Manca ormai davvero al rilascio di Gnome 3.6 (previsto per mercoledì 26 settembre), il team Gnome ha da poco rilasciato la Release Candidate della nuova versione.
La Release Candidate di Gnome 3.6 sarà molto probabilmente la versione stabile dato che da qui a mercoledì verranno rilasciate solo poche correzioni all’ambiente desktop.
Il nuovo Gnome 3.6 RC porta diverse novità oltre ad una maggiore stabilità, il team inoltre la lavorato per rendere ancora più performante e reattivo l’ambiente desktop Gnome Shell portando anche alcune correzioni oltre ad aggiungere diverse novità che abbiamo già presentato nei giorno scorsi.
Gnome 3.6 sarà la versione che troveremo in Ubuntu 12.10 Quantal (non in versione completa dato che Nautilus rimarrà nella versione 3.4.2), Fedora 18 oltre ad approdare nei repository ufficiali di Arch Linux e in Debian Sid.

In questa pagina troverete il changelog di Gnome 3.6 RC (3.5.92) qui sotto il video sulle novità di Gnome Shell 3.6.

  • ag5170

    Sicuramente il team Gnome ha fatto un gran lavoro di programmazione … Gnome shell 3.6 è davvero attraente.

  • Alex

    Ok è bello, ma il video è completamente inutile. Ti fa vedere tutto, ti svela anche il quarantasettesimo segreto di Fatima ma non ti fa vedere se hanno risolto l’unico problema di Gnome3 (problema che lo rende inutile quasi come Unity). Mi riferisco a quando hai più finestre aperte sulla stessa scrivania e sulla barra in alto ti segna solo quella in uso. Per richiamare un’altra finestra, o fai una combinazione di tasti o clicchi col mouse in alto a destra ecc., con una perdita di tempo inutile che con Gnome2 è inesistente.
    Preciso che è più di un mese che non ho a che fare con Gnome3, perciò può essere che questo problema lo abbiano già risolto ma speravo di averne conferma guardando il video.
    Ciao a tutti

    • Alex

      Volevo dire in alto a sinistra.

      • anto

        Restano valide le risposte che ti hanno dato: secondo il team di Gnome lì in anto a sinista ci va solo il riferimento alla finestra corrente.
        Non esiste più il concetto di elenco delle finestre.
        Se non ne puoi fare a meno però ci sono estensioni per ottenerlo 😉

      • Eduardo

        Puoi per esempio usare l’estensione taskbar

    • nerd

      esistono da minimo 10 mesi le estensioni per quello che ti serve

      • jk

        bella cosa davvero le estensioni on line con un click, autoaggiornate..

        ..PECCATO che per ogni cambio di versione (a volte anche minore) diventino incompatibili.
        ..PECCATO che non godranno mai della qualità di una feature di default.

        basterebbe un’opzione di default per mostrare la dock sul desktop come si deve, e invece ti dicono di ciucciarti 10 estensioni crapware..

        gnome 4.6 è fiko quanto ottuso, fortuna per me che c’è la filosofia KDE, e tanti saluti..

        • TopoRuggente

          Veramente l’estensione è solo una e non mi è mai capitato che una di esse smettesse di funzionare se non con un cambio di versione (quindi da 3,0 a 3,2 a 3,4 e probabilmente a 3,6).
          Capita a volte che quando si scrive un DE da zero si sbagliano delle previsioni e tocca fare cambiamenti in corso d’opera.
          In KDE dovresti essere abituato hanno dovuto riscrivere da zero Kwin.

          La feature di default significa che perchè serve a qualcuno tutti si devono tenere la feature ed è proprio questo che Gnome-Shell tenta di ridurre.
          Keep It Simple S…

          Preferisco l’estensione, se mi serve me la installo altrimenti lascio perdere.
          Infatti quando ho iniziato ad utilizzare Gnome-Shell non esisteva ancora e sono “sopravvissuto” ho visto che lavoro bene anche senza e risparmio cicli di processore.

          Si chiama flessibilità.

          • jk

            Estensioni per dock ce ne sono diverse.A me è capitata l’impossibilità di aggiornare/installare estensioni non compatibili per differenza di minor release.Comunque che qualcosa si rompa ogni 6 mesi è FAIL.

            In kwin ci sono linee di codice ancora di kde1, alla 4.0 hanno aggiunto la capacità di compositing, ovvero FUD.

            Un design per tutti è proprio la vera feature di gnome-shell.”Tutti i colori, purché nero” e qui dico: “Keep It Stupid, Simple!”KISS non ha nulla a che vedere con il design iOS della shell.Proprio per questo c’è Cinnamon.
            Sì, flessibilità dell’utente, non della macchina.

          • TopoRuggente

            Non so di che gnome-shell tu stia parlando, la mia è totalmente sulle tonalità del blu, quella di mia figlia è rosa e viola (ha 8 anni ..)

            KWin è stato riscritto da zero visto che in KDE 4.1 e 4.2 faceva disastri hanno deciso di ripartire da zero, purtroppo non hanno avuto ancora il tempo di ripulire il codice e di renderlo performante, risultato KDE+Kwin è nettamente meno performante di Gnome-Shell+Mutter.
            Hanno applicato un “trucchetto” (a dire il vero comunque intelligente” che permette di disabilitare gli effetti quando una finestra è full screen.

            Mi spiace non so quale distro usi e di quali estensioni parli.
            Posso assicurarti che su Arch (a parte il passaggio da 3.2 a 3.4) per il resto le estensioni che uso hanno sempre funzionato.

            “Comunque che qualcosa si rompa ogni 6 mesi è FAIL.”
            È vero, ma è anche FAIL non notare che Gnome-Shell esiste solo da un annetto, KDE 4.x è stato un disastro di stabilità per anni.

            Infatti come in KDE anche Cinnamon ha una “genialata”, mi sfugge perchè non usino direttamente la metà sinistra dello schermo per il menù visto che ne mangiano il 60%.

    • quello che dici te non è un problema è gnome shell che è cosi
      quando hai più finestre avviate o usi alt+tab oppure vai alla panoramica delle attività
      è cosi gnome shell
      puoi aggiungere i collegamenti nel pannello grazie ad estensioni

    • alessandro

      Quello che dici te lo risolveranno su unity in futuro, qualche mese fa sul sito di ubuntu è apparso questo http://design.canonical.com/2012/03/task-switching-in-ubuntu-and-a-introduction-to-the-spread/ il problema grave è che non sarà pronto per la 12:10 visto che non se ne è più parlato…. Per gnome, attualmente lo uso come ambiente desktop predefinito e mi ci trovo bene, lo uso col mouse, fortunatamente sul mouse ho un pulsante laterale e uso quello per richiamare la shell rendendo l’utilizzo molto veloce e piacevole e te lo dice uno che tiene aperte anche 15-20 finestre assieme….

    • TopoRuggente

      In gnome2 hai due possibilità
      1) Alt+Tab
      2) Col puntatore passare sulle icone del pannello e tramite il preview trovare quella che cerchi e cliccarci sopra.

      In gnome3 hai due possibilità
      1) Alt+Tab
      2) porre il puntatore in alto a sx (comunque il tasto Win fa lo stesso lavoro) e cliccare col mouse su l’applicazione che cercavi.

      Non credo che si possa in alcun modo parlare di “perdita di tempo”.

      Se non apprezzi gnome 3 è una tua scelta, ma non cercare difetti inesistenti.

      Diciamo che tu sei più abituato con la “windows list” nel pannello.

    • roberto mangherini

      @alex esiste una estensione chiamata dockbar, ti mette la dockbar delle attività in primo piano con scomparsa intelligente oppure sempre visibile.

  • Phoenix

    stanno facendo davvero un gran bel lavoro, felice di vedere funzioni basilari, come il menu contestuale sui pulsanti delle finestre e la dash migliorata. È un ottima ambiente desktop che pochi riescono ad apprezzare perchè ancora legati al vecchio. Ripeto, ora come ora, di base senza estensioni, sta andando bene, altre piccole migliorie e sarà il principale DE per molte distro.

    • TopoRuggente

      Non sono così ottimista riguardo alla sua accettazione da parte delle “grandi masse”, ma lo uso quotidianamente e ne sono molto contento, molte performance e pochi fronzoli.

      Se ci aggiungi synapse (il lanciatore semantico), fanno una accoppiata incredibile.
      Secondo me dovrebberlo includerlo nel “progetto gnome”

  • DeeoK

    Io non sopporto il tema di default: le icone sono inguardabili ed anche Adwaita non mi piace un granché. Personalmente poi ho anche riscontrato diversi problemi con l’installazione di nuovi temi.

    • TopoRuggente

      Li scomprimi e li copi nella cartella ~/.themes, poi li scegli da advanced settings.

      Se poi il tema è fatto male …, personalmente tutti i temi che ho provato (saranno almeno una quarantina) hanno funzionato da subito.

      • DeeoK

        So come si installa un nuovo tema, ma per oscure ragioni non appaiono mai come su internet (anche seguendo le indicazioni) -.-‘

  • TopoRuggente

    Apprezzo sempre di più la linea minimalista che sta prendendo.

    Sono conscio che dopo decine di anni in cui linux ha abituato gli utenti a mostruose (e talvolta inutili) possibilità di customizzazione, farà fatica ad affermarsi.

    A poco più di un anno dal rilascio ha raggiunto livelli di stabilità che onestamente non si vedono tanto spesso in ambiente linux.

    L’unico “neo” secondo me è aver ristretto la possibilità di scrivere estensioni solo in java-script, secondo me questo sta limitando pesantemente il numero di estensioni che stanno nascendo.

    • jk

      “Sono conscio che dopo decine di anni in cui linux ha abituato gli utenti a mostruose (e talvolta inutili) possibilità di customizzazione, farà fatica ad affermarsi.”
      sei pure conscio che gnome 3 ha perso talmente tanti utenti, ma tanti che proprio ad affermarsi non ce la fa, e ciò giusto a causa della sua ottusità?

      aldilà dei i gnome3 fanboys che postano in rete, ma io di nuovi e vecchi utenti linux che conosco od ho visto di persona… nemmeno uno con gnome-shell, 1! 🙂

  • Phoenix

    Volevo informarvi che hanno appena rilasciato la 3.6 da Git, debitamente scaricata 🙂

No more articles