Gli sviluppatori del Kernel Linux stanno già pensando le novità da approdare nella prossima versione 3.12, tra le candidate troviamo le ottimizzazioni per il modulo zRAM il quale è sarà già attivo di default.

zRAM nel Kernel 3.12
In concomitanza con il rilascio della sesta release candidate per Linux 3.11, Linus Torvalds ha parlato dello sviluppo del Kernel in questi ultimi otto anni in Git. Il nuovo Kernel 3.11, a parte alcune correzioni, è ormai pronto a debuttare nelle prossime release tra queste anche Ubuntu 13.10 Saucy che arriverà ad ottobre in versione stabile e la prossima Fedora 20 il cui rilascio è previsto per novembre.
Gli sviluppatori sono impegnati nello sviluppo delle novità che verranno integrate in Linux 3.12 tra queste troviamo anche le ottimizzazioni per zRAM il quale dovrebbe essere già attivo di default.

zRAM è un modulo del Kernel Linux che va a migliorare le performance soprattutto in sistemi con poca RAM disponibile andando a comprimere blocchi memoria per evitare il paging del disco.
Troveremo zRAM già attivo di default in Lubuntu 13.10 Saucy distribuzione molto leggera utilizzata in pc datati con poche risorse disponibili o nella versione ARM in single board o box tv Android.

La proposta segnalata da Minchan Kim, sviluppatore del Kernel Linux, è quella di sposare il modulo di zRAM dall’area driver e staging in driver/blocks in modo tal da averlo già attivo di default.
zRAM oltre ad essere utilizzato in molte distribuzioni Linux viene utilizzato anche in Android attraverso le ROM CyanogenMod. Da notare che tra gli interventi di ottimizzazione di zRAM troviamo molti commint targato Google, difatti l’azienda americana già utilizza di default zRAM per ChromeOS.

E’ molto probabile quindi che zRAM sia già attivo di default nel Kernel Linux 3.12 starà poi agli sviluppatori delle varie distribuzioni Linux, ROM Android ecc a decidere se tenerlo o meno attivato di default.
Per gli utenti Ubuntu o derivate ricordo che è già possibile attivarlo sulla propria distribuzione seguendo questa guida.

No more articles