Nuovo aggiornamento per il set d’icone AwOken che con la nuova versione 2.5.2 aggiunge le nuove icone per LibreOffice, importante novità anche per kAwOken che si aggiornano alla versione 1.5. Ecco come installarle in Ubuntu e derivate.

AwOken 2.5.2 e kAwOken 1.5
AwOken è uno dei più apprezzati ed utilizzati set d’icone per Linux (e non solo dato che sono presenti anche in alcuni temi per Android).
Nate come icone monocromatiche, negli ultimi aggiornamenti sono approdate anche nuove icone colorate dotate di look minimale e di uno script in grado di personalizzarle una ad una conforme le nostre preferenze. Dal successo delle icone AwOken è arrivata la versione dedicata per ambienti desktop KDE denominata kAwOken la quale include un maggior supporto per applicazioni di default in KDE / Kubuntu e ottimizzazioni per il file manager Dolphin ecc.
Dal PPA AwOken è da poco approdata la nuova versione 2.5.2 di AwOken aggiornamento che va a correggere alcuni bug riscontrati nella recente versione 2.5 ed include le nuove icone per LibreOffice completamente rivisitate con un look più moderno. AwOken 2.5.2 aggiunge nuove icone per le Web Apps di Ubuntu Unity e nuove icone rivisitate per le applicazioni Spotify, Darktable, Rdio, Zim, Geary, Terminator, Uget, Snappy, p7zip, ecc

In concomitanza con l’arrivo di AwOken 2.5.2 è arrivato il nuovo set d’icone kAwOken 1.5 il quale include il supporto per Kubuntu 13.04 Raring e 50 nuove icone per XFCE 4, nuove icone per Ubuntu One inoltre troviamo rivisitate bel 400 icone.

AwOken 2.5.2 e kAwOken 1.5 è già disponibile per Ubuntu 12.04, 12.10, 13.04, 13.10 e derivate attraverso PPA AwOken basta digitare da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:alecive/antigone
sudo apt-get update

Per installare le icone AwOken

sudo apt-get install awoken-icon-theme

Per installare le icone kAwOken

sudo apt-get install kawoken-icon-theme

AwOken 2.5.2 per Arch Linux – AUR
kAwOken 1.5 per Arch Linux – AUR

Home AwOken
Home kAwOken

  • nowardev

    mah io non lo so molto stabile … archlinux …mah  dipende da mne è stata disastrosa.

    1 non parte con le intel , e vaffa
    2 dopo lettura = perdita di tempo allucinogena irc bestemmiando in kazukistano si è arrivati a un boot …
    3 avviando kde errori multipli al login

    = fail totale di arch cestinata prima di subito.

    ora se uno vuole star li a perder tempo bene si mette e si legge tutte le wiki io non ho voglia e mette kubuntu parte e via.

    • Beh come darti torto..per uno come me installare Arch richiede tantissimo tempo, perchè fino ad ora ho usato solo apt-get o zypper, non ho idea di come si usa AUR o pacman sinceramente

      • Luca Cosco

        se non fosse che arch richiede tre aggiornamenti giornalieri…. quando la installai mi diede meno problemi di ubuntu o debian….veloce precisa….nessun problema…sia con gnome che con openbox  

      • nowardev

         ma per quello ti fai un bel alias su bashrc e vivi tranquillo
        e zypper cmq è sotto apt per esempio non ha autocomplete , almeno di default ,

        con apt io mi sono fatto alias con autocomplete 😀

      • Av250866

        Un anno fa, dopo 5 anni di *buntu varie (e millemila distro testate in virtualbox), in una domenica pomeriggio di tempo libero mi sono installato la Arch + Xfce seguendo tranquillamente le guide assolutamente dettagliate e complete.
        Unico problema il riconoscimento di un mouse un po’ strano (Cyborg RAT5) che ho risolto con un quarto d’ora di google.

        Devo dire che trovo Arch perfettamente soddisfacente e soprattutto molto più semplice di Ubuntu e famiglia a livello di filesystem, configurazioni, ecc.
        é perfettamente stabile e con uno scriptino che richiama yaourt e pochi altri comandi la tengo sempre perfettamente aggiornata, pulita ed in efficienza.

        Non voglio fare paragoni perchè non credo che la filosofia di Arch o di linux sia quella di fare proselitismo.

        Mi limito a riportare quanto sperimentato personalmente, e se qualcuno mi chiedesse che distro installare gli consiglierei Xubuntu se è un novizio o Arch se ha un minimo di famliarità con la console e 4 ore da perdere.

    • RobertoCalabrese

      Io ho installato archlinux proprio ieri su un laptop con sceda video intel e funziona perfettamente… forse non hai installato il driver? In tal caso

      pacman -S xf86-video-intel        <— 32 bit
      pacman -S xf86-video-intel lib32-intel-dri  <— 64 bit

      • nowardev

         beh se leggi bene ho scritto che kde si avviava con errori multipli quindi il driver era caricato => è un bug del kernel driver scelti dai furboni di arch

        ovvio che so usare linux non è che mi sono arreso

        ma se per caricare una stupida intel devo svenarmi a cercare beh francamente … su 4 giga di ram… 200 mega non sono nulla

        • Bubz

          Non ti devi svenare: devi installare un driver per qualsiasi scheda video tu abbia altrimenti zebra X! Mi sa che wiki l’hai guardato con il binocolo…

          “O zio, ho provato la nuova Ferrari ma era una cacca: non si accendeva neanche! Ma c’hai messo la benza?”

          • nowardev

            hai letto che kde è partito ? lo hai letto ? secondo te kde parte senza X? hahaha vabbe

            difendere l’indifendibile è inutile …

          • Bubz

            Facciamo cosi (mi scuso con Roberto): vieni su archlinuxitalia e posta li i tuoi problemi e sicuramente i guru (non io che sono un super newbie) vedrai che saranno in grado di darti una mano! Se non lo fai, perdonami, ma sei solo un “chiaccerone”! Ti aspetto di “là”!

          • nowardev

            ma no per i motivi che ho detto è la filosofia che non va magari mi si risolvono ora poi mettono gli ultimi driver e mi si sputtana tutto no grazie 🙂

             il fatto che io abbia chiaccherato molto su arch è perché l’ho provata ma al contrario di roberto ritengo arch una distro di nicchia instabile in quanto rolling confermato dal mio problema sia con chakra che con arch

          • Bubz

            E dagli: NON PUOI RITENERE NULLA! Non l’hai provata! Puoi dire che non sei stato in grado di installarla e non che  è instabile! Siamo alle comiche!

          • nowardev

            ma tu sei fuori come un balcone ….

            prima non capisci che il driver era installato e mi dici di installarlo mentre io dico che kde è partito …ti rendi conto che il ridicolo sei tu?

            adesso vien fuori che non hai capito che era installata ma se kde è partito secondo te … nn era installata?

            kde è partito………………………………. cosa significa ? ma sai le basi? no perché io inizio a pensa che tu non sappia un caiser xD

            l’ho installata e l’ho tenuta un mese

            hahahhah

            oh ci fai o ci sei

            kde partito cosa vuol dire ?

            vediamo se lo capisci che era installata o no

            qui mi sa che lo zio è rinco forte perch* è  é tre volte che gli dico che la benza c’era e cccome e ho provato ad accendere la ferrari per 4 settimane e si è pure accesa ma andava a singhiozzo e sono tornato alla mia bella mercedes benz e fanculo la ferrari

          • bello l’esempio 😉

        • Dubito che possa trattarsi di bug “di Arch”, dal momento che non modificano praticamente nulla del software distribuito: a questo punto o era un qualche errore umano oppure il bug è a carico del “kernel/driver” come dici tu, e dunque in tal caso se con ubuntu ti funge vuol dire che Canonical ha patchato mentre gli sviluppatori upstream hanno fatto miseramente cilecca. Ti sembra probabile o anche solamente possibile? 🙂

          • nowardev

            beh i driver sono scelti dalle varie distribuzioni , c’è chi li aggiorna prima chi dopo chi fa dei test …  o chi fa il pirla ultimo grido butta su e poi non va una sega

            è evidente che il driver usato da arch non funziona a dovere io non ricordo e neanche voglio capire che cosa c’è dietro se un problema lato kernel o lato driver o o o ti dico che per risolvere il problema ho dovuto editare la linea su grub e lo ribadisco : da wiki arch

            Blank screen during boot, when “Loading modules”

            If you are using “late start” KMS and the screen goes blank when “Loading modules”, it may help to add i915 and intel_agp to the initramfs. Se  kms above.

            Alternatively, appending the following to the kernel command line seems to work as well:

            video=SVIDEO-1:d

            quindi non sono balle lo sanno che c’è sto problema , tra parentesi chakra non parte … hahah non parte proprio si blocca al bott anche lei e scommetto per lo stesso motivo altro che driver non caricato o non installato … stesso cd messo una macchina con ati è partito …

            ma questo +è inaccettabile su schede con driver open
            non puoi usare driver non testati bene

            a sto punto cosa gli vieta di usare driver audio chenon  andranno tra 2 3 upgrade? o magari driver per il mio lettore di schedine ? arch è un eterna testing

            io non mi voglio rompere il cazzo con i driver ma proprio per nulla  quidni per me non è stabile non è veloce e non è facile è di nicchia per chi vuol imparare e ha tanto tempo da perdere …

             
             

          • Mi spiace per la tua esperienza negativa, fortunatamente non ho trovato riscontro, nella mia esperienza, di nulla di cui tu parli, anzi per me è stato un toccasana approdare ad una distribuzione pulita e trasparente, per quel che mi riguarda (e sottolineo, si parla di gusti PERSONALI) ubuntu (cui riconoscerò sempre il merito di aver fatto avvicinare definitivamente a linux molte persone, me compreso) è diventata troppo appesantita da personalizzazioni e altre modifiche abbastanza sostanziali, ad esempio trovo il nuovo centro software un po’ pesante e troppo “commercializzato”.
            Ogni utente poi deve trovare la “sua” distribuzione, non può esistere la pretesa che tutte piacciano a tutti.In tre parole, come ho detto prima, a ciascuno il suo. 🙂

    • oldpc

      arch con gnome è molto stabile invece…è chiaro che va installato con cognizione, e se uno non ha voglia di leggere una wiki chiaro che non lo installa. ma che sia una scheggia, questo sì, e pacman è iperfunzionale e semplice

      • nowardev

         perche ci devo caricare gnome?
        io uso kde cioè…

        kde è stabile se i pacchetti sono fatti bene non vedo perche devo cambiare desktop

    • Mons

      Ragazzi state parlando con uno che non ha neanche lo sbatto di leggersi la guida all’installazione e critica un programma… -.-” Rispondergli è una perdita di tempo. Io uso Arch con gnome-shell e va che è una meraviglia.

      • nowardev

        mi dispiace per te ma mi sono letto la wiki

        https://wiki.archlinux.org/index.php/Intel

        e mi sono detto … perche devo perdere tempo con ste cose quando le altre distro lo fanno per me ?

        capisco fosse stata una ati non supportata o una nvidia ma una fottuta intel.. beh no. mai avuto problemi con le altre distro in 45 anni con arch manco è partito il pc … vabbe chiamiamola sfiga ?

        installo kde e voila’ errori multipli al login ? altra sfiga? o pacchetti fatti alla cazzo di cane? con dipendenze fatte male?

        io so cosa sono i driver come compilare ma di certo non ho voglia di perdere tempo.

        btw
        io ho scritto

        “mah  dipende da mne è stata disastrosa.”

        e sottolineo *mne* aka me

        • Bubz

          Non ti funzionava la Intel: che strano il pc che sto utilizzando ne ha proprio una. Forse durante l’installazione bastava un  bel pacman -S xf86-video-intel e veniva magicamente installata?

          Perdonami, anch’io non sono “nato imparato” ed il mio cammino per arrivare ad arch è stato discretamente lungo (Ubuntu > Mint > Crunchbang > Archbang > Arch) però ora, dopo aver, come tutti, “messo le mani” in pasta, non tornerei più indietro. Certo per ottenere i risultati occorre un minimo d’impegno: se preferisci la “strada comoda” allora va bene il tuo discorso!

          Bubz

          • nowardev

            gia perche tutte le intel sono come la tua…. beh francametne … fa un po ridere

            caz oh ma non leggete …. o fate finta di non leggere.

            kde è partito = driver installati

            è ovvio che quel pacchetto chehai indicato era installato tuttavia al boot non andava una bella sega…altrimenti sarei qui a lamentarmi ? mah
             
            porco zio c’è scritto pure sulla guida che ho postato di arch… che è un problema e che si fixa solo con un diavolo di parametro  adesso faccio copia e incolla e vediamo..

            Blank screen during boot, when “Loading modules”

            If you are using “late start” KMS and the screen goes blank when “Loading modules”, it may help to add i915 and intel_agp to the initramfs. See KMS above.

            Alternatively, appending the following to the kernel command line seems to work as well:

            video=SVIDEO-1:d

             il punto è che arch non è ne facile ne veloce ne stabile.

             e per 200 mega in piu di ram usage non vale la pena su pc semimoderno da 300400 euro.

          • Bubz

            Mi spiace: non sei in grado di risolvere i tuoi problemi e quindi non sei neanche nella situazione di poter dar commenti (non è facile? Se si ha voglia d’imparare è facilissimo, certo però che se si vuole che Arch faccia tutto da solo allora non fa per te! Non è veloce? Ma cosa ne sai, se non l’hai mai provato? Non è stabile? Come la risposta di prima? Prima provi, poi commenti! “Quella pizza fa cagare! ma l’hai assaggiata? No!”!

            Bubz

            P.S. Non sono un talebano di Arch (anche se mi ci trovo benissimo e penso lo utilizzerò per moltissimo tempo) ma non mi piacciono i commenti fatti da chi non ha mai avuto la possibilità di provarlo. Se abiti dalle parti di Milano, portami il pc che te lo installo io e poi ci fai una bella recensione! 

          • nowardev

             
            i miei problemi ? hahahah i problemi di arch !

            se dico ad arch di installarmi il driver e non funziona è mio problema? NO

            se dico ad arch di installarmi kde e si avvia con errori multipli è un mio problema ? NO

             la realtà è che arch non è adatta a tutti e non lo vuole neanche essere.

             arch è adatta a chi ha tanta voglia di Leggere , io son 45 anni che faccio supporto a ubuntu sviluppo le mie cose per kde … giusto perché sono noob

            e arch è una distro che non consiglierei mai per un uso quotidiano a livello di macos o windows

            semplicemnte è una distro di nicchia studio come gentoo e chakra e similari

            hahahah non sei un talebano ?

            porello sei tu che non sai neanche leggere io i problemi di avvio li ho risolti con la guida ma questo è ingiustificabile su una intel.

            malafede nel commento e incapacità di comprensione insita come fai a dire che non ho provato arch? l’ho tenuta un mesetto insieme a suse e kubuntu  ho citato la guida e ancora insisti … 🙂 va beh arch è la migliore è stabilisima ma io non la userei mai perche ha i pacchetti e il kernel fatti a cazzo di cane.

            mi spiace ma se installo kde e al login da errori multipli  vuol dire na cosa

            i pacchetti sono fatti a cazzo di cane. non ci sono storie.

            kde ben pachettizzato su debian non fa una piega è un dato di fatto.

          • pacchetti fatti male?????
            i pacchetti sono secondo 100000 volte meglio gestiti che non su deb e rpm sopratutto perchè ripuliti di molte info inutili che aggiungono peso al pacchetto e lentezza nell’installazione
            prova ad installare o aggiornare libreoffice ad esempio e vedrai che per la stessa applicazioni con deb/rpm ti verranno chiesti almeno 150mb di pacchetti contro 80/90 di arch e l’installazione di essi è molto più veloce che non con deb
            prova a notare come è realizzato aur con un semplice file di testo PKGBUILD permetti di realizzare e condividere qualsiasi pacchetto o applicazione, con debian ed esempio è molto più complesso e laborioso dobbiamo creare la cartella debian, i vari chagelog rules ecc e poi se voglio condividerlo o carico su launchpad o creo un mio repo
            qua basta caricare il PKGBUILD su aur e sei apposto 😉
            un’altro mondo ….

          • nowardev

            dei 150mb o dei 90 mb … è un discorso ridicolo se hai uno scassone di
            pc … force ci sta….. ma attualmente è come farsi fisime per aver messo
            un  dischetto da 1.44

            e poi il mio pc ha 4 anni 130giga di hd una linea adsl da 7 mega sai che differenza?
             

            ok allora vediamo se i pacchetti sono fatti bene ..

            come mai all avvio kde aveva errori multipli ?
             

            cosa vuoi che ti dica arch qui ha fatt fiasco

            1 al boot con driver intel installati = ho ottenuto il bel messagino di errore e il terminale

            2 modificando come riportato sulla guida e caricato kdm login = errori multipli e poi finalmente il desktop

            sara’ sfiga? o pacchetti fatti male?
             
            decidi tu , di certo non è una distro che consiglierei.
             

            sull installazione molto piu veloce .. hai  ragione ho notato anche io  ma il gioco non vale la candela  per me era ed è rimasta una distro di nicchia.

            ubuntu invece ha intrapreso quello che è l equilibrio se vuoi … impari
            se non vuoi usi il pc per quello che devi fare e non ti fai fisime inutili e cmq se avessi uno scassone di pc userei puppylinux. 50mb di ram occupati o 60 una roba cosi 😀

          • Non è un segreto che Arch non sia una distribuzione per chi non ha tempo. Nota: non per utenti esperti, ma per chi non ha voglia/modo di spenderci tempo. Dopo almeno 7 anni di linux primariamente con Ubuntu sono passato abbastanza recentemente ad Arch. Ho letto la guida (non studiato né imparato a memoria), tutto è andato a buon fine al primo tentativo.  Inoltre tengo attivi anche i repository testing, non ho mai avuto un singolo problema dovuto ad aggiornamenti (a parte un recente problema con i driver proprietari nvidia, che si tratta di un problema upstream di nvidia stessa visto che la politica di sviluppo di Arch è di fornire pacchetti vanilla quasi mai patchati salvo situazioni estreme). Trovo AUR una genialata assoluta e, per chi si lamenta dei bugs, è facile lamentarsi se si viene da Ubuntu che ha ereditato i pacchetti da Debian, è chiaro che quasi ogni cosa esistente sia stata pacchettizzata.Arch esiste da pochissimo tempo comparata con debian/red hat/slackware etc, e gli sviluppatori sono notoriamente MOLTI DI MENO rispetto all’immensa quantità di persone che stanno dietro Ubuntu. AUR nasce proprio per diffondere software che, per una ragione o per un’altra, non è stato ancora pacchettizzato e incluso in un repository. Qualsiasi utente può pubblicare su AUR, è questione di pochi minuti. La filosofia che sta dietro ad Arch non porta ad avere la pappa scodellata, devi sporcarti le mani e se sei una persona che ama le sfide e l’apprendimento, fidati, non potrai non amarla. Ho appreso di più in 3 mesi con Arch (e ripeto, non ho studiato né imparato a memoria NIENTE, ho solo seguito le eccellenti e completissime guide disponibili sul wiki) che il restante tempo passato con altre distribuzioni più “user-friendly”. 
            Inoltre, trovo pacman un gestore di pacchetti davvero eccellente, non ho mai avuto problemi di alcun genere, mentre, ahimè, sarò stato io a sbagliare ma apt-get (che comunque apprezzo) qualche problemuccio qua e là me l’ha dato. Tutta la questione è: sei disposto a utilizzare molto tempo ma sopratutto ad imparare cose nuove? La difficoltà diventa solo di secondo piano, nulla è inaffrontabile.

          • ange

            Adesso non è che se tu hai avuto un caso a parte puoi farne un caso globale. Sarebbe come dire: Ho comprato una ferrari ma ho avuto continui problemi col motore. – Provato a cambiarlo o a cercare soluzioni? – macchè sei pazzo! È un problema della MIA macchina non mio.
            Gentoo è di nicchia/studio? Perchè non lo dici a Bill Gates?

          • se mi mandi tutto il tuo hardware ti invio tutti i pacchetti corretti da installare con arch

          • nowardev

            no guarda l’ho avuta per un mesetto bene o male ha funzionato tutto

            ci ho messo una bella giornata ma sinceramente mai piu per un motivo ben preciso:

            1 …. il fatto di avere dei problemi con la intel è inconcepibile. questo per me vuol dire assoluta instabilita e mancanza di testing da parte di archdevs o chi fa sta roba

            2 ho un dual core cpu 32bitti  intel 945gm
            1.5 di ram e kubuntu debian e suse fanno il loro lavoro senza rallentamenti
             
             

          • Luca Lo Verde

            A ciascuno il suo. 

          • Oscar

            Anch’io ho avuto problemi con la scheda intel. Ho tentato e ritentato per un giorno intero, ma niente. Non partiva l’installazione. Ho seguito la guida, fatto tutto quello che consiglia per le schede intel. ma niente. Allora ho provato ad installare brige, che fatica, dopo decine di tentativi, riesco ad installarla. Però dopo l’aggiornamento, non si avvia più.  Force ho sbagliato qualcosa. Secondo te,il fatto di aver usato cd riscrivibili, potrebbe aver influito? Comunque ci riprovo, eccome se ci riprovo…

          • Bubz

            No, i cd riscrivibili non c’entrano nulla! Se sei all’inizio prova ad installare Archbang + lxde, che ha un installer “facilitato”. Trovi una guida proprio su questo blog (infatti grazie a Roberto io ho iniziato proprio con Archbang)!

          • Oscar

             Per quanto riguarda arch, diciamo di si. Ho più esperienza con Debian e derivate varie. Da Ubuntu (dalla 7.04 alla 10.04), Debian, Mepis. Ma il problema, e che l’installazione non parte. Come ho già scritto prima,ho seguito tutti i consigli che ci sono nella guida di arch, per chi ha la scheda intel, ma niente da fare. Eppure, in un altro pc, ero riuscito ad installare arch. Solo che poi ebbi difficoltà nel post installazione, e lasciai perdere.Sai perchè ho pensato ai cd riscrivibili? Beh! questo pomeriggio, volevo provare xubuntu… niente, non funziona. Metto ubuntu, funziona. Boh! si vede che a questo pc gli piace solo ubuntu…
             

      • nowardev

         e ti cito pure la guida

        Blank screen during boot, when “Loading modules” nel wiki di arch
         
        alche io ho editato grub
        video=SVIDEO-1:dmi spiace ma se l ho fatta partire la guidina l ho letta

  • Giulio Tortasso

    Onestamente io sono molto deluso da Chakra: l’ ho installata su una partizione accanto a Mint Lisa dopo aver letto le ottime cose a proposito su questo blog, ma trovo che sia molto pesante sul sistema, con KDE che gira molto scattoso anche a compositing spento. Al di là di altri problemi di hardware (sonoro bassissimo, incompatibilità con Veromix), mi sembra inferiore di prestazioni addirittura a un KDE installato nella suddetta Mint, che già di per sè dovrebbe essere una distro poco KDE-centrica, figuriamoci con tutte le dipendenze Gnome ad appesantirla. D’ accordo che il mio laptop è tutto fuorchè un fulmine, ma oramai al partizione di Chakra è abbandonata a sé stessa visto che anche una blanda navigata su reddit diventa un’ attesa tra un freeze e un altro. Quali possono essere le cause?

    • ri.p.

      Le cause sono sempre le stesse: o driver della scheda video non all’altezza oppure hardware molto datato. 
      Personalmente, uso chakra da 3-4 mesi, ho un laptop di 4 anni e non ho mai avuto problemi di performance.

      PS: Le dipendenze gnome non appesantiscono le distro kde-centriche 😉

    • dino

      Boh, guarda, cerca di capire cos’ha il tuo PC. A me ha risuscitato il PC: un athlon x64 con 2GB di RAM e scheda nvidia integrata. Con mint e win sempre comportamenti scattosi e continuo trashing (termine memoria ed eccessivo swap su disco). Ora invece va che è una meraviglia.

      Certo, non è che qui stiamo a vendere i pesci in piazza. Ognuno deve provare la distro che calza alle proprie esigenze…

  • Ospite

    e se di ram se hai due giga che te ne importa se ne viene occupata un quarto??!?
    sennò a che serve?

  • Secondo me  l’utilizzo della ram è relativo , la cosa importante è come gira il sistema operativo nel complesso, ce se il sistema operativo è reattivo o no. Per fare un esmepio io deluso dalle prestazioni di ubuntu 11.10  ho installato fedora 16 sul mio netbook che dicevano consumasse meno risorse di ubuntu  devo riconoscere che con fedora non è che ci sia stato questo salto di qualità. Si fedora usava meno ram ma comunque il computer non è che girasse benissimo o meglio. Poi i computer di ultima generazione hanno come minimo 2gb di ram quindi ben venga che un os utilizzi più ram se questo lo fa girare meglio , la ram è fatta per essere utilizzata . Poi se si ha poca ram di certo uno non installa versioni con gnome ma andrà verso lxde o xfce . Sinceramente arch non l ho mai provata quindi appena posso la installerò perchè sono veramente incuriosito da questa distro che in molti descrivono come un fulmine 🙂

    • Liderico

       “Poi i computer di ultima generazione hanno come minimo 2gb di ram… la ram è fatta per essere utilizzata”.
      Straquoto.

      • la maggior parte degli utenti linux arriva perchè i pc sono datati e con windows è molto lento quindi per linux è giusto prender in considerazione la ram

  • chris

    Questa flamewar tra distro mi ha letteralmente rotto gli zebedei…

    • nowardev

       ma non è una distro war …
      è che di arch si dice che va benissimo che è velocissima che è stabilissima poi uno si illude  ha i  suoi bei problemi anche lei

      • i problemi le hanno tutte

        • nowardev

           mai visto non partire kubuntu su una intel , mai , con driver caricati si intende.

          • ange

            veramente io ho avuto più problemi con Ubuntu che con Arch: con Ubuntu ogni volta che la installo devo fare un casino per abilitare la swap visto che non mi si autoabilita; vgaswitcheroo da continui problemi ed ho più crash. Come puoi notare i problemi ci sono in tutte le distro. Non puoi dire che è colpa di Arch se tu hai avuto una brutta esperienza. Io ho una Intel e non ho dovuto fare nulla. Ho avviato e funzionava (due GPU ma ATI disattivata permamentemente)

  • Paolo

    All’inizio gnome shell occuperà una quantità di ram tutto sommato accettabile, ma ci sono diversi memori leak segnalati già almeno 6 mesi fa (e non ancora risolti).

    C’è gente che dopo 4-5 ore di utilizzo si ritrovava con gnome shell che occupava 1 GB di ram con i driver proprietari nvidia, mentre 600 con i nouveau.

    Anche ad avere ram a profusione il sistema rallenta di brutto.

    • Brunowolf88

      mai avuti di questi problemi 

    • dipende dall’utilizzo che ne fai e sopratutto che applicazioni utilizzi
      se avvii il browser e comincia a caricare video e video vedrai che la ram aumenta moltissimo anche oltre 1gb
      se la utilizzi solo per editare testi vedrai che rimane tale

  • Ferik

    debian tesing non ha un problema.

  • Da questa recensione manca la numero uno di distrowatch, linuxmint, che a mio parere, per il Mio uso quotidiano, con gnomeshell è il miglior compromesso tra performance, utilizzo è versatilità nel quotidiano potendosi appoggiare ai vari repository di ubuntu e altro senza dipendere da community che devono prima compilare… Se poi avrò voglia di un sistema più professionale e serio passerei a Debian, ma per ora parlavo di uso quotidiano preciso ancora.

  • garuax

    A me è piaciuto tanto questo articolo. Conferma quanto Unity sia troppo pesante!! E poi due elementi:
    1) Che Arch sia da molte persone ritenuta la migliore, come prestazioni
    2) Che Arch sia da altrettante persone ritenuta come uan perdita di tempo totale.
    Ne segue che, Arch è la distro per chi col pc ci sa fare. E nel 2012 questa è tutt’altro che libertà, ma rigidità.

    Se fosse davvero’ così potente questa distro, perchè non farla per tutti? c’e’ qualcosa che non torna…

    • _artem_

      because people are too stupid to install and to configure it. if they endlessly got installing it they got a full screen terminal where they have to install X, DE/WM/DM, video driver (all from the terminal because by default arch has no GUI at all)

      • very true 🙂

      • Antonio G. Perrotti

        I don’t think you can say that anybody is “stupid” in such an easy way, man. lack of education or are you simply “bullying”?

    • Bubz

      Premesso che con un minimo di conoscenze e voglia, Arch lo può installare ed utilizzare (quasi) chiunque.

      Sul forum di Archlinux Italia una persona poneva il tuo stesso quesito e tra i tanti post ce n’era uno di uno sviluppatore che in maniera alquanto basilare faceva una semplice considerazione: chi sviluppa e “cura” arch in questo momento, non ha anche la possibilità di seguire i problemi di chi vuole la “pappa pronta”. Con poche risorse da parte del team o si sviluppa o si seguono i newbie! Trovo la cosa molto giusta!

      Personalmente, considero Arch come una macchina molto veloce e performante però è richiesto un minimo d’impegno da parte di chi lo vuole usare altrimenti si può continuare ad usare il triciclo: semplice e sicuro!

    • linux è talmente vario che non possiamo dire quale sia il migliore o meno
      ogni distro ha determinate caratteristiche che la differenziano dalle altre poi sta a te decidere quale sia la migliore
      arch è cosi o piace o non piace
      l’installazione è difficile ? no basta un po di impegno,

  • Provo a fare da pacere dicendo anche due cosette relative all’articolo, ma prima plachiamo gli animi ricordando una cosa:
    “KISS = Keep it simple stupid” non vuol dire facile, vuol dire semplice e stupida nel vero senso della parola, pacman fa il suo dovere tutti i pacchetti che gli dici di installare li installa è semplice da usare ma allo stesso tempo è stupida nel senso che ogni singola dipendenza non fondamentale (e cioè quei pacchetti che sono opzionali, neanche suggested ma recommended per parlare alla “apt-style”) non vengono installati di default e non c’è nessun comando per farlo. Se digito pacman -Sy gnome-shell non installo xorg pulseaudio o menate varie, saranno cavoli miei se non do il comando esatto.
    Premesso questo non dico che pacman e Arch in generale siano perfette, anzi io sono uno di quelli che stufi di dover perdere 15/20 minuti ogni settimana per far lavorare il pc ha scelto di sfanculare arch e soprattutto aur, che chiamarlo arch user repository forse è esagerato. Pacchetti postati con centinaia se non migliaia di bug e la riprova sono nei commenti, senza contare poi gente che posta pacchetti già presenti, promozione di pacchetti sulla base della popolarità e non della funzionalità o della corretta compilazione/semantica la dice lunga sulla valenza, forse dovevano chiamarlo AUB arch user “burdel” ma è solamente una mia opinione.
    Dalla sua apt-get ha il vizio di ficcare dentro sempre centinaia di pacchetti di cui non ce se ne fa quasi mai nulla, almeno io, un esempio pratico perl con perl-doc… ok se si edita il file conf si elimina, se si mette lo switch –no-install-recommends si evita ma è sempre una forzatura. Dal lato suo comunque devo ammettere che installando entrambe le distro da 0 in ambiente terminal, quindi fottutamente pulite, apt-get fa il suo porco lavoro egregiamente, non posso dire la stessa cosa di pacman anche inserendo pacchetti corretti devi sempre mettere mani al conf lì al conf la etc etc.
    Come ho spiegato non volevo criticare nessuna delle due distro ne elogiarne una in particolare cercavo solo di essere un minimo obbiettivo.
    Ora ritornando a bomba sull’articolo, direi che a occhio e croce i pacchetti installati sono leggermente tanto diversi, io sinceramente a livello di terminale, quindi a distro fottutamente pulite, installate entrambe con netinstall devo dire che non evidenzio sostanziali lacune ne da una ne dall’altra.
    Installando su entrambe un sistema fottutamente minimale openbox + xterm + leafpad + midori le prestazioni sono identiche (madonne a parte per configurare arch con i pacchetti giusti e per configurare ubuntu selezionando solamente i pacchetti streattamente necessari e renderla così arch-like).
    Passiamo alla fase “critica” lxde core, su arch installato leggero sì ma temi? Cazzo personalizzazioni? Niente. Ok installo gli stessi pacchetti (altre due palle per filtrare i pacchetti e forzare installazione con dipendenze irrisolte) su ubuntu e che ottengo? Arch con apt.
    Vi chiederete e tutto questo cosa c*zz*rola significa? Semplice se vogliamo eseguire un paragone dobbiamo rendere i sistemi gemellari e a sistemi quasi gemelli le prestazioni non mi sembrano variare.
    Piccola nota finale su chi dice arch è una scheggia e bla bla bla… Ubuntu su netbook samsung nc10 versione 10.04.2 kernel ricompilato a mano e ottimizzato per il pc (versione 2.6 vattela a pesca non ricordo), avvio demoni all’essenziale con demoni non fondamentali come il wifi ad esempio con avvio ritardato, de composto da openbox + tint2 + pcmanfm + xterm tempistiche di avvio: 9.8 secondi. Arch idem come sopra (considerando per le patch per il kernel l’ho prese da aur quindi sono praticamente identiche) 14.6 secondi… e su… siamo concreti!
    Ultima nota, gentoo compilata con le stesse opzioni ma ottimizzando per l’atom 270 boot in 9.4 secondi, quindi 2 giorni di compilazione per 0.4 secondi di avvio?! A prestazioni è meglio ma a quel punto tanto di cappello a sabayon, installazione e ricompilazione totale in mezza giornata avvio in 11.7 secondi madonne? Nessuna!

    Eccola una bella prova su strada gentoo – sabayon – arch… le 3 distro per fama definite rolling-release (e che si dica la vera e unica rolling release non è arch ma gentoo quindi…) che ne dite?

    • stoddard

       Bella analisi.
      Quoto praticamente tutto.
      O mi danno a fare quadrare distro tipo arch ;
      oppure uso le solite che mi installano un mare di roba che usero’ raramente ( e a volte anche li’ manca qualcosa e c’ e’ qualche intoppo).

    • Giulio Tortasso

       La tua newsletter. Voglio iscrivermici.

    • Millalino

       ottimo post x quanto hai scritto sopra e complimenti per le prove. Sono d’accordo anchio su aur, è l’unico dubbio che ho su Arch. In quanto alla prova su strada  tra gentoo,sabayon e arch, sarebbe un bel confronto davvero

      • lo so, un po di tempo che mi organizzo e faremo anche il test con quelle distro

    • a name

      dico che ti sei dimenticato sid! (mint debian, aptosid, siduction e altri sono un po’ piu’ amichevoli di sid. aptosid mi ha installato desktop perfetti in due minuti avviandolo da chiave usb)

    • Analogical-K

      Sei andato completamente fuori dal seminato, Ubuntu con una qualsivoglia ricompilazione anche solo di una virgola non è più Ubuntu (ovvero una distribuzione “as it is”) mentre Arch è pensata per essere adattata al meglio delle proprio esigenze, con i suoi pro ed i suoi contro. Personalmente trovo l’articolo esemplificativo e chiaro nei suoi intenti (e senza bisogno di condimenti linguistici da rapper) Ubuntu per come viene proposta è comodissima per chi non ha ne’ la voglia ne’ le conoscenze per compilarsi pacchetti o smanettare troppo, quindi chi ne fa uso in larga maggioranza non andrà mai a riconfigurarsi alcunchè, d’altra parte se devo sistemare Ubuntu per poi dovermela reinstallare ad ogni sospiro preferisco di gran lunga perdere 5 min in più una tantum per cucirmi il mio Archlinux su misura ed avere l’indiscussa comodità di una rolling release.

      • Peccato che se te la cuci ricompilando i pacchetti da abs o i pkgbuild da aur devi sospirare comunque e lavorare di manina ogni giorno visto che è una rolling release…
        “Ubuntu con una qualsivoglia ricompilazione anche solo di una virgola non è più Ubuntu” questa è bella vorresti dire che ubuntu non è debian based solo perché ricompila alcuni pacchetti?
        “se
        devo sistemare Ubuntu per poi dovermela reinstallare ad ogni sospiro
        preferisco di gran lunga perdere 5 min in più una tantum per cucirmi il
        mio Archlinux su misura ed avere l’indiscussa comodità di una rolling
        release” l’esempio praticp è che su arch linux stesso dicono di non
        eseguire gli aggiornamenti senza aver prima consulato l’home page del
        progetto… esempio systemd… o l’aggiornamento di filesystem…
        Vuoi
        una rolling release che sia stabile e non devi sospirare? debian sid, è
        binaria ti accontenti di quello che passa il convento ed è studiata per
        funzionare il più possibile. Se poi volessi fare qualcosa di più vi sono
        svariate distribuzioni che permettono un controllo veramente ben fatto e
        che danno soddisfazioni maggiori di dire “ho arch linux modellata sul
        mio pc” cosa che non è vera visto che i pacchetti core sono binari e
        quindi modellati sulle architetture generiche x86 e x86_64 per non
        entrare nel merito del kernel… e non mi dire che lo compili da solo
        altrimenti per la stessa logica utilizzata da te non sarebbe più arch…
        “Ubuntu
        (ovvero una distribuzione “as it is”) mentre Arch è pensata per
        essere adattata al meglio delle proprio esigenze, con i suoi pro ed i
        suoi contro.” infatti esistono pochissime derivate ubuntu che sfruttano
        pacchetti diversi da quelli di ubuntu. kubuntu, xubuntu hanno tutti
        unity, bodhi linux etc sono as it is non si può scegliere! Arch è
        pensata per essere adattata tanto quanto lo è ubuntu o altre
        distribuzioni, di ubuntu esiste la netinstall stesso discorso per
        fedora, per gentoo esistono gli stage etc… Arch non ha inventato
        l’acqua calda ha semplicemente deciso di non avere G-Arch K-Arch etc ma
        di avere la netinstall con dipendenze minimali e basta, ti scarichi
        ubuntu netinstall e scegli “selezione manuale dei pacchetti” e hai
        ottenuto la tanto bella arch con le sue prestazioni invidiabili…

  • Box

    A cosa serve fare un confronto confrontando un solo praticamente un parametro? Fra l’altro l’utilizzo di Ram fino a che ce ne è non è affatto un problema a mio modo di vedere, l’importante è che sia rapido a liberarla quando è in affanno.

  • Travis

    Sul mio hardware Gnome Shell son finalmente riuscito a farlo funzionare mettendo i driver proprietari!
    …Ma tanto uso KDE 😀
    Wow! Confronto tra Ubuntu e Arch!
    Che dire… All’ inizio usavo Ubuntu, adesso uso Arch Linux.

  • steveacab

    c’è da dire anche che arch la cuci addosso all’HW che hai e ubuntu no.
    se in stallo solo quello che voglio come con arch si hanno le stesse prestazioni

    •  “c’è da dire anche che arch la cuci addosso all’HW che hai e ubuntu no.”
      Perché no? Ricompilare e ricompilare da i suoi frutti…
      Arch la cuci addosso all’hw ma dove? E’ ottimizzata per il tuo processore? E’ ottimizzata secondo le periferiche che hai? No e no…
      Siamo coerenti arch è minimale e nel suo minimale aggiungerei esageratamente minimale che la renderebbe una bella distribuzione se non fosse rolling release e avesse un controllo dei pacchetti migliori… ma in questo caso sarebbe una ubuntu/debian unstable…
      Gentoo la cuci sopra all’hardware… a meno che non utilizzi GenKernel, ma fidati il genkernel di gentoo funziona meglio del kernel generico di arch, almeno è compilato ad hoc per il tuo processore.

      • steveacab

        invece si, o almeno era si fino all’ultima volta che l’ho installata io (circa un anno fa).
        in fase di installazione avevo scelto il core base, gnome-base ecc.

        il problema non è ricompilare il kernel, ma gli script, demoni e le altre cose che partono in avvio del sistema che in ubuntu sono tanti rispetto ad arch, ma non è solo un problema di ubuntu, anche fedora ed altre distro.

        se in ubuntu parti dalla minimal installando quello che vuoi senza usare ubuntu-desktop il sistema è molto più leggero anche senza ricompilare il kernel.

      • io lo su 7 pc (4 deskop e 3 portatili) e un tablet arch e non ho mai avuto problemi ne di kernel ne di aggiornamenti l’importante è utilizzare i repo stabile

        •  Non ho detto che vi sono problemi con kernel statici o se preferisci binari, ho solamente detto che un kernel binario ovvero non ricompilato secondo le tue esigenze ma usando genkernel che proprio perché crea un kernel generico utilizzabile su più hardware differente, non è ottimizzato al 100% per il proprio hardware. Senza voler far notare il fatto che un pacchetto binario non ha la più pallida idea del processore sottostante ergo la differenza tra un pacchetto compilato e un binario si nota soprattutto su hardware differente ed è stato un punta di forza di aur e dei suoi pkgbuild nei confronti delle distro totalmente binarie (leggasi ubuntu et simila).

    • diciamo che su arch installi solo quello che vuoi e non quello che vogliono gli sviluppatori

      • nowardev

        ubuntu debian fa lo stesso basta scaricare la iso opportuna… quindi anche qui arch non ha nulla di speciale

        solo che arch ti impone di farlo ubuntu se vuoi lo fai se no no idem debian

  • hey, dimenticate la slackware! Mi sento molto offeso 😛

    • lo so ma per slackware dovrei aprire un blog nuovo ;:)

  • Guest

    faccio una domanda da neofita del mondo arch: ma i programmi, si installano prettamente via terminale o anche via interfaccia grafica come synaptic?

    • Millalino

      no si possono installare anche tramite Appset che è un interfaccia grafica ma, con il tempo Arch lo gestisci molto meglio dal terminale.

  • Luca00002002

    vorrei far notare che il consumo di ram di suo non è un grande indicatore..faccio un esempio con windows 7, il cui consumo di ram è superiore ma le applicazioni poi sono più  rapide ad aprirsi. Questo perchè una parte è pre-caricata in Ram..

    Il vero parametro parametro di confronto è il consumo di ram all’apertura delle varie applicazioni e il consumo della cpu

  • garuax

    Ciao, ma se non installi i driver video, poi non hai l’accelerazione 3d in molti casi…

  • Cristian Aska Malatesta

    Non capisco l’attaccamento al singolo mega, quando ormai si parla di ram da 12 o 32 giga. PC vecchi? Beh 1 banco da 1 gb non costa nulla.
    Quindi che un sistema impieghi 200 Mb o 210Mb o 440 Mb, francamente è un po’ poca roba.

No more articles