Per chi non lo sapesse “sudo” (SuperUser DO) è un programma che consente di eseguire un comando come se si fosse l’amministratore (o root). Difatti effettua una specie di sostituzione (previa autorizzazione) tra l’utente attuale (colui che esegue il comando sudo) e l’utente target (colui che esegue l’effettivo comando). Mentre con il comando “su” si cambia utente fino al termine della sessione del terminale, sudo assegna i privilegi dell’utente target al solo processo (e ai suoi processi figli) che viene con esso avviato. Su alcune Distribuzioni (esempio Ubuntu) viene attivato di default, mentre altre Distribuzioni (vedi Fedora o Debian) occorre impostarlo.


Per attivare sudo su Debian (qualsiasi versione) basta semplicemente avviare il terminale e loggiarci come root per farlo digitiamo

su

e inseriamo la password d’amministratore

e poi digitiamo:

echo ‘nomeutente ALL=(ALL) ALL’ >> /etc/sudoers

dove al posto di nomeutente lo sostituiremo con il nostro, nel mio caso diventerà

echo ‘roberto ALL=(ALL) ALL’ >> /etc/sudoers

e ora avremo il nostro sudo attivato

ora, per esempio per aggiornare la distribuzione basta avviare il terminale e digitare

sudo apt-get upgrade

No more articles