Julien Lavergne ha confermato che Lubuntu rimarrà basata al server grafico X.org almeno fino al rilascio della versione 14.04 LTS.

I primi test su XMir hanno portato risultati insperati offrendo già una buona stabilità e performance accettabili oltre ad offrire un’ottimo supporto anche ambienti desktop KDE, XFCE, LXDE e Gnome Shell. Visto i progressi ottenuti Canonical ha deciso di portare MIR di default in Ubuntu 13.10 Saucy mantenendo una versione fallback basata su X.org per gli utenti che utilizzano driver proprietari (a meno che non arrivino nei prossimi mesi aggiornamenti per i driver proprietari di Amd e Nvidia che includano il supporto per MIR).
La scelta di Canonical ha portato diverse discussioni riguardanti le derivate e il loro passaggio a Mir di default o meno. Dopo il no di Kubuntu arriva anche la risposta da parte degli sviluppatori di Lubuntu che hanno deciso di rimane basati su X.org almeno fino al rilascio di Lubuntu 14.04 LTS.
Con una recente mailinglist, Julien Lavergne ha annunciato che Lubuntu rimarrà con X.org offrendo la possibilità di testare MIR e XMir (o da repo ufficiali o PPA MIR) indicandone anche le motivazioni della scelta.

I primi test di Lubuntu con Mir e XMir hanno portato pessime performance confronto X.org e per questo motivo il team vuole andarci calmo prima di include di default nuovi server grafici che potrebbero compromettere la stabilità e performance del sistema operativo. Lo sviluppo di MIR e XMir nei prossimi mesi sicuramente porterà diverse migliorie e un maggior supporto anche per LXDE e altri ambienti desktop ma per ora Lubuntu rimarrà su X.org.
Scelta a mio avviso saggia visto che già per Lubuntu è un periodo di grossi cambiamenti come l’arrivo del nuovo Firefox di default e soprattutto l’inclusione di ZRam attivo di default.
In questa pagina troverete l’annuncio nel blog ufficiale di Lubuntu.
No more articles