Mark Shuttleworth

A pochi giorni dal rilascio della prima Beta di Ubuntu 12.04 LTS il patron di Canonical Mark Shuttleworth ha indicato con un post sul suo blog le aspettative per il tanto atteso rilascio della prossima release.
Oltre a ringraziare tutti gli sviluppatori i quali hanno portato avanti il progetto iniziato 3 anni Ubuntu Netbook Remix che andrà a terminare ad aprile con il rilascio stabile di Ubuntu 12.04 Precise LTS ha indicato che il lavoro non è ancora finito anche se gran parte dello sviluppo è stato portato a termine. Il nuovo Unity porterà una vera innovazione dell’esperienza utente disponibile su una piattaforma open source la quale Canonical  ha puntato moltissimo anche rischiando visto che in questi mesi di sviluppo ha portato a molti utenti il panico portando o loro interessi per altre alternative.

In un post precedente inoltre ha parlato anche del problema di AppMenu o Global Menu il quale secondo alcuni utenti (me compreso) è ottimo quando si utilizza su netbook o notebook visto che ci permette di aumentare lo spazio disponibile per l’applicazione mentre su desktop invece appare abbastanza scomodo sopratutto su alcune applicazioni come ad esempio Gimp.

La soluzione a questo problema dovrebbe essere già risolta semplicemente disattivando l’AppMenu oppure sostituirlo con LIM il nuovo progetto che va a portare il menu nella barra del titolo della finestra.

LIM  già presente in launchpad e una volta rilasciato, potremo attivarlo o disattivarlo con molta facilità solo che visto il recente freeze di Ubuntu 12.04, Mark Shuttleworth ha dichiarato, sul suo blog ufficiale, che “non saranno in grado di offrire al menu e la necessità di attenzione  e le varie correzioni di bug” per Ubuntu 12.04 sarà disponibile solo integrandolo da PPA successivamente all’installazione.
Ritardare il rilascio di Ubuntu 12.04 LTS e aggiungere la nuova funzionalità (e a questo punto anche HUD su Unity 2D) non sarebbe una cattiva idea e sopratutto farebbe felici moltissimi utenti ma a casa Canonical ritardare il rilascio di una Distribuzione è praticamente impossibile (eppure anche molte altre Distribuzioni lo fanno).

In questa pagina troverete il post rilasciato da Mark Shuttleworth.

  • SalvaJu29ro

    Non credo proprio..ma perchè ha la maglia di Kde? .__.

  • Kitpou

    E quindi Canonical dovrebbe ritardare il rilascio della 12.04 – e calendarizzato da circa un anno – perchè non è pronto LIM? E perchè lo fanno altre distribuzioni lo deve afare anche Canonical?  A me paiono argomentazioni fuori dal mondo tipiche di chi non conosce né le dinamiche aziendali, né le tempistiche dei lavori legati alla  programmazione.

    • pensi che ubuntu sia per le aziende????
      ritardare una settima e offrire agli utenti una migliore distribuzione sarebbe buona cosa
      la data per il rilascio per canonical è sacrosanta anche se come abbiamo visto negli ultimi rilasci c’erano ancora molti bug critici risolti solo dopo alcune settimane il rilascio
      fedora (ma anche redhat visto che parli di distro “vere” per aziende) opensuse ritardano finché la distribuzione non ha alcun bug critico
      questa è serietà verso gli utenti…

      • gigi_igig

        Ok per i bug critici, ma per una funzionalità in più non credo sia giusto ritardare una release, anche perchè mi sembra che l’app menu si potrà disattivare dalle impostazioni .

        • lim è una manna dal cielo per gli utenti desktop che non amano appmenu
          aggiungerlo già di default porterebbe secondo me una maggior attenzione e farebbe felici gli utenti desktop e netbook dato che poi essendo lts alcuni se la portano dietro per diversi anni
          è il mio parere poi sappiamo benissimo che il 26 aprile verrà rilasciata anche se ci sono bug critici

          • Strindberg

            Non uscire fuori tema. Hai parlato di rinvio per far inserire LIM   e non per i bug critici.  Oppure possiedi la sfera di cristallo?

            Ad adesso è stabilissima. Ma già, si sa, mamma canonical è il male assoluto.

          • non direi che sia stabilissima ma di sicuro lo sara per il rilascio

          • Strindberg

            Da me è stabilissima considerato che siamo ancora alla beta

      • Marenero

         Penso che si riferisse a Canonical e la sua programmazione aziendale….

      • Kitpou

        Mi riferivo – e mi pare fosse strachiarissimo – alla programmazione aziendale e alle sue dinamiche.  Poi che diventi una migliore distribuzione perchè viene inserito LIM, permettimi, è risibile.

         

        • ubuntu non è una distro per le aziende anche se supportata 5 anni un’azienda sarebbe pazza ad utilizzare ubuntu
          per le aziende ora come ora bisognerebbe portare lucid mettere precise con pacchetti ancora in fase git è un suicidio per le aziende

          • Kitpou

            Continui a non capire. Eppure mi pare di aver scritto chiaramente. Per dinamiche aziendali intendo le dinamiche dell’azienda Canonical.  

          • dinamiche aziendali?
            se un’azienda come canonical che vuol guadagnarci con ubuntu conviene rilasciarlo stabile

  • Kepleros

    Effettivamente io credo che se Ubuntu e Canonical ritardassero qualche volta i rilasci per avere una maggiore stabilità non solo sarebbe scelta dalle Aziende che come ben sappiamo prediligono la stabilità e la praticità, ma favorirebbe anche gli utenti comuni fornendo un sistema stabile che non sarebbero costretti ad aspettare che altri facciano le migliorie ( Linux Mint ), quindi personalmente preferirei un sistema più stabile aspettando qualche mese in più che fare le corse contro il tempo.

    • esatto 🙂
      pensa ad esempio che kubuntu 10,.04 aveva un bug stra segnalato che mandava in crash il sistema appena terminavi la connessione… corretto dopo 10 giorni dal rilascio però per chi installa kubu 10.04 alla prima disconnessione va in crash il sistema e molti magari non la installano….cavolate per solo aspettare pochi giorni…

  • ItaliaUnix Admin

    Con Ubuntu 8.06 il rilascio era stato ritardato di 2 mesi per i bug.
    Ma dubito fortemente che ritardino il rilascio solo per una funzione.

  • Caos57

    Fosse solo LIM il problema di ubuntu….il fatto è che secondo me è un progetto ormai orientato solo ai tablet (e netbook,ma esistono ancora?) l’utente desktop è stato tagliato fuori fin dal primo rilascio di unity,tutto quello che viene ora è solo un tappabuchi per dare il contentino a qualcuno (e alle numerosissime critiche ricevute),io ormai guardo ad altro dell’evoluzione di ubuntu mi importa poco (in sti giorni ho una mezza idea di passare da fedora a chackra forse KDE è davvero il miglior ambiente desktop su linux)

    • Brunowolf88

      Guarda che se unity era pensato netbook, avrebbero dovuto mettrre la risoluzione schermo per le varie applicazioni. Solo gnome ha un pò pensato a questo. Neanche kde netbook ne è stato capace. Unity è solo per tablet. E i netbook esistono eccome.

      • Caos57

        Si era molto ironico ^^,nel senso che con i tablet oggi vedo davvero poca gente che compra ancora i netbook.

        • Brunowolf88

          io ricomprerei un netbook per molte ragioni… il tablet è solo uno smartphone più grande… 

          • vero anche se android 4.0 sui tablet è veramente il massimo (alla faccia di unity e os)
            ho un tablet con android 4.0 e veramente è ben realizzato ho comprato la custodia con la tastiera e diventa un netbook completo e funzionale
            poi ho un’altro tablet con android 2.3 e li è come dici te è uno smartphone più grande ma non ha niente a che vedere con android 3/4

      • kde ha pensato meglio invece utilizzando le finestre raggruppate in gruppi cosi con una finestra avviata puoi accedere a quante applicazioni vuoi

        • Brunowolf88

          si ok, ma la risoluzioni di determinati programmi è molto fastidiosa. gnome almeno ha rilasciato un programma che cerca di compattare tutte le applicazioni ma non risolve al 100% il problema… sicuramente ora con i tablet faranno qualcosa…

          • quoto ;)difatti gnome sta cambiando l’interfaccia alle proprie applicazioni per supportare sia desktop che tablet

    • kde ha tenuto ben diviso i 2 progetti inoltre offre un’ambiente desktop che con un click lo trasformi per netbook e va che è una scheggia

    • Linuxuser

      Dovrei scusarmi Caos57. L’intenzioni iniziale era di risponderti ma mi sono lasciato andare ad un discorso molto piu’ generale. I termini poco gentili non erano sicuramente rivolti a te. La tua successiva risposta era molto educata, nonostante il mio attimo di follia. Questo ti fa onore.
      levo le tende

      • Caos57

         Non c’è problema,ognuno porta avanti le sue idee e a volte ci si fa prendere la mano….^^

    • Stifler Master

       E non dimentichiamoci che presto appariranno televisori e smartphone con interfaccia Unity… insomma: come tutti sappiamo, non si possono fare 6 cose assieme e sperare di farle tutte (o anche solo una) bene!!!
      Io ho conosciuto Linux grazie alla Ubuntu, ma ormai passerò alla Debian (da cui deriva). Canonical… grazie ma ADDIO!!!!!!!!!!

      • penso che ne vedremo ben pochi di tv con ubuntu e molti con android
        se un’azienda di televisori vuol fallire allora meglio che utilizzi ubuntu tv

    • cesidio

      Chakra è effettivamente veloce ed accattivante. Purtroppo io, ovviamente per miei limiti, non sono riuscito a colegare la mia stampante. Quindi sono tornato su fedora KDE. Uso, in multiboot anche gnolinux: è fatto senz’altro bene.

  • mikronimo

    Seguito a pensare che la via per la soluzione di questi problemi sia l’half-rolling; non preclude lo sviluppo delle nuove funzionalità (che vengono sincronizzate nei repository solo quando pronte e stabili) e consentono di inserirne di nuove quando emergono dalla mente della comunità o dell’azienza; date di rilascio fisse, scolpite nella pietra, non danno nessun vantaggio e anzi portano a lasciare indietro sviluppo e stabilità; d’altronde Canonical è azienda privata e prende decisioni con la mentalità tipica della corporation: unilaterali e dirette al mercato (i tablet); per fortuna, come più di una volta ha detto Roberto stesso, Ubuntu non è linux e non bisogna per forza farsi andare giù le imposizione di Canonical…

    • difatti ricordo inoltre che ubuntu non è nemmeno una distro per le aziende
      le aziende chiedono stabilità non effetti e cavolte varie
      puntare per la aziende dovrebbe offrire ora come ora lucid e non precise (proprio come fanno redhat e opensuse)

      • SalvaJu29ro

        Cioè per le aziende direi che Ubuntu è pessimo..è troppo scomoda per lavorare Unity..almeno per me

        • le aziende cercano stabilità non un’ambiente desktop per netbook instabile
          ricordo che ubuntu si basa su debian sid molti pacchetti sono ancora in git
          voler competere con red hat enterprice, suse o oracle con unity?
          gnome 3 per le aziende arriverà tra 3/4 anni non prima

          • Giovanni Zambetta

             Tengo a precisare per distinguere meglio il discorso aziende, se si parla di aziende grosse che lavorono in rete  appoggiate ai server con molti PC collegati la stabilità è fondamentale per loro, al contrario di uno come me che sono l’unico rappresenetante di me stesso con una piccola azienda individuale che mi limito ad usare un programma di fatturazione con gestione magazzino e clienti, suite con libre office  e client email thunderbird tutto in modalità desktop problemi particolari ad usare distribuzioni anche meno stabili non è assolutamente un problema.
            Per me un sistema operativo deve avere tutto, la grafica accattivante e personalizzabile per non diventare noiosa nel tempo, perchè anche l’occhio come in tutte le cose vuole la sua parte, poi le cose son molto soggettive e personali io sono sempre alla ricerca di novità e cmq mi trovo benissimo sia che uso unity,sia gnome3 e sia KDE le interfaccie le uso tutte per spezzare la monotonia.  

          • hai ragione di solito si parla di aziende quando si parla dai 30 terminali in su

  • Cari utenti e lettori,
    si può criticare Ubuntu su tutti i fronti, e per certi versi si può anche avere ragione.
    Però io sono contento del fatto che Canonical intraprenda la difficile scelta di differenziazione di un prodotto, cercando la propria identità.
    Unity sarà piena di difetti, mancherà di funzionalità e personalizzazione, ma non dimentichiamoci che è sempre una alternativa in più nell’universo LINUX.
    Per me la vera libertà non sta dei codec più o meno proprietari (quella è più una scelta di coscienza o incoscienza) ma nel disporre di ALTERNATIVE.
    E oggi Unity è un alternativa in più nel mondo linux, e spero che nel tempo possa ancora più migliorare e avere la sua identità.
    Quando sono entrato nel mondo linux le distro gnome 2 erano visivamente tutte uguali, sembravano una la copia dell’altra se non fosse stata per la differenza dei colori, per kde nemmeno i colori cambiavano, oggi invece ci ritroviamo sempre più distro personalizzate e distinguibile visivamente, ognuno porta la propone la propria idea e l’utente è LIBERO di scegliere quella più vicina al modo di intendere il desktop.
    Basti pensare a progetti come Cinnamon o Elementary Luna( che parte da Unity), che stanno cercando di portare nuovi concetti per migliorare l’esperienza utente.
    Io ad oggi sono un felice utilizzatore di Cinnamon su Ubuntu e sono grato a Lefebvre per aver ideato questo DE, e pensare che io sono stato uno dei primi aspri criticatore della “soluzione” MINT e delle orrende MSGE.
    Per chiudere dico che è meglio non essere troppo di parte, ma restare aperti alle nuove opportunità e soluzioni che ci ritroveremo davanti perché proprio esse potrebbero cambiare il nostro modo di intendere il desktop.

    • Giovanni Zambetta

       Quoto,  hai scritto quello che pensavo pure io, nella mia poca esperienza in linux quello che ho sempre  notato era che tra le varie ditribuzioni venivano personalizzate i pacchetti e le scelte delle applicazioni di base oltre ad una personalizzazione dei colori ed al tipo di kernel ma di fatto se usavi Fedora o suse o altre distribuzioni quello che si nota è che l’interfaccia gnome e sempre gnome e l’interfaccia KDE e sempre KDE è questo a mio parere in molte distribuzioni succede ancora. Canonical a mio avviso a intrapreso una strada per differenziarsi dalla solita routine e quindi raggiungere una propria identità che la caratterizzi offrendo una soluzione alternativa.

    • Concordo in pieno su tutto quello che hai scritto!

  • Linux…

    Domani… Ubuntu continuerà il suo crollo negli abissi. Pensassero più alla stabilità e a togliere i fronzoli macigni vedasi compiz, il software center ecc… pensassero più alla stabilità.. alla parte grafica ci pensa il team gnome con gnome3-shell in avanti in usabilità e stabilità rispetto a unity di parecchio 😉

    P.S. nel 12.04 provato per soli 30 minuti e poi disinstallato con tanta soddisfazione unity è nettamente peggiorato e la stabilità del global menu ecc è peggiorata. Unity adesso è li sempre presente con finestre massimizzate che si ritrovano la barra li come un cazzotto nell’occhio… la scomparsa con le finestre massimizzate è stata tolta .. unica cosa che era fatta bene in unity.. e brava canonical continua così e mint fedora ecc ti pappano la pappa sul capo 🙂

    • Wow,favolosa la 12.04 ma come fa a non piacerti?mah!

    • La trovo spettacolare,la  miglior distro mai creata…e siamo ancora in Beta!!!

    • penso che parli del launcher che rimane visibile anche con la finestra massimizzata
      puoi attivare l’autohide dalle impostazioni di sistema -> aspetto
      ubuntu non crollerà ma farà come per le distro precedenti tanta attesa poi al rilascio molto fuggi fuggi e speranze per la release successiva
      ricordo che dopo la 12.04 lo sviluppo si concentrerà sui dispositivi mobili quindi per 2 anni si vedranno poche novità

  • Adoro questo tipo!!!!:D…adoro Unity…..adoro Ubuntu…una svolta che un giorno ne parleranno i libri..avanti cosi’ Mark!!

    • ne parleranno le riviste di linux ma penso che sarà difficile trovare libri con il successo di unity

  • P.M.

    Durante e dopo aver letto tutti i commenti mi sono fatto veramente tante belle risate. Ma mi concentrerei su pochi fattori fondamentali per rimettere a posto la mia mascella ormai slogata; la stabilità di Ubuntu e il suo indirizzo aziendale. Mi chiedo: In quale tipo di azienda vengono usati i tablet o i netbook al posto dei fissi? Ha senso usare una interfaccia come Unity pensata per per questi surrogati che non sono neanche minimamente vicini a un PC aziendale? Quale azienda potrebbe mai pensare di usare Ubuntu? Poche signori, molto poche… Vogliamo parlare di quello che è l’ambito della ricerca? Molto difficile… L’altro giorno sono andato a fare “visita” a un Radiotelescopio e con mia somma soddisfazione, il sistema in uso sapete quale era? Debian, da cui Ubuntu deriva… Peccato che Ubuntu si dimentichi di ringraziare Debian per l’80 % del software che viene sviluppato per loro… Vabbeh… Magari un giorno Mark si ricorderà di questo piccolo particolare e lo farà noto anche ai suoi fan 🙂

    • quoto 🙂
      ubuntu è una mediocre distro per utenti normali
      per le aziende esistono altre distribuzioni che sono mondi completamente diversi da quello di canonical
      neppure il progetto ubuntu tv e android avranno successo
      android è già pronto e completo per questo utilizzo

      • Giovanni Zambetta

         Sto notando come in realtà ubuntu non è molto apprezzato da te, forse devo ricredermi e appoggiare  “linuxuser” per alcune cose che a scritto riguardo ai deprezzamenti fatti su questa distribuzione, e dopo aver letto anche questo commento mi viene da dire:
        – noto che l’80% di cose che scrivi sul tuo sito e rivolto agli utenti che usano ubuntu visto che ogni volta tutti i comandi per installare applicazioni e altro e rivolto a ubuntu.
        Eppure dici che la distro e mediocre, distro per utenti normali e che i loro progetti non avranno successo.
        Mi chedo inoltre, ma tu, che distro usi??? quale è la tua distro preferita e quella con cui ci vivi tutti i giorni?
        Ti fa comodo scrivere solo puntanto quasi tutto sugli utilizzatori di ubuntu perchè sono i piu’ numerosi e quindi più conveniente alle statistiche di traffico al tuo sito?se non ti piace ubuntu non vedo perchè debba pensare quasi sempre a come utilizzare ubuntu, ma spostati sulle distro che preferisci.
        sai sono un po’ confuso su quello che leggo e vari commenti, forse dovresti essere piu’ neutrale in qualità di “proprietario” del sito e pensare solo ad utilizzarlo per tenerci informati sulle novità e sui consigli per conoscere al meglio linux in generale.

        • ubuntu è la distribuzione più conosciuta ed utilizzata e si parla maggiormente, se a me non piace le scelte che sta portando avanti perchè non dovrei parlarne
          il blog è nato per avvicinare gli utenti a linux e visto che la maggior parte arriva con ubuntu penso che non ci sia niente di male proporne guide e novità
          indicandone non solo i pregi ma anche alcuni pareri
          ma non perché non mi piaccia le scelte prese negli ultimi anni do una mano lo stesso
          attraverso i miei ppa per portare alcune applicazioni non disponibili nei repo ufficiali e mantengo alcune applicazioni gmic, lives ecc, la stessa cosa la faccio anche per debian, arch linux fedora e ora comincio anche con alcuni ccr per chakra
          che distribuzione uso? arch linux e fedora
          penso di fare il possibile per cercare di far conoscere linux c’è qualcosa di sbagliato?
          se volessi far visite non farei un blog su linux (o almeno non criticherei ubuntu) ma farei un blog su windows e mac che hanno più utenza

    • Pagliaccio

      magari non useranno unity ma xfce, ma resta cmq una distribuzione easy al contrario di debian

      ubuntu= è una parola africana che significa “debian è troppo difficile da installare e usare”

      • P.M.

        Pagliaccio caro… mi sembra che tu sappia meno di quello che dici… anzi detto francamente stai parlando a vanvera senza cognizione di causa e senza sapere alcunchè di quello che asserisci.

        Uno: Debian non è per niente difficile da usare a dispetto di quello che dici, in quanto l’ambiente desktop almeno per debian 6 è gnome 2, oppure ti scegli il DE che preferisci… Apri Synaptic e installi ciò che vuoi, quindi non capisco dove sia la difficoltà nel suo uso.

        Due: hai detto una immensa menzogna affermando che Debian è difficile da installare visto che usa un installer grafico (sempre che tu sappia cosa sia un installer grafico) del tutto simile a qualsiasi distro user friendly, compresa (sto)buntu.

        Tre: informati prima di commentare e dare notizie non vere. Magari qualcuno ti potrebbe anche credere.

        • ti do ragione in parte dato che è varo che debian è facile da installare un po meno da configurare
          il positivo di debian che se impari quei 4 comandi lo gestisci come vuoi tu il negativo è che li devi imparare e ormai gli utenti linux di oggi non lo vogliono più fare.
          il terminale è una brutta bestia per i nuovi user
          per me non esiste linux senza terminale…

        • botero76

          Beh se uno da del pagliaccio gratuitamente o è un bamboccio o non sa cos’e’ l’educazione. In Italia c’e’ ancora la libertà di dire cazzare e di dissentire.

          Un Debian User

          • Positronico

            “da del pagliaccio gratuitamente” ? Pagliaccio è il nickname, casomai si è autonominato pagliaccio.
            saluti

  • è vero che la .iso di Precise Pangolin è troppo grande per essere masterizzata su cd??? e allora come si fa a installarlo???

    • si è vero
      basta che compri un dvdrw o una pendriva da almeno un giga e sei apposto
      io di norma uso i dvdrw

  • Rovelli Alessandro

    Io da ubuntu sono passato a Fedora 15 poi 16… Adesso sono di nuovo ad ubuntu 11.10 e mi ci trovo da Dio! Non sono un fanatico, ma resto dell’idea che guardarsi in giro, ogni tanto, non faccia male… In fondo per noi utenti è tutto gratis in questo caso! La 12.04 la sto provando e devo dire essere molto reattiva e più bella (esteticamente) di gnome3 shell… Almeno Ubuntu ha una sua personalità che, col tempo, cambierà e migliorerà! 😉

  • carlo coppa

    Devo dire che negli ultimi tempi alcuni atteggiamenti da fans boys di l’una o l’altra distribuzione mi infastidiscono. Ogni distribuzione ha delle proprie caratteristiche e un target di utenti ben preciso, è chiaro che Ubuntu è quella che più cerca di attrarre utenti nuovi grazie alla facilità di installazione,  pur rimanendo fedeli ai principi dell’open source.Detto questo provando Precise non posso fare altro che fare i complimenti a Canonical e agli sviluppatori per l’ottimo lavoro.

  • Resoconto puntuale, ma scritto da cani, strapieno di errori di scrittura !

No more articles