In queste ore è arrivato l’annuncio ufficiale dell’acquisizione di Tumblr da parte di Yahoo! per 1,1 miliardi di dollari (circa 850 milioni di Euro).
Yahoo!, la famosa società fornitrice di servizi internet, oltre ad essere membro della Linux Fondation, ha quindi confermato l’acquisizione di Tumblr, la nota piattaforma con la quale è possibile creare un tumblelog che vanta 300 milioni di utenti unici al mese e con oltre 120.000 nuove iscrizioni quotidiane al servizio.
Ad annunciare l’acquisizione è stata proprio Marissa Mayer, CEO di Yahoo! in un recente blog aperto in Tumblr, proprio per confermare l’acquisto della nuova piattaforma. “Sono orgogliosa di annunciare che abbiamo stretto un accordo con Tumblr, una delle piattaforme che vantano ritmi di crescita più sostenuti al mondo” ha aggiunto la Mayer. Yahoo! punta quindi su Tumblr per riportare un certo vigore all’azienda dopo alcuni anni di calo a causa anche dell’agguerrita concorrenza e al rilascio di pochissime novità.

Secondo Marissa Mayer l’arrivo in Yahoo! di Tumblr potrebbe aumentare la popolarità della sua azienda anche del 50%, oltrepassando un miliardo di visite mensili con un’aumento del traffico del 20%.
Con l’arrivo di Yahoo! la piattaforma Tumblr introdurrà nuovi strumenti sviluppati per portare una maggiore personalizzazione dei contenuti, oltre a una maggiore integrazione con vari motori di ricerca compresi Google e Bing. In futuro inoltre è previsto anche un restyling dell’applicazione mobile con l’introduzione di molte novità. Linux offre il supporto per Tumblr in diverse applicazioni, da Shotwell a Ubuntu con la Web Apps dedicata.
  • Pagliaccio

    tutto questo a che pro?

    • Vaillant

      Per poter provare ubuntu senza partizionare il disco fisso, cosa che “spaventa” molti nuovi utenti. Allo stesso modo, si può disinstallarlo senza bisogno di ripristinare l’ntldr

      Ciò che l’autore ha omesso di scrivere è che ubuntu installato come programma di windows non offre lo stesso livello di prestazione di un’installazione reale, anzi a quanto vedo spesso è soggetto a numerosi problemi (anche perché lavora su ntfs)

      • pultroppo non ho mai installato con wubi e non avendo windows non potevo saperlo dato che in rete ho letto che le performance sono minime e anche se lavora con ntfs non da problemi

        • Dario Secchi

          Io lo ho usato diverse volte e per lungo tempo in questo modo e non ho riscontrato nessun problema ne rallentamento, anzi è davvero molto comodo.

          • Vaillant

            Anche a me andava bene all’inizio, poi si sfiancava. E molti utenti lamentano una lentezza generale rispetto ad una installazione reale.

            Ovvio però che sono valutazioni soggettive, l’unico dato certo è che lavorando su ntfs non può avere le stesse prestazioni di extX 🙂

          • Dario Secchi

            Beh è vero che l’installazione “reale” sicuramente è la cosa migliore 🙂 ma per conoscere il sistema senza paura di fare danni questa è una trovata geniale e comoda, chi non conosce ubuntu può farci pratica e poi decidere il grande passo.

          • quoto 🙂 wubi aiuta a far conoscere linux, inoltre si installa e rimuove senza problemi
            per alcuni utenti già parlare di avviare la distro da usb o cd è un’impresa qua invece è più semplice e finalmente l’utente comincia a smanettare anche con linux

        • Vaillant

          Non mi riferivo a te, ma a chi ha scritto l’articolo (liberiangekk) 🙂

  • Giaco

    si anchio sto cominciando a conoscere ubuntu in questo modo.. poi quando diventerò un po più esperto effettuerò la partizione
    intanto volevo chiedervi una cosa: con questo metodo posso installare ubuntu e xubuntu contemporaneamente?

  • Io sto installando ubuntu, dev’essere davvero figo!!!

  • ma va riavviato per forza o posso arrestare il sistema e poi sceglierlo?

    • riavvia e al riavvio portrai avviare o windows o ubuntu

  • ma mi dice permission denied e poi un percorso file, cosa posso fare?

No more articles