Kubuntu 12.10 sarà la prima relase dopo l’abbandono di Canonical e l’arrivo di Blue Systems come nuovo sponsor a questo molti utenti stanno cercando di capire quali saranno le novità del progetto.
Lo sviluppo di Kubuntu 12.10 Quantal sta portando le prime novità che vedremo ad ottobre, inprimis l’ambiente desktop KDE verrà aggiornato alla versione 4.9 la quale porterà moltissimi miglioramenti rigurdanti alla stabilità e alle performance oltre ad alcune migliorie sopratutto a Dolphin e ad altre applicazioni della suite.
Kubuntu 12.10 Alpha 3 da poco rilasciata aggiorna ownCloud alla nuova versione 4.0 release che permette la crittografia dei file e aggiunge nuove funzionalità oltre ad integrare nuove API.
Novità anche per il browser Rekonq il quale grazie al rilascio della nuova versione 1.0 migliora notevolmente in stabilità (sono stati corretti oltre 300 bug) e aggiunge la nuova funzionalità sync la quale ci permette di integrare i segnalibri di Google e Opera e mantenerli sincronizzati.

Con Fancy bookmarking possiamo effettuare ricerche, consultare e condividere i segnalibri tramite Nepomuk e molto altro ancora.
Kontact aggiunge il supporto per Facebook offrendo la possibilità di ottenere informazioni di un nostro amico / contatto attraverso il nostro account Facebook.
Interessantissima anche la nuova sincronizzazione dei calendari di Google la quale ci permette di syncronizzare i nostri eventi con Kontact e di gestirli nel nostro sistema operativo (possiamo ad esempio visualizzare i nostri impegni ed eventi dall’applet data e ora del pannello).
LightDM-KDE entra definitivamente di default in Kubuntu 12.10 offrendo anche l’integrazione nelle impostazioni di Sistema (come per KDM) per operare sia nella personalizzazione che nella gestione del desktop manager. KDE Telepathy aggiunge il supporto per le video chiamate e aggiunge la possibilità di giocare con i nostri amici, Digikam viene aggiornato alla nuova versione 2.7 la quale aggiunge molte correzioni e miglioramenti.

Nei prossimi rilasci arriveranno sicuramente dei miglioramenti anche per Muon il quale dovrebbe introdurre una nuova interfaccia completamente rivisitata oltre a fornire una maggiore stabilità.
Lo sviluppo a mio avviso di Kubuntu senza Canonical rimane invariato se non migliore, la comunità ha più spazio per le nuove idee oltre a non voler cambiare drasticamente l’ambiente desktop aggiungendo personalizzazioni varie come accade in Ubuntu.
Kubuntu rimane un progetto davvero ottimo grazie sopratutto a KDE, vedremo da qui ad ottobre quali altri novità arriveranno.
No more articles