Mancano ormai poche settimane al rilascio del nuovo Gnome 3.10 versione che oltre al nuovo GTK+, Mutter e GNOME Shell includerà il supporto per il nuovo server grafico Wayland.

GNOME 3.10
I developer GNOME stanno terminando i lavori per la nuova versione 3.10 che arriverà in versione stabile il 25 settembre. GNOME 3.10 porta con se numerosi cambiamenti e ottimizzazioni varie che rendono Gnome Shell sempre più stabile e maturo. Caratteristica molto importante di GNOME 3.10 è il supporto per il nuovo server grafico Wayland che secondo gli sviluppatori porterà in futuro tantissime migliorie al desktop environment del piedone. Da notare inoltre il nuovo supporto per le estensioni di Gnome Shell che ci consentirà di aggiornarle automaticamente senza alcun intervento da parte dell’utente.

Importanti novità arrivano da GTK+ che con la versione 3.10 includerà delle implementazioni per X11 e Wayland, durante i primi test sulla versione in fase di sviluppo 3.9.12 si è notata una maggiore stabilità e soprattutto reattività indicando che il nuovo server grafico in GNOME porterà sicuramente grossi vantaggi sia da parte delle performance che in sicurezza e stabilità.
L’ultima versione in fase di sviluppo 3.9.99 di Gnome Shell ha portato notevoli migliorie riguardanti il compositor di Wayland e il window manager Mutter che oltre a ottimizzare le nuove funzionalità, le nuove animazioni e il supporto per le nuove applicazioni come Photos e Video.

In questo mese che prece il rilascio della versione stabile di GNOME 3.10 gli sviluppatori lavoreranno principalmente sulla stabilità della nuova versione correggendo i vari bug attualmente riscontrati.
Il nuovo GNOME 3.10 lo troveremo di default in Fedora 20 mentre non è ancora confermato se arriverà o meno in Ubuntu GNOME 13.10 Saucy. Sarà molto interessante testare il nuovo GNOME 3.10 in Arch Linux, distribuzione che già da mese include nei repository ufficiali il nuovo server grafico Wayland.
Per conoscere le principali novità di GNOME 3.10 consiglio di consultare questo nostro articolo.

No more articles