Ubuntu è attualmente la distribuzione Linux più conosciuta ed utilizzata al mondo, negli ultimi anni abbiamo visto approdare molti nuovi progetti come Unity, Ubuntu Touch, Ubuntu Edge, Mir ecc,  che stanno facendo molto discutere. E’ giusto puntare su qualcosa di nuovo oppure è meglio ritornare ad essere una semplice derivata di Debian?

Dieci anni fa Linux era un sistema operativo rivolto principalmente ad utenti esperti che cercavano sia stabilità che una valida alternativa a Windows XP. L’installazione era a riga di comando come la configurazione di internet, gestione dello schermo ecc e tutto richiedeva ore ed ore. In 10 anni Linux è cambiato, installare una distribuzione come Ubuntu, Linux Mint, Debian è anche più semplice di Microsoft oltre ad offrire tool grafici per la connessione, gestione display personalizzazioni varie ecc.
Se Linux è “facile” lo dobbiamo anche ad Ubuntu, distribuzione tra le prime a puntare a portare il sistema operativo libero accessibile a tutti. Tutto questo grazie a Canonical e ai tantissimi sviluppatori che ogni giorno nel proprio tempo libero lavorano in questo progetto. Basata su Debian in questi anni Canonical ha introdotto diverse innovazioni, da un’installer grafico, ad un gestore dei driver grafici, a vari tool di configurazione, patch per il rendering dei fonts come freetype2, libxft, cairo e molto altro ancora.

Tutte queste migliorie hanno fatto avvicinare molti utenti a Linux grazie proprio ad Ubuntu e alla sua semplicità, ad un’ambiente desktop di color marrone chiaro brutto da vedere ma stabile e completo, leggero e reattivo. La release che ha dato la svolta è sicuramente la 8.04 Hardy considerata ancora da molti utenti (compreso chi scrive questo articolo) la miglior versione di Ubuntu.

Con Ubuntu 8.04 Hardy la distribuzione diventa la numero uno al mondo con molti nuovi utenti che si avvicinano ad essa, Canonical inizia quindi a pensare al futuro ed inizia a creare un software center grafico, un proprio font, tema, avvia un proprio servizio cloud denominato Ubuntu One ed  inizia a staccarsi da Gnome. Con la versione 10.04 LTS a lavorare su Unity, da subito sviluppato per netbook e successivamente ottimizzato e introdotto di default in Ubuntu 11.04 Natty.  L’integrazione di Unity come ambiente desktop di default ha portato molte discussioni e perplessità sul futuro della distribuzione. Canonical comincia a lavorare anche su nuovi progetti, da Ubuntu for Android fino al nuovo sistema operativo mobile Ubuntu Touch. La svolta dovrebbe arrivare ad aprile 2014 con il rilascio di  Ubuntu 14.04 LTS release che dovrebbe portare Unity 8 sia su pc desktop che device mobili il tutto gestito da un nuovo server grafico denominato Mir.

Questa è un po la storia di Ubuntu, distribuzione che sta un po spaccando la community Linux in due: tra favorevoli e contrari alle scelte fatte da Canonical negli ultimi anni.
Canonical sta cercando di dare una svolta al propria distribuzione fornendo un’ambiente desktop tutto nuovo che in futuro potremo utilizzare sia in desktop che in device mobili. C’è da chiedersi se davvero serviva puntare su un  progetto cosi complesso ed innovativo, e non continuare a migliorare il proprio sistema operativo che fino alla versione 10.04 era indicato da tutti come la migliore distro al mondo.

C’è proprio bisogno di creare  un’unico ambiente desktop per desktop e mobili e sviluppare un proprio server grafico dopo aver per anni parlato di voler puntare su Wayland? Perché non tenere i due ambienti desktop ben divisi fra loro e puntare a migliorar il buono fatto fin’ora?

A voi il vostro parere a riguardo…

  • Andrea1801

    secondo me hai ragione tu, nel senso che dipende da quanto si è abituati a usare la tastiera (quasi niente per la maggior parte delle persone); questo vale per la dash, perché poi con HUD c’è anche il problema che uno dovrebbe conoscere sempre l’opzione (o il filtro, etc.) che cerca…

    • Andrea

      Beh, i menu normali sono rimasti…

  • Gnome panel tutta la vita..anche se qualche volte devi ri-aggiungere l’indicatore completo

  • Striplexterzo

    Raga unity lo può utilizzare chiunque senza alcuno sforzo vuoi un programma lo cerchi scrivendo il nome ed il gioco è fatto gnome panel devi abituarti e cercare le applicazione da te …… questione di abitudine. Preferisco gnome panel forse perchè utilizzo linux da qualche anno ma la semplicità di unity non ha paragoni 🙂

  • personalmente mi trovo bene con Unity rimpicciolito e “a scomparsa”, fisso invece Cairo Dock, personalizzato a gusto, e riprpone il classico menu di Gnome 2 affiancato dai lanciatori stile Mac……

  • Ospite

    ubuntu 10.10 vs ubuntu 12.04, unity is a nightmare

    • io direi piuma contro mattone 😀

      • Striplexterzo

        però riconosciamo anche le potenzialità di unity riseptto a gnome-panel. Ricerche online ,di programmi installati , file all interno del pc , programmi che possono essere installati , ottenere informazioni meteo, news e tanto altro ancora il tutto con una semplicità disarmante. Ribadisco che preferisco utilizzare gnome-panel  per abitudine, per estetica , e perchè effettivamente dopo varie prove unity non si comporta egregamente sul mio netbook . Però bisogna riconoscere che unity è un progetto giovanissimo e presenta delle potenzialità interessantissime……ce molto lavoro ancora da fare e molto da migliorare.

        • Andrea

          Personalmente penso che Unity abbia un buon design (lo utilizzo normalmente e mi trovo bene), ma la realizzazione pratica non è delle migliori e spesso ci sono dei ritardi paurosi. Probabilmente reinstallare da capo (questo installazione è iniziata come 11.10 beta e adesso sono diverse settimane che è una 12.04 beta) aumenterebbe la velocità, ma probabilmente questo non era un aspetto di Windows che avrebbero dovuto imitare 😀

  • resto sempre nell’opinione che togliendo l’intellihide da unity hanno fatto una mossa da dittatori paragonabile solo a Mac OS X

    • Andrea

      L’intellihide c’è ancora, è solo disabilitato di default.

      • è stato tolto definitivamente, non è presente manco sul 
        CCSM. Per adesso c’è solo una patch che permette solo di simulare l’intellihide, ma non è allo stesso livello di oneiric

        • Andrea

          Aspetta, l’intellihide c’è ancora.
          Hanno tolto il “dodge window” che fa in modo che il launcher sia visibile quando non ci sono finestre nello spazio che occuperebbe (ad esempio quando guardi il desktop), ma puoi ancora tenere il launcher sempre nascosto tranne quando vai sul bordo con il mouse.

          • ti posso assicurare che è stato rimosso e non è possibile ripristinarlo in nessuna maniera 
            c’è una patch ma è lentissimo nello scomparire e riapparire
            quindi o tieni sempre presente il launcher (anche con le finestre massimizzate) o lo tieni sempre nascosto
            ma non ti preoccupare,,,,è innovazione …

          • Andrea

            Oh, si, scusami, avevo confuso l’intellhide con la possibilità di nascondere il launcher. Per quanto preferissi il vecchio sistema, devo dire che non vi è molta differenza… 

          • prova ad usare un netbook da 10 pollici con il launcher sempre attivo e vedrai che non vedi un cavolo dato che porta via tanto spazio a disposizione delle applicazioni
            se lo metti sempre nascosto per passare da una finestra all’altra devi sempre puntare il mouse sul bordo o angolo in alto per visualizzarlo, un po scomodo direi
            prima c’era ed era una cosa secondo me molto apprezzata ora non c’è

            Il giorno 13 aprile 2012 18:41, Disqus
            ha scritto:

          • io spero solo che entro il 26 aprile Mark torni sui suoi passi… ma vi rendete conto che siamo arrivati al punto che uno (anche se è il padron di Canonical) decide per tutta la comunità? Ci rimango troppo deluso da Canonical se la scelta rimane davvero questa.
            Dovrò per forza andare di Gnome-Shell 3.4

          • Striplexterzo

            Con ubuntu 12.04 Canonical ti da la possibilità di installare gnome-panel che,si, deve essere migliorato ma è molto simile a gnome 2(anche se meno personalizzabile ) ,e almeno da quanto ho letto sembra che si voglia puntare su questo fork di gnome 2 , magari la decisione è stata presa vedendo il passaggio di molti utenti ad altre distro questo non lo so.
            Ho provato cinnamon , gnome shell , unity sono rimasto deluso da tutti e tre . Molti si lamentavano dell abbandono del desktop classico e hanno osannato l avvento di cinnamon, che è semplicemente una gnome-shell con un menu integrato e l elenco delle finestre (almeno a parere mio ), gnome shell per quanto se ne dica non è niente di cosi differente da unity ,forse a livello di prestazioni un pochino migliore,ma siamo sulla stessa linea di pensiero.
            Gnome-panel con i dovuti accorgimenti riprende le caratteristiche del desktop classico di gnome con un minor consumo di risorse rispetto a unity e gnome-shell. Da riconscere che a differenza di gnome 2 questo fork è molto meno versatile ma questo può essere migliorato dal supporto della comunità e ovviamente di una maggiore apertura da parte di canonical (la quale ha mostrato segni positivi in proposito)…. Speriamo bene.
            Con questo voglio dire che inizialmente si la scelta di Mark è stata dispotica ma la voce della comunità è stata ascoltata e sembra che si stia cercando di ritornare sulla retta via .Anche se non sarà di certo il progetto su cui si punterà di più. 

            Questo è il mio giudizio (da non esperto, ma da semplice user) che dervia dalle mie esperienze.   

          • Andrea

            Il fatto è che non penso ci sia molta differenza, se hai un 10 pollici avrai sempre le applicazione massimizzate e non c’è differenza se son sempre massimizzate.

            Io ho un 15′ con launcher nascosto e trovo particolarmente comodo le finestre massimizzate in diversi workspaces (li ho perfino aumentati 9) e cambiare utilizzando la tastiera. Ma dovrebbero quindi incentivare i workspaces, cosa che invece non hanno fatto e non hanno intenzione di fare.

          • le ricerche online meteo ecc puoi averle anche con gnome 2 grazie a Synapse o applicazioni simili
            hud è una novità anche se non saprei quanti utenti la utilizzeranno

            Il giorno 13 aprile 2012 18:45, roberto ferramosca ha scritto:

    • Stefano Petroni

      Io non capisco dove stia il problema del launcher nascosto.Basta andare sulla sinistra dello schermo e appare,mica bisogna premere una combinazione alfanumerica….

    • garuax

      1) lo puoi abilitare
      2) in un secondo vedi tutto uguale

      Quindi, che c’entra la dittatura alla mac? non scherziamo…

      • garuax

         3) in parte cmq hai ragione, per me fa parte di un processo di ottimizzazione…

      • non lo puoi attivare perché è stata tolta nella 12.04 la funziona di nascondimento intelligente del launcher ora o è sempre attivo (anche con le finestre massimizzate) o sempre nascosto e basta.
        penso che abbia parlato di dittatura in stile mac dato che quel che dice mark si deve fare
        d’altronde è un’azienda che comanda non la comunità democratica come accade per esempio in debian

  • Vellerofonte

    Resto dell’opinione che…..è meglio KDE 😀

  • Ugobuntu

    Unity è il meglio in circolazione, un minimo di imbarazzo iniziale è ovvio ma poi tutto è sotto controllo. Molto + semplice ed intuitivo del vecchio Gnome classico il launcher diventa il centro di controllo delle nostre attività e dal dash posso cercare allo stesso modo applicazioni,file, musica,video,dentro il pc,nella rete domestica e in internet. Come già ho avuto occasione di affermare anch’io ero molto scettico e devo la conversione alla decisione di seguire lo sviluppo di 12.04 dalla prima Alpha così come Canonical lo propina “Ambiance a parte” proprio l’arancione non lo digerisco.

  • Gianni Bellotto

    Avendo iniziato ad usare linux da ubuntu 8.04 fino ad oggi debian 6.0 la mia impressione quando ho provato sia gnome-shell che unity sono state molto deludenti sotto tanti fattori.
    Su gnome shell ad esempio l’obbligo di ogni volta che devo richiamare le finestre aperte devo andare in alto a sinistra e davvero snervante.
    Mentre su ubuntu l’obbligo di usare una barra unity che non prevede alcuna modifica strutturale (adesso la metto dove voglio) e che appare appena mi sposto di lato mi ha fatto imbestialire.
    Tanto che dopo svariate distro provate sono approdato su debian che per ora usa ancora il buon gnome 2.32. 
    Ed ciò mi rende tutte le personalizzazioni possibili immaginabili.
    Ora come ora Ubuntu sta perdendo molte utenze a favore di linux mint che a mio parere offre molta più trasparenza riguardo al gestore grafico della distribuzione. 

    • Paolo

       La penso esattamente come te. Entrambi abbiamo usato gnome 2 per diversi anni ed entrambi abbiamo sbattuto il cranio contro le nuove interfacce imposte. Io ho risolto usando kupfer, guake e xfce. Te lo consiglio davvero, fra poco finiscono di portarlo alle nuove gtk ma rimane uno gnome2 velocissimo. Anche a livello di effetti visivi ha qualcosa di buono (ombreggiature, leggere trasparenze, etc) pur restando uno scheggia.

  • EliaBaragiola

    cmq parliamone , usato in questo modo unity sembra super veloce ….
    secondo me gnome -shell ( non fallback) è più veòloce rispetto a unity per l’ utilizzo del mouse 🙂 

  • Michele Giuliano

    Io sono di parte perché non sopporto i menu fatti a ricerca dove i programmi non sono visibili e classificati. Persino su sistemi come windows 7, quando mi trovo ad usarlo, installo il buon vecchio classic menu.
    La vecchia interfaccia divisa per categorie di gnome 2 a mio parere è quanto di meglio un interfaccia possa offrire. Tra l’altro studiata secondo criteri di usabilità seri e professionali e non fatta a caso da programmatori improvvisati.
    Questa moda di andare verso sistemi che mascherano tutto e che tutto debba essere trovato attraverso delle ricerche la trovo sconfortante…

  • Ziltoid

    Boh Unity l’ho provato solo sulla 11.04 quando fu rilasciata e non mi aveva entusiasmato. Da quello che ho visto a mio parere con la 12.04 è diventata un’ottima GUI soprattutto per i neofiti, però resta il fatto che mangia troppe risorse per essere una semplice interfaccia…
    Dovrebbero concentrarsi più sui consumi e meno sui gingilli grafici, perchè altrimenti XFCE e KDE resteranno sempre gli ambienti più idonei all’utilizzo di un PC.

  • Xmagnet76

    Il video di confronto andava fatto con ciascuno delle due ciofeche paraganate ad uno gnome2 Mate o xfce.
    E’ come assistere ad una gara di tartarughe.
    Ma perchè sta forzatura?… i paragoni si fanno fra le cose che realmente sono funzionali e utili e veloci non fra le cose che vogliono solo apparire funzionali e utilie che non son veloci.
    Scusate la critica poco costruttiva … ma dovevo dirlo.! 🙂

  • Luka

    Sarà che sono un estremo sostenitore della tastiera ma, secondo me, Unity è veramente un’ottima interfaccia.

  • Sortospino

    questo video vuol dire tutto e niente… 

    io sono un sostenitore della barra laterale..su Gnome 2 mettevo la docky di lato con comparsa intelligente come unity … ma sotto senza la barra con le finestre proprio non mi ci trovo.. 

    è una questione di colpo d’occhio visivo e di controllo..dipende sicuramente da me e da gusti personali..ma è la bellezza di linux … programmi al servizio di gusti personali

    • mettevi docky e gnome do ed ecco unity…..però molto più veloce e personalizzabile….

      • Sortospino

        esattamente..l’unica cosa figa è la barra delle finetra integrata con il pannello superiore..ma siccome a me i tasti a sinistra non piacciono nemmeno .-.

  • Kryohi

    È ovvio che dipende dalle dimensioni dello schermo, Gnome è più comodo e veloce ma su uno schermo sotto i 13′ occupa troppo spazio sul display

  • Turillo

    A causa di Unity son passato a Xubuntu e ho ricominciato a vivere

  • Anonimouser

    Mi sono trovato molto bene con gnome 2, perché i menù sono ben ordinati e quando cerco qualcosa è sempre rapido a trovarsi, Unity mi è molto scomoda (devi fare una marea di click per trovare quello che cerchi da interfaccia grafica se non sai esattamente come si chiama quello che stai cercando). Tant’è che penso che la prossima distro che installerò sarà ubuntu server + gnome 2, o altrimenti debian + gnome 2

  • francesco

    appena vidi Unity mi venne solo un infarto!

  • biondo

    gnome pannel sicuramente

  • Demetrio

    gnome!

  • Brau

    …Let the shitstorm begin…

    • -.-

      santi numi (cit. la voce di UT 2004)

      • SRC

        Se 10 anni fa linux era un sistema per quelli che cercavano stabilità allora sai quanta gente sta ancora cercando.
        Ora si può definire stabile.

        • Salvatore Furnò

          DEBIAN per me è la più stabile di tutte le distro

  • paco

    ubuntu è morta anni fa

  • Proxima8

    Con la mia prima distro, SuSE LINUX 6.1 (kernel 2.2.5, KDE 1.1, GNOME 1.0, XFree86 3.3.3.1) acquistata il 24/06/99 a L.92.000, io la cli/shell neanche la toccai, fece tutto YaST 🙂

    • pi3tr0

      quasi uguale, gennaio 99, suse 6 (credo), 5 o 6 cd di installazione, circa 80.000/90.000 lire, yast era mitico
      ho dovuto aspettare il 2007 per abbandonare windows, grazie ad ubuntu

  • ale

    Canonical sta tentando di diventare come apple (e microsoft),non sarebbe strano se fra pochi anni ubuntu diventerà come mac os,cercano sempre di staccarsi più che possono da debian,magari fra un po diventa una distro autonoma,con un proprio gestore pacchetti e tutto
    Però secondo me sono destinati a fallire,o tornano indietro se no falliranno,ubuntu touch è stato un fallimento,e non potrà mai competere con android,ubuntu ormai è diventato talmente instabile che windows vista in confronto è una roccia,secondo me dovrebbero tornare come 2 anni fa,abbandonare unity e magari cercare di tirare su un DE graficamente simile a gnome 2.x che sarebbe sicuramente molto apprezzato,leggero,veloce e stabile,che gira su wayland
    Cioè stanno perdendo un sacco di utenti per questo,ma non lo capiscono,io ho usato ubuntu fino alla 10.04,ed era perfetto,funzionava tutto senza grossi problemi,anche la 12.04 era un buon os,dopo di queste il resto è solo roba instabile

    • -.-

      senza polemica, ma potete dirmi dove diavolo la vedete tutta sta instabilità? io uso la 13.04 quotidianamente sul mio dell xps13: ci sviluppo foto in RAW, ci vedo film, ci scrivo, ci navigo, ci disegno (inkscape e pencil) e avrò beccato si e no due crash… la batteria dura uno sproposito (viaggio sulle 6/7 ore) e il multitouch va che è una meraviglia. Francamente non capisco…

      • ale

        Ubuntu 13.04,allora l’ ho installato sul pc:
        – l’ installazione si è bloccata nello scaricamento delle lingue per un problema di rete (mettere un timeout no ?) e ho dovuto dare skip
        – cominciavano a comparire dialoghi del tipo “l’ applicazione si è interrotta in modo inaspettato…” anche su applicazioni che killavo io o anche se davo ctrl+c nel terminale
        – fatti gli aggiornamenti non partiva più unity
        – i driver nvidia dei repo non funzionavano e mandavano in crash xorg
        – anche installata la lingua il sistema era metà in inglese e metà in italiano
        – le applicazioni di cui ubuntu si vanta tanto per l’ user friendly,come il software center,vanno in crash appena premi 2 cose,ora va be che non è indispensabile,ma se è instabile piuttosto metti in buon synaptic alla debian
        – compiz non funziona per niente (ha mai funzionato bene ?) ,appena provi a modificare le opzioni va in crash tutto
        e mille altre cose che non ricordo

        • theShort

          questi sono problemi che hai riscontrato tu sul tuo pc e con le tue conoscenze dell’ambiente linux. Ciò non significa che per ogni utente Ubuntu sia stata la stessa cosa.

          • ale

            Sarà,ma archlinux che dovrebbe in teoria essere mille volte più instabile non mi da quasi nessun problema,debian meno che meno,con questa non ho mai avuto un singolo problema,l’ hardware non centra perchè funziona bene con tutte le altre distro…
            E anzi,lo stesso ubuntu con su gnome non mi da problemi…

          • kayashan silverleaf

            Quoto. La mia installazione è andata perfettamente.
            Cmq spesso ciò capita quando le firme digitali delle iso sono danneggiate potrebbe capitare questo a causa della connessione altalenante o con grande perdita dati.

      • SRC

        Hai ragione però è anche vero che tu hai un hardware fatto apposta per il pinguino!

        • theShort

          oggi come oggi il pinguino riconosce anche l’hardware di un tostapane…

      • mscanfe

        concordo appieno!
        il 90% di quelli che qui fanno gli splendidii a brontolare che si stava meglio quando si stava peggio se non fosse stato per mamma Canonical col cavolo che ora userebbero Linux.
        Io ho 4 pc, tutti con hardware scarsissimo, acquistati spendendo pochi denari perché tanto Ubuntu me lo consentiva e su tutti e 4 Ubuntu ci gira a meraviglia, nonostante io sia tutt’altro che un mago del terminale.
        Chiederei un po’ di obiettività (e anche di serenità)

        • Gustavo

          il 90% di quelli che sono qui a brontolare non devono proprio niente a mamma canonical (mamma di che?? che non fa nemmeno da mangiare..)

        • giocitta

          La penso esattamente come te. Per fortuna so, per diretta esperienza, che ai responsabili di un progetto delle dimensioni di Ubuntu tutto questo brontolare entra da un orecchio e esce dall’altro.

        • TopoRuggente

          Già usavo Linux quando è nata Debian !!!!

      • Lem

        Straquoto! Io l’unico problema che vedo con Ubuntu in versione Unity è che si è appesantito parecchio e non è più indicato per computer obsoleti, ma basta installare Xbuntu ed è tutto risolto…

        Certe volte quando si parla di Ubuntu sembra di leggere le pallosisime guerre di “religione” tra androidiani e apple fan boy

        • TopoRuggente

          Ad un certo punto bisogna anche accettare che il pc obsoleto sia “lento”.

    • theShort

      Non capisco perchè dare per spacciato un progetto come Ubuntu touch che deve ancora mostrarsi al pubblico…

      • -.-

        per l’erronea associazione ubuntu touch/ubuntu edge (e canonical sta facendo poco per contrastare questa associazione, purtroppo)

        • kayashan silverleaf

          infatti ubuntu touch potrebbe fare una buona differenza

      • ale

        Perchè non potrà mai competere con android (google) e ios (apple),farà una fine peggiore di windows phone (che almeno con nokia si è salvato),rimarrà un os che pochi useranno,dato che difficilmente lo vedrai preinstallato e il 99% della gente non ha nemmeno idea di come si installa una rom su un dispositivo mobile
        La decisione di puntare sul mercato mobile è stata troppo stupida,google e apple hanno messo fuori gioco tutti,e di os mobile che non hanno successo ce ne sono già abbastanza,tizen,firefox os,ecc

        • theShort

          Non mi pare che in casa Miscrosoft si sia deciso di terminare lo sviluppo di Windows Phone… E’ ovvio che Canonical non riuscirà a competere con Google e Apple quando verrà rilasciato Ubuntu Touch, per il semplice fatto che è l’ultimo arrivato e deve farsi ancora strada. Se fosse stato un progetto così scellerato, non avrebbe trovato nomi importanti come partner d i appoggio.

          Nel mondo GNU/Linux esistono un infinità di distro. Grossi progetti e meno grossi, distro più utilizzate e altre meno. Però c’è spazio per tutti. Noi utenti linux, ognitanto ci lamentiamo di questo ma ci conviviamo anche.

          Android e le sue derivate, Firefox OS, Ubuntu Touch… non è altro che la storia che si ripete anche in campo mobile…

        • lucapas

          Firefox OS un flop? Ma se i primi smartphone in vendita sono andati a ruba! Prima di parlare mi informerei un pochino!

          • ale

            si,confrontalo però con il resto del mercato… Anche windows phone è un flop,e non ne hanno venduti certo pochi alla fine,solo che in confronto ai numeri di ios e android fanno venire da ridere

          • theShort

            Se tutti avessero seguito fin dall’alba dei tempi questa tua opinione, oggi non si avrebbe scelta in nessun settore.
            Monopolio ovunque…
            Suvvia dai!

  • sembra che si abbiano le fette di salame sugli occhi. Canonical sta facendo quello che Google, M$ e Apple stanno già facendo e continuano a fare. Un caso che l’interfaccie di win8, xbox e WP siano fotocopiate? Oggi c’è necessità di interoperabilità tra pc, smatphone e tablet che vengono usati anche per lavoro, e secondo voi se uno compra uno smartphone android , WP o con iOS, sapendo che con un determinato OS ha un integrazione totale, perché dovrebbe usare una distro linux?

    …forse canonical pensa anche a questo.

    • kayashan silverleaf

      Io credo che non è che facendo quello che fanno gli altri ti porterà ad avere gli stessi loro risultati.

      • No, sicuramente, ma se non lo fai rimani tagliato fuori. Quando Chorme OS e Android diventeranno una cosa sola, saranno cavoli amari per tutti.

  • CuccuDrillu10

    Ubuntu sicuramente continuerà ad essere la distribuzione di riferimento almeno per i prossimi 5-6 anni, sia per la fama che si è costruita negli anni, sia per gli accordi commerciali che sta stringendo con i vari partner del settore. io dico che non è da Ubuntu e dalla Canonical che ci dobbiamo aspettare delle aperture che vadano incontro agli utenti storici per il semplice motivo che questa distro è la punta di diamante di un imprenditore , il quale ne decide il tipo di sviluppo cercando il modo più vantaggioso per ingrandire le entrate della la sua società…ossia cercando di assecondare le richieste di colossi amd/nvidia steam amazon e dei produttori hardware (sia nel settore desktop che mobile). Si sta cercando quindi di puntare sull’utenza di massa…ovviamente con grandi scontenti della comunità storica, però ripeto che ubuntu è un prodotto commerciale e viene considerata giustamente di conseguenza!
    Più grave secondo me è il fatto che altri progetti liberi molto importanti come gnome per esempio, da sempre il desktop capostipite in linux, siano totalmente in mano a squardre di sviluppatori che ignorano completamente il volere della comunità a favore degli interessi propri….ecco io vedo grandi ingiustizie più da questo punto di vista che nelle scelte della canonical

  • Marco

    secondo me hanno perso troppo tempo con Compiz e facendo unity come plug-ins di questo !

  • EnricoD

    ” … è meglio ritornare ad essere una semplice derivata di Debian? ”

    No.

    Personalmente mi sono allontanato da Ubuntu dal momento in cui hanno inserito Unity, che non ho mai apprezzato, neanche un po.
    E’ giusto e apprezzo il cambiamento fatto negli ultimi anni verso un sistema più facile da installare e da utilizzare anche dall’utente meno esperto, e ovviamente con Unity hanno cercato di attrarre l’utenza media a suon di maioliche e piastrelle pur di stare al passo coi tempi …
    Detto questo, penso che Ubuntu sia la distribuzione più completa, user-friendly, anche bella da vedere e stabile…

    Mi piacerebbe pero vedere una distribuzione sicuramente più snella, nelle ultime release ho notato un’accozzaglia di robaccia tra programmi, servizi di notifica etc etc (Unity, dash, Lens e ste integrazioni/plug-in del caxxo ad es. proprio non li strozzo), e Gnome tornare a splendere … senza quei cacchio di plug-in e cavolate varie…

    l’unica cosa che aspetto con ansia.. è ubuntu touch.. che secondo me spaccherà di brutto… almeno a me l’interfaccia e la parte grafica fanno impazzire…

    • Luciano Buffo

      prendi l’utonto medio che comprerà il cell ubu touch.. passerà molto + facilmente da Win a Ubuntu Unity Mir, un po come nessuno ha difficolta ad usare Iphone e Android e WinPhone nessuno se lo caga.. credo sia questo il loro pensiero..

      • Erika

        l’Utente medio va dove gli conviene meglio, se Ubuntu soddisfa lo usa, se no usa quello che usano gli amici e qui la grande scommessa, se Canonical soddisfa avrà successo, altrimenti che farà? Come anni fa con Android Google scommise, chi ci credeva? in pochi e io ero fra questi che non lo vedevono come potenziale per il pubblico, adesso Android è Android e ci guadagno, mi sono dovuta ricredere, con passione, come sempre… come credo in FireFoxOS ma non in Ubuntu, sbaglierò per carità… ma la vedo così…
        Microsoft è alla finestra, ha perso lo scatto verso il device mobile, si è alleata con nokia, vedremo… ad ora la vedo indietro, punta sul desktop da ufficio e qui vince alla grande…
        Certo che in uno studio per qualsiasi attività a vedere 40 PC, 50 device Phone android e/o IOs e i device mobile Windows che sono si e no 2/5 fa impressione, Server GNU/Linux, client Windows o OSx, e tanti e diversi mobile phone o mobile device tablet è fantastico, solo a metterli in comunicazione è meraviglioso…

    • Erika

      sicuramente Canonical va per la sua strada, resta da vedere se prende come base sempre Debian…
      Per il Desktop sta forse ma non penso una strada diversa ma non seguibile per me e per molti…
      Che il futuro del PC sia il Touch e piccolo e portatile in tasca è sotto gli occhi di tutti, ecco la Canonical punta su questo…
      Siamo tutti in attesa di Ubuntu touch mobile, ma attenzione…
      FireFoxOS è ancora un pochino acerbo, ma secondo me sfonderà e alla grande, ho un device che funziona diciamo male, ma si intravede il potenziale, a giorni mi arriva un device aggiornato con FireFoxOS e dalle indiscrizioni è molto funzionale, io ci credo moltissimo…
      Con il device Ubuntu Touch che ho mandato si la mia partecipazione come soldi per finanziarlo, vedrò, ma dovrei assumere almeno due persone se vorrò seguire anche questo device, per il momento seguo alla finestra e non ho chiesto il device per developer (che mi hanno offerto, anche con insistenza) appunto perchè non avrei tempo per studiarlo e farci qualcosa…
      Certo che Canonical sta cercando un mercato da sola, suo diritto e ci mancherebbe, ma il mondo open non ha bisogno di un SO semichiuso al momento, esiste Android per questo… certo che Google, Mozilla o chi per lei, IBM, Intel e altre sono multinazionali grandissime e certamente non stanno alla finestra nei device mobili futuri…
      mio pensiero e di molti developer.
      🙂

      • EnricoD

        trovo anche io interessante firefox OS. Acerbo ma dal potenziale innato, non come quelle sole di Tizen e Sailfish.. prendi un ubuntu e assumi me XD

        • Erika

          Ciao 🙂

          volentieri, io sono in zona brescia…. volendo anche come collaborazione esterna… via Net…
          (siamo Io e il mio ragazzo (parte hardware), 4 collaboratori in laboratorio, e 3 in Net come esterni, a volte sono di più, anche estero)

          come applicazioni che mi commissionano:

          gestione mail aziendali,
          gestione documenti (PDF, MP3, MPG e/o Mpeg) e leggere ebook o altri formati, sempre aziendali,
          gestione fatturazione, commissioni, preventivi, che sarebbero poi modelli UE disponibili per la ditta che vuole la propria gestione,
          Connessione tra le varie piattaforme, Android, Windows, IOs, GNU/Linux, *BSD,
          Gestione photo/immagini di produzione aziendali, (sto impazzendo attualmente su certe immagini topografiche ad alta risoluzione che alcuni vorrebbero visualizzarle su Android, IOs, si parla di tanti Gb di immagine singola),
          come ditta vera e propria:
          installazione dal server al client, sia aziendali che pubbliche… poi come detto applicazioni…

          Attualmente siamo in Italia e siamo contenti di starci, stiamo valutando di trasferirci o in Danimarca (mio ragazzo è Danese) o altra regione EU, ma anche Australia (mia nazionalità), dipende molto se Italia si alza come livello Net e tecnologia telefonia…

          • EnricoD

            haha.. Io scherzavo 😛 … sono un dilettante allo sbaraglio… un po Chimico, un po compilatore di aosp a tempo perso e mod firmware e smali Android e un paio di app scritte con eclipse per android… un po arch… un po di Gimp .. Un po di tutto!!
            tutte quelle cose non le saprei fa, o comunque non ne ho le competenze essendo un Chimico …
            🙂

  • theShort

    “fino alla versione 10.04 era indicato da tutti come la migliore distro al mondo”
    Ma chi l’ha mai detto???

    • Gustavo

      a parte che la ricerca del nome ce l’hanno cani e porci ben prima che nascesse unity ( che siccome non sa come portarti ai software graficamente, ti chiede di scrivere il nome…) ma se non vuoi scrivere, il menù classico ti ci porta in un secondo e pure se non sai cosa stai cercando.. ci voleva la rivoluzione canonical per tornare a 20 anni fa col sorriso sulle labbra.
      Detto questo: il desktop è bello largo e serve per metterci le icone.. anche qui torniamo a vent’anni fa, ma no lasciamo i desktop bloccati o vuoti perché fa più ordine…

      • TopoRuggente

        Veramente no, visto che le applicazioni coprono il desktop, le icone sul desktop sono quanto di più scomodo possa esserci (non a caso esiste un tasto mostra desktop).
        Launcher alla AWN o alla synapse sono sicuramente più pratici.

  • alex

    sinceramente non capisco perchè tutti ce l’hanno con Ubuntu…. per me è l’unica distro che si distingue in un mare di derivate di derivate di derivate. certo anche Ubuntu è una derivata, però ha una sua personalità ed un suo stile. l’unica pecca è compiz, ma tanto con unity 8 non sarà più un problema.
    a livello grafico unity secondo me è davvero uno spettacolo, ed è anche molto facile e veloce da usare… ad esempio Molte volte ho letto di gente che si lamentava della dash dicendo che allunga il tempo necessario per trovare e lanciare un programma, secondo me non è così, infatti per lanciare un programma:

    GNOME 2

    spostare la freccetta sul menu

    click

    scendere sulla categoria giusta

    scendere fino al programma desiderato

    click

    UNITY

    premere tasto super

    digitare tre lettere del nome

    premere invio

    detto ciò mi pare ovvio che sia più veloce e facile lanciare un programma su unity, poi sono questioni di gusti.

    per quanto riguarda il progetto touch è decisamente avanti, basta guardare i video comparativi con android ed iOS ( poi ha una grafica molto accattivante ed una esperienza d’uso molto interessante ).

    per quanto riguarda la convergenza , essa è la cosa più importante al giorno d’oggi nel mondo della tecnologia, quindi è giusto che Canonical ci lavori.

  • mauerosolart

    personalmente anche io dopo il primo approccio con unity sono rimasto abbastanza “sconvolto”. era la prima versione, rimaneva lenta e poco fluida. son passato a lubuntu. ora invece con la 13.04 ammetto che invece è migliorata tantissimo e la trovo molto comoda per poter lavorare come computer desktop. rapida, intuitiva, veloce, tutto sotto controllo con il launcher. cercare file, applicazioni risulta rapido e veramente comodo. credo che in unity si possa comodamente avere una distro completamente out of the box,da poter usare direttamente su pc e desktop senza troppe configurazioni. secondo me han fatto un buon lavoro. concordo col dire che mir, risulta un progetto secondo me abbastanza dispendioso. era forse meglio contribuire a wayland, ma dopotutto essendo software libero, non è detto che possa essere un buon prodotto in grado addirittura di favorire al miglioramento di wayland.

    • Luciano Buffo

      io credo che come per unity, con mir avranno loro il controllo e quindi prendendo accordi commerciali con colossi della telefonia e la massiva vendita con dell possano rispettare e garantire i termini di consegna. Gnome Shell va lentissimo con i progressi, Wayland idem se ne parla da tempo ma ancora nulla.. credo sia questa la prima motivazione

  • enrico t.

    Sebbene faccia il tifo per wayland, credo che xmir abbia obbligato il progetto wayland ad un’impennata, la competizione fa bene. Ubunut ambisce a mettere un sistema operativo su tutte le macchine, speriamo che non diventi un android due la vendetta, da un punto di vista di licenze open source e sviluppo, ma che diventi linux su tutti i device e apra la strada alle altre distro. 🙂

    • ale

      Android 2 mi sa che ormai lo è già….

      • Salvatore Furnò

        quoto

      • Salvatore Furnò

        rispetto a debian cmq è molto instabile
        da quando ho lasciato ubuntu e messo debian ho respirato…

        • ale

          Debian è una delle più stabili,ubuntu è basata su debian sid,ma è anche più instabile di debian sid

          • Salvatore Furnò

            infatti

        • Nico

          In ufficio ho 2 pc fissi, un notebook ed un server, tutti con Ubuntu 12.04 LTS. Mai avuto alcun problema. Vedremo quando sarà il momento di aggiornare alla prossima LTS, ma, fino ad ora, ho respirato benissimo.
          P.s. ora sto postando da un notebook con Fedora 19 spin XFCE.

  • Maurizio S.

    La cosa bella del nostro mondo è la scelta. Chi è alle prime armi si troverà bene con Ubuntu, tanto cosa vuole sapere di Mir, Unity o altro. Mentre chi è esperto può scegliere la distro che più si adatta alle proprie esigenze e magari scegliere altre componenti come Wayland al posto di Mir, Xfce al posto di Unity, giusto per fare un esempio.

    • ale

      L’ utente alle prime armi si troverà di fronte a un sistema instabile messo su in qualche modo in pochi mesi (ossia mir) e tornerà a windows lamentandosi che linux fa schifo

      • Nico

        Esattamente quello che hanno fatto tanti utenti, non necessariamente alle prime armi, che hanno provato ad usare Archlinux. Per mandarlo a quel paese dopo il primo pacman -Syu.

        • TopoRuggente

          Se non sei alle prime armi e ti spaventa “pacman -Syu”, sei proprio disarmato.

          • Nico

            A me non spaventa affatto. Ma le rolling le lascio a chi ha tempo da perdere.

          • TopoRuggente

            Immagino solo debian e slackware allora ….

          • Nico

            No, Ubuntu LTS e Fedora, al momento. Slackware, però, la installo ancora, sulla macchina virtuale, così, per nostalgia… 😉

  • roberto mangherini

    “C’è proprio bisogno di creare un’unico ambiente desktop per desktop e mobili e sviluppare un proprio server grafico dopo aver per anni parlato di voler puntare su Wayland?” si

    se il server grafico mir serve a omogenizzare l’interfaccia tra desktop e dispositivi mobili, ben venga. se si può evitare di frammentare lo sviluppo si DEVE fare. mentre altri penseranno a fare 2 dispositivi, 2 interfacce , canonical ne farà una per tutti e 2. nel mondo dei pc, o ti specializzi su un solo tipo e speri che non si estingua (cosa che il mercato desktop e latop sta lentamente facendo) oppure tenti di espandere l’offerta limitando i costi, ovvero di rendere versatile il tuo prodotto.

    • abral

      Potevano fare la stessa cosa con Wayland.

      • roberto mangherini

        se si poteva allora perché sprecare risorse a creare un altro server grafico? non credo che sia un semplice capriccio di mark

        • Maudit

          Ancora con sta cavolata che “su Wayland” non si può fare?

          Le affermazioni di “Mark” fatte all’epoca dell’annuncio di MIR e riguardanti Wayland, sono state tutte puntualmente smontate, in quanto, nella migliore delle ipotesi, derivanti da incapacità degli sviluppatori di Canonical a capire come funziona Wayland, e nella peggiore delle ipotesi, menzogne dette in malafede.

          MIR serve a Canonical perché vogliono averne il controllo completo, leggere la CLA a tal riguardo. Non ci sono motivi tecnici, solo motivi commerciali.

          • roberto mangherini

            “MIR serve a Canonical perché vogliono averne il controllo completo”

            controllo completo -> lo sviluppano come vogliono.
            quindi , perché creare un altro server grafico quando ne esiste uno? per svilupparlo per i propri scopi.
            niente dietrologia o deliri di onnipotenza di un miliardario, lo dicono le tue parole.

        • abral

          E’ quello che si chiedono tutti infatti XD
          Mir non serve a nulla se non a frammentare ancora di più la situazione dei driver su Linux…

  • marco

    io uso ubuntu 12.04 con unity 2d e mi trovo benissimo, è stabilissima, velocissima, peccato che il progetto 2d sia stato accantonato… unity 3d, soprattutto su macchine non potentissime non funziona al meglio…

  • MastroAttilio87

    Forse mi sbaglierò, ma una cosa che mi sono sempre chiesto è: perchè Canonical non ha considerato di tenere i progetti separati come sta facendo la comunità di KDE con Plasma Active? Il tutto seguendo la logica che “un pc desktop è un pc desktop, un dispositivo touch è un dispositivo touch”, due cose diverse e separate. A volte mi chiedo come sarebbe stato se Ubuntu, finita l’era gnome2, nel settore desktop fosse diventata com’è Linux Mint oggi e, invece, nel settore mobile avesse sviluppato un’interfaccia specifica, magari anche uguale a quella che conosciamo con Ubuntu touch… non so, forse sarebbe stato tutto più semplice, e con meno malcontento… Io sinceramente non mi auguro, come qualcuno ha fatto, che Ubuntu sparisca dalla faccia della terra, mi dispiacerebbe moltissimo perchè io, come tanti altri, è proprio con Ubuntu che ho iniziato a entrare nel mondo del pinguino e questo non lo dimentico. Però non nascondo che delle volte certe scelte che sta prendendo Canonical mi lasciano un pò perplesso su Ubuntu e il suo futuro. Poi se avrà avuto ragione Canonical sarà il tempo a dircelo, ma al momento rimangono i dubbi e le preoccupazioni purtroppo. Bah, vedremo cosa succede…

    • Erika

      Canonical vuole guadagnare, ha tutto il diritto di avere il suo progetto come vuole, anche se lo sta portando verso una semi chiusura… che poi sia un risultato vincente non so, sta portando il DE verso il suo progetto… non so se GNU/Linux e la comunità la segua in questo, penso di no…

      • MastroAttilio87

        Eh lo so che vuole guadagnare e che vuole crearsi un progetto proprio, mica ho detto che non ha il diritto di farlo. Per me però era più sensato separare i progetti, questo è quello che penso 🙂
        Comunque vedremo se il tempo darà ragione a Canonical o meno…

        • Erika

          si hai ragione, ma poi aveva due progetti differenti e sarebbe stato un rallentamento…
          Condivido quello che vuoi dire 🙂

  • Tomoms

    Ma io mi chiedo: perché tutti si lamentano di unity quando “Launchpad” su OS X è assolutamente uguale (ma nessuno ha mai profferito parola)?

    • abral

      Perché Launchpad su OS X funziona bene. Unity non supporta manco il drag&drop di files…

    • ale

      Ma a chi piace osx,se a uno piace osx usa quello e non linux…

      • Erika

        a me piace tutto, uso quello che mi fa guadagnare… ma per sviluppo uso debian Xfce e il terminale….

    • ange98

      Questo perchè, a differenza dei linux-fanboy, i mac-fanboy (o almeno il 99,9999999%) non ammetterà mai che una determinata cosa del loro SO fa schifo oppure è inutile (in quanto io trovo più utile il finder) e piuttosto di infagare il buono e santissimo nome della mela morsicata preferiscono arrampicarsi sugli specchi 😉

    • Erika

      non ci si lamenta di Unity per il gusto di farlo….

      dipende come usi il PC, a me piace, ma non lo uso per problemi che ha Unity nel mio uso del PC, ripeto uso, posso dirlo? o stare zitta?

      Launchpad su OS X non mi ha mai dato problemi se non in piccola rilevanza, lo posso dire? o stare zitta?

      Windows 8 mi piace specie come touch, non mi dà particolari problemi, non lo uso se non per testare le mie applicazioni, lo posso dire? o stare zitta?

  • Wablesyashi

    “La release che ha dato la svolta è sicuramente la 8.04 Hardy considerata ancora da molti utenti (compreso chi scrive questo articolo) la miglior versione di Ubuntu.”

    Ora mi è venuta nostalgia.. !!

  • Luca

    Fino a qualche anno fa ricordo che ci si lamentava che Canonical avrebbe dovuto supplire a tutte quelle mancanze – mi riferisco ai piccoli ritocchi grafici, le utility, riorganizzazione dell’interfaccia e semplificazione – salvo adesso lamentarsi degli stravolgimenti.
    In questi anni Canonical ha lavorato molto e penso anche bene, perché in realtà sta trasformando/facendo di Linux un vero sistema operativo. Fino a prima avevamo un sistema e applicazioni che magari prese singolarmente producevano effetti straordinari ma nell’insieme non rendevano. Canonical piano piano sta ovviando a tutto questo, spingendo a 1000 anche sul piano commerciale, rendendo così Linux appetibile non ai produttori di hardware e software. Nessuna società aveva mai fatto leva su questo, e non penso per ragioni di principio legate alla libertà del software.

    Ubuntu 12.04 è attualmente installata come unico sistema operativo. Nessuna altra distribuzione in passato ha avuto questo posto nel mio hard disk, e ciò è dovuto principalmente al fatto che Ubuntu, checché se ne dica, fornisce garanzie non solo in punto di prestazioni ma anche come solidità e continuità del progetto.
    Inizialmente anche io ero tra i diffidenti verso Unity, oggi invece non riesco a farne a meno. Non mi sento nemmeno di prendere molto in considerazione le voci sulla sua lentezza, Ubuntu nei computer di ultima generazione dove la gente mette Windows 7 o 8 fornisce prestazioni di gran lunga superiori a questi.

    • Erika

      anche se in alcuni punti posso essere d’accordo, certamente Canonical ha portato vantaggi, Unity e altro, OK

      ma la frase:
      “In questi anni Canonical ha lavorato molto e penso anche bene, perché in realtà sta trasformando/facendo di Linux un vero sistema operativo”

      a parte la frase relativa Canonical ha lavorato bene… per il resto relativo ad “sta trsformando/facendo GNU/Linux un vero sistema operativo” non mi trovi d’accordo…
      Nel Kernel che fa? nei programmi GNU (che senza sarebbe inutilizzabile) che fa?
      Canonical sta facendo un lavoro meraviglioso questo sì, ma solo nel lato innovazione DE, ma il resto spiace dirlo sta portando confusione, vedi Mir vs Wayland, che a mio parere non sarebbe questo grande problema se non per il fatto che chi produce le varie schede grafiche devono (se vogliono) rilasciare diversi driver lavorerebbero il doppio, e qui nasce il problema di dover stare molto attenti a quello che si acquista, non dico che questo è meglio di quello, ci si potrebbe ritrovare con chi installa Ubuntu abbia bisogno di porting dei programmi GNU speciali/sicurezza con Gui e forse in ritardo rispetto alle versioni di rilascio, il che non sarebbe una sciagura immediata ma se si accorge di un bug grosso gli utenti Ubuntu sarebbero in difficoltà, e molti developer non è che rilasciano versioni per Mir se non rende vantaggio nel farlo, cioè se Mir sarà documentato benissimo OK se non sarà documentato (a che servirebbe?), non per difficoltà….

      per questo dico meraviglioso il proposito Canonical, ma attenzione alle chiusure, certo per lei sarebbe guadagno, ma per tutti un altro sistema chiuso…. o semichiuso… e altre polemiche…
      Ma ripeto Canonical ha tutto il diritto di fare quello che crede meglio, ma non certo avere il monopolio di GNU/Linux….

  • Marco

    uniti è sempre meglio di Win 8! almeno non ti obbliga a passare da ina interfaccia all’altra, lunica cosa che non mi piace sono quei innutili plugins di ricerca! infatti li ha copiati anche wIn 8.1 🙂 e se lo scelgono loro . . .

    • mario rossi

      puoi ripetere tutto in italiano per cortesia? XD

  • ange98

    Per quanto mi duole ammetterlo, Unity è stata la scelta giusta. Seriamente: pensate ad Ubuntu con GNOME Shell per l’utente principiante di Win 7: scapperebbe. Con Unity almeno c’è la barra a sinistra che può sembrare famigliare ai win7 users, dash è facilmente richiamabile, ecc.
    NB: solitamente sono uno Ubuntu hater, ma in questo commento volevo provare a lodarlo usando argomenti reali

  • delaroche

    Per me il vero problema non è affatto unity (che trovo bella, originale e comodissima), sono invece i milioni di bug di ubuntu a rendere questa distro un inferno! Puoi inventarti la cosa più “cool” e innovativa del mondo, ma se il resto del sistema è un colabrodo che diavolo me ne faccio?

  • carlo coppa

    Il problema di Ubuntu è il classico utente Linux, oggi si fa polemica
    su qualsiasi cosa Canonical faccia…Ora è normale che quando si fanno
    cambiamenti così radicali, qualcuno scappi verso altri nidi. Ubuntu in
    poco tempo ha creato una nuova shell, ci sono stati problemi ? Certo che
    ci sono stati ma al momento Unity risulta essere molto più stabile di
    quel che si crede e lo sarà di più con Unity8.

    Il mondo è
    cambiato negli ultimi anni, molti forse non se ne sono resi conto, i pc
    desktop non si vendono più e tutto si stà spostando su Notebook touch e
    tavolette e smartphone, quindi certe interfacce tipo Gnome 2.XX non
    avrebbe più senso e io tra Gnome Shell e Unity scelgo 100 volte Unity !

  • G.F.

    Mah, per quanto si possa criticare unity, alcuni progetti di Canonical ecc, sono poi fatti loro; la distro è comunque aperta per ora e adattabile se qualcosa non piace.

    Uno degli errori che, a mio parere ho avuto l’impressione di intuire, fatti da Canonical, è stato sempre quello di non avere un dialogo, o comunque una interazione che abbia dato un senso (sensazione) di collaborazione, nei confronti di tutta la comunità Gnu/linux, sempre un pò distaccata, quasi fuori “dal gruppo”. Questo ha generato piccola antipatia o comunque fastidio.

    • cybertty

      Sono d’accordo. Soprattutto sul “fuori dal gruppo”: la mia impressione è che Canonical stia tentando una “interpretazione” del sistema GNU/Linux, tale da conferirgli una identità ed una personalità che risultino accattivanti e competitive in linea con le tendenze del pubblico. La cosa (ammesso che io abbia capito bene) potrebbe avere risvolti sia positivi che negativi: positivi, perché se l’operazione riesce, il risultato è la creazione di un “mondo-ubuntu” che offre la possibilità di utilizzare non solo il PC, ma tutta la gamma di device (portatili, tablet, smartphone, etc.) in totale compatibilità ed interoperabilità, un po’ come avviene per il “mondo” microsoft e per quello apple, a tutto vantaggio della diffusione dei sistemi free e di conseguenza incoraggiando anche il relativo supporto HW da parte dei costruttori; negativi perché c’è il rischio (forse) di rimanere imprigionati dallo stesso ambiente che si è creato, nel momento in cui si presentassero cambiamenti di tendenza a cui tale ambiente dovesse faticare ad adeguarsi. Per spiegarmi meglio: penso a come tanti anni fa diversi produttori cercavano di fidelizzare la propria utenza creando propri standards personalizzati in modo che una volta adottato un sistema, tutto il resto doveva essere compatibile con questo e non poteva funzionare con altro; per fare un esempio, è quello che tentò IBM in ambito HW, quando creò la propria architettura “micro-channel”, strategia che però si rivelò fallimentare per effeto boomerang, perché l’utenza, piuttosto che dipendere dai prodotti IBM, preferì abbandonare il marchio a favore di altri più standard e che quindi garantivano maggiore compatibilità con qualunque altro device. Insomma: forse (e sottolineo forse) il rischio è di ritrovarsi TROPPO “fuori dal gruppo”, anche se sono convinto che in Canonical sappiano benissimo quello che stanno facendo; comunque sia, finché non si parlerà di “ubuntu secure boot”, per me sta bene… 😉

No more articles