François Beaufort ha annunciato l’arrivo del supporto nativo in Google Chrome OS per editare documenti Microsoft World ed Excel, la funzionalità potrebbe esser estesa in futuro anche per browser Chrome e Chromium.

Chromebook
L’acquisizione di Quickoffice avvenuta circa un’anno fa sta portando i primi frutti soprattutto per Chrome OS sistema operativo nel quale verrà introdotto il supporto nativo per modificare documenti Microsoft World ed Excel. Il nuovo supporto nativo per Chrome e Chromium OS fornirà quindi all’utente la possibilità di poter importare modificare ed esportare documenti in formato proprietario di Microsoft Office il vero tallone di Achille non solo per la suite per l’officio online di Google ma anche suite open come LibreOffice e OpenOffice. Tutto questo è possibile grazie a Quickoffice, attualmente integrata in Chromebook Pixel, che approderà nei prossimi aggiornamenti anche in Chrome e Chromium OS offrendo cosi una suite per l’ufficio completa e funzionale che non richiede nessuna connessione internet per funzionare. Attraverso Quickoffice è possibile operare sui documenti anche senza doverli importare ed esportare da Google Drive / Docs il tutto a vantaggio dell’utente che potrà disporre di una completa suite per l’ufficio in grado di supportare al meglio di documenti di Microsoft Office.

Quickoffice potrebbe approdare prossimamente anche in Google Chrome attraverso un’applicazione dedicata e supporterà l’importazione, modifica ed esportazione di documenti di Microsoft World, Excel e Powerpoint. Questo sarà una manna dal cielo anche per gli utenti Linux dato che potranno cosi opere in documenti di Microsoft Office senza dover utilizzare LibreOffice o OpenOffice il sui supporto per l’importazione ed esportazione di documenti di Microsoft Office non è sempre perfetta dato che vengono riscontrati errori di formattazione ecc.

Attualmente Quickoffice è disponibile solo nella versione in fase di sviluppo di Chrome / Chromium OS dovremo quindi aspettare ancora diversi mesi prima di vederla arrivare come applicazione per i nostri browser.

via
photo credit

No more articles