Ubuntu

Il nostro PC è formato da numerosi componenti elettronici che sono soggetti, prima o poi, a malfunzionamenti. Non è raro quindi che anche se il PC è tenuto nelle migliori condizioni possibili, un componente interno, quasi sempre il disco fisso, possa andare incontro ad una morte prematura. Per evitare simili inconvenienti, quali la perdita di tutti i dati contenuti nel disco, si utilizzano dei programmi di backup, che creano copie di riserva da ripristinare in caso di problemi. Back in Time è un’applicazione che può rientrare di buon diritto tra i software di backup, con alcune differenze a suo favore. Il maggiore problema dei programmi di backup è infatti scegliere quale strategia adottare, quali cartelle e file salvare e le modalità di ripristino. Tutte attività noiose, ripetitive e complesse, basate tra l’altro quasi sempre su programmi eseguibili solo da terminale, che richiede conoscenze informatiche non alla portata di tutti. Back in Time semplifica tutto questo fornendo una GUI semplice ed intuitiva che consente di effettuare backup parziali o completi del proprio PC con pochi clic del mouse. Anche un utente alle prime armi può salvare i propri dati senza dover impazzire nella configurazione del programma.
L’utente non deve far altro che selezionare quale cartella salvare e il programma farà il resto, creando delle istantanee che contengono tutti i dati salvati, ripristinabili con un clic. Le istantanee salvate sono navigabili come se fossero elenchi di cartelle e file realmente presenti sul disco, consentendo la selezione di un singolo file o di una singola cartella, nel caso si voglia ripristinare solo una parte dell’istantanea. Punto di forza di Back in time è la possibilità di effettuare backup automatici, ad intervalli di tempo prestabiliti, in modo simile a TimeMachine di Apple o al ripristino configurazione di sistema di Windows. In questo modo si ha la certezza di poter recuperare sempre i propri dati in caso di crash del sistema. Back in time è avviabile in due versioni, di cui una da root, per salvare e ripristinare anche file di sistema o protetti da scrittura, ed è disponibile sia per gestori GNOME sia KDE.

Le novità della nuova versione 1.0.2 di Back in Time

  • reduce log file (no more duplicate “Compare with…” lines)
  • declare backintime-kde4 packages as a replacement of backintime-kde (Ubuntu)

Per installare la versione 1.0.2 di Back in Time su Ubuntu 10.10 Maverick e 10.04 Lucid dobbiamo aggiungere i PPA ufficiali Back in Time per farlo avviamo il terminale e digitiamo:

sudo add-apt-repository ppa:bit-team/stable

sudo apt-get update

Per Ubuntu

sudo apt-get install backintime-common backintime-gnome

Per Kubuntu

sudo apt-get install backintime-common backintime-kde4

e avremo il nostro Back in Time installato / aggiornato

home

No more articles