Profile Sync Daemon su Arch Linux

Oggi vi vogliamo presentare un’interessante tool denominato Profile Sync Daemon il quale ci permette di velocizzare le performance del nostro browser preferito spostando il profilo nella Ram utilizzando tmpfs.
Profile Sync Daemon grazie allo spostamento del profilo web sulla Ram ci permette di velocizzare notevolmente la scrittura nel disco offrendo quindi una maggiore reattività del nostro browser. Tra le varie caratteristiche di Profile Sync Daemon troviamo il supporto per i più diffusi browser quali: Chromium, Google Chrome, Firefox (stabile, beta e aurora), Konqueror, Midori, Opera e Qupzilla.
Profile Sync Daemon sincronizza automaticamente tramite rsync il profilo con la cartella di configurazione presente nella nostra home in modo tale da non perdere i dati a causa di uno spegnimento o riavvio improvviso del sistema.

Profile Sync Daemon è disponibile per Ubuntu digitando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:graysky/utils
sudo apt-get update
sudo apt-get install profile-sync-daemon

Per installare Profile Sync Daemon su Arch Linux utilizzeremo AUR digitando:

yaourt -S profile-sync-daemon
Una volta installato Profile Sync Daemon dovremo inserire il nostro username nel file di configurazione psd.conf per farlo digitiamo da terminale:
sudo nano /etc/psd.conf

nella stringa USERS=”” dovremo aggiungere il nostro username nel mio caso sarà USERS=”roberto” come da immagine sotto:

salviamo il tutto cliccando su Ctrl+x e poi s
a questo punto possiamo avviare il processo di trasferimento dati e sincronizzazione digitando:
profile-sync-daemon parse
se tutto corretto dovremo avere come risultato il nostro username e i browser che saranno ottimizzati.
Possiamo attivare Profile Sync Daemon all’avvio in varie maniere per Ubuntu ad esempio basta digitare:
sudo service psd start

Per Arch Linux dovremo digitare:

sudo systemctl enable psd.service
Per maggiori informazioni su Profile Sync Daemon consiglio di consultare la pagina dedicata dal Wiki di Arch Linux.

Home Profile Sync Daemon

No more articles