Nuovo importante aggiornamento per gSharkDown la famosa applicazione con la quale possiamo ascoltare e scaricare i nostri brani preferiti grazie al servizio offerto da Grooveshark.
gSharkDown 0.4 presenta un‘interfaccia completamente rivisitata e molto più intuibile. I pulsanti sono stati rivisitati  e alcuni spostati in basso ad esempio sotto la finestra a sinistra dedicata alla ricerca troviamo il tasto info e download, sotto la finestra a destra troviamo la gestione dei plugin. Aggiunto anche il tasto “testi” con il quale possiamo leggere il testo del brano in ascolto grazie al servizio offerto da Lyrics.

Novità molto importante (e richiesta da molti utenti) è la selezione multipla dei download con il quale basta selezionare più brani e cliccare sul tasto download per scaricarli.

Miglioramenti arrivano anche per il supporto per  Last.Fm scrobbling  e in altri vari bug riscontrati nelle precedenti release.

Per scaricare gSharkDown 0.4 su Ubuntu (10.04 – 10.10 – 11.04 – 11.10) utilizzeremo i PPA LffL gSharkDown per farlo da terminale digitiamo:

sudo add-apt-repository ppa:ferramroberto/gsharkdown

sudo apt-get update

sudo apt-get install gsharkdown

Possiamo anche installare gSharkDown  su DebianArch LinuxFedora, openSUSE e Mandriva per farlo basta consultare questo articolo.

Home gSharkDown

  • Grazie per il grande lavoro che fai Rob… Sempre il migliore… 🙂

    • grazie a te invece che segui lffl e sopratutto usi linux

    • Aniello Luongo

      Ringrazio anche io Roberto per l’ottimo lavoro che svolge quotidianamente, sei il migliore.

  • Ciao Roberto!

    una cosa… Non riesco ad installarlo su ARCH:

    il problema è una dipendenza non soddisfatta (pylast) che è flaggata come obsoleta su AUR. (ho provato ad installare altri pacchetti pylast che potevano somigliare ma non ho avuto grandi risultati…)

    La versione gsharkdown-lite che citano sul sito ufficiale che rimuove questa dipendeza non è presente nell’AUR.

    Esistono dei sorgenti??

    Se hai provato ad installarlo su ARCH fammi sapere!

    Grazie mille

    Ale

No more articles