Dopo Webbrowser App approda nei repository ufficiali della versione desktop di Ubuntu 13.10 Saucy le nuove app Notes, Gallery e Media Player per Ubuntu Touch.

In concomitanza con il passaggio da 13.04 Raring a 13.10 Saucy di Ubuntu Touch gli sviluppatori Canonical hanno integrato alcune applicazioni del progetto Ubuntu Core Apps nei repository ufficiali della versione versione in fase di sviluppo. L’arrivo dell’applicazione Notes, Gallery e Media Player nei repository ufficiali della versione in fase di sviluppo di Ubuntu 13.10 Saucy permetterà di agli utenti e sviluppatori di testare lo sviluppo delle applicazioni mobili oltre a poterle utilizzare ad esempio su tablet tv  o altri dispositivi con schermo touch screen. L’applicazione Notes consentirà agli utenti di gestire al meglio le proprie note ed impegni attraverso un’interfaccia grafica semplice ed intuitiva. Lo sviluppo dell’applicazione potrebbe portare diverse novità compresa la sincronizzazione delle note in vari device attraverso Ubuntu One e altri servizi “cloud”. La nuova Galleria o Gallery Apps punta a fornire un completo reader d’immagini con alcune funzionalità che includono un semplice editor e un tool di condivisione che ci permetterà d’inviare l’immagini in Facebook, Twitter, email ecc.

Il Media Player è un progetto molto importante per Canonical dato che oltre ci consentirà di riprodurre file audio e video sia in locale che online nel secondo caso potrebbe anche interagire con il browser per la riproduzione di video da vari siti web supportati dall’applicazione come YouTube, Vimeo ecc. E’ possibile anche che arrivi il supporto per altri servizi web di straming musicale oltre ad Ubuntu One Music.

Ecco 2 video che ci descrivono Gallery e Media Player in Ubuntu 13.10:

Per installare l’applicazione Notes su Ubuntu 13.10:

sudo apt-get install notes-app

Per installare l’applicazione Gallery su Ubuntu 13.10:

sudo apt-get install gallery-app

Per installare l’applicazione Media Playersu Ubuntu 13.10:

sudo apt-get install mediaplayer-app

via e via

No more articles