Tra le novità presentate al recente Computex 2013 di Taipei troviamo anche il nuovo big smartphone targato Acer.
Acer Liquid S1
In un mercato che richiede sempre più smartphone con display di grandi dimensioni arriva il nuovo modello di phablet Android targato Acer dotato di un’ottimo hardware presente anche in molti device cinesi presentati di recente proprio la lffl.
Acer Liquid S1 è un phablet con schermo da 5.7 pollici con una risoluzione HD da 1280×720 pixel dotato di 2 fotocamere una frontale da 2 megapixel e una posteriore da 8 megapixel con autofocus e led flash in grado di registrare filmati anche in alta definizione. Come processore il nuovo Acer Liquid S1 dispone di un potente quad core Mediateck da 1.5 Ghz (anche se alcuni blog e forum indicano che sia MTK 6589 da 1.2 Ghz) con 1 Gb di memoria Ram e 8 Gb di Storage espandibile tramite microSD.

Per la connettività troviamo Wireless, Bluetooth 4.0 e 3G Hsdpa/Hsupa e GPS inoltre sarà disponibile in 2 versioni sim e dual sim. Come sistema operativo il nuovo Acer Liquid S1 vien rilasciato con Android 4.2 con alcune personalizzazioni e alcune applicazioni dedicate tra queste troviamo Acer Profile con la quale è possibile gestire profili di rete grazie alla geolocalizzazione e Voice Unlock applicazione che ci permette di operare sul dispositivo utilizzando comandi vocali personalizzati. Acer Liquid S1 misura 163 x 83 x 9,5 mm e pesa 195 grammi e sarà disponibile già a fine luglio ad un prezzo di circa 349 Euro. Una valida alternativa la possiamo avere con THL W7 phablet sempre con schermo da 5.7 pollici però fullHD a soli €.236.80 o 229,80 Euro se utilizzate lo sconto di 7 euro per i lettori di lffl 😀

via cellulari.supermoney

  • Antonio G. Perrotti

    ma lo sviluppo di mate continua? su mint 12 è ancora poco affidabile, per usare un eufemismo. però mi piace che si stia lavorando su DE alternativi, anche razor promette bene, mi sembra.

    • Attualmente, il team di Mate conta pochissimi sviluppatori. Ecco perchè lo sviluppo è lento. Credo che Mint 12 col proporlo porta anche tanti “tester” che aiutano il team.

      • Antonio G. Perrotti

        io personalmente sono tornato per l’ennesima volta a lucid e credo che pazienterò fino alla prossima primavera con le LTS. elementary luna, mint 13, se sarà basato su precise o su debian wheezy, saranno da provare e valutare. chissà che non risolvano anche il problema dei portatili con la doppia GPU come il mio. sono un po’ stanco di fare da “cavia”, se avessi 100 euro per ogni volta che ho formattato dall’inizio di quest’anno credo che sarei quantomeno una persona molto benestante… 🙂

        • FarangGeek

          Fare da cavia è logico solo se si è appassionati.
          In caso contrario, Ubuntu LTS tutta la vita, col suo comodissimo e, per me, affatto vecchio Gnome2.

          Poi per le sperimentazioni basta crearsi delle partizioni dedicate, ma il sistema principale deve essere solido come una roccia.

          • quoto 🙂
            anche se aggiungere debian squeeze altra distribuzione stabilissima

          • Antonio G. Perrotti

            volendo ho anche un “muletto”, passata la pigrizia delle feste comincerò ad usarlo. mi piacerebbe molto usare una rolling, LMDE per esempio, ma eventuali problemi di compatibilità hardware magari li risolvo sul muletto e poi sulla “macchina” di uso giornaliero devo bestemmiare  un’altra settimana. appassionato lo sono, ma il pc lo devo anche usare 🙂

        • drake762001

          Credo tu abbia ragione, la prossima primavera vedremo delle belle cose. Mint 12 ha avuto poco tempo di sviluppo e MSGE è il massimo che si poteva fare. Con la 13 e Cinnamon penso si avr’ uno gnome3 davvero funzionale. Anche elementary sarà una gran distro se mantengono le promesse. Poi aggiungerei anche Chakra, che forse riuscirà ad uscire dalla sua fase iniziale per un prodotto più maturo.
          Insomma, credo che la prossima primavera ubuntu avrà una bella (e sana) concorrenza. Che vinca il migliore.

          • diciamo che finalmente questa primavera vedremo i nuovi ambienti desktop con un’anno di sviluppo, gnome 3,4 dovrebbe portare anche delle novità di personalizzazione e nuove funzionalità, unity dovrebbe essere un po più funzionale, kde 4.8 e il nuovo elementary e no sottovaluterei anche il nuovo xfce 4.10 in arrivi anch’esso nei primi mesi dell’anno
            ne vedremo delle belle

        • RobertoCalabrese

          Non so se e’ presente nei repository ubuntu ma esiste Bumblebee per gestire i laptop con doppia scheda grafica (es: Nvidia/Intel).
          su archlinux e’ presente e risolve il problema

      • mate è cominciato solo con 1 sviluppatore poi sono arrivati altri
        mint ha solo portato l’ambiente desktop il resto è rimasto tale quale nessun codice è stato inserito da mint (fin’ora)

    • Millalino

      non so se ti è gia capitato di provare anche “Enlightenment” E17 è un window manager un po strano, ma credo che meriti un po di attenzione.

      • Antonio G. Perrotti

        l’ho visto, ma non l’ho mai usato. non ho capito bene se si può installare su qualsiasi distro o se c’è qualche limite.

        • Millalino

          proprio partendo dall’articolo citato da Roberto, ho scoperto che c’era anche nel software center di mint 10 e allora l’ho installato da li e devo dire che non è niente male.Ho solo avuto il solito problema con il network manager che a volte non ritrovo quando provo altri DE.

      • l’abbiamo testato poche settimane fa su oneiric http://www.lffl.org/2011/11/installare-e17-e-ecomorph-su-ubuntu.html

    • si continua
      su mint era poco funzionale su arch invece è perfetto
      il progetto è per arch poi mint lo ha portato sulla sua distro ma deve rimboccarsi le maniche per migliorarlo dato che fin’ora ha fatto ben poco

  • Sinabeltirex

    Tutto fumo e niente arrosto…
    Mint la prima distro! tanto clamore e poi ti ritrovi con una doppia barra una su e l’altra giù. Mate leggero…reattivo ecc. apeena installi un’applicazione ti accorgi che non gira a dovere.
    Alla fine solo Ubuntu si sta sforzando di fare qualcosa di serio.
    Mandare avanti una distro non basta solo compilarla occorrono i team ben nutriti (possibilmente anche pagati). Oltre trecento distro linux …. solo vani tentativi sperimentali che non portano a nessun risultato duraturo nel tempo.
    Basti pensare all’ambiente grafico KDE una mattonata che ti rallenta il PC all’inverosimile.. altro che leggerezza.

    • Mate ha ancora molti problemi, il progetto è nato per Arch Linux poi successivamente portato su Mint 
      Ubuntu si sta forzando a fare cosa???? una ambiente desktop per tablet e basta
      KDE è una mattonata???? KDE consuma molto meno risorse di Ubuntu con Unity
      su notebook KDE è più leggero utilizzando l’ambiente desktop dedicato ai notebook (che si attiva con un click) che non Ubuntu nella versione per netbook
      Su linux per fortuna che esistono molti ambienti desktop chi più chi meno sviluppati e rendono una valida scelta all’utente inoltre la possibilità di porterlo installare anche su pc dati.
      xfce, lxde, e17 e molti altri sono ambienti desktop che hanno fatto grande linux in questi anni dato che molti nuovi utenti arrivano a Linux perché il pc datato è diventato inutilizzabile con le nuove versioni di windows.

      • Millalino

        quoto in pieno

    • drake762001

      Stai palesemente trollando. Qui si parla di Cinnamon e mi tiri fuori MGSE e mate. Anzi, visto le critiche che muovi dovresti renderti conto che Cinnamon sembra essere la soluzione a quello che dici.
      Sul discorso “Mandare avanti una distro non basta solo compilarla” non ha molto senso, tutte le distro hanno un 90-95 % di pacchetti che sono solo compilati (p.es. ubuntu usa il 93% dei pacchetti debian come sono, li ricompila solamente), questo non ne fa una pessima distro.
      Su KDE non credo tu l’abbia veramente usato: io lo faccio girare su un atom e su un p4 di 6 anni fa. E va da dio.

      • quoto anzi stra quoto 🙂
        su kde inoltre oltre ad offrire maggiore stabilità di unity offre un’ambiente desktop completamente personalizzabile, effetti simili a compiz inoltre offre un’ottima gestione delle risorse dato che basta togliere alcuni effetti e gira senza problemi anche si pc datati

No more articles