Nei giorni scorsi abbiamo parlato di alcune statistiche rilasciate da Gartner, famosa società multinazionale leader della consulenza strategica la quale prevede che tra alcuni anni Android sancirà la fine per Windows 8 anche se Microsoft guadagnerà lo stesso grazie alle royalty presenti in ogni dispositivo venduto con il sistema operativo mobile di Google. Di recente Gartner ha rilasciato i dati sulle vendite di personal computer nel primo trimestre del 2013 le quali sono calate del ben 20% confronto gli anni precedenti. In Europa Occidentale nel primo trimestre 2013 sono state vendute circa 12,3 milioni di unità segnalando un calo del bel 20,5 per cento confronto il primo trimestre del 2013.

I dati rilasciati da Gartner indicano che i pc desktop sono calati nel primo trimestre del 13.8% mentre per i pc portatili troviamo un calo del 24,6 per cento. In questo caso bisogna dire che i pc desktop sono ancora richiesti per le aziende le quali però in questo periodo di crisi puntano ad aggiornare il sistema con hardware più performante confronto cambiare completamente i pc. I dati indicano inoltre che i pc per l’uso professionale sono calati del 17,2 per cento mentre quello rivolti all’utilizzo domestico segnano un calo del 23,7 per cento. Le aziende più colpite da questo crollo delle vendite sono HP e Acer con circa il 30% in meno confronto il trimestre del 2012. Le uniche aziende produttrici di personal computer che hanno chiuso il trimestre 2013 con un segno “+” sono Apple e Lenovo la quale continua a registrare un’aumento delle vendite avvicinandosi alle quelle di HP e Acer per i pc per l’utilizzo domestico ed  HP e Dell per l’uso professionale.
Secondo l’analista Meike Escherich di Gartner “Il primo trimestre del 2013 ha registrato dati cali da record sopratutto Europa Occidentale … un’ampia disponibilità di personal computer con preinstallato il nuovo Microsoft Windows 8 non ha spinto i consumatori a comprare PC in questo periodo di tempo. La nuova interfaccia grafica di Microsoft Windows 8 è adatta per dispositivi touch che con tastiera e mouse fisica ma almeno per ora gli utenti restano fermi alla affidabilità dei tradizionali desktop e portatili privi di schermo touch”. A mio avviso centra anche molto la crisi economica e non Windows 8 il dato a mio avviso importante di questi dati è l’aumento delle vendite di Lenovo azienda che cura molto anche il supporto per Linux.

via

No more articles