In queste ore sono arrivate nuove novità nella versione in fase di sviluppo di Ubuntu 12.04 LTS Precise.

E’ arrivata di default la nuova modalità che permette di mantenere sempre visibile il Launcher anche se dal plugin di Unity nel gestore delle configurazioni di Compiz è ancora disponibile (lo sarà ancora per poco) la possibilità di reimpostare la scomparsa intelligente o di avere sempre nascosto il Launcher.
Dopo i primi test la finestra va a posizionarsi sotto il Launcher rendendo questo effetto oltre ad essere brutto da vedere anche inutile dato che non potremo operare ne vedere correttamente nella parte della finestra nascosta dal Launcher. A differenza di quanto pensavo il Launcher rimane visibile anche quando la finestra è massimizzata anche questo è abbastanza scomodo. Siamo riusciti a far scomparire il Launcher solo quando abbiamo chiuso tutte le finestre funzionalità inutile, anche se è giusto ricordare che stiamo operando su una versione in fase di sviluppo sulla quale (spero) molto probabilemente questa funzionalità verrà rivista prima del rilascio ufficiale di Ubuntu 12,04.

Inoltre con gli ultimi aggiornamenti e l’arrivo di Gnome 3.3.5 sono attivati nuovi ritocchi alla finestra delle impostazioni di sistema. Come possiamo notare dall’immagine posta in alto le icone sono più grandi inoltre è stata aggiunta una piccola icona affianco alle categorie Personale, Hardware e Sistema.
Gli ultimi aggiornamenti di Ubuntu 12.04 Precise portano anche la nuova interfaccia per il gestore della nostra scheda audio, difatti è arrivata una nuova interfaccia utente che punta a facilitare la gestione e configurazione di essa.

La nuova interfaccia permette di scegliere la periferica sia per i suoni d’entrata che uscita nella parte sinistra della finestra e sulla sua destra gestirne i vari livelli. Migliorata anche la gestione e il tool per testare il nostro impianto audio.

Ecco altri screen effettuati durante il nostro test:

La nuova interfaccia dopo il nostro test sembra davvero esser notevolmente migliorata più intuibile e facile fa configurare.
  • cristianpozzessere

    ho installato il software su arch (è nei repo community)
    ma onestamente non mi ha dato una gran soddisfazione,per l’amor di dio è uno strumento veloce e dà una buona resa all’immagine,..ma preferisco il classico metodo “fake to hdr” 😀 hehehehe .
    le tre immaginete con tre tonalità differenti su più livelli ,e magari ne aggiungiamo anche un’altro paio per il cielo o l’acqua; certo è più macchinoso e ci vuole più dimistichezza con gimp ,ma alla fine il risultato può essere molto bello !
    Grazie comunque per la segnalazione 😀

No more articles