Il team phoronix ha testato la versione in fase di sviluppo Ubuntu 13.10 Saucy con i principali ambienti desktop, a vincere è sicuramente l’ottimo sviluppo del kernel e driver open source e proprietari.

Ubuntu 13.10 Saucy
Lo sviluppo di Ubuntu 13.10 Saucy sta introducendo le ultime novità prima di procedere al “freeze” data dalla quale lo sviluppo si concentrerà nella correzione di bug in modo tale da poter rilasciare una release stabile.
Oltre allo sviluppo di Unity e il nuovo server grafico MIR/XMIR ad ottobre troveremo diverse novità riguardanti anche le derivate ufficiali nelle quali troveremo un GNOME Shell più stabile e reattivo, un KDE ancora più competo grazie alla nuova versione 4.11 e un XFCE e LXDE ancora più maturi soprattutto il secondo dato che avremo a disposizione il nuovo Openbox e ZRam attiva di default.

Dal team phoronix arriva un’interessane test effettuato nella versione in fase di sviluppo di Ubuntu 13.10 Saucy nella quale oltre a Unity sono stati installati i principali ambienti desktop per valutarne le performance e soprattutto confermare come gli aggiornamenti, lo sviluppo del kernel e i nuovi driver open source / proprietari abbiano portato molte migliorie all’intera distribuzione sia in termini di velocità ma anche di sicurezza e stabilità.

Il test di phoronix è stato effettuato con la versione daily build di Ubuntu 13.10 Saucy 64Bit la quale attualmente viene rilasciata con Unity 7.1 successivamente il team ha installato dai repository ufficiali KDE 4.11, XFCE 4.10, GNOME Shell 3.8.4 e LXDE 0.6.0. La distribuzione è stata installata su System76 Gazelle Professional notebook rilasciato con Ubuntu Linux preinstallato con processore Intel Core i7 4900MQ con architettura “Haswell” octa core da 2.8 Ghz con scheda grafica Intel HD Graphics 4600 e 8 GB di memoria RAM.

Il test mette in evidenza soprattutto le qualità approdate in questi mesi dia da parte del Kernel Linux che driver open source e aggiornamenti vari che hanno reso sia Ubuntu con Unity che gli altri ambienti desktop molto performanti con ottime qualità grafiche. In alcuni test Unity vince grazie ad alcune ottimizzazioni per OpenGl sviluppate da Valve in collaborazione con Intel, Nvidia e AMD sulle performance del sistema possiamo dire che 5 ambienti desktop si equivalgono.
Ad ottobre il test sarà ben diverso da questo dato che in Ubuntu avremo di default il nuovo server grafico MIR il quale attualmente sta portando performance quasi simili a X.org. Staremo a vedere quindi se il nuovo MIR sarà davvero migliore del buon vecchio X.org aspettando che approdi Wayland che arrivino ambienti desktop nativi per i nuovi server grafici.

Il test di phoronix lo potete consultare da questa pagina.

  • si può dire che le performance sono le stesse con DE diversi, però è curioso vedere che xfce è quello leggermente meglio rispetto agli altri DE, bisogna vedere se il compositing era attivato o meno

  • ge+

    che LXDE abbia performance uguali o addirittura inferiori agli altri DE non ci credo, mi sembra una vera fesseria. Idem per XFCE (anche se è ovviamente più pesante di LXDE). Ma quanto sono attendibili questi test?

    • Andrea Cucchi

      E in quello è ancora niente, se leggi l’articolo completo della fonte (linkato in fondo all’articolo) con altri test i risultati sono addirittura ancora più sorprendenti, certo, Unity ormai è un ambiente sviluppato con la stretta collaborazione di Nvidia, Ati e Valve, può quindi disporre di un trattamento “di favore”, però solo due anni fa nessuno si sarebbe aspettato vedere il nuovo Unity essere tanto performante rispetto agli altri ambienti grafici.

      E non è ancora stato implementato Mir a dovere, chissà in futuro.

    • UbuntuWillRule

      Sono attendibilissimi e proprio gli stessi che mettevano in evidenza il gap di performance di Unity quando era nelle sue prime versioni. Tra l’altro consiglio a tutti di andare a vedere i test completi su Phoronix, questo perche’ risulta nettamente in svantaggio KDE rispetto a tutti gli altri, mentre il vincente e’ XFCE, ma di pochissimo confronto agli altri. Unity si avvicina moltissimo.

      • alien321

        Ma anche no, Se ti riferisci al test Qgears2 sarebbe meglio che oltre a leggere un benchmark anche se lo capisca.

        In quel test è stato usata l’opzione xrender che per definizione fa schifo. Sinceramente non so perche è cosi lenta ma poco importa dato che non dovrebbe MAI essere usata.

        ps

        Per la cronaca ho scaricato e compilato Qgears2 e i risultati con xrender sono uguali a quelli di phoronix, ma usando OpenGl ottengo Frame Rate di 800 FPS senza problema.

  • TopoRuggente

    La maggioranza sono test di “disegno”, io credo abbia un valore assolutamente relativo essendo che il tempo di disegnare l’interfaccia è molto inferiore al tempo di visualizzare i dati.

    Pare quasi un giudicare una automobile dal tempo che ci mette ad accendersi …

    Inoltre (sebbene utente gnome) trovo assurdo applicare GTKPerf a KDE …

  • picomind

    1° Con i7 di ultima generazione e 8GB di ram le differenze anche se ci sono non si notano
    2° usare le daily che non sono neanche un beta1 mi sembra prematuro
    3° no trovo giusto che installano ubuntu con Unity poi aggiungono KDE, XFCE, GNOME Shell e LXDE

    • loki

      3° e ridaje… e cosa cambia? sempre un desktop alla volta gira…

      • ospite

        non è esatto..prova a lanciare il system monitor o meglio “htop”, ti accorgerai che (almenu su ubuntu) molti servizi di altri DE partono all’avvio, soprattutto di KDE

    • XD provassero su pc da scaffale che li vendono con 3GB di ram al massimo 4 GB e un i3 te lo spacciano per l’ottimalità di performance XD

      • TopoRuggente

        Mia figlia usa un Athlon X2 con 3Gb (anche meno di un I3) e Gnome Shell gira che è una bellezza.

        • Non lo metto in dubbio tuttavia la reattività di DE pesanti si nota solo con pc “da scaffale” è logico che su pc corrazzati non si nota la differenza, anche io ho un core2duo con 3 GB di ram a casa e xfce ci gira benissimo, kde ad esempio con tutti gli effetti al quinto sesto programma di peso in esecuzione arranca… XFCE al sesto le differenze sono minimali ma si sentono.

        • ange98

          Curiosità che non centra nulla col DE o opinioni personali: che distro hai messo? (Sono serio, sarei curioso 😀 )

    • Gustavo

      sono d’accordo, ogni tanto phoronix usa modalità di test quantomeno curiose..
      Più che altro unity viene sviluppato 24 ore su 24 da una buona fetta di canonical e viene paragonato a DE che vengono incastrati nei repository alla bell’e meglio, non credo sia un test molto attendibile

  • luca

  • fedefigo92

    xfce sarai mio!!sei il migliore e aggiornerò la mia lubuntu 13.04a xubuntu 13.10…poi con la docky sotto diventa bellissimo anche xfce

  • Maudit

    G+, Martin Gräßlin, sviluppatore di KDE Plasma:
    ——
    Come è noto, considero i benchmark di Phoronix assolutamente inutili. Questo grafico lo evidenzia graziosamente. Tutti i desktop testati hanno esattamente lo stesso frame rate. Il che significa che la presupposta rilevanza dei desktop sul frame rate non esiste.

    Ovviamente il fattore limitante è qualcos’altro e quindi il set di test è inutile. Il fattore limitante è presente in tutti i test e non sappiamo cosa sia e come interagisce con il set di test.

    Ma la gente userà ancora questo benchmark per sostenere che KDE Plasma è più lento. E se mostrate a quelle persone questo post, quelle diranno che ora io sono in fase di “negazione” dell’accettabilità dei benchmark. L’opzione che i benchmark siano fatti in modo errato non esiste in questo mondo.
    ——

    • D4rK Br41N

      forse hanno solo sbagliato ad utilizzare una tipoligia di batteria di test o suite di benchmark che non fa emergere differenze magari non trascurabili sotto altri punti di vista, tipo consumo di ram, reattivita’ della UI ecc.

    • li ho provati tutti, ma sono stato sempre fedele a KDE! Dite tutto quello che volete ma è l’unico con cui mi trovo benissimo.

  • ArchTux

    Valutare le performance di un DE controllando il framerate di un gioco mi sembra alquanto demenziale…

No more articles