E’ disponibile per Linux il nuovo client (non ufficiale) di Skype Web. Ecco come installarlo.

Skype Unofficial Client in Ubuntu
Microsoft ha recentemente rilasciato la versione web di Skype, soluzione che consente agli utenti di poter utilizzare il famoso servizio da browser senza installare nessun software. Skype Web consente di chattare con i propri amici ed inoltre (tramite plugin dedicato), è possibile anche effettuare chiamate e video chiamate direttamente da browser oltre ad alte funzionalità come ad esempio la gestione contatti ecc. E’ possibile utilizzare Skype Web in Linux anche senza nessun web browser grazie ad un nuovo client dedicato (non ufficiale).

Skype Unofficial Client è un progetto open source che consente di utilizzare Skype Web in Linux senza utilizzare nessun browser. L’idea del progetto è quella di consentire all’utente di utilizzare Skype Web con una migliore integrazione nei principali ambienti desktop (il client si basa su Webkit) integrando le notifiche con quelle di sistema, collegamento nel menu ecc.

Skype Unofficial Client - Notifiche

Installare Skype Unofficial Client in qualsiasi distribuzione Linux è molto semplice basta scaricare il software da questo link ed estrarre il file zip.
Ora dovremo avviare il terminale all’interno della cartella skype-unofficial-client-master e digitare:

Per distribuzioni 32 Bit:

sudo make linux_x86

Per distribuzioni 64 Bit:

sudo make linux_x64

fatto questo potremo avviare Skype Web direttamente dal nostro menu.

Per rimuovere Skype Unofficial Client basta digitare da terminale:

sudo rm -R /opt/skype_unofficial_client/
sudo rm /usr/share/applications/Skype.desktop
sudo rm /usr/bin/skype-desktop

e avremo rimosso Skype Unofficial Client

Home Skype Unofficial Client

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • Ilgard

    Ubuntu-hater alla riscossa XD

  • FedeLinux

    Ovviamente Cracker……. conosciamo l’etica di un Hacker… non farebbe mai una cosa del genere.

  • Bred00

    Ineffetti sembra essere un attacco mirato alla politica di espansione commerciale attuata da Canonical con la release di punta Ubuntu, visto il riferimento a Sputnik. In tal senso l’unico fine potrebbe essere quello di sensibilizzare/minacciare Canonical riguardo ai rischi per il mondo Linux della strategia di espansione in Cina, che sicuramente porterà tanti, ma tanti maleware (v. android). Non so… è’ l’unica idea che mi viene in mente.

    • Ilgard

      Mah, per come la vedo io sono un branco di fanatici.
      Possono non piacere le scelte di Canonical, ma non c’è modo per cui Ubuntu possa danneggiare Linux.
      Non voler espandersi perché si ha paura del malware è ridicolo. E’ come non voler guidare la macchina perché si ha paura di fare un incidente (anzi, questo caso è anche più sensato).

      • Bred00

        Si, sono perfettamente in linea con quanto hai scritto. Penso, rivedendo in parte quanto prima scritto, che, se l’attacco non è una specie di goliardata, sia stato rivolto alla comunità perchè ritenuta troppo belante e sottomessa alla politica commerciale di Canonical. Immagino sia più che altro un attacco dall’interno della comunità… a questo punto.

        • Ilgard

          Cosa che personalmente non capisco. In linea di massima non capisco cosa gliene freghi alla gente di quel che fa Canonical.

      • ale

        Ma anche a me non sta molto simpatico ubuntu,però sul forum sono iscritto e comunque è si il forum di ubuntu ma si discute anche di linux in generale e di altre distribuzioni,insomma mi pare il forum su linux migliore almeno in italia,il forum comunque è una cosa molto indipendente da canonical e sullo stesso forum ci sono molte persone a cui canonical non sta molto simpatica

  • fabio

    che tristezza. inutili cracker.

  • guerino

    c’è ancora qualcuno che si registra nei forum con il nome reale email “buona”?

  • Brau

    Spero di non leggere nelle prossime ore commenti deliranti di fan microsoft ed apple in estasi che credono di avere avuto la loro rivincita… Su che cosa poi? Se perdiamo Linux perdiamo tutti, pure loro…

    • Ilgard

      In realtà, probabilmente quelli più in estasi saranno molti fan Linux che odiano (ancora non ho capito perché) Ubuntu.

      • oirasor7

        Diciamo che é un duro colpo per Ubuntu. Non é la rivincita di nessuno, non c’é nessun elemento per gioire. Ma GNU/Linux non ne risentirà affatto. Personalmente sono passato da Ubuntu a Debian
        da un mese, poiché voglio utilizzare piattaforme free e non open. Anche se non riesco a fare a meno di flash player.

        • Ilgard

          Purtroppo nessuno può fare a meno di Flash Player perché ancora è usatissimo ed il rammarico riguarda più il fatto che sia una tecnologia pessima più che problemi ideologici.

          Comunque no, non è un duro colpo per Ubuntu. L’attacco al forum della community per un’azienda è più una rottura di maroni che altro.

      • Tuco

        Se te la cavi un poco con l’inglese : https://www.youtube.com/watch?v=CP8CNp-vksc

      • Maudit

        come fai, con chilometri di discussioni, a non aver ancora capito “perché”?

        • Ilgard

          Tutte le motivazioni che ho letto fin ora erano piuttosto blande.
          Generalmente si trattavano di critiche all’atteggiamento di Canonical (alcune ridicole, come la possibilità di installare software closed) che è certamente una cosa lecita, ma da qui a giustificare l’odio verso una distro ce ne passa.

          Nessuno ti costringe ad usare Ubuntu, se non ti piace non la usi ed è finita.
          Non è come odiare Windows perché quello sei costretto ad usarlo in alcuni casi (e non è così per libera scelta degli sviluppatori, caso che avrebbe comportato l’insensatezza di odiare Windows).

          • Maudit

            la risposta breve: perché Canonical è una tenia, che non solo non fa nulla nell’ecosistema linux, ma pur attingendo a piene mani dal lavoro altrui sparge FUD su progetti universali come Wayland, che ha coinvolto l’intero stack grafico linux in un lungo processo di revisione ed adattamento, e propone non solo un sistema peggiore (MIR), ma per di più un sistema di cui è l’unica a gestire le redini. Per completare l’opera, ciliegina sulla torta, lo rilascia con licenza GPL3… [pausa drammatica] ma con un CLA da far rivoltare i cadaveri. CLA che consente loro di prendere ciò che viene sviluppato da terze parti come free software e renderlo closed source a proprio piacere.
            Di fatto l’esatta negazione della licenza GPL.

            Credo che Canonical con questo tassello, mi faccia persino più schifo di Apple (ed è un gran dire se tu sapessi quanto io trovi rivoltante Apple).

          • Ilgard

            Come tu faccia a dire che MIR sia peggiore di Wayland, considerato che poi nessuno dei due è ancora supportato appieno (MIR non è nemmeno stable al momento) mi piacerebbe saperlo.

            Ma per il resto, se vogliono usare MIR perché a loro torna meglio che lo facciano, tanto mica è la Linux Fondation che si deve occupare dello sviluppo. Ed anche le modalità di rilascio sono a loro discrezione e le scelte possono dipendere da accordi commerciali presi.

            Ma ripeto: si può non condividere, ma odiare continua a sembrarmi ridicolo. A te cosa cambia se Canonical fa come gli pare? Non sei costretto a starle dietro così come non lo è il resto del mondo Linux.

    • Salvatore Fiore

      Mi potete spiegare? E’ un forum quindi alla fine che può succede a Linux/Ubuntu

  • ale

    Il forum italiano non è stato toccato,io riesco ad accedere senza problemi

    • L’attacco è stato fatto al forum internazionale, quello italiano è separato.

    • Maudit

      il forum italiano usa SMF comunque, che è un altro forum engine.

      • MisterX

        veramrnte sono passati a phpbb da un pò

        • Maudit

          ah sì? Andavo a memoria, è da “un pò” che non passo da quelle parti.

  • Barrnet

    Succede quando si usano soluzioni proprietarie come vBulletin 😛

  • Marco

    Cioè, un paio di anni fa hanno attaccato i server di kernel.org, ve lo ricorsate? poi quelli di Debian, adesso il forum internazionale di ubuntu… alla faccia della tanto blasonata sicurezza di Linux sui server…
    P.S. Non sono un troll, uso Debian… 🙂

    • Davide Depau

      Menomale che non usano Windows Server, altrimenti gli avrebbero rubato pure la chiave di licenza 😀

    • Agno

      In questo caso credo che il problema riguardasse il software del forum, non il sistema operativo.

    • TopoRuggente

      L’attaco al server HERA effettivamente è stato uno shock per la comunità, ma siamo onesti, (come nel caso di Ubuntu) i danni causabili sono al limite del ridicolo, era impossibile modificare i sorgenti.

      Tutto sommato i server Linux sono ancora i migliori, fermo restando che la sicurezza di un server è anche proporzionale al suo amministratore !!!

  • Klaas

    @Sputn1k è lo stesso che ha buttato giù, nei giorni scorsi, i forum di Steam, Bohemia interactive, DayZ ed il neonato Cube World, quindi credo lo faccia perché Ubuntu ha preso la via dell’azienda seria che cerca di entrare nel mercato facendo concorrenza a Windows e Mac, nel campo dei pc, ed Android e iOs nel campo mobile.

    • Maudit

      quindi… c’è una vulnerabilità in vBulletin.
      Dubito comunque che qualcuno dei citati si senta minacciato da Canonical, ed ancor di più che uno di quelli si metta a “bucare” un forum come ritorsione.

      • Davide Depau

        Un motivo in più per usare software open-source, aggiornarlo e usare open-id, a patto che il server open-id sia molto più blindato.

        • Maudit

          open-id ed i sistemi unificati di autenticazione possono essere comodi, ma non aggiungono un livello di sicurezza… sono sensibili al phishing, a problemi di privacy, ed anche un sito compromesso può involantariamente finire col fornire le credenziali a terze parti.
          Il vero problema “sta fra la sedia e la tastiera”. L’unico modo davvero sicuro di gestire le autenticazioni lo deve mettere in atto l’utente. Io credo che la cosa migliore sia quella di usare credenziali diverse per ogni sito, e su siti potenzialmente non affidabili utilizzare email temporanee.

    • Jacopo Ben Quatrini

      però attaccare un indie come cube world non è motlo coerente con la sua linea di pensiero… voglio dire i cratori di cube world sono due , sono tutto meno che un’azienda.

  • ingenui

    Da quel di che i dai sensibili sono alla portata di canonical…

  • Davide Depau

    Ecco cosa succede quando si usa software closed source! Complimenti Canonical!

    • angelo busillo

      Bravissimo!!!

  • angelo busillo

    Lo ripeto ubuntu farà una brutta fine….per me diventerà una specie di windows e chiuderà tutto…

    • Anche se succedesse… ti risulta che windows abbia chiuso?

      • angelo busillo

        No quello mai 🙂 figuriamoci…quella schifezza purtroppo rimarrà viva per sempre…la gente è stata troppo plagiata da windows…purtroppo ci ha lavorato per una vita intera…mannaggia…e mi da fastidio quando invece di provare linux anno solo giudicarlo male….linux bisogna provarlo BENE!!!!…W LINUX!!!

  • kappru

    ammazzate hanno rubbato… i nicknome e le password degli account del forum….e pure i loro indirizzo mail connesso, con età e sesso….e pure l’avataro……….. è pericolosissimo X-D

  • reft32

    poveri dem**ti…pensassero a fare danni a cose più serie…stavo pensando tipo alla Banca centrale europea, al fondo monetario internazionale, al’onu ecc. che ridicoli sti hacker

    • Ste

      Non credo si tratti di hacker, l’etica hacker è ben altra cosa rispetto alle azioni di questi sfigati. Devi capirli, si credono dei rivoluzionari ma sono soltanto una manica di idioti… fanno i duri con il forum di Ubuntu che è, sostanzialmente, un ritrovo di ragazzi che amano discutere di informatica ma non si sognerebbero mai di attaccare ue, bce o fmi che sono responsabili della sofferenza di milioni di persone. Per la serie “forti con i deboli e deboli con i forti”…

  • Davide

    Se proprio volevano usare un software proprietario potevano usare Invision Board (probabilmente il migliore esistente) invece di quel cesso di vBulletin.

  • NoSense

    Anche i server Debian sono stati attaccati (anche recentemente) e ricordiamoci che la povera comunità Debian non ha nulla a che fare con il software proprietario. Onestamente dubito sia il caso di cercare delle motivazioni sensate a questi attacchi, probabilmente vengono solo fatti a fine di spam/pishing.

  • goku

    sembra che anche i server apple siano stati attaccati
    la rivolta dei winzozziani?

  • Ocelot

    Ma skype web esiste proprio per non usaare un client :S

    E’ come dire non usiamo le forchette usiamo le mani e serviamo le polpette già infilzate nelle forchette.

    • Claudio

      Si, ma visto che il client ufficiale soffre di parecchi ritardi su linux, c’è chi potrebbe essere interessato ad usare un client non ufficiale (per avere la comodità del client di non dover tenere sempre aperto il browser) per godere di uno skype aggiornato. È come per msn: c’è chi poteva utilizzare windows live messenger e chi usava amsn, emesene, pidgin, ecc… e probabilmente io sarò tra questi

      • NerdissimoPC

        Premetto che non sono un utente Linux e quindi non conosco quei programmi, ma facendo una ricerca ho capito che i programmi che hai citato, sono appunto dei veri e propri client con un’ interfaccia tutta loro, poi Pidgin integra molte più chat.
        Ma questo Skype Web client non trovo che abbia senso di esistere, sono d’accordo con Ocelot, perché innanzitutto qui dice si può utilizzare senza alcun browser, ma questo programma è tecnicamente un browser, solo che si collega solo al sito di Skype web e basta, l’unico vantaggio che ha è che magari occupa pochissimo rispetto ad un browser completo, poi è sicuro? Perché uno comunque ci mette i suoi dati in questo programma, username password, e-mail ecc… e visto che tanto è un browser meglio usare Firefox, Chrome o Opera sicuramente molto più sicuri sotto questo punto di vista.

        • heron

          Sulla sicurezza non c’è nemmeno bisogno di installarlo per saperlo, visto che il codice sorgente è pubblico.

          Anzi da questo punto di vista è più sicuro di Chrome di cui non essendo pubblicati i sorgenti, non sai cosa ci fa con i dati.

          Ad ogni modo nemmeno io ne vedo l’utilità.
          Alcuni programmi, come ICE e Chromium, offrono la possibilità di creare applicazioni web. Quindi se proprio uno vuole la finestra e l’icona nell’elenco programmi ci sono metodi ben più comodi.

          Però potrei sbagliarmi. Perché magari questo, poiché specifico, potrebbe includere delle ottimizzazioni adhoc.

          • Postadelmaga

            il fatto che il codice sia aperto non vuol dire automaticamente che sia fatto bene e sia esente da bachi di sicurezza … anzi spesso questo tipo di software sono di livello amatoriale …

          • heron

            Non mi sono spiegato.
            Il codice é aperto, quindi se non ti fidi (magari lo sviluppatore si invia per email le tue credenziali di skype, che ne sai) tu puoi sempre leggerlo.

            Quanto ai bachi di sicurezza, suppongo che come motore di rendering abbia usato webkit (non lo so, ma in genere queste applicazioni si limitano ad aprire un motore di rendering dentro una finestra) le uniche falle saranno quelle gtk-webkit o di qtwebkit a seconda di cosa usa.
            Dubito che ci possano essere queste grandi falle in uno script che apre un sito in una finestra con un programma esterno.

        • Giulio Mantovani

          purtroppo i vari client come pidgin ecc. funzionano con la chat testuale, ma le videochiamate sono impossibili, per cui è una “mezza” soluzione, alcuni sfruttano le API di Skype per le videochiamate, ma per farlo aprono skype direttaente e chiamano da li, quindi sono inutili… Visto poi che Skype per linux è indietro con gli aggiornamenti… è la soluzione migliore. Non mi interessa la GUI nuova di Skype (anzi sono felice che nella versione linux non ci sia la pubblicità) ma mi rode che mancano delle funzioni utili per me come la condivisione desktop in conferenza, la prewiew degli allegati e molto altro.

    • be c’è da dire che il client nativo non è privo di problemi, e richiede una marea di dipendenze, tutte a 32bit.
      a qualcuno potrebbe non piacere come soluzione, ma potrebbe risultare scomodo usarlo solo da web.
      quindi in questi casi, una webapp è ottima

  • Visto il client nativo che è a dir poco da età della pietra mi sembra una buonissima soluzione per avere skype, senza installarlo con piene funzionalità ed un aspetto gradevole (che non guasta)

    • Fabio

      Sarà dell’età della pietra ma funziona bene e non è diventato quell’abominio che è diventato in Windows.

      • Samael

        Definisci “bene”, per favore, perché a me non risulta che Skype per Linux funzioni bene.
        Mi risulta invece che sia il peggiore tra tutti i client disponibili, visto che come stabilità e qualità è ancora ai livelli delle vecchie beta 2.x rilasciate da Skype Ltd.

        E potrà anche essere un abominio dal punto di vista estetico (per me è un abominio la versione per Linux), ma Skype per Windows in termini di qualità è sull’ordine delle centinaia di volte migliore.

        Che poi Skype sia un ce**o di piattaforma in sé, non ci piove.
        Ma se dovessi scegliere la versione meno peggiore, quella per Linux non starebbe nemmeno nella top 3.

        • Fabio

          Ciao Samael
          guarda, io Skype lo uso parecchio anche per le chiamate su linea fissa (ho un vecchio abbonamento molto conveniente), sia su Android che su Debian, e nel mio caso non ricordo quand’è l’ultima volta che è andato in crash, forse ai tempi di Lenny, boh… So che su Ubuntu un amico ha qualche problema, ma per me la responsabilità è di Ubuntu e non di Skype. La qualità audio è ottima, al pari delle chiamate normali, e avviato mi occupa 90-100 MB di RAM. Sinceramente non saprei che altro chiedere ad un client. Su Android invece non ci siamo proprio, la qualità audio è ancora migliore dei vari Hangouts (che però ha dei prezzi molto più convenienti per le chiamate internazionali), Hello (che non usa nessuno, sob!) e Mtab, ma i crash non si fanno desiderare, anche 2-3 a settimana (parlo sempre di uso intenso).

          Il client Windows invece lo trovo pesante, lento all’avvio (ma avviandolo col sistema non ci sono problemi) e dispersivo, ma sono gusti…

          • Samael

            Beh, Fabio, ritieniti fortunato, allora.
            Sei uno dei pochi al mondo che non ha problemi con Skype per Linux.

            Skype per Linux continua a dare problemi con PulseAudio su sistemi a 64-bit (il famoso workround con PULSE_LATENCY_MSEC=60), con lo stack Video4Linux che a volte richiede il preload della libreria, senza contare i frequenti crash con corruzione di eas.db e main.db (che sono uno dei motivi per il quale un client basato sulla versione web è una buona cosa, visto che non usa db sqlite) che portano a frequenti disconnessioni da chat di gruppo o a situazioni di “Messaggistica non disponibile”.

            Addirittura ogni tanto con la 4.3 ci si ritrova davanti ad un crash che ti impedisce il rilogin in quanto “la sessione è ancora attiva”, e ti tocca cancellare tutta la directory, salvando il main.db per non perdere la cronologia, per poi avviare tutto.

            E tutti questi sono problemi noti e segnalati da tempo a Microsoft.

            Skype per Linux è davvero qualcosa al limite dell’indecenza.
            E la cosa triste è che non hanno nemmeno avuto la faccia tosta di dichiararlo obsoleto e toglierlo di mezzo, ma lo lasciano in stato di abbandono, senza patch, senza aggiornamenti, senza supporto a facebook, a videoconferenze ecc.

            Aggiungo: Tutto questo, escludendo la mancanza di una GUI singola (skypetab-ng risolve un po’, ma non è la soluzione definitiva) e con un supporto alle notifiche nativo e che supporti la segnalazione dei messaggi non letti nelle chat di gruppo.

          • Fabio

            Mah, io su tutte le Debian che ho installato a vari amici & parenti (una 10ina) non ho mai avuto problemi. Anche il preload di V4L, fino a Squeeze bisognava cambiare il lanciatore ma da Wheezy in poi si installa semplicemente e va. Poi oh, avrò del culo (ma allora non potrei usarlo per vincere un po’ di soldi invece che a far andare bene skype? 😉 )
            Ciao buon w-e

        • Daniele Cereda

          il client linux fa graficamente ca**re,non ci piove,ma mai un problema,stabile,tutto sommato leggero e fa il suo sporco lavoro. il client windows è graficamente buono,pesantissimo per la miriade di vaccate aggiunte(dalle anteprime delle foto scambiate,alle animazioni etc),con w10 la situazione è pure peggiorata(cacchio ed è un LORO software) e non disdegna qualche crash a random durante le chiamate o in fase di risposta ad una chiamata entrante.per un uso normale senza fronzoli la versione per linux è più che ottima.

          • Samael

            No, non fa il suo sporco lavoro.

            Nel momento in cui non segnala i messaggi non letti ma si limita ad un numerino che in caso di chat group porta la persona a doversi spulciare tutti i messaggi in cerca dell’ultimo letto, nel momento in cui cerchi di fare una videoconferenza e ti senti dire che funziona solo l’audio, nel momento in cui cerchi di usarlo per facebook e scopri che non va, nel momento in cui scopri che la qualità audio nei sistemi a 64bit è peggiore che su Windows perché non è ben integrato con PulseAudio, nel momento in cui ti mandano link skype e ti ritrovi questo messaggio

            Your version of Skype is out of date, so you’ll see these messages on the web.

            You can either update Skype, or use Skype for Web.

            capisci che non fa il suo lavoro.
            O meglio: fa il minimo sindacale.

            (Update Skype è un link alla pagina del download.
            Tuttavia è inutile andarci considerando che si ha già l’ultima versione di Skype per Linux)

            E ripeto: ci sono una miriade di bug report con tanto di core dump.
            Alcuni di questi bug li ho descritti nel post più sotto.

            Diciamo che il client linux più che per un uso senza fronzoli è per un uso random, ovvero cinque minuti una volta al mese e per qualche videochiamata scema.

          • Daniele Cereda

            Bé mi spiace per te ma quotando altri ti assicurò che funziona e pure bene di sicuro meglio della controparte windows ora poi su w10 che é un aborto in termini di gestione e risorse e skype per windows ruba a mani basse memoria e CPU.poi bisogna vedere che versione hai,che installazione hai fatto e su che distribuzione e che aggiornamenti hai piazzato ma sincerente di una versione web castrata non ne sento il bisogno con un client che va bene e senza intoppi.

          • Samael

            No, non funziona meglio della controparte Windows.
            Non ha mai funzionato meglio, e non mi sognerei mai di dire una cosa del genere. Anche e soprattutto per le cose che ti ho indicato.

            E riguardo i consumi di memoria, non so te ma io su un Celeron DualCore + 4GB RAM ed un HDD (non ho SSD) non ho mai sentito rallentamenti derivati da Skype per Windows (ora la RAM l’ho portata ad 8GB ma per ben altre esigenze).

            L’unica cosa di cui posso effettivamente lamentarmi di Skype per Windows è che ha la pubblicità, ma quello è un problema che si risolve in due minuti.

            Il client Metro di Skype, comunque non l’ho mai usato nemmeno su Windows 8 perché era un vero aborto.
            Su Windows (anche Windows 10) ho sempre usato il client per Windows desktop.

            E no, tornando a Linux, non c’entrano nulla le distribuzioni, perché i problemi con PulseAudio (vedasi sotto: il workaround PULSE_LATENCY_MSEC) e gli altri NON sono problemi relativi alle dipendenze (in quel caso avresti ragione a chiedermi la distribuzione, la versione ecc.), ma sono bug noti del client.

          • Daniele Cereda

            Che dirti siamo due (fai venti)fortunelli….ah le dipendenze e la distribuzione c’entrano eccome con ubuntu é rognoso all’inizio con altre liscio fin dalla prima installazione .skype desktop non frega RAM e CPU? Se usato pesantemente? Oh per carità…..

          • Samael

            Che dirti siamo due (fai venti)fortunelli….

            Più che fortunati direi persone che fanno un uso saltuario di Skype e/o non hanno molte pretese (leggasi: basta che si avvii e mi faccia fare una semplice videochiamata ogni tanto).

            Per il resto:
            Stai facendo confusione tra metodi di installazione e le dipendenze del client.
            I bug segnalati non sono relativi a configurazioni sbagliate della distro ma a bug di Skype.
            Più precisamente il bug di PulseAudio è derivato dal fatto che Skype continua a pensare che PA faccia uso di scheduling ad interrupt come facevano le prime versioni, mentre da anni PA fa uso di timer.

            E ti dirò di più: oltre a Skype l’unico che dava problemi con lo scheduler era MOCP che è un software che non supporta direttamente PA e che definire mezzo morto è un eufemismo.
            E questo la dice lunga su quanto Skype funzioni bene.

            Ripeto per la terza volta: ci sono segnalazioni e a volte persino core dump.

            Sul fatto di Skype desktop che consuma RAM e CPU, mi chiedo che configurazione hw tu abbia, perché con la configurazione che ti ho descritto non ho mai avuto problemi di sorta. E ti parlo di una CPU da quattro soldi, non di una super-spinta.

            Poi se per te nel 2015 qualche centinaio di MB di memoria sono un problema, beh, allora mi sa che il problema non è Skype, ma sei tu che dovresti cambiare hardware.

            PS: Non ho mai installato Skype su Ubuntu, ma perché dovrebbe essere rognoso?
            Non ti basta installare le sue dipendenze a 32-bit, scaricare il deb e avviare l’applicazione?
            Anzi, leggo in giro che basta attivare il repository Partner e installarlo direttamente.
            È davvero così difficile? Ripeto: mai installato su Ubuntu.

  • comunque io software del genere non li ho mai usati se non rare volte, e quelle poche volte che mi capita di dover usare una videochiamata, uso hello di firefox, è comodo fatto bene, e integrato nel browser

    • Hai ragione Dea ma sappiamo tutti e due che si fa prima ad utilizzare un software ultradiffuso che convincere altre venti persone a seguire quello che spesso considerano un tuo capriccio

      • be alla fine lo uso solo con la mia ragazza raramente, anche lei usa firefox e non ha skype, quindi anche per lei hello di firefox è comodo visto che gia integrato e funziona in linux alla pari di windows

  • Tommaso

    Ho Ubuntu 14.04 a 64bit e da quando è uscita la versione web di skype sto aspettando che vengano abilitate anche le funzioni di chiamata e trasferimento file. Dall’articolo sembra che con questo plugin si possano utilizzare, ma in realtà non ci riesco. Ho sbagliato qualcosa? grazie

    • ale

      neanche su windows funziona io riesco solo a ricevere foto per inviare non ci riesco

  • Ancucchi

    Spesso non capisco l’utilità dei programmi.
    1. Skype va una versione web per affrancarsi dall’applicativo installato.
    2. Sviluppatore indipendenti [unofficial] sviluppano il client per la versione web.
    Ma chi come me usa linux e desideri avere un client skype, perchè non usare quello ufficiale [che magari funziona meglio]?

    http://www.skype.com/it/download-skype/skype-for-linux/

    • Samael

      1) Perché il client skype ufficiale NON funziona meglio, ma anzi è ormai un abandonware pieno di bug e regressioni note che non vengono fixate, senza contare che ormai il supporto minimo lo fornisce la community, visto che MS spesso e volentieri non risponde nei thread di Skype per Linux.

      2) Perché nel 2015 il client è ANCORA a 32-bit e costringe un sacco di gente a dover tenere in piedi multilib, quando potrebbe usare un sistema pure64.

      3) Perché ha una UI oscena che manca delle funzionalità più basilari, tipo l’avere un client a finestra singola, come si fa con Skypetab-ng.

      Ti bastano come motivi?

      • Simone

        Non hai detto il 4.
        Perché è più bello.

        • MoMy

          Direi che il 4° punto è dover installare pulseaudio o apulse oppure cimentarsi in workaround per farlo funzionare. 😛

  • LelixSuper

    Ma quindi conviene il client ufficiale o questa versione web?

    • Fabio

      Mah andrebbe prima provato ma immagino che x ora il client ufficiale sia più affidabile e completo.

  • Brado

    È già presente in AUR yaourt -S skype-desktop-bin si avvia con /opt/skype_unofficial_client/skype

  • Antonio

    Ma è possibile fare videochiamate di gruppo con video su questo client non ufficiale? Su quello ufficiale per linux non si può.. solo audio..

No more articles