Shutter (oppure GScrot) è un software specifico per creare e migliorare screenshot del nostro pc. Attraverso questo software possiamo prendere uno screenshot di una determinata area, finestra, l’intero schermo, o anche di un sito web – applicare diversi effetti ad esso, disegnare su di esso per evidenziare i punti, e poi caricare l’immagine di sito che ci ospita, all’interno di una finestra. Nella nuova versione è stata ingrata con maggiori formati di immagine e migliorato l’avvio del software per maggiori informazioni sulle novità della nuova versione andate QUI.

Ecco come installare/aggiornare il Shutter 0.86 su X|Ubuntu

Apriamo il terminale e per prima cosa installiamo la la chiave d’autentificazione e repository scrivendo:

Per Ubuntu 9.10 Karmic

sudo add-apt-repository ppa:shutter/ppa && sudo apt-get update

Per Ubuntu 9.04 Jaunty

sudo apt-key adv –recv-keys –keyserver keyserver.ubuntu.com –recv-key 0xfc6d7d9d009ed615 && sudo echo “deb http://ppa.launchpad.net/shutter/ppa/ubuntu jaunty main” | sudo tee -a /etc/apt/sources.list && sudo apt-get update

Per Ubuntu 8.10 Intrepid

sudo apt-key adv –recv-keys –keyserver keyserver.ubuntu.com –recv-key 0xfc6d7d9d009ed615 && sudo echo “deb http://ppa.launchpad.net/shutter/ppa/ubuntu intrepid main” | sudo tee -a /etc/apt/sources.list && sudo apt-get update

Per Ubuntu 8.04 Hardy

sudo apt-key adv –recv-keys –keyserver keyserver.ubuntu.com –recv-key 0xfc6d7d9d009ed615 && sudo echo “deb http://ppa.launchpad.net/shutter/ppa/ubuntu hardy main” | sudo tee -a /etc/apt/sources.list && sudo apt-get update

ora se abbiamo Shutter installata in una versione precedente basterà aggiornare la nostra Distribuzione altrimenti installiamo Shutter con un semplice:

sudo apt-get install shutter

e confermiamo. Ora avremo la nostra Shutter installata/aggiornata nella nostra Distribuzione

In caso di future nuove versioni ci basterà aggiornare la nostra Distribuzione.

Per maggiori informazioni consiglio di consultare il sito del produttore accessibile direttamente dal link posto qui sotto.

home

No more articles