Usare Linux è un qualcosa di gratificante per tanti di noi, e rappresenta sempre una sfida. Spesso e volentieri chi utilizza Linux lo fa con curiosità, e con tutte le distro presenti c’è l’imbarazzo della scelta per “dissetarsi”. Ma per la maggior parte dei suoi utilizzatori è una questione puramente estetica (La scelta tra questa o quella distribuzione, prescinde insomma dall’aver pacman piuttosto che aptitude).
Voglio infatti parlare di un argomento per tantissimi aspetti scontato, ma sempre pieno di nuovi spunti.
Per un semplice utilizzatore, provare e riprovare é quasi un hobby, ma il discorso è completamente diverso se chi si serve del pc, lo fa meramente per lavoro.
Non mancano le possibilità, non manca un progetto che soddisfi l’utente, eppure ci troviamo davanti ogni nuova major release a un contrasto tra chi spinge l’evoluzione, anche stravolgendo il classico, e quelli che “non lascerebbero mai la vecchia strada per quella nuova”, anche probabilmente perchè esiste una profonda differenza tra chi utilizza Linux a tempo perso e chi lo utilizza per lavoro.
Ci troviamo davanti negli ultimi mesi alla lotta tra Unity, Gnome3, Kde4, Mate e dei relativi sostenitori.

Gnome2-Mate-Xfce
DE a detta di molti, spartani, per altri minimalisti, senza fronzoli superflui. Dopo la fine dello sviluppo di Gnome2, via via le distribuzioni più blasonate si sono rivolte alla nuova versione (Gnome3 nel caso di Gnome) incrementando ovviamente il bacino di utenza e la qualità dei DE stessi. Ma molti hanno storto il naso, proprio per il taglio netto col passato (seppur lo sviluppo di Gnome3 sta portando a una personalizzazione eguale al suo predecessore). E’ da questo che è partito lo sviluppo di Mate, nuovo DE sul quale la prossima Mint 12 Lisa ha deciso di puntare assieme a Gnome3, e sempre più persone provano Xfce.

Unity-Gnome3,Kde4

DE di nuova concezione. Unity è il progetto di Canonical, che ha suscitato umori contrastanti: gli entusiasti che hanno deciso di proseguire con Ubuntu, e gli scettici che lo ritengono adatto solo ai Net/Notebook. Gnome3, come detto in precedenza, l’evoluzione di Gnome2, con la sua Gnome-Shell anch’esso ha suscitato pareri diametralmente opposti: chi lo ritiene orientato a Tablet, chi lo ritiene dispersivo, e invece chi lo ama e lo ritiene esteticamente bello e comodo. Kde dal canto suo,ha vissuto un periodo simile nel passaggio tra la versione 3 e la 4.
E voi cosa ne pensate cari lettori di Lffl?
Appartenete ai tradizionalisti secondo i quali, Gnome2 (e il nuovo Mate) sia il miglior DE possibile, poichè elegante e minimalista, sostenendo i pc datati, o appartenente alla “nuova generazione” quelli che sostengono Gnome3, Unity e Kde4?
  • kandros

    un’inchino per in nome dell’articolo perche è veramente stupendo 🙂 io dopo aver provato un po di tutto in modo abbastanza approfondito (a parte mate) ho capito che un DE neanche mi serve, uso openbox e ne sono felicissimo

    • Alexx91

      Io sono innamorato di gnome 3 (anche unity non mi dispiace )
      Kde l’ho provato per qualche giorno ma è troppo confusionario perció uso gnome 3 che è stupendo graficamente e secondo me rende piú veloce tutte le nostre azioni per cercare un programma basta schiacciare super e scrivere le iniziali ! Organizzazione spazi alla Mac osx (ho un iMac e sono abituato a usare gli spazi) così il mio NetBook è utilizzabile!… In alternativa per quando ho bisogno di velocità ho messo openbox che mi piace tantissimo ( tutto bello configurato il pc si accende in 30 secondi ) … Lxde e Xcfe non mi piacciono solamente per i vari pannelli o dock ecc per avere un computer veloce Molto meglio openbox

  • Aegidius

    Prima utilizzavo KDE e non mi trovavo male. Ammetto che non è un DE particolarmente performante, però era funzionale e non dava quasi mai problemi.
    Su consiglio di un’amico sono passato a XFCE e devo dire che è tutta un’altra cosa. Veloce, completo, personalizzabile in ogni suo aspetto. È il DE che sposa in pieno la filosofia UNIX.

    • Sortospino

      secondo me potrebbe essere reso ancora più personalizzabile. Uso xubuntu 11.10 da 1 mese. L’ho personalizzato tantissimo, ma se devo personalizzare pure l’orario per avere un orologio decente dico..meglio ubuntu..

      anche perché non c’è nemmeno il calendario. 
      per il resto xfce è incredibile. Il mio pc non “decolla” più. Le ventole non hanno più bisogno di buttare aria calda come prima. 
      Penso che passerò a KDE per provare un po’ 😀 
      non che non sia felice di xfce. Anzi ..l’ho reso molto simile alla cara grafica di gnome 2 ..attenderò la 12.04 lts per capire quale sarà il mio DE per i prossimi 5 anni per questo pc 😀 

      • Al posto dell’orologio normale metti l’orologio di orage, ha il calendario ed è personalizzabile sotto ogni aspetto 🙂

  • Borgio3

    Nel momento in cui scrivo sono con Unity in Ubuntu 11.10 e lo ritengo un ottimo DE.
    Ieri lavoravo con Vectorlinux 7.0 con Xfce 4.8  molto ben fatto e lo ritengo un ottimo DE.
    L’altro ieri lavoravo con LMDE con Gnome 2 e lo ritengo un ottimo DE.
    Quattro giorni fa lavoravo con openSUSE 12.1 Gnome edition e Gnome 3 Shell è un ottimo DE, tra l’altro molto fluido in openSUSE.
    Qualche mese fa lavoravo con OpenBox in ArchBang e lo ritengo un DE perfetto.
    Insomma dov’è il DE che non mi piace?

    KDE

  • roberto mangherini

    io sto provando xfce sul vecchio portatile e con la cairo dock mi trovo molto bene.
    le dock sono il massimo dell’organizzazione di un D.E.

  • lupo0k

    Uso kde dalla 3.5 e ora con la 4.7 mi trovo divinamente anche se effettivamente è più pesante degli altri DE… Però migliora di versione in versione il team di Kde fa un ottimo lavoro

  • Kde tutta la vita

  • Sonounribellemamma

    io dopo 4 anni di gnome dopo le ultime evoluzioni sono passato a Xfce che gia conoscevo bene. e lo ritengo quello piu semplice ed usabili….la strada presa da ubuntu non mi piace

  • Liuk

    kde e xfce

  • Ale91g

    Punto su Gnome-Shell, non è perfetto ma guarda verso il futuro nella maniera migliore, integrando chat, im, cloud e via dicendo.
    Va detto però che di default non è il top, ma con l’aggiunta di qualche extension + un tema personalizzato diventa davvero accattivante, certo un po’ rimpiango i vecchi tempi in cui usavo Gnome 2 su Ubuntu 10.04, veloce, molto leggero, iper-personalizzabile ma ora uso Fedora 16 e quel Gnome 2 che tanto ho amato mi sembra ormai “antiquato” per il 2011 (quasi 2012).
    Quindi punto su Gnome 3, versione dopo versione raggiungerà la solidità di Gnome 2, è solo una questione di tempo!

  • matrix

    ho provato tutti i desktop possibili ed immaginabili,quello che non mi garba proprio e kde 4,non lo capisco proprio come e concepito.
    Sembra progettato da persone che non sanno come farlo, menti un pò contorte.
    Il vecchio kde 3 all’epoca era il mio preferito.

    • Axias41

      Scusa, in che senso non capisci come è concepito? Parli delle activities? Beh, non sei obbligato ad usare, io non lo faccio, sono rimasto ai cari “vecchi” desktop virtuali, aggiungendo icon-only task manager e qualche effetto di kwin, che si può disabilitare senza problemi. E cosi è simile al vecchio kde 3, ma più moderno.

      • matrix

        ha troppi pulsanti che potrebbero confondere un utente e rendere la vita difficile.
        Ce da osservare che ho molti widget e molti sono inutili e confondono le idee.

        • matrix

          Gnome shell a differenza di come dico altri lo trovo veramente innovativo e molto pratico, infatti ho montato opensuse 12.1 con gnome 3 e mi sta dando molte soddisfazioni sia come desktop che come stabilità della distro

  • Attix

    Premetto che il pc lo uso quasi esclusivamente per lavoro ed e’ per me un elettrodomestico come un altro,do molta importanza alla funzionalita’,all’immediatezza e alla stabilita’.
    Posto che le nuove interfacce sono delle versioni pressoche’ beta di un qualcosa che andra’ su tablet e smarthphone e posto che non devo cazzeggiarci (principalmente;)),ma produrre,il mio de restera’ fino alla scadenza di ubuntu 10.04,gnome 2.
    Spero che per allora Canonical + team gnome siano riusciti a partorire qualcosa di meglio che le 2 ciofeche attuali.

    Alternativa valida Kde.Se prima era un DE pesante e poco performante,ora sta facendo passi da gigante.Ora penso siano piu’ pesanti unity e gnome e questo e’ tutto dire.

  • Linux..

    Ho provato anzi sto provando da un po GNOME 3 su una distro ubuntu fatta solo con gnome partendo dal minimimal CD … devo dire che è un DE fantastico e molto funzionale ed anche veloce e fluido (più di gnome 2.30)…
    Molto comoda per lavorarci, permette di avere in un sol colpo la visione di tutte le applicazioni aperte organizzandole su spazi di lavoro ecc ecc.. quello è il futuro ragazzi e gnome ci va diritta come un fuso… Se poi nelle future versioni includessero i widget shell su desktop, alla android per intenderci, allora sarebbe il top davvero…

    Gli altri DE.. XFCE ottimo per PC vecchi molto vecchi CPU sotto 1ghz 256mb ram
    KDE.. be non mi piace affatto troppo “pasticcone” pieno di fronzoli e troppo graficoso…
    UNITY.. meglio laciar perdere consiglio a canonical di passare ad altro se non vuole perdere tanti posti sulla classifica di distrowatch

    • Linux..

       Aggiungo che GNOME 3 SHELL mi gira alla grande ma alla grande su un PC vecchissimo (centrino 1.5Ghz single core 512mb RAM)… con tante applicazioni aperte, firefox con 10 schede in esecuzione, player musicale, libreoffice .. e ancora va OTTIMO

      • Attix

        Permettimi di non crederti!!;)
        Che scheda video hai?
        Te lo dico perche’ nel mio 2° notebook,non quello che uso(il muletto x intenderci) gnome 3 va solo in fallback,mentre unity si intalla solo con il 2D ed e’ un macigno.Caratteristiche Amd 1.7 ghz + 512 ram
        Su quello ho provato kde e,nonostante sia pesante di suo,andava molto piu’ fluido,per modo di dire.
        Provato anche xubuntu ed era gia’ border line,nel senso che era molto meno reattivo di ubuntu 10.10.

        ps. Se dovessi lavorarci veramente non incenseresti cosi tanto queste nuove interfacce.Senza polemica,naturally 🙂

        • Linux

          nulla di che una semplice ati mobylity radeon 9700…

      • con ubuntu tutto questo?
        perché sa hai ubuntu solo con f10 avviato vai un swap dato che superi i 512 di ram

  • Marco Fregapane

    Io personalmente uso Ubuntu 11.10 ma ho tolto completamente Unity e uso AWN al posto della dock originale di Unity (che non mi piace graficamnete e funzionalmente). Ho rimesso l’app menu alle finestre e un po’ di effetti compiz … Devo dire che cosi’ mi piace !!!

  • Ho provato Gnome 2, Gnome 3 e KDE 3 e 4, XFCE e LXDE. Niente da dire: da utente, di quelli a cui piace sperimentare e fare pasticci, ma anche avere un pc bello da vedere, KDE è il DE che mi piace di più in assoluto. Bello, funzionale, tante features, innovazione ma anche semplicità.

  • Innamorato di Gnome 3 anche se Openbox non mi dispiace… anzi lo trovo il migliore tra i DE “leggeri” 😀

  • Pino

    Negli ultimi due mesi, ho provato, per curiosità, quasi tutti gli ambienti di cui alla domanda.
    Debbo purtroppo ritenere, che Ubuntu, sempre a parere mio, offra tutto quello che possa servire. Piu’ o meno tutti hanno qualcosa che li differenzia, ma non ritengo opportuno, per me. questa”querelle”, dal momento che il motore con cui partono tutti i concorrenti è lo stesso marcato “Debian”. E’ un po come se si è capito come le auto.
    Prendiamo la Fiat ‘500, puo’ piacermi, l’aspetto sportivo,, il tradizionale, lo “hippy”, ma alla fine sempre la solita macchina è: Ed anche la classifica che dice Linux Mint, essere preferita ad Ubuntu a Suse, a Mandriva etc.etc., per me dice poco sulla sostanza, è solo una forma di “allestimento”, non una potenzialità di “motore” che differenzia. Potrei accettare se si dicesse qual’è il sistema operativo migliore (Windows-Linux-Mac) Altri possono pensarla, giustamente, differente da me, ma dal momento che si chiede come la pensate, questo è il mio pensiero. Grazie comunque per accettare il mio commento
    Un saluto da Pino
    giuseppebuonomo_000@fastwebnet.it

  • Andrea Cellucci

    Quando si parla di DE la scelta è sempre molto soggettiva. Personalmente ritengo XFCE il migliore, per due semplici motivi: leggerezza e grande personalizzazione. KDE è veramente un grande ambiente, ma purtroppo manca di quella leggerezza che è carattersitca fondamentale di xfce. Unity è meglio buttarlo nel cesso (non è neanche un vero DE, se proprio vogliamo essere precisi!) e Gnome3 è troppo orientato verso i Tablet (anche se devo ammettere che ha un suo perchè). Dunque sul mio piccino e sul fisso (che è un po vecchiotto) utlizzo felicemente Xfce, mentre sul notebook utilizzo Gnome3. Sul “bandone” di mia madre, infine, utlizzo con grande soddifisfazione Openbox.

  • Carlo Furiga

    Provati tutti. Mi sono rassegnato e alla fine me lo sono fatto piacere così:
    Unity ai minimi termini e a scomparsa, Cairo Dock in basso e ClassicMenu sulla barra in alto (anche se Cairo ha la medesima feature).
    Ciao

  • Alessandro

    KDE è dispersivo e pesante…
    Gnome, l’ho abbandonato quando è arrivata la 3a versione…

    Ho scoperto AWESOME come stand alone. Un altro mondo…

  • torels

    Sono passato quest’estate a gnome-shell da unity (che lasciava a desiderare), poi con Oneiric sono passato di nuovo a Unity, che nel frattempo è migliorato notevolmente.

    2 giorni fa sono ri-passato a Gnome-Shell e mi ci trovo bene. L’unica cosa è la mancanza di personalizzazione. L’unica è scriversi le proprie estensioni per ora. Come concetto mi piace, anche se lo trovo sicuramente più “invasivo” di Gnome 2. Quando c’era gnome 2 potevi anche decidee di levare i pannelli di default e fare con altri programmi, dock ecc. 
    Dovrebbero potenziare la personalizzazione.

  • Francesco Maria Rubatto

    Sono decisamente passato a XFCE: per pesante che sia diventato, è sempre una scheggia con dotazione hardware recente, buon compromesso tra l’estetica di gnone/kde e la reattività di altri DE più minimalistici 

    Più “pesante” di LXDE-OpenBox, ma decisamente meno di Gnome/KDE, poi come dice Drake dipende da tutto quanto uno ci mette sopra .-)

    • io pensavo che XFCE era leggero

      • drake762001

        XFCE è leggero, una vera piuma. forse Francesco si riferiva alla sua incarnazione in xubuntu, che aggiunge a xfce molto sw proveniente da ubuntu, che ne migliora l’esperienza utente ma lo appesantisce parecchio, pur rimanendo comunque leggero per la maggior parte dei pc degli ultimi 5-6 anni.

        • Francesco Maria Rubatto

          Dimenticavo: XFCE facilmente personalizzabile, o passo il tempo a fare “fine tuning”, oppure ci lavoro .-)) mi sono preparato uno xubuntu quasi ubustudio (non mi serve wine  e alcuni ammeniccoli) poi ho messo cairo dock…

      • Francesco Maria Rubatto

        Dimenticavo: XFCE facilmente personalizzabile, o passo il tempo a fare “fine tuning”, oppure ci lavoro .-)) mi sono preparato uno xubuntu quasi ubustudio (non mi serve wine  e alcuni ammeniccoli) poi ho messo cairo dock…

  • Undermysky

    Io ho cominciato a usare Linux proprio perchè mi piaceva la gestione offerta da Gnome 2 – Mate ;ho provato tutti gli ambienti grafici qui elencati e posso dire 3 cose:

    1) KDE è il mio secondo DE preferito, ma rimango su Gnome per ora;

    2) sono tutti validi, dipende da cosa l’utente chiede, da come vuole gestire il proprio PC…

    3)…però, queste polemiche sono iniziate per dei semplici motivi: gestione della personalizzazione scadente, effetti grafici assenti, pesantezza del DE,incompletezza generale.

    Unity su Natty aveva tutti questi punti a suo sfavore, la ho provata, funziona bene è un buon DE, ma queste mancanze all’utente medio-smanettone non son piaciute. Risolti questi problemi secondo me, si risolleverà tutto quanto

  • Riccardo

    Da un paio di mesi uso stabilmente LXDE su varie distribuzioni. I suoi pregi? minimalista, intuitivo, veloce, leggero, altamente configurabile

  • dave

    Quelli che si occupano delle nuove interfacce non capiscono che buttarsi cosi a pesce verso i tablet non è la mossa più azzeccata se la stra-grande degli utenti utilizza schermi giganti?

  • Uburic

    Mi aggrego ha molti dei commenti precedenti: il difetto principale sia di Unity che di Gnome 3 è la mancanza di personalizzazione che, per chi va a cercare sistemi operativi alternativi come Linux, è una componente importante!

  • drake762001

    Finalmente ho raggiunto la pace dei sensi con kde. la 4.7 è ottima, gira bene anche su hw datato se ha abbastanza ram (almeno 1GB per essere comodi). E finalmente non ho il problema che lo trasformino in un DE da tablet (visto che nativamente ha già le due interfacce integrate e lascia scegliere all’utente quale usare con un click), niente abomini come quelle menate che vanno di moda come le overlay scrollbar o il global menu (i pixel si risparmiano sulle singole finestre non levando cose utili al de e kde lo fa benissimo).
    E soprattutto non sono previsti stravolgimenti, niente cambi colossali, o upgrade a librerie nuove, solo dei buoni affinamenti.
    Lascio a chi vuole fare da cavia l’uso di unity o di g-s. Poi quando saranno arrivati ad un punto chiaro della loro strada vedrò se ritornare o no. Ma dubito che lascerò kde, mi piace troppo.

    • cerash

      che dire… concordo in pieno! anche io sono diventato, forzatramente (poi entusiasta), kdeista!

      l’adoro!

    • quoto tutto, anzi stra quoto 🙂

  • Jackladen

    KDE a vita…lo adoro. L’unica cosa  che bisogna selezionare con cura è la distribuzione su cui farlo girare. Da utente Kubuntu lo consiglio a chi è  alle prime armi….distro versatile e semplice ma non ha un ottima resa. Con Opensuse non ho mai fatto apce per motivi personali….con Arch Linux mi sta intrippando….veloce come una scheggia (con la stessa macchina ha presatzione paragonabili a Lubuntu) e molto molto stabile. Devo lavorarci un po su perchè sono alleprime armi in Arch ma spero sia la mia prossima distribuzione (sopratutto per un bel pò di tempo)

    • quoto kde su arch linux è veramente impressionante 🙂

  • Garuax

    io purtroppo sono tornato a windows per motivi di composizione (i vsti in ardour e la gestione delle schede audio esterne è notevolmente cambiata e non ci sono istruzioni a riguardo: cosa che trovo grave) e devo dire che dopo anni di linux è tutta un’altra cosa, in meglio ovviamente. Pero’, dovendo scegliere, metto gnome3, poi lxde, poi kde e infine la rigidità di unity. I motivi sono stati gia’ detti qua e la dagli altri utenti e non me ne discosto. 
    Ma il dato di fatto è che con questo passaggio, cioe’ la versione 1204 il mondo linux abbia perso molti utenti per colpa di ubuntu. Fedora per gnome shell resta strepitosa.

    • quoto anche ieri su un’ufficio son tornati a windows compreso alcuni utenti
      ha peggiorare il tutto ha dato una mano anche il kernel linux 3.0 il quale ha problemi con molte schede wifi e altri hardware ed inoltre i problemi con il consumo di risorse

      • magnet magneto

        segnalo anche problemi sulla gestione energetica e per quanto riguarda la luminosita monitor dei portatili.Al rientro dallo standby monitor scuro e illuminazione da ritarare. (mint lisa + dell 920 uname -r 3.0  e  3.1.2)

  • Antonio G. Perrotti

    qualcuno sa che unity si può personalizzare con ubuntu tweak (da ppa tualatrix/next)? per installare gnome tweak tool tocca installare tutto gnome 3, che francamente detesto. sì, sto usando oneiric con unity e, vado controcorrente, mi sta piacendo. se non si hanno 10000 programmi installati è comodo. kde mi è piaciuto per un po’, ma uso praticamente solo applicazioni gtk, e mi rompeva vederle così mal integrate. xfce è il più simile a gnome 2, anche lxde si difende, ma troppi limiti. non esiste che per formattare una pennina si debba usare gparted, per fare un esempio. e che per aggiungere o togliere voci dal menù si debbano scancherare files di configurazione, dai…

  • Jay Baren (AB)

    Io credo che GNU/Linux sia qualcosa di miracoloso perché è in grado di soddisfare qualsiasi esigenze. Abbiamo il libero arbitrio e quindi la facoltà di scegliere ciò che più si addice alle nostre necessità, sia lavorative che ludiche.
    Se ho un pc datatissimo metto su puppy, se ce l’ho datato metto su crunch o archbang, se il mio pc è di nuova generazione mi posso sbizzarrire tra unity, kde, gnome-shell. Essenzialmente abbiamo una visione religiosa per ogni cosa e quindi sistematicamente siamo lì a criticare e condannare cose per le quali dovremmo solo gioire.
    GNU/Linux è libertà, la religione lasciamola agli Apple/Windows fanboy!

    • Garuax

      d’accordo, ma quando ti abitui ad una distribuzione che cambiando determina la perdita dell’integrazione dei vari programmi tra loro, è ovvio che questa libertà che dici si dissolve. Esempio. Schede audio esterne, prima era tanto semplice gestire i permessi e gli utenti, adesso la schermata per farlo è.. scomparsa. Uno mica puo’ perdere 3 ore per collegare una scheda audio, altrimenti piu’ che libero sei schiavo. Domanda che uno potrebbe pormi: ma allora perchè hai cambiato distro? Risposta: perchè la vecchia non garantiva stabilità e semplicità in fatto di VST. Le distro nuove si, ma è dato agli eletti sapere come gestire.

      • Jay Baren (AB)

        La libertà di GNU/Linux sta anche nel fatto di scegliere di non usarlo, cosa che non peserà all’utente visto che non l’ha pagato. Per quanto mi riguarda le mie distro a uso lavorativo sono sempre state le LTS (Ubuntu) o Debian, che una volta configurate e mia immagine e somiglianza hanno sempre svolto il loro sporco lavoro senza intoppi. Preferisco sbatterci un po’ la testa all’inizio e raccoglierne i frutti a lungo andare anziché vedermi tutto riconosciuto da Winzozz per poi prendermela con tutti i santi del calendario a causa dei soliti noti problemi, lentezza, pesantezza, instabilità, virus e chi più ne ha più ne metta. Il mese scorso ho acquistato un notebook per mia madre con Windows 7 preinstallato, mi è bastato accederlo e avviarlo per essere aggredito dall’orticaria e dallo stato d’ansia. Risultato: sradicato immediatamente e messo su la 11.04, nonostante i problemi con l’atheros, risolti in brevissimo tempo tra l’altro.
        Sul mio desktop attualmente convivono 4 distro, le adoro tutte: archlinux + kde, LMDE, Ubuntu Lucid, Fedora Gnome Shell. Tra eeepc e notebook la lista si allunga ma mi pare di aver farneticato abbastanza.

  • magnet magneto

    Io mi sto convertendo a Mate anche se per me ancora un filo acerbo.
    Il gruppo dei DE minimal e’ minimal solo all’atto dell’installazione, poi si puo’ caricare di tutto.Gia mate con orta e faenza sembra un altra cosa e son 4 pacchetti in croce.
    AH!! ringrazio il sito per avermi messo la pulce su Arch.. l’ho gia installato su tre macchine e sta diventando la mia main release si per yaourt che per le buone guide wiki.arch.

    • io ormai sono un arch dipendente lo installato perfino sul server con il kernel lts e funziona da dio
      lo installato perfino sul netbook e desktop di mia mamma 🙂

      • magnet magneto

        Cacchio il rischio di Arch e’ non aver più nulla su cui tirar testate!E’ troppo pappa-pronta che quasi mi da noia!!!
        Anchio l’ho installato con xfce su un netbook (vero eeepc 10gb hdd 0.o’ )di un collega che non conosce per nulla il pinguino e gli ho fatto 4 righe di howto per la gestione pacchetti in un file…bhe e’ in totale autonomia!!

        P.S. Sembra na pubblicità ma giuro che scrivo per vera soddisfazione ^^

        • Antonio G. Perrotti

          se solo si decidessero a rendere più “umana” l’installazione. ogni volta che leggo la guida mi viene un complesso d’inferiorità… 🙁

          • non è possibile dato che è l’unica maniera per installare i pacchetti essenziali e avere un sistema base “pulito”
            una volta installata vedrai che non è poi cosi difficile

          • Millalino

            Io ho provato ad installare Arch in virtualbox e devo dire che la sua installazione puo sembrare difficile ma è fattibile e sono convinto che se da un lato affascina il lato tecnico dell’installazione dall’altro, per uno user alle prime armi, puo sembrare una installazione pensata da un ubriaco (ma solo perchè manca un installer grafico continuo,che ti segue lungo tutte le fasi).
            Ho installato Arch seguendo 3 differenti video di installazione e consultando il wiki ufficiale e ti posso dire che ognuno dei 3 video seguiva un modo diverso dagli altri 2 (credo fosse dovuto ad immagini iso diverse nel tempo tra di loro).
            Di certo è una installazione da fare stampando la guida e seguendola passo a passo, ma personalmente sarebbe preferibile avere un’altro pc acceso li vicino ed avere il web a disposizione (che è quello che vorrei fare per fare una installazione definitiva appena riesco ad avere la scrivania libera).
            Adesso che è possibile installare Mate come DE (anche se manca l’icona del volume) è piu leggero di gnome e consuma poca ram rispetto ad Ubuntu o Mint.
            Ho provato Archbang e l’installazione è molto piu veloce e ti ritrovi con openbox gia installato e slim come DM.
            Openbox è bello da usare ma troppo “crudo” e
            allora ho tolto slim e messo Gdm e ho installato Mate.
            Da quel poco che ho visto non faccio fatica a credere che ad esempio KDE dia il massimo in una distro come Arch.
            Quindi è una cosa che ti consiglio di provare e al massimo  prima di installare verifica se con il tuo hardware ci sono stati problemi, soprattutto con hardware recente con notebook con doppia scheda video.

          • Antonio G. Perrotti

            ho proprio un portatile con doppia gpu… intel/nvidia. comprato nuovo 3 settimane fa. infatti mi dà già problemi con ubuntu. potrei fare esattamente come hai detto, con l’altro pc a fianco, ho anche una buona connessione adsl. però ora sto fatto della doppia scheda mi ha messo la pulce.

          • Millalino

            l’ho detto perchè mio nipote con un netbook con core i7 di un anno fa ha ancora il problema del mancato switch tra le 2 schede e allora ha disabilitato la scheda discreta e sta usando quella integrata in attesa che arrivi qualche buona notizia dai kernel futuri e per ora sta provando Mint 12.
            Ritengo che valga cmq la pena di provare diverse distro in quanto il kernel puo variare fra una e l’altra.
            Peccato che io ho ancora hardware datato altrimenti proverei anche Fedora, Opensuse ed altre per vedere quale distro fa “girare” di piu le ventole.
            Cmq se nel frattempo dovessi avere problemi a caricare i vari DE che provi puoi provare a disabilitare una delle 2 schede.

          • Millalino

            oops è un notebook e non netbook ….

          • Antonio G. Perrotti

            ho letto da qualche parte che bisognerà aspettare il 3.2 per vedere qualche miglioramento. vedremo…

          • Millalino

            ma vedi se vuoi provare ad installare Arch puoi provare a chiedere a Roberto se ha gia provato un installazione su di un notebook con doppia scheda video, magari non ha avuto nessun problema.
            Del resto con tutte le installazioni che fa lui ….. chi meglio di lui 🙂

          • fin’ora per fortuna non ho avuto problemi con la doppia scheda video comunque se mi indichi le caratteristiche ti invio la procedura corretta per installare su arch

          • Millalino

            grazie Robi ma per ora io non ne ho bisogno e mio nipote sul suo notebook ha deciso di tenere lmde, scelta saggia devo dire.

          • mandami il modello che vediamo se troviamo una soluzione

          • Antonio G. Perrotti

            Acer Aspire 5750G, Intel Core i3, GPU Nvidia GeForce GT520M 512mb VRAM.

          • Mrbenza

             @ferramroberto:disqus  @04a2524b356b2aaf3bef4cb9fddf4489:disqus
            guardate, e’ piu semplice di quanto pensassi..
            sono passato da 2 settimane (si 2) a linux dopo una vita a winxp (che uso ancora per lavoro), e di programmazione non so niente.. o quasi..
            ebbene ieri ho installato Arch con kde completo su un asus con video nvidia optimus (doppia scheda grafica) comprato 2 mesi fa.
            Seguento fedelmente la guida postata sul blog, prima installi xorg e poi tutto il resto, e non hai problemi di nessun genere (anche se mi sono incastrato un po sulle partizioni), l’unica cosa importante e’ installare i driver video intel per utilizzare la grafica integrata.
            Ho letto tanto in giro, per poter sfruttare la tecnologia Optimus, e non esiste niente di “ufficiale”, visto che nvidia (per ora) non ha intenzione di rilasciare il codice propretario per linux.
            Dunque con tutte le distro a giro  avrai sempre acceso le 2 schede grafiche, a discapito della durata batteria (io non arrivo sopra le 2 ore..ho provato ubuntu, mint e ora arch)
            Unica alternativa e’ utilizzare Bumblebee (per arch) o ironhide (ubuntu e mint), progetto nato proprio per poter utilizzare la tecnologia Nvidia.
            Ciao

          • arch non può esserci una guida definitiva per l’installazione dato che per ogni tipologia d’utente e hardware varia
            sul wiki comunque trovi un’ottima base per procedere all’installazione
            una volta capito come funziona e imparato quei pochi passi da fare vedrai che è più semplice di quanto credi

  • Laszlo72

    Io uso ubuntu dalla dapper e lo uso per lavoro.
    dopo mesi in cui ho letteralmente SUBITO
    unity ieri sono passato al classic mode e
    sono rinato!!!!
    velocita e fruibilita senza confini.
    ben vengano le novita e le rivoluzioni ma tese a risolvermi i problemi non
    a crearmeli.

  • Millalino

    E per fortuna che c’è libertà di scelta e ben vengano nuove proposte.
    Personalmente Gnome2 lo ritengo imbattibile e meno male che si continua con Mate.
    Unity invece mi ha un po deluso, non mi sembra “confezionato” bene, poi magari con il tempo lo modificheranno a doc e se l’idea di base era quella di “unificare il desktop” per tutti gli apparecchi ( dal desktop al notebook,netbook,tablet e smartphone) allora la vedo dura in quanto, la peculiarità di questi aparecchi è quella di poter funzionare con il wi-fi ed è quello che serve ( di sistemare il kernel affinche il wi-fi funzioni) prima di poter creare un interfaccia su cui valga la pena di spenderci del tempo e poterne fruire al massimo.
    In sostanza mi sembra che Unity sia uscito in ritardo per quanto riguarda tablet e smartphone ( doveva farlo prima visto che oramai Android e Ios sono affermati) e invece sia in anticipo per quanto riguarda il pieno utilizzo degli apparecchi menzionati sopra, che non si possono utilizzare appieno se non si migliora il riconoscimento del wi-fi.

    • Dino Moser

       scusa se faccio le pulci… ma evitiamo di fare pubblicità a microsoft:
      si scrive ad hoc…. e non “a doc”!! … meglio a odf 🙂

      • Millalino

        si hai ragione ho sbagliato scusa, poi per uno che usa libre office ………

  • Brunovideo

    Cambiare è utile quando le cose non vanno… non si deve cambiare per forza!… Per quale motivo devi cambiare un desktop quando questo è  profondamente  modificabile anche dal punto di vista grafico?…cosa c’e di nuovo in gnome 3 o unity??… attualmente sono tutti e due sistemi ingessati!..forse più  adatti  e pensati per gli smartphone.
    Molto meglio a mio parere Gnome 2 e Mate .

    • Thetall82

      Perfettamente d’accordo.
      Preferisco piuttosto un sistema che mi permetta di scegliere modalità di visualizzazione diverse a seconda del mezzo che uso (pc, netbook o tablet), come fa KDE4, pur con tutti i suoi difetti. Secondo me tra tutti i DE di “nuova concezione” è diventato quello più usabile.

      Ciao.

  • Omar

    Mi chiedo se sono l’unico felice con ubuntu e unity…….

No more articles