
          prima di parlare provate arch e poi vedete

          Il giorno 05 aprile 2012 23:27, Disqus
          ha scritto:

          • AdduserXBU

             non credo che a Canonical facciano il copia e incolla dei pacchetti derivanti da sid. Perchè i pacchetti vanno implementatati a dovere, per quanto ne sappia ci sono solo due distro che cercano di seguire  la linea sid e non è una cosa semplicissima. le distro canonical sono le uniche a farlo nella maniera migiore possibile.. o devo riferirti degli avvisi che ci sono su aptosid il quale mette in guardia l’utente dall’installazione della distro sui rischi che lui corre?
            E poi in ultima analisi ognuno è libero di fare le sue scelte, e francamente non vedo nessuna ragione per cui durante un’installazione devo: configurare la rete,installare xorg, aggiungere l’user con adduser. Perché tutto questo, se tutte le altre lo fanno automaticamente?
            Ma ci sono cose  che apprezzo di Arch è sono: il suo immenso database di pacchetti fatto in  maniera assolutamente chiara e razionale, la velocità d’installazione dei programmi, l’aggiornamento in primissima dei pacchetti. Sono tutte cose pregevoli e che fanno di questa distro la sua forza e la sua qualità. Ma allora perchè non dare per completo la parte base di tutto il pacchetto d’installazione di modo che uno deve limitarsi a dare un semplice: pacman -S Xfce o altro ambiente? e tutto vien giù da sè. Arch mi dà il sistema base completo (compreso le cups) ed io mi scelgo l’ambiente grafico e i programmi da installare. Sarebbe semplicemente meraviglioso.

          • molto pacchetti di sid sono riportati tali e quali su ubuntu
            controlla le versioni patch ecc e sono identici

            arch è una distribuzione che ogni pacchetto installato è li non perché scelto dallo sviluppatore ma scelto dall’utente nessuna configurazione è automatica come su ubuntu e altre distro
            che installar vuoi mettere affinch’è questo possa essere possibile?
            io installo arch in un’ora da un pc da 0 senza problemi configurato con ambiente desktop, applicazioni codec ecc lo stesso tempo che ci metto con ubuntu
            tutto sta imparare quei 3/4 passaggi che na volta imporati li fai senza guide o altro
            il kernel è pulito senza partch, non ho la stampante non installo cups ecc installo solo quello che voglio io non quello che decide uno sviluppatore se non vuoi imparare quei 4/5 comandi bene installa ubuntu ma non criticare arch

            Il giorno 06 aprile 2012 00:09, Disqus
            ha scritto:

          • AdduserXBU

            Forse non hai capito.
            Problemi per installare Arch io non ne ho. Arch lo installato più di una volta. Sia Arch che Arch Bang.
            Ci sono delle cose che apprezzo di Arch e altre no.
            Fine della discussione.

  • claudio

    Ho completato l’installazione della versione xfce. Vorrei pero’ la localizzazione in italiano. Qualche anima pia puo’ spiegarmi come fare? Grazie. Il mio vecchio portatile e’ decollato dopo l’installazione!

  • Sortospino

    ho provato ad installare bridge con xfce ..ma credo di avere problemi nel grub..io non tocco nulla e salvo..riavvio il pc ma non parte..mi spunta il grub ma mi da errore..cosa posso fare??

    per mettere la tastiera italiana che devo fare? 
    e in caso..quel bellissimo tema…come lo posso mettere su xubuntu? che così vero lo metto in tutti i pc 😀

  • Dario · 753 a.C. .

    Sembra una cazzata, ma se ti fai un giro sul forum di Ubuntu trovi un casino di utenti che dicono che il terminale non funziona perché non scrive la password.. Addirittura uno aveva provato a scriverla da una parte e fare copia e incolla sul terminale e si lamentava dicendo che neanche col copia e incolla funzionava ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah

    • Alessandro Di Stefano

      Beh ha ragione il copia e incolla non funziona sul terminale se usi gli shortcut classici. Non devi usare ctrl+c e ctrl+v ma ctrl+shitf+c e chtrl+shift+v per copiare e incollare su terminale

      • quoto

      • hai ragione infatti ctrl+c nel terminale serve per annullare l’operazione che si sta eseguendo all’interno del terminale.. quindi non poteva essere usata anche per incollare.

        e poi su linux è comodissima il copia/icolla che si effettua selezionando il testo e incollando premendo la rotellina del mouse (oppure sul portatile tasto destro e sinistro del touchpad insieme).

        comunque per me non ha senso mettere gli asterishi, sarà che in tutti questi anni mi sono abituato senza asterischi ma è più sicuro, perchè così se qualcuno li vicino vede non sa nemmeno quanti caratteri è la password

      • Dario · 753 a.C. .

        nono, intendeva dire che non venivano fuori gli asterischi neanche col copia e incolla.

      • dentaku65

        ctrl-ins copia

        shift-ins incolla

  • Marco Simonelli

    Che bello copiare gli articoli… 😀

  • Ecco un altra cosa da mettere di default nelle varie distro Linux.

    • andrea

      stavo per dirlo anch’io
      quotone

No more articles