L’arrivo del Lens Shopping ha scatenato diverse discussioni riguardanti la privacy e sicurezza degli utenti.
Lo sviluppo di Ubuntu 13.04 ha portato l’integrazione di molti nuovi Lens Scope gestiti dal nuovo Smart Scope che ci permetteranno di effettuare ricerche in molti nuovi siti web e store vari.
Per poter rendere più sicuro e sopratutto mantenere la privacy degli utenti, gli sviluppatori Canonical hanno annunciato che sarà possibile sia selezionare i vari siti web da utilizzare nel Dash oltre a poter anche disattivare le ricerche online dal tool privacy presente nelle impostazioni di sistema.
Inoltre nel nuovo Ubuntu 13.04 permetterà all’utente di effettuare ricerche online in anonimato grazie alla modalità Incognito accessibile con un semplice click dal Dash.
Come accade nei browser come Firefox, Chrome ecc; anche su Ubuntu potremo effettuare ricerche nel Dash senza lasciar alcuna traccia attivando la modalità Incognito.

La nuova modalità Incognito verrà integrata nel Dash nei prossimi giorni assieme alle nuove note legali con nuove informazioni su come mantenere sicura la nostra privacy.
  • Salkior85

    NOn serve fare la copia di backup, anche se lo cancelli viene ricreato.

    Anzi tutti i file con il punto davanti, create dal sistema le puoi cancellare tranquillamente, sono cartelle che contengono le impostazioni del programma specifico, se le cancelli viene ricreata.

    Non viene cancellato il programma, vengono resettare le sue impostazioni.
    Impostazioni delll’utente.

    Per prima cosa facciamo un backup del file.conf della nostra Distribuzione per farlo avviamo il terminale e digitiamo:

    cd

    mv ~/.fonts.conf ~/.fonts.conf.bak

    • perché se riporti la configurazione precedente non dovrebbe modificartela

  • salvatore
  • Zifino

    ciao,al comando
    cd

    http://dl.dropbox.com/u/964512/lffl/.fonts.conf

    mi da
    bash: http://dl.dropbox.com/u/964512/lffl/.fonts.conf: File o directory non esistente

  • Sbaglio o prima di “http://dl.dropbox.com/u/964512/lffl/.fonts.conf” dovremmo mettere un “wget”, per scaricare il file in questione?

    • si mi ero dimenticato

      • Il miglioramento è evidentissimo!! Grazie mille!

        • grazie a te per la segnalzione

        • Zifino

          Scusatemi,ma usi Ubuntu mi sa che i miglioramenti si notano solo per ubuntu

          • come indicato nell’articolo non lo testata su ubuntu su Fedora, Arch e Paldo il miglioramento c’è

  • Matteo Pani

    Ho provato su Debian Testing (Gnome2) e peggiora la situazione: i caratteri sono più sfuocati.

    • prova a sostituirlo con

      rgb

      true

      hintslight

      true

      true

      fammi sapere

      • Matteo Pani

        Sì adesso la situazione è migliorata, ma sia con i Droid (che uso abitualmente), sia con il font Sans-serif predefinito preferisco la resa che mi dà il fonts.conf di default.

  • Marko2x

    E’ vero, la situazione cambia. Fa schifo.

  • Caos57

    Per chi ha fedora (che forse più di tutte soffre di un problema di font rendering) consiglio anche di usare la patch infinality,con ha me ha funzionato alla grandissima….^^
    http://www.infinality.net/blog/?p=67

    • penso che anche arch soffra di font rendering
      personalmente non lo mai utilizzata
      stasera la testo
      grazie per la segnazione

      • Poetagrigio

        su ubuntu situazione decisamente peggiorata, ma i caratteri si vedevano già molto bene, invece su suse dove il browser non rendeva bene sul font c’è stato un miglioramento

  • mah

    grazie per avermi rovinato tutti i caratteri, però l’Arial si vede bene ora HAHA…ancora nessuno ha capito come funziona stò l’antialias?!?…non vedo post del genere di utenti windows o mac…pessimismo e rassegnazione -_-

    • non penso il font-conf ti abbia rovinato tutti i caratteri, se ti da problemi basta rimuoverlo e riavviare che tutto ritorna come prima

  • Antonio G. Perrotti

    scusa l’ignoranza, ma perchè dopo aver fatto tutta la faccenda mi sembra di essere su windows 98 o qualcosa del genere? 😀 le pagine web sembrano scritte con la biro…

    • rimuovilo allora e vedrai e riavvia

      • Antonio G. Perrotti

        già fatto, ed è tornato come prima. complimenti comunque per tutte le dritte di questo blog, da quando lo seguo ho imparato un bel po’ di cose. anche se mi sto un po’ stancando di ubuntu, se avessi più di un pc mi cimenterei con qualcosa di più interessante. usando le partizioni ho fatto piantare tutto più di una volta, dovrei studiare un po’ come usare il multiboot.

        • puoi provare varie distro anche da live oppure utilizzandole su pendrive oppure emulandole con virtualbox

  • Simone

    Volevo segnalare che, nonostante i commenti negativi riguardo la modifica dei font, ho installato anch’io questo file e i miglioramenti ci sono stati (Arch Linux Gnome 3).
    Inoltre volevo consigliare per chi ha monitor LCD (come nel mio portatile) di impostare in Gnome Tweak Tool in Fonts –> Antialiasing il valore Rgba che da me ha ridotto leggermente lo sfuocamento dei caratteri.

    • penso che i problemi ci siano solo con ubuntu e derivate
      con arch e fedora il file funziona a dovere sia che sia gnome, kde e xfce

  • Gabriele Castagneti

    Su Ubuntu basta andare su:
    Aspetto -> Tipi di carattere e selezionare “Sfumatura subpixel (LCD)”

  • jonbonjovi

    Io uso Fedora 15 e non funziona…vedo sempre i caratteri “spigolosi”.

    • strano perché la configurazione è stata creata proprio per Fedora

  • Giacomo

    Su Debian Wheezy, con gnome 3.2.1 ( classic ) miglioramento notevole, grazie 😉

  • Jure

    MITICO! Su Debian Squeeze si nota moltissimo! Grazie 🙂

No more articles