Ubuntu offre già di default le principali applicazioni più conosciute ed utilizzate, dal browser Firefox alla suite per l’ufficio LibreOffice ecc. Alcuni utenti però nemmeno le utilizzeranno tutte queste applicazioni, anzi dovranno installarne delle altre per vari motivi di lavoro, preferenze ecc.
In questa guida vedremo come possiamo creare una nostra Ubuntu con le applicazioni che vogliamo noi, ma non solo scegliendo alche l’ambiente desktop che vogliamo, aggiungendo i PPA preferiti ecc il tutto semplicemente utilizzando la livecd di Ubuntu o di una derivata.
Come per Arch Linux potremo installare la nostra Ubuntu dal sistama base, scegliendo il kernel che vogliamo, l’ambiente desktop e le applicazioni che vogliamo noi e non gli sviluppatori il tutto con facilità e direttamente dalla livecd.
L’operazione logicamente un po più lunga che non installando Ubuntu di default ma alla fine avremo il sistema operativo come preferiamo noi e non come vuole Canonical o altri sviluppatori. La guida permette di installare qualsiasi ambiente desktop possiamo ad esempio creare Xubuntu con le nostre applicazioni preferite, Lubuntu con solo il browser ad esempio ecc.

Per fare tutto questo utilizzeremo debootstrap un tool creato da Debian che permette di creare un sistema operativo da zero senza dover utilizzare ne dpkg o apt. Il tool scarica i pacchetti necessari per poter installare il sistema base i quali verranno spacchettati in una directory sulla quale potremo operare da chroot.

Ecco come installare Ubuntu in maniera personalizzata da live cd.
Per fare tutto questo occorre una livecd di Ubuntu o derivata (io ad esempio ho usato Kubuntu 12.04 vanno bene anche Xubuntu, Lubuntu anche nelle versioni precedenti) una connessione internet veloce e un paio d’ore libere.
Avviamo Ubuntu o la derivata da livecd, una volta avviata creiamo una partizione sulla quale andremo ad installare Ubuntu per farlo utilizzeremo GParted applicazione già presente nella livecd, se abbiamo disco pieno o con altre distribuzioni non conta dato che possiamo utilizzare il bootloader delle altre distribuzioni oppure installare il bootloader dalla nostra nuova Ubuntu. Durante la creazione noteremo la dicitura della partizione nel mio caso è sda1.
Connettiamo ad internet dalla livecd e avviamo il terminale e loggiamoci da root digitando

sudo -s

formattiamo la partizione appena creata in ext4 per farlo digitiamo:

mkfs.ext4 /dev/sda1

dove sda1 potrebbe essere diverso nel vostro pc

montiamo la partizione per farlo digitiamo:

mkdir /mnt/ubuntu

mount /dev/sda1 /mnt/ubuntu

installiamo debootstrap nella livecd digitando

apt-get update
apt-get install debootstrap

e avviamo debootstrap nel mio caso voglio creare una distribuzione 32bit di Ubuntu 12.04 Precise possiamo crearla anche a 64bit basata su Lucid, oppure in altra versione per farlo digitiamo:

Per 32bit

/usr/sbin/debootstrap –arch i386 precise /mnt/ubuntu http://archive.ubuntu.com/ubuntu

Per 64bit

/usr/sbin/debootstrap –arch amd64 precise /mnt/ubuntu http://archive.ubuntu.com/ubuntu

se volete quantal ad esempio basta sostituire precise con quantal

debootstrap scaricherà i pacchetti necessari per installare il sistema base al termine montiamolo nella livecd digitando:

mount -o bind /dev /mnt/ubuntu/dev

mount -o bind /proc /mnt/ubuntu/proc

copiamo il file mtab e interfaces nel nuovo sistema:

cp /etc/mtab /mnt/ubuntu/etc/mtab

cp /etc/network/interfaces /mnt/ubuntu/etc/network/interfaces

accediamo al nuovo sistema operativo digitando:

chroot /mnt/ubuntu /bin/bash

echo ‘/dev/sda1 / ext4 defaults 0 0’ >> /etc/fstab

aggiorniamo i repository:

apt-get update

e installiamo il kernel per farlo ricerchiamo la versione corretta del kernel digitando:

apt-cache search linux-image

noteremo che la versione attuale è la 3.2.0-23 per installarlo basta digitare:

apt-get install linux-image-3.2.0-23-generic-pae linux-headers-3.2.0-23-generic-pae

una volta installato il kernel operiamo sui repository digitiamo

apt-get install nano

nano /etc/apt/sources.list

al posto dei repository presenti mettiamo:

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ precise main universe restricted multiverse
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ precise main universe restricted multiverse

deb http://security.ubuntu.com/ubuntu precise-security main universe restricted multiverse
deb-src http://security.ubuntu.com/ubuntu precise-security main universe restricted multiverse

deb http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ precise-updates main universe restricted multiverse
deb-src http://it.archive.ubuntu.com/ubuntu/ precise-updates main universe restricted multiverse

salviamo con Ctrl+x e poi S

e aggiorniamo sia la distribuzione che il sistema base tutt’ora installato digitando

apt-get update
apt-get upgrade

a questo punto possiamo installare l’ambiente desktop per installare unity completo di tutte le applicazioni, lightdm ecc basta digitare:

per Ubuntu con Unity

apt-get install ubuntu-desktop

per Ubuntu con Gnome

apt-get install gnome-desktop-environment

per kubuntu

apt-get install kubuntu-desktop

per xubuntu

apt-get install xubuntu-desktop

per lubuntu

apt-get install lubuntu-desktop

Se invece vogliamo installare solo l’ambiente desktop base basta digitare:

Per Gnome

apt-get install gnome-shell gnome-session-fallback

Per Xfce

apt-get install xfce4

Per KDE

apt-get install kde

Per ICEWM

apt-get install icewm

Per installare il bootloader (se non abbiamo altre distribuzioni nel pc)

apt-get install grub-pc

Installiamo Xorg

apt-get install xorg

E poi Jockey per installare facilmente i driver delle scheda grafica

per Gnome/Xfce/Lxde

apt-get install jockey-gtk

per kde

apt-get install jockey-kde

a questo punto potete installare le vostre applicazioni preferire aggiungere PPA ecc.

Fatto questo aggiuntiamo l’hostname digitando:

echo Ubuntu > /etc/hostname.

io ho messo Ubuntu potete mettere l’host che volete

e poi aggiungiamo un nuovo utente digitando

adduser nome_utente

nel mio caso

adduser roberto

e al termine la password di root

passwd

a questo punto abbiamo creato la nostra Ubuntu personalizzata.
Basta riavviare ed ecco il sistema personalizzato conformare le nostre preferenze, ricordo che se non abbiamo installato il bootloader dovremo aggiornare il bootloader della distribuzione già installata nel sistema per accedere al nostro Ubuntu personalizzato.

Nei prossimi giorni arriverà la guida per installare anche Debian (Stabile, Testing o Sid) utilizzando debootstrap.

No more articles