Red Hat Enterprise Linux è una delle distribuzioni più utilizzate soprattutto in ambito aziendale. Da essa nascono molte derivate come ad esempio Scientific Linux sviluppata dal Cern di Ginevra, e molte altre varianti come possiamo notare da questo precedente articolo.

Red Hat Enterprise Linux 7
Attualmente la versione 6 di Red Hat Enterprise Linux si basa ancora di Gnome 2, per gli sviluppatori Red Hat è giunto il momento di passare a GNOME 3 il cui passaggio però sta portando non pochi problemi. Difatti con il passaggio a GNOME 3 l’azienda ha deciso di mantenere un’esperienza utente simile a GNOME 2 fornendo di default GNOME Classic o Fallback al posto di GNOME Shell. Ad annunciare la scelta di GNOME 3 Classic è stato Denise Duma il direttore tecnico di Red Hat Enterprise Linux (RHEL) indicando che la release numero sette verrà rilasciata già nei prossimi mesi. Dumas ha parlato anche della scelta di utilizzare Gnome 3 Classic al posto di GNOME Shell indicandolo quest’ultimo troppo “moderno” portando  del disagio agli utenti aziendali di RHEL: “l’ultima cosa che vogliamo fare è interrompere i flussi di lavoro dei nostri clienti”.

Il direttore tecnico di RHEL ha parlato anche dello sviluppo di GNOME Shell e dei nuovi progetti correlati apprezzando il lavoro svolto in questi mesi e sopratutto la scelta di voler dare all’utente anche la possibilità di riavere (in parte) l’esperienza utente simile a Gnome 2 attraverso la sessione Classic o Fallback. Il nuovo aggiornamento a Red Hat Enterprise Linux 7 potrebbe portare alcuni problemi sopratutto con il passaggio a GTK+3 per questo motivo Red Hat sta lavorando molto in questi mesi per evitare questi problemi lavorando sia nell’installer della nuova release che testando a fondo il nuovo upgrade da versioni precedenti.

via h-online

  • Salve, complimenti per le “illuminazioni” che ogni giorno ci dai.
    Volevo sapere se c’è un modo per far funzionare lo scrobbling con Last.fm!?

    • Vladimir Kolev

      Solamente es necesario activar el apoyo Last.fm – scrobbling será automático

    • Vladimir Kolev

      Solamente es necesario activar el apoyo Last.fm – scrobbling será automático

    • vai in preferenze e aggiungi il tuo account last-fm

  • Nick Deckard Lamboglia

    Ma non è più mantenuto questo repository???

  • Bred00

    Se anche RHEL abbandona gnome shell potrebbero iniziare a capire che lo stipendio non è più garantito… se non sono troppo fatti!

  • Ray

    potrebbe passare a Mate,che è uguale a Gnome2,io lo uso con l’ultima versione 1.6 ed è migliorata tantissimo per la sua stabilità..vediamo!

    • Simone Dedo

      Mate per un prodotto aziendale?

      Quindi tu affideresti un prodotto con integrata un interfaccia che è mantenuta da 1 sviluppatore no profit?

  • J

    e’ una scelta giusta indipendentemente, se GSHELL faccia “schifo” o è “brutto” ecc ecc…. queste cose son più soggettive, ma non può esserlo dover proporrre un cambiamento per un desktop in ambito lavorativo, dove, come ovunque…lo stesso discorso vale anche per Win…… chi ci deve lavorare è abituato da anni ad un “schema predefinito”, e poco incline ai cambiamenti, per routine …pigrizia… e scarso interesse nell’applicare cambiamenti da -reimparare- e perdrci tempo …… poi a casa propria ognuno fa quello che vuole e ritorna il discorso “soggettività”.
    L’esempio potrebbe essere un ufficio puvbblico…dove da secoli lavorano con X sistema operativo… beh cambiarglielo radicamente sarebbe perdere il cliente o sentirlo lamentaresi spesso…. piuttosto lasciandogli l’ambiente grafico molto simile; meglio cambiare e rinnovare, aggiornare il “motore” del SO.

    • pi3tr0

      certo che siete forti sempre a citare la PIGRIZIA e IL NON VOLER CAMBIARE, iniziate a considerare che a molta gente “LAVORARE” con quelle interfacce fa schifo e basta perchè è semplicemente IMPRODUTTIVO, molti che schifano gnome shell sono incazzati anche perchè finalmente che gnome è diventato carino è stato castrato.

      GNOME FALLBACK su LTS 12.04 tutta la vita, quando sarà da aggiornare ci saranno cinnamon, kde, xfce e lxde da prendere in considerazione, GS e Unity sono per Tablet e per BimboMinkiaDesktop

      • J

        ma hai capito quello che ho detto?

  • telperion

    Ecco, che gnome-shell è una “cagata improduttiva” ora è CERTIFICATO dalla massima autorità in fatto di distribuzioni gnu/linux.

    E pensare che sono ANNI che lo dicono in moltissimi.

    • Simone Dedo

      Si vede come hai capito poco come funziona l’ambito aziendale. Ti sembra che in azienda tutti sono passati da Windows XP a Windows Vista o Windows 7?

      Non penso proprio.

      Al contrario, hanno dimostrato serietà e che quindi, invece di rinnegare la propria creatura, l’hanno semplicemente riadattata secondo ciò che era giusto fare per utenza aziendale.

      Si parla di utenza aziendale, non di utenza privata.

      • telperion

        quindi a casa se DEVI LAVORARE e non cazzeggiare con facebook mp3 e cagate varie, va bene pure il CESSO di gnome-shell?

        Ma che ragionamento è?

        Io infatti son passato dopo 10 anni di gnome a kde, dopo l’uscita di quella PORCHERIA, e non penso di essere il solo.

        A casa se devi cazzeggiare con facebook mp3 e cagate varie, ti basta un tablet da 150€ con android, non ti serve un PC con gnu/linux

        • Simone Dedo

          Tu hai citato solo un tipo di utilizzo, ma di utenti privati ce ne sono molti e molti sono liberi di utilizzare il pc come vogliono.

          Ora, dal mio punto di vista, a te potrebbe anche sembrare una porcheria GNOME 3, ma per un utente come me che lo usa quotidianamente non lo trovo affatto come dici tu, come non sei tu che stabilisce che un utente per cazzeggiare su facebook e ascoltare mp3 e cagate varie può tranquillamente usare un tablet.

          L’ottica aziendale, è molto più rigida e le cose in azienda, devono funzionare, come hanno funzionato per anni e meno le cose cambiano è meglio è, compresa l’interfaccia grafica.

          Cosa cambiava da Windows XP a Windows Vista? Sempre Windows era, i programmi che potevi far girare erano gli stessi, a parte l’instabilità famosa di Windows Vista (che nessuno poteva comprovare se non lo utilizzavi) era proprio l’interfaccia grafica.

          Aggiungici anche la non necessità di contorno e scopri che l’utenza aziendale è un’altro mondo.

          Ma è probabile che tu sei fuori da questo mondo, quindi non posso certo criticarti per questo.

          • telperion

            Dici un sacco di fregnacce, tu se qua tu sei la, TU SEi CIECO, se non ti accorgi che GNOME SHELL produttivanebte parlando è UNA FETENZIA ORRIBILE, la peggiore “invenzione” del secolo.
            Ha fatto perdere la supremazia a Gnome ed è un BAGNO DI SANGUE di utenti che lo ABBANDONANO.
            Ma che quazzo c’è da difendere?
            Non basta la REALTA’ DEI FATTI?
            Pochi utenti, pochi developers, LA MORTE NERA ormai.
            Divertiti con file, music, video, documents, photo e stacippa, veramente “il minimo del minimo”.
            I dev di gnome2 si stanno ribaltando nel letto …

          • Simone Dedo

            Intanto rilassati, io non ho parlato con questi toni.

            Secondo poi io ci vedo benissimo.

            Terzo, il bagno di sangue di utenti, c’è sempre stato ovunque, per ogni cosa che cambiava, poi alla fine, dopo diverso tempo, la gente rivaluta e magari ci si accorge che non era poi così male.

            E’ ovvio che GNOME 3 non è un prodotto ancora perfetto, perchè mancano ancora molte cose, come Wayland, Applicativi seri dedicati (come GNOME Music, Gnome Video e via dicendo) ma senza dubbi, è l’unico DE che sta facendo davvero cose con criterio, non c’è altro da dirgli.

          • alien321

            Hai sparato grosse stupidaggini.

            In azienda la cosa principale non è l’interfaccia grafica ma il fatto che gli applicativi che funzionavano prima continuino a funzionare.

            Le aziende non sono passate da XP a Vista subito è perche molti applicativi semplicemente su Vista non andavano. Adesso infatti che gli applicati sono stati aggiornati, cambiati o adattati le ditte hanno fatto il passaggio a Win7. Ora il problema che si presenta con Win8 è duplice.

            Primo: Troppo poco tempo è passato da Win7, fare i passaggi costa soldi e oltretutto non ci sono molte differenze fra i 2.

            Secondo: Win8 usa troppo la nuvola e a svariati amministratori avere i dati che vanno sui server di Microsoft puzza un po.

            Per RH il problema non sussiste potevano anche fare a meno di mettere una GUI, RHEL non va sui Desktop ma solo sui server e li è meglio non mettere GUI e se ci va una meglio una semplice tipo FluxBox

          • Simone Dedo

            Mi rendo conto che l’ho detta male. Voglio provare a rispiegarmi:

            Non voglio dare la colpa all’interfaccia grafica, voglio intendere che più l’utente aziendale è abituato a usare determinate cose, più è produttivo. Gli cambi anche solo l’interfaccia grafica, già possono nascere compromessi.

            Non dico 10 utenti su 10, ma 3 su 10 sì.

            Poi è ovvio che chi fa da padrone sono i software che l’azienda usa e che se non possono funzionare sul nuovo sistema, ovviamente non possono prenderlo.

            E’ altrettanto vero però, che io non ho mai visto applicativi che su Windows XP giravano e su Windows Vista no.

            Inoltre, come ho detto anche prima, c’è anche da considerare la non necessità di cambiare le cose che funzionano già.

            Tuttavia, se l’azienda è in buona salute e può investire, è sempre ben lieta di farlo se ha il suo tornaconto.

            Questo però ora è un’altro discorso.

    • TopoRuggente

      Gnome-shell ha meno di due anni di sviluppo, almeno che tu non ti riferisca a previsioni del Mago Otelma, credo che tanto tanto non sia.

      • telperion

        21 agosto 2009, cerca gnome-shell nel mio blog,
        mica bisogna essere MAGHI, per vedere che una cosa fa assolutamente schifo.

      • Simone Dedo

        Esatto, cominciamo a dire anche che GNOME SHELL si è buttata in un nuovo modo di concepire la scrivania e che sia poi adattabile anche altrove e ha 2 anni di sviluppo.

        KDE 4.0 è stato rilasciato 5 anni fa (gennaio 2008) e ancora non si regge in piedi da solo, non fornisce programmi integrati come è intenzionata a fare GNOME.

        Io la metterei anche sotto un’altro punto di vista, che la situazione desktop Linux è davvero critica vedendo:

        1) X.org che è ora che si tolga dalle scatole

        2) Kde 4.10.3 non ha alcuna stabilità produttiva degna di questo nome (in 5 anni di sviluppo, voglio sottolinearlo)

        3) Kde 3 è stato l’unico DE che poteva far “concorrenza” a Windows XP graficamente e aveva anche delle cosette in più gradevoli.

        4) GNOME ha preso la strada giusta che molti utenti non apprezzano purtroppo (telperion ne è un esempio) ma che ha ancora bisogno di molto lavoro

        E per favore risparmiatevi windows manager e de come:

        openbox
        xfce
        lxde
        enlightenment

        Perchè l’utenza ormai abituata a un certo stile grafico è impossibile proporgli ste cose.

        Auguro seriamente a KDE che KDE 5 sia fatto davvero a modo, altrimenti la situazione sarà ancora più critica.

        Parere personale, ovviamente.

  • alien321

    Be volevo specificare che RHEL non viene usata sui Desktop di nessuna azienda, ma viene usata sui server e normalmente sui server non viene installata l’interfaccia grafica.
    In ambito aziendale se si vuole usare Linux sui Desktop su usa
    una delle classiche distribuzioni, magari con supporto LTS.

    In 9 anni che faccio il sistemista non ho mai visti in una azienda (Italiana) un RHEL su un Desktop.

    Personalmente uso Centos e la mi installazione standard non prevede NESSUNA interfaccia grafica. E fidatevi non sono il solo che fa cosi,

    meno cose si installano e meno problemi ci sono e meno risorse sprecate.

    • Davide

      Sistemi desktop (workstation) con RHEL (o derivate come CentOS e Scientific Linux) ce ne sono eccome. RHEL è in un certo senso la LTS di Fedora (dato che RHEL viene derivata da Fedora).

      • Caterpillar

        ma anche no, cosa intendi per derivata?

        • Marco

          Ma anche si, RHEL e’ la versione enterprise, stabilizzata e con supporto di 7 anni di quello che la community ha testato sotto il nome di Fedora 19

      • alien321

        Ok dimmi dove le hai Viste??E cosa facevano??Usare RHEL su una workstation è di una scomodità assurda

    • Io invece ne ho viste diverse considerando che il supporto ce l’hai allo stesso prezzo sia che te abbia una o 30 macchine rhel…

      • alien321

        Ok, su che macchine e a fare cosa? Sono proprio curioso!

        • su diversi portatili e workstation nell’ambito IT, dalla manutenzione all’implementazione di software, diversi oracle admin usano red hat ad esempio, in alternativa puntano su fedora.

          • alien321

            Be diciamo che installano Fedora che è + realistico

          • No no molti installano red hat, ho visto fedora solitamente sui portatili di collaboratori esterni o personali, altrimenti rhel

          • alien321

            Ma hai mai provato a installare RHEL su un portatile??
            No perche fidati funzionano veramente poche cose.

          • Marco

            Ho installato CentOS sul portatile e va tutto bene O.o

          • alien321

            se il portatile è di 3-4 anni fa probabile prova con uno uscito da 6 mesi e ne riparliamo.
            Poi ovvio che si puo far funzionare tutto su tutto.

            Anni fa ero riuscito a installare RHEL4 (no Centos) su un portatile HP, ma ho dovuto sudare tanto( no driver controller Disco,NO driver wifi,no driver Ethernet, No scheda audio). Ho dovuto ricompilare tutti i driver.

            Era un caso molto particolare, ma il gioco non vale la candela.

          • Marco

            RHEL4 anno 2005…siam nel 2013, sarebbe il caso di aggiornarsi e provare le ultime versioni visto che nel 2005 era la norma doversi sbattere per installare linux su un portatile.
            Tenendo pure sempre conto che l’attuale RHEL 6 ha gia’ 3 anni di vita.

          • alien321

            Infatti ho detto anni fa. Cmq il discorso non cambia + di tanto su RHEL non mettono gli ultimi driver e se compri un PC relativamente recente hai molte possibilità che non ti funzioni tutto. Poi come dicevo volere e potere e si fa tutto

          • io personalmente no, ma su vari hp e ibm non mi è sembrato ci fossero tanti problemi, dipende sempre dall’hw, io uso solo arch e debian sui server, al massimo centos sui server, ma in quel caso mi limito allo stretto necessario

    • Simone Dedo

      Per quanto riguarda lato server, sono pienamente d’accordo con te. Peccato che in Italia ci sono già pochi server Linux, figurati i Desktop.

      E inoltre: Red Hat Enterprise Linux Desktop non ti dice nulla? E nemmeno Suse Linux Enterprise Desktop ti dice nulla?

      • alien321

        >>Peccato che in Italia ci sono già pochi server Linux, figurati i Desktop.
        Pochi, dipende dalla ditta, + grossa è + server Linux trovi, Oracle ultimamente viene installato su Linux(ha proprio una sua versione Basata su RH)

        >>E inoltre: Red Hat Enterprise Linux Desktop non ti dice nulla? E nemmeno Suse Linux Enterprise Desktop ti dice nulla?

        Il fatto che li fanno vuol dire poco, su una massa ipotetica di 100 installazioni linux quelli che usano Red Hat Enterprise Linux Desktop e Suse Linux Enterprise Desktop sono un 2/3%

No more articles