Samsung Galaxy Note 8.0

Samsung ha scelto il Mobile World Congress 2013 di Barcellona per presentare il nuovo tablet Note da 8 pollici pronto a competere con Apple iPad Mini.
Samsung Galaxy Note 8.0 è un tablet con schermo da 8 pollici in grado di offrire una risoluzione HD WXGA da 1280 x 800 pixel e una densità di pixel per pollice di ben 189ppi.
Viene rilasciato un processore Samsung Exynos quad-core da 1.6 GHz Cortex-A9 con 2 GB di memoria RAM per lo storage sarà disponibile in 2 versioni con memoria da 16 e 32 GB espandibile tramite microSd fino a 32 e 64 Gb. Presente ance una fotocamera posteriore da 5 Megapixel e una anteriore da 1.3 MP.
Tra le altre caratteristiche troviamo la “famosa” S-Pen con tecnologie Wacom e un parco di software preinstallato per il suo utilizzo.
Per la connettività Samsung Galaxy Note 8.0 viene rilasciato in una versione con solo Wireless e un’altra con integrato il supporto per 3G / 4G e LTE, questa permette anche di effettuare chiamate e videochiamate dal dispositivo.
Ecco un video hands-on del nuovo Samsung Galaxy Note 8.0

Samsung Galaxy Note 8.0 verrà rilasciato con Android 4.1.x Android Jelly Bean con all’interno alcune personalizzazioni e software dedicati sviluppati da Samsung.
Samsung non ha rilasciato nessun prezzo il quale dovrebbe comunque aggirarsi dai 350 / 300 Euro, confermato l’arrivo anche nel mercato italian tra alcuni mesi.
Ricordo inoltre che possiamo acquistare anche altri modelli di tablet Samsung da 7 e 10 pollice (a partire da 200 Euro) disponibili ad esempio su Amazon.
  • Antonio G. Perrotti

    già capivo poco non avere gdebi di default, vista la lentezza di software center nell’installare i .deb scaricati. poi levare anche synaptic. mi sembra che ubuntu voglia diventare sempre più “rigido”. non so se è solo un’impressione. per fortuna ci sono mint e elementary.

    • Gabriele Castagneti

      1. Synaptic si può installare dall’USC (Ubuntu Software Center, non Ubuntu Spazzatura Completa)
      2. C’è sempre apt-get dal terminale, il miglior amico del newbie
      3. Non capisco cosa tu intenda per rigido. Meno flessibile? Diciamo che, per quanto riguarda la interfaccia sia Unity (che a me sembra molto interessante come nuova interfaccia grafica, utilizzando già prima una dock) che Gnome 3 non sono personalizzabili facilmente. Per il resto, USC sostituisce perfettamente Synaptic, quindi non è necessario occupare più spazio dei 700 MB del CD di installazione…

      (Ormai il CD è il chiodo fisso degli sviluppatori di Ubuntu. Li capisco!)

      • Antonio G. Perrotti

        se lo scopo è rimanere sotto i 700 mb ha anche un senso, ma ho come l’impressione che la fissa sia più che altro imporre lo “stile mac” a tutti i costi. ma non facciamone una roba da tifo calcistico “io tifo ubuntu”, “io tifo mint” 😀

    • non capisco cosa intendi per rigido
      forse ubuntu software center è lento nell’avvio e non indica la dimensione delle dipendenze da scaricare (non ricordo se da anche un’elenco o meno delle dipendenze dato che non lo mai usato). Non so se ultimamente è migliorato ma il gestore dei pacchetti proposto in mint era lentissimo dato che doveva scaricare il database ad ogni avvio o quasi e per aggiornarlo ci voleva anche 15 minuti questo fino alla 9 poi mint non lo più utilizzato.

      • Antonio G. Perrotti

        riconosco che è più che altro un’impressione, software center somiglia un po’ ad un catalogo e questo mi infastidisce, come se volessero indirizzare l’utente nella scelta dei programmi. forse dovrei essere meno istintivo nei giudizi. 🙂 e non indicare le dipendenze necessarie non mi sembra un limite da poco. spero che gdebi e synaptic rimangano comunque disponibili nei prossimi rilasci. ma, come ho già detto, non facciamone una storia tipo “io tifo mint, tu tifi ubuntu”, le cose si provano e si decide cosa usare, è questo il bello di linux, no?

        • gdebi e synaptic si possono sempre installare post-installazione
          inoltre rimane sempre il buon terminale

  • Guest

    infatti..sono d’accordo viva MINT!

  • LordMax _

    Ubuntu software center è quanto di peggio possa accadere ad un utente alle prime armi. Non indica le dipendenze, non fa capire cosa sta facendo, lascia l’utente nella totale ignoranza, peggio di windows o mac.
    Da eliminare immediatamente.
    Poi in ubuntu si chiedono perché sempre più persone passano a MINT.

    • per un utente alle prime armi penso che poco importi delle dipendenze, sicuramente penso che molti scelgano mint per la semplicità di avere già installato i codec e i tool che usa

  • Girolamo Aloe

    Questa notizia mi addolora non poco. Synaptic e’ una sorta di cardine x avere un elenco chiaro dei pacchetti, oltre ad apt-get

    Vorrei tanto capire xke’ ubuntu si deve fissare con i CD e quindi combattere x risparmiare spazio quando invece e’ possibile concentrare tutto in USB Key. Io ho sempre la mia Live su USB. I CD non li uso piu’ da tantissimi anni: ne masterizzo, ne leggo dischi, ne installo sistemi operativi da CD o DVD, ne vado a comprare CD o DVD vuoti o commerciali.

    SONO tantissimi, ma proprio tanti anni che non uso un CD x installare Linux. Un tempo collegavo linux e initrd della nuova ubuntu al grub ed il kernel mi scaricava tutto durante l’installazione. Poi ho optato x una live su USB Key sia per avere qualcosa di funzionante x ogni evenienza sia perche’ l’installazione di linux partendo dalla live e’ ovviamente piu’ veloce rispetto alla soluzione di linkare kernerl e initrd sul grub.

    Synaptic era troppo comodo… mentre del tool di backup non so che farmene.

    • anch’io lo avrei mantenuto e casomai rimosso i giochi (se uno vuol giocare se li installa post*installazione)
      la soglia dei 700mb anche a me piace, viene mantenuta per i molti paesi per esempio del sud america che hanno connessioni lente (anche in italia a dir la verità non è che siano cosi veloci). Personalmente io farei un cd minimale con solo l’ambiente desktop senza alcuna applicazione poi l’utente si installa quel che vuole cosi avremo un’installazione molto più veloce e la iso sarebbe da 350 / 400 mb
      e un dvd con molte applicazioni preinstallate

  • siriofl

    Ciao, scusate sto cercando di fare un back up di sicurezza che mi permetta subito dopo di poter sperimentare con app e impostazioni sul pc con la possibilità di ripristinare. Non voglio fare un back up di tutta la Cartella Home , bensì soltanto di: Programmi e Impostazioni (Preferenze), e non dei Documenti. Nelle impostazioni di back up non è presente questa possibilità mi è sembrato…. Se ci sono altre applicazioni che fanno meglio al caso mio ringrazio per le indicazioni. Vorrei mettere in salvo il sistema, mentre provo qualche riga di comando, ad esempio per far funzionare il multi-touch ( lo scrolling a due dita sul touch-pad), e per fare un po di esperienza in generale. Grazie per l’attenzione a presto.

No more articles