Gran parte del web del mondo dipende da Google, a confermarlo è un recente down accaduto nei giorni scorsi che ha portato al crollo del 40% del traffico web globale.

Nato come un semplice ma rivoluzionario motore di ricerca, Google ormai dispone di moltissimi progetti gratuiti e a pagamento. Oltre ad avere un motore di ricerca numero uno al mondo, Google dispone anche di GMail completo servizio email, il social network Google Plus o G+,  servizi di pubblicità online con Adword e Adsense,  YouTube, Blogger, Google Maps, Picasa, Google Drive, il browser Google Chrome e la versione open Chromium, Chrome OS fino ad arrive ad Android il sistema operativo mobile più utilizzato al mondo.
Gran parte di questi servizi sono utilizzanti ogni giorno da milioni di utenti e si basano prevalente sul web utilizzandone circa il 40% del traffico web globale.

A confermarlo è un recente down accaduto nella giornata di venerdì 16 agosto quando dalle 23:52 alle 23:57 gran parte dei servizi web di Google .com (compreso il motore di ricerca) sono rimasti irraggiungibili per 5 minuti. In quei cinque minuti il traffico web globale è calato del 40% cifra veramente incredibile dato che si parla di quasi la metà del traffico internet al mondo.

Google ogni secondo gestisce nei propri server una quantità impressionate di dati, per garantire una maggiore sicurezza e stabilità l’azienda di Mountain View utilizza principalmente Linux nei propri server.
Grazie anche a Linux, i sistemi forniti da Google sono abbastanza sicuri e molto stabili dato che il down precedente risaliva al gennaio 2009 dove i servizi di BigG rimasero inaccessibili per circa 50 minuti.

Da notare inoltre che il down di Google ha riversato milioni di utenti verso Twitter, secondo il grafico di Topsy alla ricerca di risposte e info varie sui servizi Google inattivi. Google in data odierna non ha rilasciato nessuna informazione riguardante di down di 5 minuti dei propri servizi, se causato da problemi interni o da attacchi di malintenzionati o altro ancora.

via – engineering.gosquared

No more articles