In questa nuova guida vederemo come creare oppure convertire le immagini  nel formato WebP con Ubuntu Linux.

WebP con Ubuntu Linux
WebP è un nuovo formato di compressione d’immagini open source (rilasciato con licenza BSD) digitale sviluppato da Google principalmente per l’utilizzo web a partire dal codec video VP8, per questo è strettamente collegato al formato di compressione audio/video WebM. Grazie al nuovo WebP è possibile caricare più rapidamente immagini digitali su blog, siti, forum ecc il tutto però a discapito della qualità. Google sta integrando WebP in molti servizi; ad esempio nel nuovo Google Play Store tutte le immagini sono nel formato .webp a breve molti altri portali web utilizzeranno questo formato.
Ubuntu Linux da alcune versioni dispone nei repository ufficiali delle librerie fornite da Google (libwebp4) per il supporto di WebP, il quale però non è ancora supportato dalle principali applicazioni.
Se ad esempio scarichiamo un’immagine dal nuovo Google Play Store  non avremo nessuna anteprima in Nautilus e riceveremo errore se andiamo ad avviarla con il Eye Of Gnome (reader d’immagini di default in Ubuntu). Installando la libreria avremo a disposizione alcuni tools i quali ci permettono di creare o convertire facilmente immagini in formato WebP.

La prima cosa da fare è quindi installare libwebp4 in Ubuntu e derivate per farlo basta digitare:
sudo apt-get install libwebp4

a questo punto avviamo il terminale e rechiamoci dove abbiamo scaricato le immagini .webp e digitiamo:

dwebp image.webp -ppm -o image.ppm
dove al posto di image.webp inseriremo il nome dell’immagine .webp scaricata e in image.ppm il nome dell’immagine che vogliamo convertire.
Grazie a questo comando potremo quindi convertire le immagini .webp in .ppm formato supportato da Gimp, Eye Of Gnome e la stragrande maggioranza delle applicazioni Linux.
Se invece vogliamo creare un’immagine .webp da una normale immagine basta digitare:
cwebp image.png -q 80 -o image.webp

dove al posto di image.png inseriremo il nome dell’immagine da convertire in -80 il livello di compressione ed infine il nome dell’immagine .webp da creare.

Per maggiori informazioni su WebP consiglio di consultare la pagina ufficiale del progetto.

  • Teo

    Si può localizzare in italiano completamente nella versione xfce ( applicazioni e browser) ?
     

    • si 
      se dopo averla installata è ancora in inglese segui questa guida
      http://www.lffl.org/2011/08/arch-linux-gnome-kde-xfce-lde-non-sono.html 

      • Antonio G. Perrotti

         la sto scaricando con xfce. pusse che fusse la vorta bbona..? 🙂

        • speriamo 🙂
          fammi sapere

          • Antonio G. Perrotti

            installata e perfettamente funzionante. unici problemi: radiotray si installa ma non si avvia, pinta ha un bug per cui apre le immagini ma non le elabora e google earth coi fonts brutti forte (poco male). per il resto, una potenza.

          • per radiotray
            sudo pacman -S python
            e vedrai che funziona
            per google earth devi installare i font microsoft
            sono presenti in aur
            yaourt -S ttf-ms-fonts

            per pinta avvialo da terminale e vedi che non sia che necessita qualche dipendenza

          • Antonio G. Perrotti

            emh, anche soundconverter ha smesso di funzionare… 🙁

          • ti mancheranno i codec
            ti ricordo che devi installare anche i codec
            https://wiki.archlinux.org/index.php/Codecs_(Italiano)
            se ti da ancora errore avvialo da terminale e vedi il motivo del crash

      • Teo

         grazie anche a roberto

      • cristianpozzessere

        Provate entrambe,ma non ne vengo a capo….e pure l’output:

        Generating locales…  en_US.UTF-8… done  en_US.ISO-8859-1… done  it_IT.UTF-8… done  it_IT.ISO-8859-1… done  it_IT.ISO-8859-15@euro… doneGeneration complete.

        Sembra che sia tutto a posto ,ma Italiano ancora niente….
        -edit.
        seguito per bene anche i commenti nella guida ed ho risolto,grazie 😀

    • Ilmisticolinux

      Fai così, da terminale: nano /etc/rc.conf. Nella sezione LOCALE scrivi “it_IT.UTF-8” (comprese le virgolette). Poi dai: nano /etc/locale.gen e decommenti (togli il cancelletto) a it_IT.UTF-8 UTF-8,
      it_IT ISO-8859-1,
      it_IT@euro ISO-8859-15. Infine esci da nano e dai un: locale-gen. Per uscire da nano devi dare ctrl+x. Spero di esserti stato d’aiuto 😉

      • Teo

         grazie, domani provo

  • Dagians

    Ho chiesto al creatore di bridge se ne poteva fare una con unity… ma i pacchetti di aur sono rotti ( x unity che per unity-2d), peccato!

    • unity è solo per ubuntu
      c’è già gnome / cinnamon che va come un’orologio svizzero

      • Dagians

        Non ho capito allora perche ci sono nei repo di aur.. sto scaricando la gnome x86_64

        • aur è un repo realizzato dalla comunità
          chiunque può aggiungere i propri pacchetti (che poi pacchetti non sono dato che carichi solo il PKGBUILD )
          ci sono stati utenti che hanno provato ad installare unity ma alla fine andava da schifo (come accade anche su opensuse) e abbandonato

          • Dagians

            chiaro.. grazie! Sono contento che stanno nascendo queste distro basate su Arch ( Easy ) finalmente! 

  • Jackladen

    qualche settimana fa ti chiesi se conoscevi un a arch linux + kde bella pronta ma mi hai detto che non c’erano……questa bella novità ci voleva, è già in download ed il mio h.d.  trepida dall’emozione!!!!!
    grazie

    • grazie a te che segui lffl 🙂

    • Ilmisticolinux

      Ci sarebbe anche Chakra. Non è Arch, ma è una sua derivata e si fa rispettare.

      • Jackladen

         e cosa credi che stia usando, kubuntu….:)
        scherzi a parte, grazie per la risposta ma fino ad ora chakra è la mia pria distro

  • Alberto

    Era l’ora! Provero’ quanto prima, perche’ l’installazione dell’originale, non mi e’ mai riuscita.

  • Millalino

    ottimo 🙂 grazie x la segnalazione. Tutto cio che riguarda Arch è da provare assolutamente.

  • In pratica è Arch solo che non bisogna installare il DE all’inizio?

    • in pratica è arch con già l’ambiente dekstop su

      • assolutamente da provare…io non sono mai riuscito ad installare Arch

        • Luca Cosco

          se cerchi archlinux installazione youtube si ^^!!! la mia prima volta è stata così!

  • LukyOn

    Sino ad ora l’unica distro che è capace di far girare un KDE anche sulle bagnarole è MEPIS. Chakra ti fa ssolo penare già al momento dell’instalazione, e la sua configurazione dell’hardware non è tra le migliori.
    Adesso voglio provare questa Bridge… staremo a vedere se è capace di competere con Mepis..

    • Bubz

      Io su un pc di test (AcerOne N450 e 2gB di ram) riesco a far girare Arch + kde.

      • se guardi l’articolo lo testato con un eeepc con n270 e 1gb di ram e funziona da dio 🙂
        vai tranquillo che si installa e gira senza problemi

        • Pippo

           L’HO e non LO! Capra!

      • LukyOn

        Mepis mi gira su 512 di ram. Ha disattivato in automatico tutti gli effetti, e la reattività è stupefacente. Per la prima volta sto vedendo la bellezza la funzionalità e il livello d’integrazione che un KDE sa dare.
        Ben inteso senza polemiche, quello che c’è di meglio in giro è sempre d’apprezzare.

        • Fabio

          Mepis credo sia la distro + sottovalutata di tutte, quando invece l’unico problema che ha è la quasi mancanza di una community (anche se MepisItalia ha riaperto e comunque si può fare riferimento alla comunità Debian). Il fatto poi che includa anche delle librerie gtk, beh, non capisco che problema rappresenti.

          • LukiOn

            Per la post installazione io ho utilizzato mepis Italia.Qui vengono date indicazioni per l’inserimento di repository, e per aggiornarla in italiano. Tempo 10 minuti.
            Va aggiunto che una distro durante una sessione col passare del tempo puo decadere nelle prestazioni. Questa no, ho fatto la prova ad aprire un browser + LibreOffice, ebbene gestisce la memoria in maniera perfetta.Le risorse a riposo che si prende sono intorno ai 200Mega. Il segreto sta nella ottimizzazione degli indirizzi di memoria.
            La reattivita’ e’ sorprebdente, considerando che si ha a che fare con un KDE.

          • Fabio

            Ah mi fa piacere ti sia stata utile le mia guida. Bene! 🙂 Se ti va partecipa alla comunità, siamo in pochi ma la distro vale molto!

          • LukiOn

            peccato per il salvataggio della risoluzione della schermo. pur dando l’impostazione, al riavvio non compare quella settata. 

          • prova a vedere che non ci sia da correggere qualcosa su xorg.conf

        • Bubz

          Purtroppo non conosco Mepis e sarei uno stupido a fare confronti con cose che non conosco! 😉

    • Tortoraenza

      questo dipende dalle tue capacita e da quanto ti applichi,per me e una delle migliori distro KDE se non la migliore *escludi Arch

      • quoto 🙂

      • LukyOn

        Per Chakra  intendevo la lentezze e non la difficoltà. in pratica il copia file e l’installazione è di una lentezza pazzesca. Anche se alla fine almeno una volta aspettando un bel pò lo installata.
        Installare chakra è di una facilità assoluta.

    • chakrà è l’unica distro che offre kde puro a differnza di mepis e altre distro che aggiungono anche alcune librerie gtk ed è molto semplice da installare
      se non riesci ad installare chakra non perder tempo a scaricarti bridge dato che è testuale e richiede un po di attenzione
      basta comunque non aver fretta un po d’impegno e si installa e si configura qualsiasi sistema operativo

  • Cristian Martina

    E’ da 6 mesi che uso arch e mi sono fatto un mazzo per installarla ed ora si trovano un sacco di live installabili. 
    Ben vengano, arch è la migliore.
    Prima volevo una arch con gnome3, poi sono passato ad xfce (quando l’ho fatto era uscita la kahelOS), poi sono passato a lxde ed è uscita Bridge.
    Uscirà una con LXDE e una con razorqt?

    • c’è una cosa da dire però che se hai imparato ad installare arch “normale” hai sopratutto imparato alcune configurazioni ecc che ti possono essere utili anche se installi distro come questa 🙂
      imparare non ha mai male:)

  • garuax

    purtroppo – no puLtroppo

  • raftel

    Sto provando su Virtual Box ma durante l’installazione al momento di installare grub su vurtuale sembra che mi voglia sovrascrivere il grub vero e proprio del mio pc. Insomma mi dice dove voglio installare grub e mi fa vedere le partizioni vere dell’hard disk. E’ possibile? Rischio di sovrascrivere il vero grub?

    • Davide

      Sei sicuro ti faccia vedere le partizioni del hd reale e non quelle del disco virtuale che hai creato e sul quale stai installando la distribuzione?

  • Francesco

    Considerando i positivi commenti su ARC che reputano “la migliore Distribuzione Linux” sarei interessato a provare una distribuzione cho ARCH.
    Da quando ho lasciato Windows (il mio portatile non lo permetteva più) ho provato “solo” Ubuntu per paura di incasinarmi nei “vari ” Linux e comunque mi sono trovato bene.
    Putroppo ultimamente sto incominciando ad avere più o meno lo stesso problema che avevo con Win cioè lentezza della macchina, quindi vorrei trovare un sistema abbastanza semplice da configurare (tipo ubuntu) che mi faccia “rinascere” il mio portatile e mi incuriosisce questo Arch.
    Ora però sono disorientato e chiedo aiuto a chi potrebbe aiutarmi nella schelta dei vari : Gnome, Cinnamon, Xfce, KDE.
    Mi sapreste indicare in breve le differenze ? Qual’ è la migliore ?
    Inoltre, scusate la mia ignoranza, i software che “girano” con Gnome funzionerebbero anche con un altro ambiente ?
    Quelli attualmente che ho installato su Ubuntu+Gnome3  sarebbero re-installabili anche su una distribuzione Arch ?
    Grazie.

    • Luca Cosco

      arch è bellissima…solo che richiede di essere supersempre aggiornata…(almeno 2 pacman -Syu al giorno) per quanto riguarda i DE – WM io adoro open box….kde bello ma a volte mi pare pesante…gnome è una via di mezzo ma non ho mai provato gnome 3 …nessuno può dirti quale sia il migliore devi solo provare…..in genere gli amanti di arch installano openbox…molto semplice…ma è la filosofia KISS (keep it simple stupid)

    • Cioma3

       ciao
      se cerchi una Arch based guarda questa pagina https://wiki.archlinux.org/index.php/Arch_Based_Distributions_%28Active%29
      la Archbang basata su openbox è molto reattiva
      se il pc è particolarmente vecchio prova la Puppy linux, con quella riesumi anche pc di 10/12 anni fa

    • Luca Cosco

      fossi in te e se avessi quella macchina che dici di avere io non mi butterei subito su arch, metterei una debian con openbox oppure metti se vuoi debian con già openbox installato crunchbang linux, se vuoi arch con già openbox installato archbang linux

    • Bubz

      Ho installato Arch su pentium4, centrino prima serie e vanno a razzo (certo non faccio rendering con blender).

      1) Quasi tutti, se non tutti, i programmi che hai su Ubuntu ci sono anche per arch.
      2) Non esiste il miglior ambiente grafico: esiste quello adatto alle tue esigenze. Se vuoi uno superspeed, ma minimale, usi openbox, mentre se ne vuoi uno bello graficamente ma meno performante usi Gnome. La via di mezzo è (secondo me) xfce4.

      L’unico consiglio, è quello d’installare Archbang con Xfce4 perchè ha un menù guidato abbastanza semplice per l’installazione, così almeno t’impratichisci. In futuro passerai ad Arch (è la strada che ho seguito io).

  • Ciccio

    Si scrive PURTROPPO…. non pultroppo 

  • Bennardo Carpanzano

    Nella installazione non riesco a capire cosa fare nel momento in cui installare il grub. Cosa si deve fare materialmente?

  • Cioma3

    Allora via con le prove. ho litigato con l’installazione di Arch tutta la domenica: seguendo le guide arrivo a un punto in cui prima di installare kde devo aggiornare con pacman -Syu: se do quel comando ci sono dei conflitti nei pacchetti e non aggiorna > quindi sono fermo. Se, come da guida, do il comando pacman -Syuf sistema i conflitti ma al riavvio non trova + la partizione di boot, pare che i conflitti siano su udev…..
    avrò provato 100 volte…..se qualcuno sa aiutarmi……
    Comunque sto scaricando Bridge, vedum….

    • Bubz

      A parte consigliarti di venire sul forum ufficiale di archlinux italia, la soluzione che ho adottato io per le installazioni di questa settimana è:

      Procedura
      – rm /etc/profile.d/locale.sh- pacman -Syyu curl –force (il force anche se deprecato è obbligatorio per un problema di conflitti)Finita l’installazione non spegnere ma dai:- pacman -R linux
      – pacman -Rdd udev
      – pacman -S udev
      – pacman -S linuxpoi puoi procedere all’installazione di X, drivers ed ambiente grafico.

      Bubz

      • Cioma3

        Grazie Bubz per la soluzione, ma ho installato la Bridge con Kde e è andata al primo colpo. 

    • Bubz

      Soluzione. Dopo aver fatto il primo reboot:

      – rm /etc/profile.d/locale.sh
      – pacman – Syyu –force
      – pacman -R linux
      – pacman -Rdd udev
      – pacman -S udev
      – pacman -S linux

      e poi contnui come da guida (addusers, …)

      Bubz

  • Lo switch a cinnamon funziona eccome lancia nel terminale:

    cinnamon –replace 

    • a me non ha funzionato
      forse la risoluzione del netbook non la permette

  • Bobbetta

    Mi permetto, ancora una volta, di segnalare a Roberto i suoi grossolani errori di ortografia. Lo ripeto: il sito è bello, interessante e lo leggo tutti i giorni, ma caro Roberto, se tu correggessi (o ti facessi correggere) i testi prima di metterli on-line, guadagneresti mille punti in più. Cavoli! Imposta un correttore automatico almeno.
    E magari degnati di rispondere a chi ti fa notare che non sei in grado di scrivere e, di conseguenza, impegnati ed evita errori tremendi (come “pultroppo”, che denota una chiara ignoranza: si può sbagliare la regola dell’apostrofo, perché nel parlato quest’ultimo non si sente; ciò vuol dire che il buon Roberto va in giro a dire “pultroppo”. Clamoroso.)

    • Ginino

       Si si, vedrai che questa volta ti risponde… è preferibile passare una settimana ad impostare archlinux, che imparare l’itagliano ;-); scrivendo non più di dieci articoli al giorno (dico dieci, ma non credo di averne mai visti tanti e non sono mai lunghissimi…) non c’è neanche il tempo di rileggerli per eventuali errori di battitura e/o refusi vari; capisci da te che la correttezza della sintassi e della grammatica sono di un ordine enormemente superiore; basterebbe poco, come evitare di dire sempre “il quale, la quale”, alternandolo con “che”, non dire “conforme”, ma “conformemente”, o usare qualche altro sinonimo, ma qui finiamo per parlare anche di stile e, allora, la cosa, si fa infinitamente più complessa; lasciamo stare. Se essersi inventati un lavoro come questo (bravo senza alcun dubbio) è stato possibile, ma riuscire a capire che correttezza e stile sono TUTTO (sempre per questo tipo di mestiere), per comunicare al meglio, è troppo difficile da capire, pazienza.

      • Fabio

        Ma… dite sul serio? 😮 No vero? Perché per un attimo mi è parso di si… 🙁

      • Antonio G. Perrotti

        mi pare che roberto non abbia la presunzione di definirsi un giornalista di mestiere e che si guadagni da campare in altri modi, quindi queste polemiche su grammatica ed ortografia sono veramente inutili. questo blog mi ha risparmiato ore di ricerche e svolge la sua funzione, se poi leggo “pultroppo”, pazienza. mi è successo di trovare online presunte “guide” scritte perfettamente (probabilmente con tanto di correttore di bozze), ma assolutamente assurde, coi comandi da terminale “monchi” (senza “su” o “sudo”, dati per scontati, spazi e maiuscole sbagliati che ti fanno diventare scemo, etc.) pieni di emoticons e palle così. e mobbastaveramente, però! 😀

        • Cioma3

          Quoto tutto, specialmente il riferimento al mitico Maccio Capatonda 😉

        • grazie x il supporto :;)

      • se non ti piace come scritto il blog nessuno ti obbliga a leggerlo
        se hai tempo puoi provare a farti un blog magari riesci a fare un lavoro meglio di questo piuttosto che star qui a criticare

        • Ginino

          Nessuno ha detto che il blog è inutile o dice cose sbagliate (è anzi vero il contrario), ma che certi errori, in molti casi, sono talmente gravi, che proprio non si capiscono (leggendo e ascoltando la tv in Italia, per semplice osmosi, l’italiano lo imparano anche gli stranieri); inoltre rendono davvero difficoltosa la lettura (cioè di difficile comprensione). Se trovi il tempo di replicare ai commenti che non ti piacciono,
          accampando scuse (e seguitando a fare errori: “come è scritto”, “lavoro
          migliore”), puoi trovare anche il tempo per rileggere (una volta, subito
          prima di postare definitivamente) e correggere le cose più evidenti… Se pubblichi, scrivendo, SEI un giornalista freelance e come tale (se pur non obbligatoriamente) dovresti cercare di rendere un lavoro oltre che utile, anche comprensibile e stilisticamente decente…

          Ai difensori di cause perse… ma per favore…

          • garuax

            davvero difficoltosa la lettura? a Furio, ma tu stai fuori… 

      • garuax

        Vabbè, secondo me basta far notare l’errore senza esagerare in clamorose critiche. Alla fine gli hai dato dell’ignorante. Ma come ti permetti? Ma mandagli una mail in privato per questo tipo di critiche. Sono stato io a segnalare pultroppo – purtroppo, con un po’ di remore devo dire, mantenendo un profilo che fosse il meno visibile possibile. Ciao

    • lo già spigato più volte che non sono ne un blogger ne uno scrittore
      se non ri piace come scritto puoi sempre cambiar blog

      • Roberto sono un tuo lettore fisso del blog da quando l’ho scoperto, hai tutto il mio supporto morale, continua a scrivere magnifici post.
        Il Miglior Blog Italiano che parla di Linux. 

  • Peterolf

    Chiedo un consiglio.
    Attualmente ho una partizione primaria libera sda3 di 8Giga, + una logica sda8 di 3 giga. La swap è collocata nella partizione logica sda5.
    La partizione di boot sta nella sda1.
    Al momento del partizionamento dopo la richiesta della collocazione della swap (selezionando sda5) e quella di root (sda3) mi chiede come optional dev/boot.
    Cosa devo fare per assegnare una partizione ad /home avendo a disposizione solo la sda8 libera?

    • la configurazione del boot è automatica
      di solito non viene inserito windows sulla quale però basta togliere # dalla configurazione per trovare la partizione
      se non hai windows salva senza modificare alcuna configurazione

  • Per chi critica Roberto ed i suoi errori grammaticali…..
    Visto la mole di lavoro che fa in questo blog ( e credo sia da solo ) perche’ non lo aiutate voi a correggere gli articoli? Non so se avete notato il mazzo che si fa e la disponibilita’ che ha verso tutti noi evidentemente tutto e’ dovuto…..

    P.S. per ROBERTO
    Che dici di ascoltare i suddetti saccenti e chiudere il sito che so….. per 3 mesi ……6 mesi giusto giusto per seguire un corso di italiano?
    Ciao sei un grande!

    • Io metterei i commenti ad approvazione..cioè quando uno commenta deve avere l’approvazione dal gestore del blog..così la facciamo finita

      • a meno che non aggiungi link oppure venga insultato qualcuno o scritto parolacce i commenti non sono moderati e resteranno tali
        ognuno è libero di commentare
        poi logicamente se insulta ecc viene bannato e i commenti rimossi

    • dedico a questo blog dalle 4/5 ore al giorno per 365 giorni all’anno pur lavorando e avendo anche una famiglia e altri impegni
      se ci son dei problemi grammaticali non ci posso far niente potete segnalarli come fanno in molti e li correggo

  • Cioma3

    appena installato in kde piallando kubuntu/mint kde: tempi di boot dimezzati e velocità di esecuzione raddoppiata.
    con 4 comandi post installazione sistemi tutto, mi è bastato seguire la guida sul sito di arch linux italia. 
    Installazione semplificata ( a me dava un sacco di problemi post-aggiornamento)
    che dire: meravigliosa! 

  • Antonio G. Perrotti

    installato e funzionante (con xfce). tutto praticamente perfetto, tranne radiotray che si installa senza problemi ma si rifiuta di avviarsi, google earth coi fonts brutti forte (poco male) e pinta con un bug per cui apre le immagini ma non le elabora. per il resto, impeccabile. velocità notevole e ottima definizione grafica.

    • Bubz
    • garuax

      Ciao, secondo te aumenta la velocità pure se lo installo con Cinnamon? io adesso monto mint 12. Da quando sono passato ad ubuntu 11.10, provando poi appunto anche le utlime Fedora, poi Mint, ho notato sempre dei rallentamenti rispetto alle distro precendenti. Il mio pc è un vaio con 2gigahz core 2, 4gb ram, nvida 8400gt.
      Mi serve la spinta psiclogica per provare Arch 🙂  da cui sono sempre rimasto scottato.

  • Oscar

    Per i professorini. Scusate, ma se non vi va bene,cambiate blog. Siete sempre polemici..e che cazzo.. sempre a rompere per errori di ortografia. Ma chi se ne frega!!!!

    • ormai non ci faccio più caso 🙂

      • Corrado

        Bridge Linux
        Ciao Roberto, sai la password di sblocco utente da live?

    • garuax

      eccomi, io sono uno di quelli. Lo faccio perchè ritengo che un sito scritto bene sia anche più bello e perchè penso possa essere utile a chi scrive il blog. ..Aho’, cmq fatte una tisana..

      • fatti un blog allora cosi scrivi come e sopratutto quello che vuoi 🙂

      • Oscar

         Bravo….grazie! almeno qualcuno pensa a noi poveri lettori.. ps. Perchè non chiedi a Roberto, se nel suo blog, ti fa fare lezioni di italiano.

      • Oscar

         Ops! mi sono dimenticato il punto interrogativo,dopo “italiano”

      • Davide

        Ahò..’un semo mica tutti imparati…e daiè…alle volte è vero, se l’impostazione non è corretta, ci sono errori importanti, sia di grammatica che di punteggiatura, comprendere quello che viene scritto può risultare più complicato. Penso si debbano anche però considerare errori di battitura molto spesso, ma visto nei telegiornali le stracazzate che tirano nelle informazioni che passano in sovraimpressione? E alloraaa…sbagliano giornalisti e qunt’altro che in teoria dovrebbero essere pure laureati e facciamo tutte queste seghe a Rob? Verò è però che una critica, un appunto, una segnalazione dovrebbe essere sempre ben accetta quando questa è costruttiva e non fine a se stessa per rompere o polemizzare. Non mi sono mai espresso su questa insulsa polemica e non lo farò più, ma ho voluto esprimere comunque il mio pensiero in merito a questa cosa.

        • garuax

          hai fatto bene, cmq sei la dimostrazione che si puo’ esprimere il proprio punto di vista con serenità. Ciao.

        • Ignazio

          Mah, io leggendo non trovo che ci siano errori grammaticali o improprietà di linguaggio, se ci sono poi segnalateli e non fate polemiche. Io l’unica cosa che noto a livello linguistico è l’uso ripetitivo del pronome il/la quale quando si potrebbe usare che, cui, ciò, esso, etc., che qualche volta rende poco scorrevole il testo, ma gli articoli non presentano errori. Quindi se volete fare una critica, indicate cosa secondo voi è scritto male e io non credo che l’autore del blog rosicherà troppo se l’aiutate a risolvere un errore, non credete? se dite solo che l’articolo è scritto male rimanete solo degli haters che non contribuiscono a migliorare i presunti errori(che io non vedo). Migliorare grazie al contributo di tutti, non è questo il cuore dell’open source?Quindi se volete fare delle critiche fatele bene e non alzate queste polemiche che non siete rispettosi dell’impegno dell’autore di questo blog fantastico!!
          Ciao

  • Scogiam95

    Finalmente!!!!! Dopo svariati tentativi di installazione di arch (che va a buon fine , la setto e tutto ma non va il wifi che viene riconosciuto ma non connette mi da netlink not found) posso installare questa e vedere se funge….. 

  • raftel

    Ragazzi io penso che lffl sia il miglior blog italiano che parla di linux. Visti gli argomenti trattati, se c’è qualche errore di troppo non succede nulla. E non lamentiamoci sempre! Ti stimo Roberto! 
    Arch xfce è una scheggia, su macchina virtuale va come se fosse su hard disk. 
    Spero tanto di impararla ad usarla, richiedo più articoli su arch e se possibile, con errori 😉

  • Ermy_sti

    ma come si installa??? Ho provato in Virtual box ma mi parte solo il live e basta non mi da la possibilità di installarla…

    • Corrado

       prova da live poi scrivi install

    • Davide

      Sotto altro trovi il collegamento che fa partire di installazione. Mi pare Install bridge linux, ora no ricordo esattamente, ma comunque si capisce.

      • Davide

        Scusa, più precisamente: Applicazioni – altro- install ecc…ecc…

      • Ermy_sti

        grazie era proprio “altro -> install bridge linux”

  • Corrado

    Scusate, bridge linux password di sblocco da live. Mi si è bloccata durante l’installazione, causa lunga telefonata.

    • Ermy_sti

      pure a me si blocca ma è normale, dopo l’installazione chiede una password che sanno solo loro..secondo me è un errore di sistema madornale…ciao ciao bridge linux

      • non è un errore del sistema ma un errata configurazione durante l’installazione
        durante la configurazione hai aggiunto la password di root e aggiunto l’user e password
        se non l’hai fatto
        all’avvio loggiati come root (se non hai impostato la root allora devi reinstallare tutto quanto)
        e dai adduser

  • Dalamy

    Ciao Roberto e complimenti per il blog continua così! Volevo chiederti se mi potevi dare qualche informazione in più su questa distro:
    questa derivata di Arch è Arch pulita con solo aggiunto il DE o ci sono anche altri settaggi fatti dagli sviluppatori? Questo per sapere quanta differenza c’è se installo solo Arch e poi faccio tutto da solo. ( non mi interessano tanto i settaggi ma solo se Bridge è più pesante di “Arch+De”)

    • Bubz

      Sicuramente hai una marea di pacchetti, installati di default che non ti servono a nulla!

    • alla fine è sempre arch solo che qua non devi installare il sistema base e poi l’ambiente desktop
      qua hai già tutto e l’installazione è un po più semplificata

      • Dalamy

        Quindi per problemi o cosa varie posso fare riferimento al forum italiano di Arch? Grazie ancora 🙂

  • GrangeArch

    Al primo upgrade che ti dà la comunità di ARCH? VLC versione 2.Meraviglioso!
    Quello che fa grande questa comunity. Imbattibili nell’aggiornamento.
    Primissimi a lanciare allarmi e trovare patch di sicurezza.

     

  • Dagians

    lspci | grep VGA
    01:05.0 VGA compatible controller: Advanced Micro Devices [AMD] nee ATI RS780MC [Mobility Radeon HD 3100 Graphics]

    ragazzi ecco la scheda video del mio portatile, come li installo i driver ati?

  • Ermy_sti

    boh io proprio non riesco ad installarlo. Setto le partizioni (come mi suggerisce)  avvio l’installazione e alla fine mi chiede una password che io assolutamente non conosco; riavvio e mi da errore di boot… In italiano non esistono guide…aiutooooooo

    • la password che devi inserire è quella che vuoi impostare come root
      la digiti 2 volta ed è impostata

  • Teo

    A me continua a rimanere in inglese, ho seguito consigli e altro ma tastiera e sistema sono sempre nella lingua preimpostata….suggerimenti (bridge linux xfce)

    • Cioma3

       hai installato i pacchetti IT per il tuo DE? io ad es ho dovuto installare
      i kde-l10n-it, altrimenti ciccia italiano

      • su kde so per gli altri c’è già l’italiano

      • Teo

         Grazie Cioma a questo non avevo pensato…domani provo.Una domanda ma esiste x Xfce ?

        • Cioma3

           ciao Teo
          non saprei per xfce, comunque sappi che sul mio portatile di 6 anni fa, bridge+kde gira più veloce di xubuntu……certo ho tolto qualche effetto, ma con gli stessi programmi aperti e 5/6 plasmoidi sul desktop è + reattivo della xubu

      • Teo

         seguita passo passo, ma niente da fare

  • Ermy_sti

    mah secondo me questi volevano rendere arch per tutti ma hanno toppato di brutto 😉

    • non hanno toppato per niente
      l’installazione è testuale ma basta un po di attenzione e si installa senza problemi

      • Ermy_sti

        si ho capito che è testuale…questo non mi crea problemi…me li crea la password che hanno inserito loro e che non ti fa accedere al sistema..

        • non hanno inserito alcuna password
          le imposti te le password al momento dell’installazione

  • giocitta

    E’ praticamente impossibile installarlo (almeno per un utente di livello medio). Credo non debba, al momento, neppure essere proposto per una prova.

    • non vedo dove sia tutta questa difficoltà
      e nemmeno conosco l’inglese ma l’installazione anche se testuale non è poi cosi difficile
      basta un po di attenzione imparare quei 2/3 passi e si installa senza problemi

      • giocitta

        Grazie e complimenti per la resistenza alla mole sovrumana di lavoro alla quale ti sobbarchi. Io sono uno dei “critici linguistici”, ma capisco bene anche le tue considerazioni a difesa. Del resto, lffl rimane il blog prediletto di una buona parte degli appassionati di Linux. Ti prego di leggere anche quanto ho scritto a Cioma3 a proposito del mio problema di installazione su disco fisso esterno.

    • Cioma3

      La guida di installazione di Archlinux Italia è perfetta se seguita passo per passo.
      La mia sfortuna è stata installarla in giorni in cui c’era un difetto nell’aggiornamento che mi mandava in crisi le partizioni (facilmente risolvibile tra l’altro ma non potevo accedere ai forum)
      Se segui la loro guida per le 5 opzioni presenti nell’installer, non puoi non farcela…..

      • giocitta

        Grazie a Cioma3 e ferramroberto per il pacato e incoraggiante commento. Conosco molto bene ArchLinux e le sue perfette guide, e in effetti e’ uno dei miei sistemi preferiti. Non ho mai avuto alcuna difficolta’ a installarlo e a configurarlo. Per BridgeLinux il problema e’ diverso. L’installer e’ troppo semplificato e non segnala alcune cose importanti. Ecco cosa mi succedeva: poiche’ tentavo di installare su un disco esterno USB, la creazione del fs non riusciva perche’ il disco risultava montato in fase di boot, ma non riesciva neppure se viene dato un umount prima di procedere. In particolare, non viene al nuovo boot riconosciuto l’uuid del disco. Nessun problema, invece, in caso di installazione in una partizione dei dischi fissi del sistema. Grazie.

        • basta che fai una partizone da 128 mb in ext3 per il boot nella pendrive, aggiungi la swap e la root
          vedrai che ti crea il bootloader nella pendrive senza problemi (mi raccomando la partizione del bootloader non farla in ext4 altrimenti da errore)

  • Ermy_sti

    tranqui passo a kahelos mi sembra molto più maturo come progetto e più facile 😉

  • ImSelf

    Quello che manca: lo step per la configurazione della tastiera doveva essere fatta al momento dell’installazione.
    Ora succede che pur settando in fase d’installazione la configurazione della tastiera, nel momento in cui si vanno ad inserire le pasword di root e user, si opera ancora su layout inglese. Cosicché se inserisci i segni tipo ^ ed altro, non coincidono con il layout italiano. E quindi si è costretti ad usare solo caratteri alfanumerici…peccato. (questo è un difetto di Arch e sue derivate, ad eccezione di chakra).

  • Jagemal

    io (da vero niubbo) mi sto arenando alla creazione del bootloader .. lo script apre nano con la configurazione di GRUB, ma non riesco a trovare il comando per salvare e chiudere :-O

    • Teo

       ctrl x per chiudere

      • Jagemal

        ok .. sono un po’ meno niubbo adesso hahaha

        e sono “felicemente” su Bridge Cinnamon ;)consuma molto meno di quanto mi aspettassi :-/

        • quoto 😉
          inoltre ora avrai sempre la distro aggiornata senza dover aspettare 6/12 mesi
          di solito dopo poche ore che esce un aggiornamento lo trovi già disponibile

    • cristianpozzessere

      questo sicuramente ti servir’ per comprendere il miglior editor (almeno secondo me)https://wiki.archlinux.org/index.php/Nano_(Italiano)

      comunque decommenta ci; che devi usare e poi ctrl + o per sovrascrivere ,dai ok e poi ctrl +x per uscire e salvare.

  • Ginoginetto

     ho provato a istallare la versione gnome su un asus 1201n ma mi da schermo nero,
    con vesa ci sono riuscito ma poi al riavvio mi è tornato lo schermo nero. che fare?

    • all’avvio premi tab al boot e aggiungi al comando
      vga=0x317

  • grey_alien

    Ciao a tutti! Non so se off-topic, ma volevo chiedere: questa distro qualcuno l’ha provata con i driver closed nvidia e separate x screen? Vorrei cambiare distro, ma da Ubuntu 11.04 non sono in grado di trovare una distro che abbia il separate x screen e che non soffra di tearing… Sapete se qualunque altra distro rolling con qualunque WM supporti driver closed + separate x screen + compositing? Grazie 😉

  • Gennaro Agrimi

    Ciao
    Installata la versione xfce. Tutto OK. Fantastico anche yaourt-gui!!!!

  • Av250866

    Sicuramente ogni nuova distro è benvenuta, ma secondo me un installer automatico su una distribuzione Arch va contro i principi stessi per cui questa distribuzione è nata.
    Se si cercano distro pronte “out of the box” ce ne sono già decine…

    • Cioma3

       ciao
      perfettamente daccordo. Consideriamole però anche un approccio più semplice a Arch. Io infatti dopo aver installato e “imparato” la Bridge, passerò alla Arch “più pura”, ma almeno con cognizione di causa. Secondo me tanti faranno così, almeno spero…..;)

      • cristianpozzessere

        Assolutamente daccordo,io ho installato prima archbang e poi archlinux pura.

    • Antonio G. Perrotti

      scusa, ma dov’è il vantaggio di un’installazione “pura”? ho installato bridge con xfce, ho tolto le applicazioni che non uso, ripulito le dipendenze e installato le applicazioni che usavo su ubuntu. e funziona perfettamente.

      • con arch installi i pacchetti che vuoi tu dal sistema base qua devi installare prima i pacchetti che vuole un’altro rimuoverli e poi installare quelli che vuoi tu
        è un po contro l’etica arch
        anche se secondo me va bene dato che porta nuovi utenti a conoscere questa fantastica distro

    • vero anche se porta più gente a conoscere questa magnifica distro
      alla fine possono imparare ad usare arch con queste cosi da poter pian piano installarsi arch “pura” in un secondo momento

  • Oscar

    Ciao Roberto è possibile provarla con la pendrive? Ho provato con Unetbootin, come faccio di solito con le altre distro, ma non funziona

    • Cioma3

       ciao
      con unetbootin non funziona, rinominalo in .img e usa Imagewriter

    • controlla questa guida è per chakra ma va bene lo stesso

      http://www.lffl.org/2012/02/chakra-come-copiare-la-iso-su-una.html

    • Antonio G. Perrotti

       se hai ubuntu, usa usb-imagewriter, lo trovi in synaptic. rinomini la .iso in .img e fa tutto da solo. a parte la traduzione italiana esilarante, lo sto usando da un po’ e funziona con quasi tutte le distro.

      • Oscar

         Grazie,fatto…e funziona

    • Corrado

      Tranquillo, a me funziona con Unetbootin, formatta la pendrive fat32 e rendila avviabile. Puoi usare il magico GParted per formattare.

  • Stiv771

    Ciao, ho installato bridge linux ed è andato tutto per il verso giusto, adesso però mi sono bloccato su una stupidaggine. Ho cercato in giro ma non riesco a risolvere. Non riesco ad avviare alcuni programmi tipo firefox, chromium e nvidia-settings, ad esempio se avvio firefox mi da più o meno questo errore “xpcomglueload error for file /usr/lib/firefox/libxpcom.so libpng14.so.14”. Grazie, e complimenti per il sito.

  • Oscar

    Provata…con gnome funziona tutto. Con kde, ho aggiornato e anche installato software. Ma non riesco a navigare,ne via ethernet e nemmeno con il wifi.

  • SuperOSLx

    Piace a tutti ma ognuno segnala un un “difettuccio”.

  • Brunowolf88

    ha dei repo propri o usa gli stessi di arch?

    • usa quelli di arch

      • Brunowolf88

        quindi rolling?
        proverò la distro 🙂 dopo chakra che mi trovo benissimo bridge mi affascina 😛

        • rollling (non stones) 🙂

          • Brunowolf88

            provata è… cancellata… è inconfigurabile..
            sono stato una mattinata cercando di mettere la tastiera italiana ma niente (ho seguito il wiki di arch)… il touch pad non è rilevato… no no… rimesso la mia debian testing e chakra 😀

  • cristianpozzessere

    Perfetta!!!
    una Distro Arch anche per i neofiti 😀
    Grazie 😀

    • provala e vedrai che funziona molto bene

      • cristianpozzessere

        St; scrivendo da BridgeLinux,installato sul mio mulettino (eeepc1005ha),installato con DE Gnome,.. Funziona tutto bene,impostato il touchpad con scroll anche in verticale,e ha riconosciuto tutto l-hardware senza fare nulla di particolare.
        due piccoli problemucci,quando provo ad impostare i repo Italia e Svizzera,mi da errore nell-aggiornamento ,devo per forza rimettere a posto come di default.
        Secondo problema,impostazione della lingua Italiana,anche dopo aver configurato e decommentato il file apposito.
        Naturalmente ho usato la wiki di arch.ma niente.
        Devo un p; trovare la soluzione..anche perche  essendo molto giovane come progetto ,non riesco a trovare un forum adeguato.
        Comunque anche se ancora in inglese e non aggiornata a dovere ,sono rimasto veramente sbalordito dalla velocita della distribuzione,tenendo conto dell-hardware che st; usando e unascheggia.
        Scusate gli errori di battitura ma non sono abituato con il layout della tastiera usa.
        Se hai qualche suggerimento te ne sarei grato.
        Grazie e complimenti come al solito!>D

        edit:
        non avevo configurato per bene x org
        mancava la riga :
        Option “XkbLayout” “it”
        Adesso la lingua è apposto ,controllo meglio per i repo:D

      • cristianpozzessere

        Provata ,e dopo aver smanettato per pochi giorni….ho fatto che installarmi Archlinux con Gnome 😀
        avevo già usato archbang in passato…ma io sono un appassionato del Gnomo 😀
        Grazie mille per le splendide guide…finalmente ho fatto rinascere il mio bel eeepc 1005ha,.
        avevo installato fedora gnome ,ma confronto ad arch è molto meno reattivo su ardware così ridotti,
        naturalmente continuo a mantenere Fedora sul pc desktop,perchè è la mia distro preferita e quella che conosco meglio,
        Grazie ancora a LFFL 😀

  • Thierryferrari

    io ho scaricato l’immagine iso dal sito ufficale con ambiente desktop gnome 3 e ho provato ad installarla su virtualbox solo che alla prima schermata dove si può premere tab appena premo invio sparisce la freccetta e si blocca

  • Marco Perasole

    ragazzi volevo installare questa bella distro su una partizione separata. ho creato una usb avviabile. scelgo di avviarla ma poi schermo nero. come posso ovviare?

    • probabilmente hai sbagliato qualcosina durante la configurazione

      • Marco Perasole

        ho installato Bridge (che a quanto pare semplifica l’installazione di Arch..e per un Newbie come me è una mano santa) senza troppi problemi. riavvio il pc, ma schermo nero e si pianta.
        ho notato che dopo i vari caricamenti che hanno come risultato tutti [DONE], ne compare uno alla fine in ROSA al posto di DONE e mi pare si chiami “Starting Alsa” (possibile?) o qualcosa di simile…
        Come posso fare per risolvere? 
        penso sia un problema legato alla scheda video…ma nn so come andare avanti..
        ho una NVIDIA GT 220M.

        • se si avvia da live non dovrebbe aver problemi nel riavvio
          sicuro di aver configurato tutto bene sopratutto il file rc.conf

          • Marco Perasole

            da live si avvia ma solo con la seconda opzione cioè “force vesa e nn ricordo cosa”…

          • hai un netbook?
            avvia per curiosità da fallback

          • Marco Perasole

            ho un notebook asus x66. come faccio ad avviare da fallback? non sono pratico…

          • all’avvio trovi il kernel normale e fallback di solito è il secondo avvia quello

  • Robygo1958

    Ho usato sia unetbootin che lili, ma si blocca sempre dicendomi che mancano i firmware b43. Non mi era mai successo. Cosa posso fare?
    Per la tastiera italiana io metto in autostart questo e funziona:
    setxkbmap it &
    o ta terminale: setxkbmap it
    Grazie ciao

  • Antonio G. Perrotti

    dopo un po’ è diventata lentissima, più lenta di ubuntu. può dipendere dal fatto che ho installato molti programmi da community segnalati come “potenzialmente pericolosi”? è roba che mi serve, tipo soundconverter, mp3gain, kid3 etc.

    • non dovrebbe rallentare anche se non vorrei che si fossero installate qualche libreria che rallenta la distro

  • Alex TuX

    Ho provato a creare una live usb con il comando dd ma niente da fare: non parte ed ho provato con tre chiavette differenti.
    Tra l’altro anche con virtualbox ho diversi problemi e praticamente KDE è inutilizzabile pur avviandosi.
    Qualche suggerimento?

    • non hai la possibilità di installarla da cd?

      • Alex TuX

         Non ho nemmeno provato in effetti, ma la curiosità era sul perché dell’inefficacia del DD…

    • Giuseppe Carabotto

      strano io ho creato una chiavetta con unebootin da windows 7 e poi sempre con unebootin con fedora 16.tutto andato bene.

  • Antonio G. Perrotti

    non capisco una cosa: dopo bridge sono riuscito a installare arch “vero”, ma non lo posso usare, mi surriscalda la cpu (amd v140) fino a far scattare lo spegnimento di sicurezza. delusione tremenda, dopo ore di sbattimento. cosa posso fare?

    • penso che sia un problema del kernel aggiornato
      in teoria dovresti avere lo stesso problema anche con bridge aggiornandone il kernel

      • Antonio G. Perrotti

        con bridge non ho avuto modo di verificare, l’ho piallato dopo pochi giorni per installare arch da zero, con xfce. e concordo che non è una cosa così difficile, specialmente se si possono usare 2 pc come o fatto io, uno per leggere la guida e le varie wiki. solo che appena riavviato con l’ambiente grafico è partita la ventola a manetta e dopo un po’ è scattata la sicurezza. alla terza volta ho preferito non rischiare. il kernel era il 3.2.9-1, mi pare.

        • è un problema del kernel comunque se ti da problemi puoi sempre utilizzare il kernel precedente

  • garuax

    Ciao, innanzi tutto grazie per le belle dritte che leggo e che mi danno la possibilità di scegliere tra programmi e distro. Una piccola critica spero costruttiva. Ho notato che le tue preferenze sono certamente Arch e forse fedora. Rispetto a queste distro basate su Arch è palese che ci siano problemi anche molto gravi (gpu che si surriscaldano, processori che schizzano e causano autospegnimento, schermate nere e incompatibilità nvidia).  Perchè non essere più obiettivi e critici verso una distribuzione, nonostante la tua preferenza? Una critica non sminuirebbe i pregi della distro in questione.  :))
    Ciao e complimenti ancora per il forum.

    • personalmente ormai uso arch su tutti i miei pc (e anche tablet) e non ho mai avuto problemi di surriscaldamento di gpu/ processori ecc problemi molto spesso riconosciuti in tutte le distribuzioni per cause del kernel e non di arch linux
      grazie ancora x i complimenti e sopratutto w linux

      • garuax

         Ho capito, quindi secondo te (non sono sarcastico, domanda vera) i problemi degli utenti sotto sono dovuti al kernel e non dalla distro?  Ora mi installo Arch, ci provo.

      • garuax

         …niente. Si blocca dopo circa 30 secondi, neanche mi comincia l’installazione vera e propria. Scartata. Ne provero’ un’altra.

No more articles