Nuova release per il progetto Semplice Linux distribuzione made in italy che punta a rendere Debian leggero. completo e sempre aggiornato.

Semplice Linux 5
Semplice Linux è un progetto, nato da un gruppo di utenti / sviluppatori italiani, che punta a creare un completo sistema operativo stabile, sicuro e molto leggero cosi da poter essere utilizzato sia in pc nuovi che datati con poche risorse disponibili.
Basata su Debian SID, Semplice Linux dispone di un ambiente desktop con window manager Openbox e un pannello Tint2 oltre a svariate applicazioni sia desktop che web ed un tool di gestione denominato Manage Semplice features.
Da pochi è disponibile la nuova release numero 5 di Semplice Linux che include svariati aggiornamenti e correzioni varie che vanno a rendere la distribuzione sempre più leggera e stabile.

Semplice 5 “High Hopes” migliora oneslip il tool che ci consente di creare applicazioni web come ad esempio Facebook, Twitter, YouTube ecc e di avviarli come una normale applicazione senza quindi avviare il browser migliorando quindi il consumo di risorse.
Tra gli aggiornamenti inclusi in Semplice Linux 5 troviamo il nuovo Kernel Linux 3.10.7, il browser Chromium 29.0.1547.57, Exaile 3.3.1, GNOME MPlayer 1.0.8, Abiword 2.9.2, Gnumeric 1.12.6 e Pidgin Internet Messenger 2.10.7. La nuova release include inoltre il supporto per UEFI, LVM e LVM con LUKS rivisitato inoltre il tema / configurazione di Tint2 ed il display manager LightDM.
In questa pagina troverete il changelog completo del nuovo Semplice Linux 5, in questa invece alcuni screenshot della nuova release (via thecodingstudio).

Home e Download Semplice Linux

  • salvatore

    Secondo me non serve a nulla! Di solito prima installano ubuntu, poi ci si avventura con debian e poi uno ci rimane. Se un utente deve partire da zero parte con ubuntu o si fa installare da qualche amico debian e chiede all’amico.

  • salvatore

    Ah dimenticavo, ho testato che debian funziona anche su un vecchio pentium2 con 300Mhz e128Mb di ram. Ci gira anche xfce

  • moriserre

    Ero rimasto piacevolmente soddisfatto da semplice 4 e ce l’ho tuttora installato su un vecchio portatile da meno di 400 e qualcosa mb. Ho visto che si può fare un “semplice” upgrade alla versione 5 con il consueto dist-upgrade.

  • Tomoms

    high hopes … Ispirata ai pink floyd?

    • Brau

      Lo spero per loro 🙂

    • Ovviamente 😉

      Eugenio

      • pi3tr0

        so che sei lo sviluppatore principale, complimenti ma devo segnalarti un problema grave, scegliendo una /home separata in fase di installazione mi ha rovinato la tabella delle partizioni, naturalmente la formattazione era deselezionata

        la home è in una partizione estesa, /dev/sdb5 formattata ext4

        sono riuscito a ricostruire la tabella eleminando e ricreando la partizione successiva (swap) con lo stesso software con cui anni fa avevo creato le partizioni, special fdisk che trovi in ultimate_boot_cd

        ti do tutte ste info così magari riesci a riprodurre il problema e a correggerlo (problema assente in semplice 4)

        • Mi dispiace per averti fatto passare un quarto d’ora di terrore 😉 Sinceramente non mi spiego da dove provenga il problema, visto che la parte del partizionatore che scrive su disco non è stata toccata in questo ciclo di sviluppo e comunque si appoggia direttamente a parted (o meglio, i suoi binding per python) per il ‘lavoro sporco’.

          Proverò ovviamente a ricostruire la situazione per cercare di scovare ‘sto bug 😉 Grazie per i dettagli!

          Eugenio

      • pi3tr0

        spero di provare anche la 6 esente dal problema segnalato, poi visto che mi hai fatto passare un quarto d’ora di terrore direi che la prossima la dovresti dedicare ai led zeppelin 🙂

        • Brau

          Perché no? Semplice 6 “Black Dog”, sai che non suona mica male? 🙂

  • ange98

    Differenze fra Semplice e Crunchbang?

  • EnricoD

    si avvia a suon di campane?? 🙂

    • Brau

      Grande citazione, hai il mio rispetto 🙂

  • Ciuchino

    complimenti per il progetto ed il codice su github…
    comunque è la visione minimale python-centrica simile all’altra visione vala-centrica di elementary…ovvero una visione coder-centrica

    A questo punto #! essendo un approccio sistemistico basato su colle classiche (shell / perl) e quindi rispettando al massimo la Debian sottesa…secondo me è la soluzione piu lungimirante e manutenibile…

    bravo Eugenio…ottimo lavoro

  • EnricoD

    bella.. la devo prova assolutamente!!!

  • Toio

    No so per quale motico l’installazione si blocca sul 2% e non va avanti,altri hanno avuto questo problema?

    • Quanto spazio hai dato alla partizione di root? Hai selezionato solo root e swap oppure anche altri mountpoint? Hai aggiornato l’installer all’ultima versione?

      Eugenio

  • giuseppe

    eccolo lì, nemmeno il tempo di installare e subito errore al primo update:

    W: Impossibile recuperare http://freedom.dicea.unifi.it/ftp/pub/linux/debian/dists/unstable/main/binary-amd64/PackagesIndex MD5sum non corrispondente

    E: Impossibile scaricare alcuni file di indice: saranno ignorati o verranno usati quelli vecchi.

No more articles