BirdFont è un ottimo editor di font attraverso il quale potremo creare o modificare font pronti per essere utilizzati all’interno del nostro sistema operativo oppure condivisi.

BirdFont in Ubuntu Linux
Per dare una maggiore personalità i principali sviluppatori di ambienti desktop, sistemi operativi, distribuzioni Linux hanno deciso di sviluppare dei propri font. Esempio in Ubuntu troviamo di default il font Ubuntu, in Gnome il font Cantarell, in Windows ad esempio il font Calibri o MS Sans Serif in Mac inceve Apple Garamond, Lucida Mac ecc.
E’ possibile inoltre includere nuovi font alla nostro sistema operativo scaricando nuovi font oppure crearne di nuovi grazie agli editor dedicati come ad esempio BirdFont.
BirdFont è un completo editor di Font, open source e multi-piattaforma, che ci consente di creare nuovi font partendo da zero grazie ad un completo editor di grafica vettoriale.

Con BirdFont avremo a disposizione svariati strumenti in grado di facilitarci la creazione di nuovi font basati su grafica vettoriale che possiamo esportare successivamente nel formato SVG, TTF ed EOT (Embedded OpenType).
L’editor include anche la possibilità di salvare costantemente il nostro lavoro ed in caso di errore o ripensamenti vari possiamo ritornare facilmente alla versione precedente del carattere.

Attraverso BirdFont potremo includere anche immagini di sfondo nelle quali possiamo eseguire varie operazioni come ritaglio, rotazione e ridimensionamento, è possibile avere in ogni momento un’anteprima dei nostri nuovi font sia per ciascuna lettera o carattere oppure creando un testo, frase personalizzata.
BirdFont è disponibile per Microsoft Windows e Mac scaricando il software da questa pagina.
Per installare BirdFont in Ubuntu Linux o derivate basta digitare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:dhor/myway
sudo apt-get update
sudo apt-get install birdfont

Home BirdFont

  • Andrea Pennisi

    Nel fine settimana devo installare nuovamente arch, volevo sapere, la tua opinione se è meglio installare arch e poi kde, o Chakra?

    • Cioma3

       ciao
      per esperienza personale Arch è molto più veloce di Chackra (poi magari sul mio pc è un caso isolato), certo ti devi sbattere un pò di più a installare e configurare, però il risultato dovrebbe essere migliore.

  • Hanno fatto bene a rimuovere Appset-qt..appena installavo Chakra durante gli aggiornamenti mi bloccava tutto..anche dopo il riavvio kde-plasma diceva segnala errore ecc..

  • ZEB-DEMON

    appset alla prima installazione mi ha sputtanato il SO ed ho dovuto riformattare (lessi in ritardo il post “non aggiornate da appset”) >_>

  • Enrico Sorrentino

    vorrei tanto provare sta nuova versione, ma mi secca che non ci sia più una interfaccia valida per gestire pacchetti, se non ho capito male appset fa casino con l’installazione, degli update… ma installare tutto quello che mi serve da riga di comando è una rogna seria per me… credo che farò qualche test su virtualbox prima, per sincerarmi di come funziona… sembra un brutto passo indietro imho

    • Bruno Wolf

      puoi sempre installare appset.qt… 

    • guarda pacman è semplicissimo
      inoltre velocizza moltissimi processi
      esempio classico per aggiornare i repository e poi aggiornare la distribuzione con debian / ubuntu devi dare:

      sudo apt-get update
      sudo apt-get upgrade

      con pacman

      sudo pacman -Syu

      questo è solo un’esempio ma comunque se impari ad usarlo non riuscirai a farne a meno

  • DrakenRevenge

    Sinceramente, non comprendo tutto questo clamore per l’inefficienza di Appset…si sa che i computer sono stupidi…ma per risolvere questo problema io utilizzavo il…terminale cioè:
    una volta selezionati i pacchetti/aggiornamenti e cliccato su applica usciva una finestra temporanea che chiedeva se eseguire internamente ad appset o esternamente col terminale, ed io eseguivo da terminale. In genere questo dà la semplicità dell’interfaccia grafica e la “sicurezza” del terminale.

    P.S. ovviamente il metodo più sicuro è:leggi le avvertenze prima! 😀

  • Cavolo! Ottimo software per sviluppare nuovi font!

  • Hirabayashi Taro

    Ad occhio e croce mi pare ne abbia ancora di strada da fare prima di essere anche lontanamente raffrontabile a fontforge. Speriamo abbia lunga vita.

  • Emanuele Iannantuoni

    io ho provato ad usarlo e mi sono trovato molto bene. Non riesco però ad esportare il file in SVG (unica opzione a mia disposizione) e quindi ad utilizzare il font

No more articles