stress-ng è un tool con il quale potremo “stressare” il processore, ram, hard disk, sdd, ecc del nostro personal computer da terminale Linux.

stress-ng in Ubuntu
Sono molti gli utenti che utilizzano software per “stressare” il personal computer, utile operazione che consente di assicurarsi che il proprio pc rimanga stabile e affidabile in qualsiasi tipologia d’utilizzo.
Grazie a questi tool potremo quindi mettere a dura prova il nostro pc, dal processore, scheda grafica, hard disk ecc per verificare che tutto funzioni correttamente.
Un’utile tool per “stressare” il nostro pc con Linux si chiama stress-ng, progetto open source sviluppato dai developer Ubuntu dedicati al mantenimento del Kernel Linux.

stress-ng è un tool a riga di comando che ci consente di stressare il nostro processore, memoria ram, hard disk o unità a stato solido ecc per verificare che il nostro pc funzioni correttamente anche quando viene messo a “dura prova”.
Particolarità di stress-ng riguarda soprattutto le tante opzioni dedicate che ci consentono di poter effettuare test mirati per ogni singolo componente, esempio possiamo gestire i carichi di lavoro della cpu, operare nella velocità di scrittura e lettura del nostro hdd o sdd ecc.

stress-ng - opzioni

– Installare stress-ng

stress-ng è un tool incluso nei repository ufficiali di Debian 8 Jessie e SID, e in Ubuntu 14.10 Utopic, per le versioni precedenti basta scaricare il pacchetto deb dedicato da questa pagina o in alternativa installare i PPA lffl package digitando da terminale:

sudo add-apt-repository ppa:ferramroberto/lffl
sudo apt-get update
sudo apt-get install stress-ng

al termine dell’installazione basta avviare stress-ng seguita dalle varie opzioni.

Esempio (consigliato dai developer del progetto stress-ng) basta digitare:

stress-ng --cpu 1 --vm 1 --hdd 1 --fork 1 --switch 1 --timeout 10 --metrics

per conoscere tutte le opzioni disponibili basta digitare:

stress-ng -h

Ringrazio il nostro lettore Giuseppe Z. per la segnalazione

Home stress-ng

  • CF

    per scaricarlo da torrent, visto che il sito va a rilento

    http://pear.prophecy.li/downloads/PearOS7-Corella/pearos7-amd64.torrent

  • Claudio

    E basta con questi cloni! che scimiottano il mac, ma e necessario fare pubblicità gratuita all mela da parte del pinguino?

    • Ilgard

      Anche perché alla fine risultano imitatori di bassa lega. Se bastasse un tema per fare bella grafica avremmo ovunque interfacce bellissime.

  • Falegnamino

    Beh,per chi ama lo stile Mac e non vuole andarsi a cercare temi,font ecc ecc è una buona soluzione.
    Io ammiro tutti i progetti,anche i più banali,Linux è bello perchè è vario:)
    Ognuno comunque è libero di scegliersi una distro già pronta oppure personalizzarsela a proprio gusto.

    • Luca Tavecchio

      verissimo ma il fatto che usa progetti di altri senza un minimo di crediti.. e spacciandoli per suoi non è il massimo..

  • Mio1971

    … un unico problema, link inraggiungibili!!!!

  • vesnar

    Sai che roba , la maggior parte dei programmi su questa distro è stata presa da elementary os , e gli hanno cambiato il nome vedi quella per la musica è noise cambiato di tema,per l’email è geary e cosi via xD troppo facile prendere una cosa e piazzarci un tema sopra per prendersi il merito xD

  • mscanfe

    … che poi… il look di MacOS io proprio non lo sopporto.

    Non tollero i pulsanti colorati delle finestre (verde rosso e giallo, ma cos’è un semaforo?);

    detesto le icone, che trovo male assortite: alcune fumettose, altre realistiche e tutte insopportabilmente vetrose.
    Per non parlare di quella belìn di dockbar sempre fra i piedi

    Non per prevenzione verso la Apple perché non è open, è proprio che il suo look mi fa cagare

  • superlex

    Ma è totalmente open-source?
    Per esempio, launchpad.. dovrebbe essere basato su una vecchia versione di slingshot (rilasciato dall’Elementary Team), ma dove sono i sorgenti?

    • Luca Tavecchio

      è tutto software di altri progetti rinominato.. quasi tutto da elementary os con qualche aggiunta di altri progetti.. il tutto senza un minimo di crediti.. tra l’altro sono ridicoli..ieri mattina uno degli sviluppatori di elementary os ha rilasciato una version modificata di synapse integrata in un indicator… 6 ore dopo quelli di pear hanno postato un “mockup” che mostrava il programma di cui sopra con la dicitura progetto di indicator-search per la prossima versione di pear os…

  • argentino

    per stressare la cpu non è sufficiente guardare un video in flash con linux?

    • o installare ubuntu 😀

      • LORENZO “LEZZO” SPUTONI

        C’è di peggio. Opensuse, ad esempio.

  • azurehus

    …un pò la “ginnastica” del Pc, bhè mi sembra davvero interessante !!

  • Ferik

    per Archlinux: yaourt -Sy stress-ng

  • non dovrebbero esistere questi software per Windows
    dato che Windows stressa già di suo…

    • zio bill

      infatti sono solo per linux 🙂

      • Credo fosse una frase retorica sai ahah

        • Matteo

          ..oltre che da ‘gnurant con certificato

  • bigbos

    Si come se unity non bastasse già

  • jboss

    ottimo test, di questi tempi con questo caldo se volete far saltare la cpu non dovete far altro che eseguirlo

  • tomberry

    C’è un comando ancora più efficace:

    🙁 ){ 😐 :& };:

    • Giovanni

      efficacissimo direi! ahaahha 🙂

    • leonardo

      giusto per curiosità… cosa farebbe nel dettaglio questo comando?

      • tomberry

        Stressa molto a fondo la cpu…

        • e non solo, se si ha una swap, verrà stressato anche il disco 😀

      • provalo dopo aver salvato tutti i lavori fatti ed dopo che sei sicuro che non puoi perdere niente 😀

        in poche parole ti impalla il computer in pochi secondi a meno che non hai limitato il numero di processi eseguibili per il tuo utente, visto che non fa altro che richiamare all’infinito la funzione :()

        si chiama fork bomb

  • Kraig

    Oppure stressarlo con BOINC quanto si vuole, così allo stesso tempo si dona potenza di calcolo alla scienza.