Samsung, Linux e Open Source una coniugazione che potrebbe portare ben 20.000 nuovi sviluppatori pronti a lavorare sul Kernel e in nuovi progetti “liberi”.

Samsung
Samsung è un’azienda diventata ormai leader in molti settori tra questi anche la tecnologia mobile diventando il primo produttore al mondo di device con sistema operativo Android. In questi anni Samsung ha puntato molto sia su Linux che ai progetti open source diventando membro di Platino della The Linux Fondation oltre a supportare molti progetti compreso il kernel Linux. Samsung inoltre assieme ad Intel sta lavorando nello sviluppo del nuovo sistema operativo mobile Tizen, di recente l’azienda coreana ha sviluppato anche un nuovo filesystem F2FS open source dedicato principalmente ai device mobili.
Samsung ha più volte confermato di voler migliorare lo sviluppo del Kernel Linux lavorando su nuove patch e soluzioni varie che andranno a rendere più sicuri e performanti sistemi operativi mobili come Android, Tizen, Firefox OS, Ubuntu Touch ecc. Per questo motivo Samsung ha indicato di voler assumere ben 20.000 nuovi sviluppatori che andranno a lavorare esclusivamente nello sviluppo del Kernel ed in altri vari progetti tra questi anche Linaro, team dedicato allo sviluppo di sistemi ARM basati principalmente su Ubuntu Linux.

Tra gli altri progetti in sui Samsung contribuirà nello sviluppo troviamo anche il server grafico Wayland, GStreamer, FFmpeg, Cairo, UBoot, Xen, Hadoop, Lighttpd, Cassandra e altri progetti open source.
Samsung si candida quindi come una delle aziende leader nello sviluppo non solo del Kernel ma anche di parte di molti progetti vitali per GNU/Linux.
Ringrazio il nostro lettore Simone de D. per la segnalazione.

via – phoronix

No more articles