Fedora 18 aggiunge il supporto per UEFI Secure Boot

A pochi giorni dal rilascio di Fedora 17 lo sviluppo ora si concentra sulla prossima F18: e tra le novità già annunciate ossia Btrfs come file system di default e Gnome 3.6, supporterà anche UEFI Secure Boot.
Ad annunciarlo è Matthew Garrett noto sviluppatore di Red Hat, indicando che la prossima Fedora 18 Spherical Cow permetterà di supportare anche UEFI Secure Boot: il boot “sicuro” presente di default su Windows 8.
Fedora 18 Spherical Cow permetterà attraverso uno “shim” bootloader di effettuare le verifiche di sicurezza dell’UEFI Secure Boot, permettendo quindi di passare successivamente al vero bootloader GRUB 2 che permetterà l’avvio di Fedora. Ci saranno inoltre anche alcune modifiche apportate a GRUB 2, come disabilitare il caricamento dei moduli a runtime, per garantire l’integrità del boot.

Il problema anche se sembra già essere stato risolto, arriva con i sistemi basati su architetture ARM, nei quali non si potrà disattivare l’UEFI Secure Boot.
In questa pagina troverete l’annuncio ufficiale del nuovo supporto per F18.
Complimenti a Red Hat e Fedora, da sempre in prima linea per migliorare Linux, e non soltanto l’esperienza utente sviluppando un ambiente desktop.
  • Pietro

    bene bene finalmente BTRFS stabile non vedo l’ora di buttare via ext4 LOL. Finalmente un file system veloce e decente a 64 bit e btree con le varie compressioni disponibili.
    Goodbye EXT4 di cacca.

    PS: Uso Debian testing io ora amd64 non vedo l’ora che arrivi BTRFS davvero raga!!!!

  • Ale91g

    Complimenti per l’ultima frase 🙂
    (ogni riferimento a ubuntu o canonical è puramente casuale)

    Comunque è da un po’ che non si sente parlare di OpenSUSE, è perchè non sta portando avanti niente di nuovo?

  • multiplicis

    Pare che le cose siano andate diversamente. Leggere qui:
    http://mjg59.dreamwidth.org/12368.html

No more articles