In questa guida vedremo come aggiungere i principali repositiory di terze parti nella nuova Fedora 19 Schrödinger’s Cat e derivate.

Da pochi giorni è disponibile la nuova release numero 19 di Fedora distribuzione che oltre a moltissimi aggiornamenti include diverse ed importanti novità come abbiamo visto in questo recente articolo. Nei repository ufficiali di Fedora troviamo moltissimi pacchetti, applicazioni e giochi presenti nella stragrande maggioranza delle altre distribuzioni Linux a parte codec e software proprietari che per motivi di licenza non vengono inseriti in nessun repository ufficiale. Nei repository ufficiali Fedora non troviamo ad esempio VLC Media Player famosissimo software open source il quale però include alcune librerie proprietarie e per questo motivo non è disponibile di default. Per gli utenti che vogliono installare VLC, SMPlayer, driver proprietari per le proprie schede grafiche AMD e Nvidia, tool come FFMpeg, unrar, unace ecc possiamo utilizzare i repository RPM Fusion. RPM Fusion sono repository di terze parti sviluppato dalla comunità Fedora che includono pacchetti che per motivi di licenza sono inclusi nei repository ufficiali di Fedora.

Integrare i Repository Fusion in Fedora 19 è molto semplice basta avviare il terminale e digitare:
chmod +x *.bin
su -c 'yum localinstall --nogpgcheck http://download1.rpmfusion.org/free/fedora/rpmfusion-free-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm http://download1.rpmfusion.org/nonfree/fedora/rpmfusion-nonfree-release-$(rpm -E %fedora).noarch.rpm'
fatto questo basta aggiornare i repository ed avremo disponibile VLC, SMPlayer, codec, font, driver proprietari ecc direttamente dal Software Center.
Se vogliamo installare e mantenere aggiornato il plugin Adobe Flash Player in Fedora 19 potremo farlo grazie ai repository forniti da Adobe digitando da terminale:

Per Fedora 19 32-bit

su
rpm -ivh http://linuxdownload.adobe.com/adobe-release/adobe-release-i386-1.0-1.noarch.rpm
rpm --import /etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-adobe-linux

Per Fedora 19 64-bit

su
rpm -ivh http://linuxdownload.adobe.com/adobe-release/adobe-release-x86_64-1.0-1.noarch.rpm
rpm --import /etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-adobe-linux

aggiorniamo i repository e installiamo Flash Plugin digitando:

su
yum check-update
yum install flash-plugin 
Google rilascia repository per Fedora per mantenere l’aggiornamento delle proprie applicazione come Google Chrome, Google Earth e Google Music Manager in questo caso basta installare il pacchetto per aggiungere automaticamente i repository nella distribuzione.
Può succedere però non venga inserita correttamente la key d’autentificazione in questo caso basta digitare:
wget https://dl-ssl.google.com/linux/linux_signing_key.pub
su 
rpm --import linux_signing_key.pub

ed avremo importato le key di Google.

Home RPM Fusion
Home Adobe Flash
Home Google Linux Repository

  • Thefamouse

    in che cosa è famosa?
    giusto per sapere rispetto a tutte le altre famose!

    • è la più famosa distribuzione linux italiana
      inoltre è lo sviluppo sta portando un rolling release niente male

      • Dario

        Ciao, scusa se riprendo questa discussione dopo tanti mesi. Volevo chiedere un’informazione riguardo a Sabayon: esiste una versione rolling con xfce? vorrei sostituirla al caro ubuntu 10.04 che tra un po’ va in pensione. Grazie

        • si dovrebbe esserci l’ultima release con xfce
          una volta installata è già rolling

  • Io la uso da mesi, e mi trovo benissimo, sto aspettando il nuovo KDE; è la migliore che ho provato di distro, tra le altre cose riconosce tutto l’hardware in automatico, anche i famosi tasti funzione vanno tutti alla grande, aggiornamenti settimanali, stabile, è pure rolling release! Che altro? Secondo la migliore, almeno kde-based.

  • Leggeres

    C’è una piccola distro: WattOs R4.
    Sarebbe un ubuntu ridotta all’osso.
    Codec per visualizzare dvd, you tube ed altro: tutto inserito. Da installare solo mediaplayer e l’operazione è perfetta. Velocità? altissima, alla pari di una Archlinux nuda.
    Essenziale e intelligente nella sua fuzionalità. Synaptic fa tutto il resto. Si installa quello che si vuole e si ottiene un vera personalizzazione dela distro. Consumo delle risorse? Bassissimo. Distro che si impallano perchè non riescono a risolvere le dipendenze? C’è ne sono a iosa, anche le più famose.
    I sistemi operativi monolitici del tipo Linux hanno questo di speciale: perfette nella velocità e stabilità. Ma ha una condizione che la struttura delle dipendenze siano altamente performanti. Se la distro ha una struttura complessa occorre un lavoraccio immenso per l’implementazione perfetta di tutte le dipendenze, pena la velocità o peggio ancora la stabiltà. Altra strada percorribile è costruire una distro con una struttura semplice in cui le dipendenze in background siano ridotte al minimo.
    In ultima analisi le distro linux per essere perfette non possono seguire la via di mangiatrici di risorse e la loro struttura deve rimanere essenzialmente o relativamente semplice.

  • Erpupo

    ieri lo installata(vers64bit con kde) sul pc e devo dire che lo trovata molto piu lenta di kubuntu . e rolling va bene pero e pesante,sul sito dicono che serve 512 ram ma consigliano 1gb, io ne ho due e non sono bastati,allora quanti gb di ram servono per farla girare? meglio pclinux,fedora,kubuntu a sto punto . ovvio questo e il mio parere e i gusti sono diversi !!!!!

  • Vincenzo Giorgino

    aspetto con curiosità le tue guide (complimenti per il blog)

    • tra 10/15gg arrivano le guida dedicate a sabayon
      in programma c’è anche slackware gentoo e freebsd

    • grazie 1000

  • WhySab1

    L’installer è disastroso. Manca la possibilità di collocare il sistema nella partizione voluta. Manca un GParted.Le opzioni sono: 1)intero disco; 2)disinstallare la Linux presente sul disco; 3)Occupare lo spazio libero. Ebbene quello che fa questa distro è cancellare tutto quello che si trova sull’Hard Disk. Un disastro totale!

No more articles