I developer Fedora hanno rilasciato la nuova release stabile numero 22. Le novità e come scaricarla.

Fedora 22
E’ finalmente disponibile Fedora 22, nuova release della famosa distribuzione Linux che include importanti novità. Tra le principali novità approdate in Fedora 22 troviamo GNOME aggiornato all’attuale versione stabile 3.16, update che include ottimizzazioni riguardanti il supporto per il nuovo server grafico Wayland, supporto per OpenGL e stampanti IPP e altre migliorie come ad esempio il nuovo gestore delle notifiche (per maggiori informazioni). Con Fedora 22 debutta di default il nuovo package manager DNF che prende il posto di YUM, fornendo maggiori performance e funzionalità oltre a ricerche più veloci (i comandi rimangono comunque invariati basterà sostituire yum con dnf ad esempio per installare GIMP basterà digitare dnf install gimp).

Fedora 22 include di default Preupgrade Assistant, importante tool che consentirà di poter effettuare l’aggiornamento di versione risolvendo eventuali problemi legati ad esempio a repository di terze parti ecc (rimarrà comunque disponibile anche FedUp).

Tra le altre novità introdotte in Fedora 22 troviamo anche diversi aggiornamenti a partire dal Kernel Linux aggiornato alla versione 4.0, systemd 209, Mesa 10.5.4, Xorg 1.17.1, BIND (Berkeley Internet Name Domain) 9.10, Python 3 di default, wxPython 3, Ruby on Rails 4.2, Perl 5.2.0.
Aggiornata anche la suite per l’ufficio LibreOffice alla versione 4.4.3, per gli ambienti desktop troviamo XFCE 4.12, KDE Plasma 5.3.0, KDE Applications 15.04 e Mate 1.8.1.

Fedora 22 Software

Per maggiori informazioni:

Note di Rilascio Fedora 22
Download Fedora 22 Workstation, Server e Cloud
Download Fedora 22 Spin

Home Fedora

Per sostenere lo staff nella creazione di nuovi contenuti
Dona in Bitcoin 1EerWf67XJXj8JGzGtyRruUavkAMstKxTt
  • ma al team gnome piace proprio così tanto il color cacchina per le sue icone?
    per me è ora che le svecchiano, sono orribili, anzi dirò di più, le icone delle cartelle sono le più belle nell’intero icon pack di gnome, se si guardano quelle del volume, del wifi, della batteria, sembra ti tornare a 10 anni fa

    • SalvaJu29ro

      Gia, per le icone potrebbero impegnarsi “un po’ ” di più xD

    • Simone Picciau

      le icone delle cartelle xdg (documenti, downloads ecc) sono carine, per il resto hai ragione

      • Tomoms

        Tanto lo sanno bene quanto noi che ci sono due classi di utenti: lo sviluppatore/professionista superserio che ancora un poco e le icone non le guarda nemmeno e l’utente medio che le cambia 30 secondi dopo aver installato la distro.

        • Agostino

          Lo “sviluppatore/professionista superserio” ha il dito di Giotto, la creatività di ser Piero da Vinci e l’intuito di Tesla. Ergo è il primo ad accorgersi di ogni singolo micro pixel fuori posto nell’angolo più nascosto dello schermo. Se non ha questa innata sensibilità, sicuramente non è uno “sviluppatore/professionista superserio”: solo fa credere di esserlo, come lo è la maggioranza dei finti sviluppatori che offendono la reale creatività.

      • sono belle esteticamente ma odio quel colore, preferisco il blu di xfce e kde al cacchina di gnome o all’arancione di unity

        • Simone Picciau

          Si che poi il tema gtk adwaita è bianco e blu, quindi il cacchina c’entra davvero niente

          • in effetti è vero, quindi perchè il tema delle finestre bianco e blu mentre il tema delle icone cacchina??
            booo mistero, comunque davvero spero che le aggiornino, ho capito che si possono cambiare facilmente, ma cavolo, non mi sembra normale che di default un tema debba fare schifo perchè tanto si può cambiare, l’occhio vuole la sua parte e l’utente non esperto magari non sa che si possono cambiare i vari temi, o anche se lo sapesse probabilmente non è in grado di farlo.
            posso capire se DE come xfce, lxqt, mate, abbiano di default temi non bellissimi, ma comunque sono temi fatti da team molto più piccoli e non finanziati da aziende come red hat, o canonical, ma un team di sviluppo grande e importante come quello di gnome, deve fornirmi almeno almeno icone guardabili nel 2015 di default, non dico che debbano fare le icone del secolo, ma hanno un set di icone, che cartelle xdg a parte sono ferme a quelle di 10 anni fa (in particolar modo, batteria, wifi e volume, ma anche le varie icone di sessione (logout, shutdown, restart, ecc…)), almeno ubuntu anche se usa le stesse cartelle da una vita, ha comunque le elementary che come icone di default sono belle e ben curate.

          • Simone Picciau

            Hai pienamente ragione

  • heron

    Ma sopratutto… ICONE ENORMI!
    Icone enormi per tutti!

    E se le ridimensioni, si riduce anche lo spazio riservato alle etichette, così magari ti passa la voglia. O magari passi a GNOME Documents che è il FUTUROOOOOO!

    E poi basta con il terminale nero. Ne avevate bisogno? No. Quindi via. Perché stava male che il terminale fosse l’unica applicazione ad avere una chiave dconf per il tema… (Non ditegli che anche GNOME Builder ce l’ha. Shhhh!)

    Volevate cambiare il tema delle finestre? Beh adesso non lo vorrete più. E se magari volevate solo impostare la dimensione delle finestre massimizzare a zero, ricordatevi che c’è un’estensione apposita… Che però è buggata.
    Tra l’altro con così l’userstyle per l’integrazione di Firefox in GNOME sformatta il ridimensionamento.

    Lo confesso, sul netbook sono passato da Arch a Debian solo per GNOME 3.14 non aggiornabile.

    • avallardi

      Mate, Xfce, Lxde (e dalla F23 ci sarà anche Cinnamon).

    • Simone Picciau

      Le icone si possono ridimensionare, cmq estetica a parte non mi schiodo da OpenSUSE, lì bumblebee funziona su fedora è sempre buggato

    • TopoRuggente

      Mi pare che essendo le icone disposte in una grid icone da 16 pixel con 5 centimetri di label farebbero un po’ schifino.
      Il terminale nero? Io in gnome 3.16 ho il terminale scuro, tema della finestre Vertex e tema scuro disabilitato, i colori nel terminale ovviamente con Xdefaults.

      Il tema delle finestre l’ho cambiato … appunto Vertex.

      • Simone Picciau

        Metti il tema evopop di solusos bellissimo

        • TopoRuggente

          Conosco evopop, (l’ho installato) e ne seguo lo sviluppo su Wogue, ma preferisco Vertex !!!

  • Simone Picciau

    Mi è sempre piaciuta Fedora, anche se a partire dalla 20 mi sono spostato su openSUSE. Sono restio a muovermi via da tumbleweed, ma la tentazione c’è.

    • avallardi

      Per Fedora puoi aggiornare ad ogni rilascio con Fedup, senza reinstallare daccapo il s.o. Non è tumbleweed, ma è meglio di niente.

  • Tomoms

    Piccola correzione: systemd è alla versione 219 e non 209.

    • infatti mi pareva troppo vecchia la 209

  • avallardi

    DNF command reference
    —————————————
    DNF is the next upcoming major version of Yum, a package manager for RPM-based Linux distributions.

    Syntax:

    dnf [options] […]

    [Options]

    -y
    answer yes for all questions

    –version
    show DNF version and exit

    [Commands]

    dnf clean all
    It performs cleanup of temporary files for the currently enabled repositories.

    dnf -y install …
    It installs the required package/packages and his/their dependencies.

    dnf -y remove …
    It removes the specified package/packages

    dnf search all
    It lists all the available packages.

    dnf search all > packages.txt
    It writes the names of all available packages in the file “packages.txt”

    dnf search atril
    It controls if a package named “atril” exists in the repositories.

    dnf -y upgrade
    It updates all the packages to a highest version that is both available and resolvable.

  • jboss

    kde è un pò bruttino, per il resto è molto stabile sia gnome che kde

    • antonio

      Quoto. Kde era meglio prima.

    • cippalippa

      un kde 5 migliorato abilitando le trasparenze (?) ma non ho idea se siano gia’ attivabili

  • michele

    come faccio ad aggiornare fedora 21 alla versione 22

    • Simone Picciau

      diventi root e digiti fedup –network 22 da un terminale

  • Aggiornata fedora alla versione 22, ecco uno screen. Utilizzo Kde 5 e l’aggiornamento è stato indolore, da precisare che è caldamente consigliato di disabilitare tutti i repository tranne quelli di rpmfusion.

    • SalvaJu29ro

      Ma quello è Breeze Dark? Ma solo a me su Arch Breeze Dark non va e diventa un Breeze White con tutto trasparente? -_-

      Ps: Spettacolo Plasma 5 🙂

      • Strano, hai provato a vedere se ti salva regolarmente le impostazioni.

        • SalvaJu29ro

          si, ho provato anche a riavviare :

          • MoMy

            Quale applicazione usi per cambiare o selezionare il tema?
            Avviala da terminale, seleziona un qualsiasi altro tema per poi ritornare al desiderato, se fosse presente un errore di collegamento, engine mancante etc etc… lo leggerai e da lì si potrebbe cercare una soluzione. ^^

          • SalvaJu29ro

            Grazie, proverò 🙂

    • jboss

      coma hai fatto ad ottenere icone cosi grandi a destra della barra?

      • Maudit

        quando ridimensioni l’altezza della barra, le icone si adattano.
        A mio parere però, sarebbe meglio se le icone dell’area di notifica e l’orologio fossero regolabili separatamente dal resto.

        • jboss

          a me rimangono piccole mah

      • Le icone me le ha date di default così, non saprei risponderti, indagherò e ti farò sapere. Noi la usiamo per sviluppare Fedora, poichè su quest’aspetto è la più completa per gli sviluppatori. Le altre distro non sono da meno, attenzione, non voglio generare flame, ma a livello di sviluppo e server è una roccia, vedi RedHat.

      • Edit commento precedente. Le icone in basso a destra aumentano e diminuiscono con la gestione dei font. Usando i font di plasma 5, basta mettere la voce generale a 9 per averli grandi.

  • Gianfilippo Debaptistis

    Provato, carino. Già rimosso, sono tornato a Freedos.

  • Andrea De Gradi

    Carino, peccato che sia letteralmente impossibile riprodurre video h.264 dato che ne vlc ne i codec necessari stanno nei repository.

    • Maudit

      devi aggiungere i repository rpmfusion per installare software proprietario.
      L’articolo successivo a questo indica due tool per gestire con semplicità questa operazione ed installare codec, drivers, ecc…

  • jboss

    scusate, non erano rimasti ad un ciclo di sviluppo alternato di 5 e 7 mesi?
    La prossima release (23) esce tra 5 mesi,spero che lo abbiano fatto per allineare il rilascio nel mese di ottobre e non abbiano veramente intenzione di fare rilasci ogni 5 mesi

    • Simone Picciau

      Li fanno ogni 6 mesi, sono allineati più o meno con i rilasci di Gnome… È così da sempre, solo la versione 20 era uscita molto in ritardo perché avevano pensato di fare solo una release all’anno, ma poi han cambiato nuovamente idea

  • Linux

    E’ un mattone incredibile ma un mattone assurdo. Inutile Arch non lo batterà ma nessuno ma mai.

    • Alessandro

      Sisì, continuate a credere che Archlinux sia il best del best, poveri illusi…

      • hai argomentato molto vedo.
        ovviamente arch non è la migliore distro in assoluto, visto che non esiste la miglior distro in assoluto, ma ognuna può essere la migliore a seconda dell’uso che se ne deve fare e a seconda dei propri gusti.

    • How The West Was W0n

      Non ha senso ciò che dici, denota soltanto che hai scarsissime o nulle conoscenze in ambito GNU/Linux

  • Zabriskie

    L’ho provata qualche oretta e una cosa che ho trovato veramente stramba è che mi ha chiesto di riavviare il pc per fare gli aggiornamenti (ripeto, non per completare, per inziare a farli). Così mi ha riavviato il pc, ha fatto gli aggiornamenti prima del login e poi si è riavviata di nuovo. Mi è parso assurdo. Allora tanto vale farli allo spegnimento come in windows, ma non è che poi mi riavvii di nuovo il sistema, fai gli aggiornamenti e poi ti spegni e basta!

  • io ho provato in live la versione gnome, e sinceramente era uno schifo in live.
    piena di problemi grafici col puntatore, che altre distro gnome non mi hanno dato.
    non saprei come spiegarli questi problemi grafici, ma era molto fastidioso da vedere.
    e non sto parlando di hardware particolare, ma di un semplice notebook con intel + nvidia, ma normalmente viene usata la gpu intel, quindi non capisco perchè dia problemi grafici visto che intel è quella che ha meno problemi con i driver visto che ha solo driver open.

    • jboss

      anche a me con una nvidia gtx460 fa delle scritte frastagliate (problema dei nouveau), però con i driver proprietari va una bomba, cosa che con debian 8 non mi fa, aggiungo che con debian 8 mi funziona bene anche la sessione wayland.

No more articles