risultati sondaggio Secondo voi qual è il miglior ambiente desktop per Linux?
Si è da poco chiuso il tanto discusso sondaggio che chiedeva ai lettori di lffl un parere su quale sia il miglior ambiente desktop per Linux. A partecipare al sondaggio sono stati ben 4891 lettori che hanno candidato come il miglior ambiente desktop per Linux niente meno che KDE, con 1438 voti (29.4%) seguito da XFCE con 1341 voti (27.42%). Al terzo posto troviamo Unity il nuovo ambiente desktop di default in Ubuntu con 575 voti (11.76%) seguito da GNOME Shell con 456 voti (9.32%). MATE DE con 273 voti (5.58%) supera di poco Cinnamon, il nuovo ambiente desktop sviluppato da Linux Mint che ha ottenuto 262 voti (5.36%). Segue il buon “vecchio” GNOME 2 con 244 voti (4.99%), LXDE 127 voti (2.6%), Pantheon Shell 74 voti (1.51%) ed infine E17 con 46 voti (0.94%), mentre 55 voti (1.12%) sono per gli ambienti desktop come (JWM, BlackBox, OpenBox, FluxBox, Dynamic Window Managers ecc). Il sondaggio candida quindi vincitori KDE e XFCE ambienti desktop che negli ultimi anni hanno saputo mantenere la propria fisionomia senza portare cambi radicali come accaduto in GNOME ad esempio.

Leggendo un po i commenti e sentendo un po’ i pareri degli utenti Linux sembra che l’esperienza utente proposta con Gnome Shell e Unity non sia ancora molto apprezzata anche se bisogna ricordare che questi ambienti desktop sono ancora molto giovani e quindi in fase di sviluppo. Se questo sondaggio fosse stato fatto 2 anni fa molto probabilmente avrebbe visto come vincitore GNOME 2, l’ambiente desktop che prima del passaggio a GNOME 3 / GNOME Shell era il più apprezzato ed utilizzato DE per Linux.
KDE e XFCE hanno bene o male mantenuto la stessa esperienza utente integrando solo alcune nuove funzionalità e ottimizzazioni varie, rendendoli ancora più completi e performanti. I nuovi ambienti desktop concentrati sulla ricerca, e sulla volontà di portare il sistema operativo più facile da utilizzare su schermi touch, non sono ancora ben apprezzati dagli utenti. Staremo a vedere quindi tra alcuni anni, quando sia GNOME Shell che Unity saranno più maturi, e KDE e Xfce ancora più completi e performanti, quale sarà l’ambiente desktop più apprezzato dagli utenti. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i lettori che in questi giorni hanno partecipato a questo piccolo sondaggio.
  • Nym

    Wow 700k per 3 immagini. Se registravi un video ti ci voleva qualche Yottabyte

    • ormai la maggior parte dei siti richiede anche più
      lffl non ha slide o altre ed è abbastanza leggero come blog

  • matteo

    sopratutto “ancora più completi e perforati.” 😀

  • Massimiliano

    Sorpreso di trovare così in giù Cinnamon… con il successo di Mint pensavo avesse più estimatori. Unity la trovo con l’ ultima versione un vero piacere usarla… sul netbook ora uso KDE… veramente bello!!!!… Xfce và premiato per la sua leggerezza, e con qualche accorgimento diventa anche carino. Grosso modo mi trovo d’ accordo con il sondaggio…

    • Neal_Caffrey

      personalmente invece, non mi stupisco che cinnamon sia così in giù. Provicchiandolo di tanto in tanto sulla live di manjaro, mi pare veramente qualcosa di orripilante. Meglio XFCE, tutta la vita 🙂 PS: ovviamente parere personale…

      • Dea1993

        io cinnamon avevo provato ad installarlo su archlinux.
        risultato, dopo pochi minuti l’ho rimosso e sono tornato ad utilizzare xfce.
        cinnamon ha poce personalizzazioni, ogni volta che modificavo il pannello dovevo riavviare il DE.
        inoltre l’ho trovato lento e poco reattivo.
        risultato, pessimo DE

        • freestyle72

          Riprovalo con la prossima Mint in uscita fra pochi giorni, e vedrai che probabilmente cambierai idea.
          Arch per Cinemmon non è la scelta migliore!

      • Massimiliano

        Anche a me Cinnamon non fà impazzire però vedendo il successo di Mint pensavo fosse più amato…. Useranno Mint con altri DE!!!! 😛 .

        • Neal_Caffrey

          Che poi anche il successo di Mint mi sembra abbastanza relativo, dati alla mano. A meno che non ci si voglia riferire solo alle statistiche di distrowatch… che a mio avviso sono del tutto non calcolabili. Ma in quanti utilizzano Mint realmente, ed in quanti tengono mint fino a termine ciclo di supporto sulle loro macchine? Magari un altro sondaggio per scoprirlo 😀

          • Massimiliano

            io la Mint l’ ho provata spesso… che dire, è ben fatta e curata, però alla fine rimetto Ubuntu/Kubuntu. Per descrivere la Mint direi….. ruffiana 😀

          • freestyle72

            Da quando ubuntu ha utilizzato Unity, MInt tutta la vita!
            e in tutte le sue forme.

            Credo che se si voglia dare un giudizio obbiettivo a Cinnemon, si dovrebbe usare Mint come distro di riferimento e non Manjaro in cui si sa esserci problemi con tale DE!

          • Neal_Caffrey

            Piano con lo sparare sentenze assolute… questo è il tuo parere, e tuo rimane. Take it easy 😉

            PS: i problemi di cui parli tuttavia erano dovuti ad incombatibilita tra gnome 3.8 e cinnamon, ed ovviamente per distro rolling, che hanno tempi di freeze molto brevi era impossibile gestire la cosa, visto che i tempi di rilascio/sviluppo di cinnamon dipendono dal caro Clement.

    • freestyle72

      Da utente Mint dico che ho votato Xfce e di averlo preferito a Cinnemon (che regolarmente uso), perché quest’ultimo ha dei bug! che pregiudicano il giudizio finale.
      Cinemmon è bello, ma va migliorato. Xfce se ben configurato da molte soddisfazioni!

  • JJ

    e tutto un Gombloddo!

    • Dario · 753 a.C. .

      ahahhha… e che sei laziale?

  • Er Chiappetta

    XFCE for President ^__^ !!!

    Considerando che gli sviluppatori ‘core’ sono 4 umili ragazzi che portano avanti XFCE, il successo è sicuramente più che meritato. Altro che l’astronauta e il team Gnome che vanno avanti con le loro arroganti prospettive.

    Mi rifiuto di essere obbligato ad usare un DE pensato per touch (vedi Unity e Gnome Shell) visto che con GNU/Linux ci lavoro tutto il giorno e di certo non per perdere tempo su FB o fare ricerche tramite dash.

    Mi sarei aspettato più successo per Mate che ogni tanto installo accoppiato a Mint, peccato.

    • Dea1993

      quoto tutto il tuo discorso su xfce.
      lo trovo il miglior DE, stabile, veloce, personalizzabile ma sopratutto pensato per un uso Desktop e non come quei 2 aborti (unity e gnome shell) pensato per tablet.
      anche io come te linux lo uso tutto il giorno per fare di tutto.
      e non posso star a perdere tempo in quella cavolo di dash e in quei menu dispersivi da tablet

    • Nicola

      Quoto!

    • freestyle72

      Pienamente d’accordo!

  • Matteo Iervasi

    A proposito di xfce, ieri ho installato su un altro hard disk arch linux tanto per provarlo (ne sentivo parlare bene dappertutto e dato che sono un curioso smanettone…). Dopo aver tentato 2 volte l’installazione (che calvario rispetto a ubiquity e anaconda…) alla fine ci sono riuscito. Ho voluto installare xfce, il mio DE preferito dopo Unity. Solo che ho notato che il risultato è veramente brutto: il tema è orrendo sembra windows 98 ma soprattutto i font sono orrendi. Qualcuno saprebbe dirmi come installare xfce su arch con risultati decenti, tipo ubuntu studio o xubuntu?

    Inoltre ho avuto problemi nella creazione dell’utente e nella configurazione di aur e yaourt. Alla creazione ci ho rinunciato e ora sto usando root, mentre per yaourt ho compilato manualmente, perchè mi dava error signature pgp o una roba simile…

    Scusate se sono robe da nabbo ma sono abituato a ubuntu e apt-get, che è molto più semplice…

    • Duetto

      Manjaro Linux XFCE edition. Non te ne pentirai 🙂

      • Matteo Iervasi

        Ok proverò quella!

        • Federico

          Guarda, io ho provato Arch tre volte, la prima con Gnome, la seconda con Kde, la terza con Xfce. La configurabilità del sistema è totale, sei praticamente artefice di qualsiasi scelta, ma questo non è in generale un bene. Alcuni aspetti ormai essenziali per un sistema operativo moderno, tra cui la renderizzazione dei caratteri, dovrebbero essere resi più immediati da attuare. Esistono sì pacchetti su Aur che permettono di installare i font essenziali e di dotare il sistema di patch quali infinality, ma spesso sono poco mantenute (diciamocelo, aur è un bordello). Insomma, Arch segue la filosofia KISS e ci mette tra le mani un sistema operativo che non riesco a non definire *brutto*. Poi sicuramente l’utente esperto riesce a configurarlo secondo i propri capricci in pochissimo tempo, ma l’utente intermedio vivrà per molti giorni un’esperienza grafica debilitante (almeno finché non avrà capito dove mettere le mani). Anche una volta intervenuti, non si ha la sensazione di un risultato organico e razionale, continueranno a comparire ora lì ora là caratteri rasterizzati o altre brutture grafiche.
          Certamente, potrebbe essere un problema mio. Potrei risolvere tutto stando lontano da Arch.
          Sta di fatto che è un sistema interessante e dalle potenzialità infinite. Molto acerbo quando si parla di user experience (in effetti non punta ad offrirne una, ognuno costruisce la propria).
          Manjaro (xfce) l’ho provata, mi ha dato una sensazione (esteriore) di “appiccicaticcio”…mi è sembrata un collage di pacchetti del mondo arch. E poi non sopporto di trovare installato openoffice.

    • Ste

      Anche io ho arch+xfce e appena installato è la cosa più orripilante che ci sia! Ma bastano davvero cinque minuti in croce per farlo diventare molto più gradevole. Per prima cosa in post-installazione ho attivato il compositore di xfce e fatto i vari menù trasparenti. Poi ho installato qualche tema decente e le icone faenza e messo uno sfondo decente al desktop. Qualche ritocchino ancora alla barra in alto (quella in basso generalmente la elimino e installo docky) e basta, tutto qui. Ti consiglio di provare, la differenza estetica è davvero abissale!

      • ange98

        Be ragazzi avete mai visto l’Xfce di default di Debian? Fidatevi che dopo quello troverete il tema Clearlooks favoloso 😐

    • Torno Nel Mio Limbo

      Devi ancora creare l’ utente, ho capito bene?
      Si fa così (tutto in una riga):
      # useradd -m -g users -G wheel,video,audio,sys,lp,storage,scanner,games,network -s /bin/bash nome-utente-da-creare

      e dopo la password per l’ utente:

      # passwd nome-utente

    • arch è inutile, è da nevrotici.

      • pluto

        non è lei che è inutile.
        Sei tu che forse non sei in grado di usarla.

        • Simone Dedo

          No no, è proprio inutile, per la maggior parte delle persone.

    • freestyle72

      Stessa esperienza.
      Anch’io incuriuscito da Arch, dopo tentativi vari ho rinunciato.
      Non è possibile dopo Ubuntu e Mandriva, non riuscire a fare un programmino semi automatizzato che facility l’installazione!
      Che che se ne dica, non mi ha fatto una buona impressione!
      Ho installato Fedora, OpenSuse, Debian, Zabayon, Vector e molte altre e tutte bene o male facilitano la cosa. Quando lo farà anche Arch, forse gli darò una possibilità.

      • puoi provare manjaro bene o male è arch solo che ha l’installer grafico molto simile a quello di ubuntu

        • freestyle72

          Ora sto utilizzando Manjaro con XFCE, e devo dire mi sembra ottimo.
          Noto essere più reattivo di Ubuntu (e derivate), anche se penso che Ubuntu rimane la distro di riferimento del mondo Linux.

  • Sortospino

    se non distruggevano gnome 2 e lo aggiornavano vinceva a mani basse

    • Lo credo anch’io, da amante di KDE

    • Lino

      Cosa vinceva?

      • Simone Dedo

        Il premio per DE mai rinnovato negli anni

        • Dea1993

          se mi rinnovi gnome 2 creando quella cagata di gnome 3 era molto meglio che continuasse a non rinnovarsi per altri anni.
          un DE deve facilitare le cose non complicarle e allungarle, questa è una “regola” per tutte le GUI, altrimenti diventano inutile.
          gnome 3 e unity in questo hanno toppato in pieno.
          sono pensati solo per tablet, mentre sui desktop sono molto più scomodi pesanti confusionari e meno reattivi dei classici DE

          • Simone Dedo

            Bene, un DE deve facilitare e non complicare. Giustissimo.

            Ora fallo tu un nuovo GNOME allora e vediamo se tutti apprezzeranno la tua creazione o ci sarà sempre qualcuno che la criticherà

        • noname

          Se il rinnovo è la gommosità bimbominkiosa, inusabile e per cui usare un computer significa prendere a ditate e spazzolare uno schermo come dei gatti nella sabbietta, allora viva chi non si rinnova. Anche il Workbench dell’Amiga sarebbe meglio

      • Sortospino

        il pinguino d’oro

  • Jacopo Ben Quatrini

    ho appena installato openSUSE 12.3 con KDE , rimango soddisfatto della mia scelta 😀

  • ivanhoe1024

    A me gnome shell non dispiace, la gestione delle scrivanie virtuali e l’esposizione delle finestre aperte le trovo comodissime, e ora come ora ci sono un sacco di estensioni utili per tutti i gusti… Secondo me la sua più grande pecca attualmente è il menù applicazioni, un guazzabuglio di icone senza un minimo di speranza di organizzazione, e anche (sempre parere personale) la “bruttezza veramente esagerata” del tema di default (fa schifo il tema shell, la decorazione delle finestre, e le icone sono davvero orribili!)
    KDE è sempre stato il mio preferito, soprattutto per le applicazioni di ottima qualità (vei okular, gwenview, dolphin molto meglio della controparte Gnome) ma trovo l’aspetto delle app qt un po’ troppo serioso, asettico, tipo ospedale con quel grigio triste!! 😀 le gtk sembrano un po’ più giovanili…

    • Alex L.

      Quello che hai criticato non sono le Qt, semmai è la decorazione delle finestre Oxygen… E comunque puoi sempre cambiare tema, sia con le Gtk+ che con le Qt, quindi alla fine è solo la scelta di default che non ti garba…

      • ivanhoe1024

        No, io mi riferisco (oltre che all’aspetto di default) all’aspetto dei tasti, dei menù, dei widget qt in generale che personalmente amo/odio a seconda del momento (proprio per questo sono pareri molto personali e per nulla oggettivi…) kde è sempre stato il mio preferito, di gnome-shell mi piace il cambio di paradigma… Xfce non l’ho mai provato, ma in questi giorni m’è venuta la curiosità!

        • Alex L.

          Guarda che èsempre usa questione di tema grafico, giusto per farti un esempio, hai presente Symbian, ch girava prima sui Nokia? Quello era tutto in Qt insieme alle appnative non in Java. Esteticamente non centre nientecon KDE, eppure sempre Qt è. Così come Guitar Pro e alcuni software dell’Adobe

  • EnricoD

    Openbox + un pannelletto tipo tint2 a vita!

    • Jast

      e il cubo rotante?

      • lo lasci fare a rubik 😀

      • EnricoD

        No no.. ho un netbook… non me lo posso permettere! 😀

        • Jast

          mortacc tui…. e il corsore sfimmeggiante? neanche? …. anzi no….. il terminale trasparente? tutto ciò è gravissimo, se non ciai le trasparenze non sei nessuno

  • kubuntuoneforever

    Kubuntu 13.04 appena installato. S t u p e f a c e n t e!. Un KDE assolutamente reattivo.
    KDE e XFCE ottimi. Ma il levello di integrazione dell’ambiente KDE è superiore a tutti gli altri.

    • Simone Dedo

      Sì come no… KDE integrato perfettamente? Ma dove?

      Non hanno ancora eliminato Konqueror che è il file manager integrato in KDE, praticamente è stata un aggiunta.

      Su Kubuntu 12.04, quando scaricavo file da Firefox e gli dicevo: “Apri cartella” mi domandava: “Con cosa devo aprire la cartella?”

      Ora capisco che tu stai provando la 13.04, ma che KDE sia perfettamente integrato, proprio no, per la maggior parte… sì.

      Un desktop veramente ben integrato, è ancora GNOME

      • Konqueror non è più integrato in KDE è un browser ormai a parte difatti in kubuntu e altre distribuzione nemmeno c’è nemmeno se lo vuoi lo installi dopo
        se ti domanda quale cartella aprire molto probabilmente avevi installato konqueror
        in questo caso basta andare in applicazioni preferite ed postare il file manager che voi di default
        non è nessun errore è una scelta che si fa all’utente una ma una volta scelto basta spuntato

        “Un desktop veramente ben integrato, è ancora GNOME”
        gnome perché arrivi come kde di adesso devono passare 10 anni
        è da anni che gli utenti ad esempio chiedono un gestore degli sfondi decente ma non sono mai stati ascoltati
        in kde del 2004 c’erano già l’impostazione per gli sfondi automatici la gestione del pannello e molto altro ancora
        gnome fino a pochi mesi fa in gnome shell non c’era nemmeno il tasto spegni

        • Simone Dedo

          Konqueror non era solo un Browser, era il file manager prima di tutto.

          Io non avevo installato nulla, avevo una Kubuntu 12.04 appena installata. Se sono un utente che usa smanetta con Linux da diversi anni, saprò se installo qualcosa no?

          Basta co sto pensiero che è colpa dell’utente che ha fatto sicuramente qualcosa che non va e non se ne accorge. Gli utonti ci sono, ma non è il mio caso.

          E che significa che GNOME per arrivare ai livelli di KDE devono passare 10 anni? Per fare cosa? Per avere un gestore di desktop automatici? Ma scherziamo?

          Ma parliamo di cose serie: Parliamo che KDE non ha mai avuto la stabilità di GNOME piuttosto, non parliamo di funzionalità di secondo grado come “un gestore dei desktop automatici”

          Gnome il tasto spegni lo aveva, ma probabilmente non ti piaceva l’idea di premere il tasto “ALT” per farlo vedere.

          Che sia una scelta comoda o scomoda, dipende dai gusti.

          C’è chi il computer lo iberna invece di spegnerlo e c’è chi lo spegne senza manco sapere cosa vuol dire ibernarlo.

        • freestyle72

          Gnome devi averlo usato ben poco!

          • lo uso ogni tanto comunque è mooolto indietro confronto kde

      • freestyle72

        Non ho ben capito perché Konqueror andrebbe eliminato.
        A mio avviso è un sofware fantastico, perché permette di fare cose che Microsoft con Explorer insegue da anni!

  • js3

    come si può minimamente pensare che un de come gnome 3 abbia un successo globale (utenza esperta e non) se di base mancano molte opzioni al limite della banalità che si possono aggiungere solo con estensioni esterne???
    per dire: windows la maggior parte della gente lo usa già così com’è, senza cambiargli neanche lo sfondo! se uno fa la stessa con gnome shell è rovinato… dopo aver frugato per dieci minuti nel pannello di controllo (se lo trova…) e non aver trovato una mazza, si fa installare sopra windows e buonanotte

    • Simone Dedo

      La prima cosa che devi pensare è che GNOME Shell è in forte sviluppo, il quale stanno facendo provare a noi utenti i vari rilasci.

      Gnome Shell verrà poi arricchito di nuovo dopo il rilascio della 3.10.

      Tuttavia, non si può dire che sia un esperimento fallimentare in quanto sta prendendo in considerazione l’utente medio e non il classico smanettone ed è questo che bisognerebbe apprezzare. Che poi lo fa ispirandosi molto dai prodotti Apple questa è un’altra questione che non è nemmeno necessariamente sbagliata

      • Er Chiappetta

        Beh, a dire il vero, ai vari rilasci continuano a togliere funzionalità (vedi Nautilus) ed a imbrattare nuove releases dei loro applicativi con interfacce tipo touch (vedi Gnome Disks, completamente rovinato in ergonomia). Ad oggi non ho visto una persona con Gnome Shell installato su di un tablet, di Gnome OS non se ne sente più parlare. Inoltre la maggior parte dell’utente GNU/Linux è smanettona di natura perchè vuole imparare quindi in contrasto con l’idea di G.S di favorire l’utenza media che caso mai userà, molto probabilmente, Unity.

        Tralascio il sordomutismo del team Gnome che sembrerebbe non ascoltare troppo la comunità.

        • Simone Dedo

          La comunità chiedeva di ritornare a GNOME 2, dove è più una regressione che una nuova concezione. Ed altri insultavano.

          La qualità della squadra di GNOME (per me è una qualità, per altri no) è che non si fermano anche di fronte alle peggiori critiche.

          GNOME shell ha la potenzialità sui tablet per essere installata, ma non ha partner commerciali al contrario di Canonical dove i soldi ce li hanno per poter legare con qualche azienda produttrice.

          Riguardo Nautilus, sì, sono d’accordo, hanno fatto un cattivo lavoro lì, si vedrà se le cose cambieranno.

          Io in sostanza, non lo bollerei però come fallimento, in quanto secondo me porta più innovazione in questa epoca che regressione, come porta più punti a favore che contrari.

          • freestyle72

            Infatti ci ha portato Cinemmon, MATE e altre ne stanno uscendo, …. creando innovazione, ma anche confusione!
            Bisognerebbe sviluppare di più in software che su Linux manca, vedi ad esempio un CAD che rivaleggi con Autocad, o qualcosa di simile a Garageband …

            Software che conquisti nuove utenze….

            Invece solo DE si fanno! Bho!
            Solo LibreOffice, Gimp e poco altro è all’altezza di quanto sviluppato su Windows o Mac.
            Da appasionato Linux penso sia un peccato!

      • js3

        gnome shell per me è un po’ ( e dico ” un po’ ” ) migliorata rispetto agli inizi, ma da quando è stata concepita poteva essere migliorata, e di molto. io ho iniziato ad usarla appena è uscita, con opensuse. mi ci sono trovato bene per la novità. l’ho usata per diverso tempo (forse un annetto buono). andava bene così. adattandosi… ma volevo darle una chance. purtroppo ho constatato che unity girava molto meglio (nella mia macchina). kde era addirittura un altro pianeta: plasmabile fino all’osso. solo di recente ho riscoperto xfce e me ne sono riinnnamorato (dopo anni passati su zenwalk…) per personalizzazione e leggerezza.
        invece gnome shell sembra imprigionato nella sua idea iniziale e l’idea che da’ è che lo vogliano tenere sempre più chiuso, costringendoti a ricorrere a mezzi esterni per renderlo usabile. non mi sembra la strada giusta…

        • Simone Dedo

          Ha ancora bisogno di tempo, come ho detto, è ancora in forte sviluppo e purtroppo ne stiamo pagando un pò le conseguenze. Sia noi che loro.

          Dico pagando le conseguenze, perchè Gnome fino a prova contraria era l’unico DE che si reggeva in piedi senza crash e senza mal funzionamenti.

          Stanno ancora riorganizzando i software principali e che Shell sia ancora un pò lentina sono d’accordo, anche in GNOME 3.8 la situazione seppur migliorata di molto rispetto a 3.4, non è ancora apprezzabile in fatto di reattività, ma lo sanno e ci lavoreranno nei vari rilasci.

          Per fortuna, la loro riorganizzazione sta mirando anche ai programmi principali e a renderli davvero usabili e funzionali per tutti:

          Rythembox—>Music
          Totem—->Video
          Evolution—->Mail
          Gnview——>Photo

          E tutti questi, avranno nuove caratteristiche dedicate agli utenti abituati ad avere dei software che funzionano a modino e non che funzionano a singhiozzi.

          • freestyle72

            Ciò che sembra è che con Gnome 3 si sia voluto raggiungere livelli non indispensabili (si è calcato la mano), … ed è stato un errore. Infondo Gnome 2 era perfetto, bastava poco per migliorarlo.
            Si è voluto inseguire Android, quando non c’era bisogno di farlo! rendendo il DE una cosa poco utilizzabile, ma più adatto ad un Tablet.
            Forse prevedevano di diffonderlo su tali dispositivi ed ora non possono fare marcia indietro.

  • js3

    un buon de deve già possedere delle funzionalità che vadano bene per tutti. ora, dato che ciò non è possibile, è necessario che l’utente possa scegliere facilmente se abilitare o disabilitare le funzioni che vuole. non parlo di un’applicazione che monitorizzi costantemente la pressione nella fossa delle marianne (tra l’altro indispensabile!) 🙂 ma che uno possa scegliere FACILMENTE di cancellare la cronologia, cambiare sfondo, gestire gli utenti, creare un pannello di collegamenti, mettere un orologio sulla scrivania…
    cose facilmente reperibili in xfce e kde, ma difficilmente realizzabili su gnome shell (senza un minimo di pratica)

    • d4n1x

      Gnome è da sempre stato così, molto più castrante, ricordo ai temi di gnome2 che su kde3 per cambiare il colore della barra bastavano due click e riuscivi a cambiare anche il colore del testo, su gnome per cambiare il colore della barra ci volevano sempre due click ma per cambiare il colore del testo ce ne volevano 20. Come ricordo che per fare impostazioni banali su gnome2 c’era da trafficare con vari file di configurazione.

      • freestyle72

        Il fatto è che poi Gnome si è sempre più migliorato!
        KDE dall’ottimo 3.5, è passato al 4 che ottimo non è!
        Ora sembra che Gnome faccia altrettanto. Da un’eccellenza si è passati ad una cosa tutta da capire! per non parlare di Unity.
        …. non a caso in tanti sono passati a Xfce!

  • matteo

    Ho seguito il sondaggio in questi giorni e ho notato che per ben tre volte Xfce è stato “in vantaggio” di qualche centinaio di voti su Kde, e nel giro di (tiro a caso) un’oretta kde lo riprendeva sempre di un altro centinaio XD ora, non vorrei fare l’avvocato del diavolo. ma forse qualche sostenitore di kde un po’ troppo ultras ha dato una mano (o un voto) in più del dovuto).

    A parte questo. Il buon risultato di kde non mi stupisce affatto, più che altro è l’elevata percentuale di Xfce che è un chiaro indicatore della migrazione di utenti scontenti di Gnome Shell e Unity verso altri lidi. Vale a dire, per come la vedo io, ambienti come MATE e Cinnamon si prendono solo le briciole, Chi è scontento di GNOME/Unity non cerca vie di mezzo e si affida a DE personalizzabili e completi come Xfce e Kde.

    • alien321

      Ciao sono l’Ultras, ho votato esattamente per KDE 350 volte, non

      a mano ma con uno script come ho gia detto. Cmq non sono stato il primo a fare il “cattivo” qualcuno di Xfce ha cominciato prima di me ^^

      • Simone

        Ok. Allora hai fatto perdere KDE.
        Per me dopo quello che hai detto il sondaggio rovescia il risultato.
        Dai 1400 e passa voti ne tolgo 349 (uno vale) e vince XFCE con i suoi 1300 e passa.
        Però ragazzi scusate… queste sono bambinate da troll.
        Se è un sondaggio, capisco uno due al massimo tre voti, ma 350 è davvero esagerato.
        Aborro.

        • alien321

          Dovresti togliere anche gli stessi per Xfce dato che hanno fatto una cosa simile alla mia, probabilmente non hanno fatto uno script, ma sinceramente non avevo voglia per cliccare 350 volte su KDE. Gli altri avevano voglia probabilmente.

          Questo post e anche per dimostrare che il sondaggio è inattendibile dato che si poteva votare senza troppi problemi + volte.

          ps
          Per ferramroberto non è che cancellando i post la vertà non salta fuori e la frase che hai scritto sul Controllo del IP è totalmente falsa. Si puo votare con lo stesso IP tutte le volte che si vuole, l’unico problema è che se fai troppe richieste velocemente ti bannano l’ip mi è bastato uno sleep 15 per risolvere il
          problema e riavviare il router

    • freestyle72

      Ciao, io ho votato per Xfce, ma poiché posseggo diversi computer, sui quali ho installato diverse versioni di Linux, da Mint con Cinnemon-Mate a Xubunto a Mageia con KDE, posso dire che non rinuncerei mai agl’altri.
      Considero Xfce attualmente quello che offre il miglior compromesso fra bellezza, stabilità e velocità. Giudico Unity e Gnome 3 fuori luogo per i PC, molto meglio su Tablet!
      Penso che alla lunga Cinnemon diventerà il nuovo punto di riferimento, quando sarà più stabile e verranno risolti i piccoli Bug che si porta dietro.

  • Bios

    Secondo me, se qualcuno facesse un gnome 2 completamente riscritto in qt sarebbe un successone.

    • Messi

      Riscrivere un intero DE in un altro linguaggio…perché? Non sarebbe più semplice migrare la vecchia interfaccia a gtk3?

      • Bios

        perchè trovo le gtk pesanti e obsolete

        • Messi

          Allora tanto vale sviluppare e migliorare Razor Qt.

        • Guest

          Senza le quali non avremo mai avuto GIMP, GNOME o Xfce stesso… E poi non mi pare che siano così pesanti, dai. Anzi a me pare l’opposto!

    • Simone Picciau

      Facciamo in QML dai

  • MatteoCafi

    Anche io ho notato i temporanei sorpassi di Xfce.
    Tra l’altro non potevo aspettarmi altrimenti: KDE è potente, bello e personalizzabile, Xfce è veloce, bello e personalizzabile.

  • Jag

    marooooooo…. parenti serpenti, ma invece di ragionare come i tifosi di calcio…io verde blu buono e tu rosso viola cattivo…poi c’è il derbi con l’azzurro fuxia…. ma possibile, che ultimamente me sembra di vedere che gli altri DE son come dei nemici….??? gnome…i 1000 sviluppatori contro gli eroi di xfce…. signò se parla cmq de GNU/L, ma stiamo scherzando?, se ce accoltelliamo tra di noi semo aposto. Ringraziate che avete una scelta così vasta…. e anche i fork..e i fork dei fork……. che sennò ve ritrovavate tutti con dei computer colla mela smozzicata, che a mala/mela ce cambiavate lo sfondo…. mortacci vostra….

    E invece de lamentarve e fare i tifosi…e dateje una mano no? (collaboratori e sviluppatori son ben accetti) o se non potete; dateje un 10 euro…5 … o che, ogni tanto MA FATELO!!! invece di fare le galline sul web !! LOL!!!!!!

  • moriserre

    Ma è chiaro, KDE vince con supremazia nei pc più performanti per l’usabilità, le mille personalizzazioni possibili, l’estetica e l’ottima stabilità (almeno su molte distro), XFCE invece vince sui PC più datati. Penso sia giusto che ci siano due divisioni a seconda dell’utilizzo, ma allo stesso tempo, l’importante è che vi siano due eccellenze.

    • ange98

      Ma io uso Xfce anche su pc con intel core i7 😛
      Anzi, un utente di ArchLinux ha un i7 a 3GHz (circa… se non ricordo male era 3,2…) e usa LXDE perchè trova KDE poco performante.
      Non esiste un DE per un uso, ma un DE a seconda delle preferenze 🙂

  • floriano

    ormai su tutti i pc che tocco con sopra windows (che di solito mi arrivano per derattizzazioni spinte) ci metto pure una kubuntu (in dual boot con caricamento predefinito in grub “ultima scelta effettuata”),così da non avere seccature (o richieste troppo stressanti di ripulitura) dei prossimi virus… 😀

  • Jast

    siete tutti chiacchere e copia incolla

  • cippalippa

    Rimango dell’idea che i D.E. (Desktop Enviroment) preferiti/interessanti sono 5 e vanno bene per tutti gli ambiti a seconda dell’ambito di impiego:

    Unity, Gnome (?), Xfce, Mate, OpenBox. Pero’ KDE nonostante sia davvero graficamente appagante, quasi quanto la grafica ”glass” di Seven e’ pero’ molto pesante come ambiente grafico da gestire, peggiorando la reattivita’ della Distro, infatti rallentano molto applicazioni con KDE (basta guardare su phoronix che impatto hanno sulle prestazioni/reattivita’ in Gnu-Linux ogni ambiente grafico traa 7 presi in esame). Con KDE c’e’ anche il crollo del frame-rate nei videogames (di ben il 30% rispetto ai piu’ efficienti DE come Xfce o Mate).

    • federico

      Openbox non è un DE, ma un WM.
      Senza effetti, KDE è leggero quanto Xfce, ed è più leggero di gnome anche con gli effetti. Mate è un progetto morto che non ha senso di esistere. Phoronix dice che KDE è il miglior DE per giocare grazie alla funzione di togliere gli effetti per le finestre a schermo intero…

      • muchoman

        io mate lo uso come usavo gnome 2….se usavo windows ora mi dovevo sorbire l’infaccia di 8…essendo su linux posso garantirmi l’usabilità e l’abitudine….tutto quello che è nuovo non sempre è necessariamente meglio…da uno due anni a questa parte gli sviluppatori stanno impazzendo con l’idea del “proponiamo una cosa troppo diversa”….a me piace provare le cose nuove ma se devo lavorare voglio quello che mi rende tutto più semplice ed immediato, non ho più tempo di imparare, cambiare, approfondire ogni 3 per 2….conosco gente con studi professionali di successo che lavora ancora con windows 98….sicuramente un rischio per la sicurezza ma toglili quello e sembrano menomati perchè pure per una piccolezza non sanno come muoversi

  • LelixSuper

    A me mi è sempre piaciuto Unity, ma ovviamente è ancora molto giovane e c’è ancora molto lavoro da fare…

No more articles