Dopo il successo di Roll It, da Google arriva il nuovo gioco interattivo denominato Cube Slam una sorta di Pong 3D evoluto basato su WebRTC e altre nuove tecnologie dedicate.

Cube Slam
L’azienda di Mountain View sta rilasciano alcuni interessanti giochi sperimentali in grado di far conoscere agli utenti e sviluppatori le nuove potenzialità integrate all’interno del browser. A pochi giorni dal rilascio di Roll It, il team Google Experiment ha annunciato il nuovo Cube Slam.
Cube Slam è un nuovo gioco online che punta a fornire una versione moderna e 3D di Pong il tutto eseguibile all’interno del browser senza utilizzare plugin di terze parti. Lo scopo del gioco è quello di far andare al pallina all’interno della porta avversaria facendo attenzione a difendere la nostra porta dagli attacchi nel nostro temibile avversario che in Cube Slam può essere l’orso Bob comandato dal pc o da un nostro amico in modalità multiplayer. Durante il gioco è possibile anche raccogliere vari bonus e potenziamenti vari i quali vengono mostrati in random sulla base del tavolo da gioco.

Particolarità di Cube Slam è quella di essere sviluppato utilizzando WebRTC / Web Real-Time Communications tecnologia open source con la quale è possibile operare sull’audio del microfono e sul video della webcam senza utilizzare plugin di terze parti. Inoltre Cube Slam si basa anche su API getUserMedia, RTCPeerConnection e RTCDataChannel per la gestione del multi-player, tecnologie open che vanno ad operare sempre su microfono e webcam sincronizzando i dati online tra vari pc.
Altra particolarità di Cube Slam è la possibilità di giocare anche offline grazie all’applicazione dedicata disponibile in Chrome Web Store.

Home Cube Slam

  • ZEB-DEMON

    “pultroppo” -> purtroppo
    e metterei anche qualche virgola qua e la.

    per il resto, non l’ho provato.. ma se permette di modificare è già una spanna sopra quickoffice.

  • jonbonjovi

    In effetti il fatto che sia in inglese è un bel problemone, specialmente per chi ha difficoltà anche con l’italiano…

  • Axias41

    Suvvia, nel 2012 l’inglese è ancora un problema, per di più con un lessico ridotto come quello tecnico-informatico?
    Comunque proverò subito l’applicazione appena possibile.

No more articles