Ubuntu 12.10 – Gnome 3.6: lavori in corso per Nautilus

13
26
Nautilus 3.5.2 su Ubuntu 12.10

Lo sviluppo di Gnome 3.6 sta portando le prime novità, in questi giorni il team di sviluppo sta portando diverse correzioni e miglioramenti al file manager Nautilus cercando di renderlo più performante e sopratutto più facile da utilizzare, effettuando alcuni ritocchi all’interfaccia  e aggiungendo nuove features.
La nuova versione in fase di sviluppo 3.5.2 di Nautilus appena approdata su Ubuntu 12.10 aggiunge diverse novità: in primis la rimozione della barra di stato, per offrire maggiore spazio disponibile al file manager.
Nautilus 3.5.2 rimuove anche le icone dal menu contestuale, scelta dovuta vista la rimozione delle icone di default dai menu e pulsanti di default ormai da diverso tempo, e rimuove la modalità di visualizzazione compatta.
Rivisitata anche la visualizzazione di nomi delle directory, i quali non saranno più visibili per esteso, ma accorciati con puntini all’intero del nome.

Lo sviluppo di Nautilus ha portato anche alcune correzioni al menu: per esempio nella nuova release è stato rimosso il collegamento Computer dalla sezione Vai, come possiamo notare dall’immagine posta qui sotto:

Nautilus 3.5.2 su Ubuntu 12.10 global menu

Novità davvero interessante che è arrivata con Nautilus 3.5.2 è la possibilità di spostare i file selezionati in una nuova cartella con un click.
Basta selezionare file o cartelle e cliccare sul tasto destro, dal menu contestuale troveremo come prima voce la dicitura New folder With Selection, quindi basta un click sul collegamento per spostare tutte i file e cartelle selezionati in una nuova cartella generata automaticamente.

Nautilus 3.5.2 su Ubuntu 12.10 menu contestuale

Rimossa la funzione nuovo documento dal menu contestuale quando non ci sono modelli installati. Per conoscere le novità del nuovo Nautilus 3.5.2 basta consultare questa pagina.
Lo sviluppo di Nautilus non si ferma qua, probabilmente arriveranno nuovi miglioramenti e funzionalità prima del rilascio di Gnome 3.6.