Ubuntu Developer Summit 2012

È ufficialmente iniziato l‘UDS 2012, il convegno realizzato da Canonical dedicato agli sviluppatori che si sta svolgendo ad Oakland, in California. A presiedere all’apertura del nuovo UDS è stato il patron di Canonical Mark Shuttleworth, che ha parlato sia del nuovo Ubuntu 12.04, che delle prossime novità che approderanno su Ubuntu 12.10.

Mark Shuttleworth ha iniziato il congresso indicando tre punti fondamentali per Ubuntu: design, qualità e resistenza; che hanno portato in questi lunghi e difficili mesi di sviluppo, a rendere il nuovo Ubuntu 12.04 una distribuzione stabile e sopratutto semplice nel suo utilizzo.
Si è parlato anche di HUD, il menu intelligente che ha debuttato con Ubuntu 12.04 e che giungerà a maturazione nei prossimi mesi, integrando nuove funzionalità come l’inserimento di operazioni avanzate. 

L’esempio posto durante la conferenza riguarda GIMP nel quale, attraverso HUD potremo agire sulle impostazioni di alcuni filtri o funzionalità direttamente. La stessa funzionalità molto probabilmente sarà adottata in altre applicazioni come ad esempio LibreOffice.

Ubuntu 12.10 - funzionalità avanzate per HUD

Nel mirino di Canonical per lo sviluppo di Ubuntu si è parlato anche dell’hyper-scale computing, tentando di portare Ubuntu a gestire datacenter portando una più semplice installazione e manutenzione del sistema; abbattendo anche in parte dei costi per la gestione del sistema stesso. Durante l’inaugurazione c’è stata la presentazione del nuovo server targato Calxeda, gestito da 192 processori ARM con Ubuntu 12.04 come sistema operativo preinstallato.

Ubuntu UDS - server Calxeda

Si è parlato anche dei nuovi progetti Ubuntu TV ed Ubuntu per Android, indicando che arriveranno dei miglioramenti anche se non è stata indicata la data del rilascio dei progetti, né in quali dispositivi.

Nei prossimi mesi, sono attese moltissime altre novità e tra queste, l’arrivo anche di EA Games.

Ecco il video del discorso d’apertura del nuovo UDS da parte di Mark Shuttleworth:

  • ciuffarin.francesco

    Tutti ottimi propositi, ma bisogna sfondare nei desktop, magari facendo pubblicità su internet

  • Stefano Petroni

    Per sfondare nel desktop bisogna puntare anche sui mercati emergenti attraverso accordi con le società che sono già partner come Dell e Lenovo che sono tra le maggiori aziende mondiali del settore.Ottimi progetti quelli di Ubuntu for Android e UbuntuTV.Piano piano se ne parlerà vedrete.Io ci credo nel progetto portato aventi da Canonical.

No more articles